Archivi tag: Bolzano

La World Green Building Week del Collaborative.

La World Green Building Week (24 – 30 settembre 2018) è un evento annuale che motiva e dà a tutti noi la possibilità di realizzare edifici più ecologici.

La WGBW ci chiama tutti all’azione, per prendere provvedimenti e impegnarci a creare un cambiamento nelle case che costruiamo, affittiamo o nelle quali viviamo. Tutti noi possiamo fare qualcosa per rendere la nostra casa una casa più verde, più sana e più efficiente dal punto di vista energetico.

Sapevi che gli edifici, incluse le case in cui viviamo, rappresentano circa il 40% del consumo energetico globale? Questo è oltre un terzo delle emissioni mondiali di gas serra. Il consumo medio di elettricità globale per nucleo familiare è di 3.500 kWh – ovvero 2,6 tonnellate di CO2 o l’equivalente di 10.300 km percorsi da un’automobile media. Se tutti riducessimo il consumo del 20%, il risparmio energetico sarebbe pari a poco più di mezzo metro di CO2 per famiglia: equivalgono a 2.050 km di guida o 21,5 bombole di propano utilizzate per i barbecue casalinghi. Dai un’occhiata a questo pratico calcolatore e calcola la tua impronta di carbonio. Ti torna?

Tutti possono fare qualcosa per rendere la loro casa più verde. Non possiamo cambiare il mondo da un giorno all’altro, ma tutti possiamo fare la nostra parte, per quanto piccola sia all’inizio. Puoi risparmiare energia e denaro, creare uno spazio più sano in cui vivere e rendere il pianeta una casa più verde, migliore e più sicura per le generazioni a venire. È facile quando sai come.

Il Living Building Challenge Collaborative: Italy partecipa alla WGBW 2018 con due attività:

“Costruire il vivere in “green” out-indoor”, organizzato da Istituto Nazionale di Bioarchitettura (INBAR), con un’introduzione su Living Building Challenge di Francesco Perozzo, LBC Ambassador e membro del Collaborative.

Venerdì 28.09 ore 15-18
Sala Conferenze Basement
Via Giorgio Giulini, 6, Milano
Programma
L’evento sarà anche trasmesso in streaming sulla pagina Facebook di INBAR qui.

L’evento ha come obiettivo la diffusione al grande pubblico dei parametri e criteri legati alla costruzione edilizia a basso impatto sulla salute e sull’ambiente e intende spiegare queste problematiche grazie alla partecipazione di alcuni rappresentanti dei protocolli energetici ambientali più importanti, di professionisti esperti del settore e di aziende in linea con questi principi.

LBCCI Monthly meeting (la riunione mensile del Collaborative)

Il Living Building Challenge Collaborative: Italy (LBCC Italy) è un gruppo di professionisti locali volontari impegnati per la sostenibilità, la formazione e l’attuazione del Living Building Challenge. Il LBCC Italy fornisce un forum unico di confronto “dal vivo” per facilitare il cambiamento nell’ambiente costruito. LBC è lo standard di sostenibilità più avanzato al mondo. Mentre al momento ci sono pochi edifici certificati LBC, il numero di gruppi che sta cercando di realizzare in varie parti del mondo le condizioni del Living Building Challenge cresce ogni anno.

Mercoledì 26.09 ore 17:30-18:30
c/o ILFI, NOI Techpark (e in video conferenza)
Via Volta 13A, Bolzano
per informazioni: LBCCItaly@gmail.com

#HomeGreenHome #WGBW2018

Unisciti al movimento!

Per maggiori informazioni su World Green Building Week e su come partecipare, visita www.worldgbc.org/worldgreenbuildingweek

Come ti appalto la facciata.

I risultati del progetto “Capitolato Prestazionale Facciate” in un articolo di EURAC per Elsevier.

Il Journal scientifico Sustainable Cities and Society di Elsevier ha pubblicato un articolo in versione Open Access, a firma Pascal Vullo, Alessio Passera e Roberto Lollini, ricercatori di Eurac Research di Bolzano, che apre la strada a un nuovo approccio nella redazione dei capitolati di facciate tecnologicamente complesse.

Lo studio nasce sulla scorta delle risultanze del progetto “Capitolato Prestazionale Facciate” svolto per conto della Ripartizione Edilizia e servizio tecnico della Provincia Autonoma di Bolzano, in collaborazione EURAC research (Istituto per le Energie Rinnovabili), IDM (Ecosystem Construction) e Università di Bolzano (Facoltà di Scienze e Tecnologie).

Questo lavoro rappresenta un possibile nuovo approccio per l’introduzione di criteri prestazionali sull’involucro, nella pianificazione e gestione degli appalti di progetti di edifici con facciate tecnologicamente complesse e fa da ponte per le attività per gli studi sulle prestazioni delle facciate che vengono svolte all’interno del progetto Interreg IT-AU FACEcamp.

Il titolo dell’articolo è “Implementation of a multi-criteria and performance-based procurement procedure for energy retrofitting of facades during early design”. Qui l’abstract e alcuni commenti nella news di GuidaFinestra e qui il collegamento con l’articolo su Sustainable Cities and Societies di Elsevier. Buona lettura 🙂

Per maggiori informazioni: carlo.battisti@idm-suedtirol.com

efnMOBILE 2.0 book

Enjoy the new efnMOBILE 2.0 book. It provides the European Facade Network (efn), its conferences and the connected professional community with a local platform for communication, exhibition, innovative development, and interaction.

It also includes an overview of the nine existing international European masters programs, that teach theoretical and practice-oriented skills of digital analysis-, design-, planning- and production methods and detailed overview of the latest technological developments in facades. The majority of them prepares for international projects in international markets. Therefore, teamwork and presentation skills have a fixed place in most curricula.

Our FACE | FAÇADES ARCHITECTURE CONSTRUCTION ENGINEERING training program organized in Bolzano by IDM South Tyrol and EURAC research in partnership with the Façades Working Group is one of these 9 programs. Stay tuned for the incoming new 3rd edition of FACE (2018).

   

facadeworld

///efnMOBIL 2.0 book 

Based on the experiences of efnMOBILE 1.0 the hands-on student workshop activities and exhibitions took place in different environments and locations encouraging new technologies and methodologies. Like efnMOBILE 1.0 the new workshop series efnMOBILE 2.0 provides the European Facade Network (efn), its conferences and the connected professional community with a local platform for communication, exhibition, innovative development, and interaction. efnMOBILE 2.0 is reaching out to be developed from a European communication and technology exchange instrument into an international tool to exchange with the global facade community.
All events of efnMOBILE 2.0 follow an overall theme: ‘Efficient Envelopes’. Focusing towards adaptive and transdisciplinary approaches to improve the building envelope’s thus the building’s performance through human-centered solutions in facade technology. The task is to inspire the upcoming generation of architects, designers, and engineers to allow themselves to follow uncharted paths of development, think outside the box, to build showcase…

View original post 339 altre parole

Alle Marcelline si fa festa.

Partito a Bolzano il cantiere da 15 milioni € per il nuovo edificio scolastico. Riporto di seguito il testo integrale dell’articolo di Alto Adige del 18.062017, che è possibile anche leggere qui.

Di recente c’è stata una giornata significativa per la Comunità delle Marcelline, con l’atto simbolico della deposizione della “prima pietra” per la costruzione del nuovo edificio scolastico che comprenderà la scuola primaria e quella secondaria di primo e secondo grado. Costo dell’intera operazione: 15 milioni di euro per la parte edilizia, altri 5 per gli arredi. La gara, per le opere murarie, se l’è aggiudicata la ditta “Carron Bau“. L’opera sarà in buona parte finanziata dalla mano pubblica (Provincia e Comune), vista l’utilità socio-educativa e soprattutto l’apertura di un nuovo asilo che per metà sarà pubblico, ossia gestito secondo i criteri comunali.

La responsabile dell’Istituto Suor Maria Grazia Cazzato ha rivolto un cordiale saluto alle autorità presenti, nelle persone dell’assessore provinciale alla scuola italiana Christian Tommasini, dell’assessora comunale alla scuola Monica Franch e di Don Luigi Cassaro che portava la benedizione a nome del vescovo. La responsabile ha tenuto a precisare che «la cerimonia simbolica della posa della prima pietra è significativa e importante sia per la comunità religiosa sia per le aspettative degli alunni e dei genitori ed è un segno di gratitudine perché dopo oltre ottant’anni e dopo tanta attesa e diverse battaglie, il sogno di una nuova scuola sta diventando realtà, grazie soprattutto al generoso contributo della Provincia e del Comune che hanno scelto di investire sul futuro delle nuove generazioni e credono nella validità del progetto formativo dell’Istituto Marcelline». È stato inoltre indirizzato un ringraziamento nei confronti dei progettisti, degli operai e di tutti coloro che, in varia misura, contribuiscono con il loro lavoro a creare una struttura all’avanguardia, nei tempi stabiliti.

Hanno poi preso la parola l’assessora Franch e il collega Tommasini che hanno espresso il loro compiacimento per un’opera «che costituirà un valore aggiunto sia per il quartiere di Gries sia per la città di Bolzano». Dato che l’area del cantiere messa a disposizione dalle maestranze per la cerimonia era piuttosto ristretta per garantire tutti i requisiti della sicurezza solo una rappresentanza di alunni e docenti ha potuto presenziare alla manifestazione. Gli alunni, anche a nome dei loro compagni, hanno rivolto dediche molto originali e simpatiche su come vorrebbero che fosse la nuova scuola. Questi biglietti sono stati poi inseriti in un cilindro che è stato posto dalla responsabile in un apposito spazio all’interno delle fondazioni sopra il quale è stata cementata la prima pietra. A questo passaggio della cerimonia è seguito un canto di ringraziamento da parte dei bambini e il lancio dei palloncini con il loro carico di biglietti ben auguranti [Alto Adige, 18.06.2017].

Per approfondire: “Nuove Marcelline di Bolzano, approvato il progetto di ristrutturazione” (Alto Adige 18.03.2016).

Carlo Battisti è professionista certificato LEED© AP BD+C e ID+C, ai sensi della norma ISO/IEC 17024, e assiste le aziende e i progetti di costruzione per l’introduzione, l’applicazione e la verifica in cantiere delle corrette procedure per il “Cantiere sano“. In particolare, il programma messo in atto si basa sui requisiti, sulle prestazioni e sulle buone pratiche LEED v4 e ha l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale del cantiere, secondo i seguenti obiettivi principali:

  • abbattere l’inquinamento dovuto al cantiere, controllare l’erosione dei pendii e la filtrazione nelle reti di scarico, le polveri e il rumore;
  • non mandare in discarica i rifiuti ma riciclarli il più possibile;
  • mantenere un livello idoneo della qualità dell’aria in cantiere anche in previsione della salute dei futuri occupanti;
  • consegnare l’edificio agli occupanti con un’idonea qualità dell’aria interna (IAQ).

Maggiori informazioni e contatti qui.

I rumori della LUNA.

Anche stavolta un successo. 5.119 visitatori al TIS (mille in più del ‘boom’ del 2010) su circa 16.000 partecipanti complessivi all’edizione 2014 della Lunga Notte della Ricerca, l’evento che ogni due anni apre ai visitatori le porte del mondo altoatesino della ricerca e dell’innovazione. 1 città, 14 location, 140 stazioni.

2014_10_03 immagine 03

Suoni nell’aria – la stazione LUNA al TIS

Tra queste, 26 erano al TIS e in particolare quella organizzata dal Cluster Edilizia | Bau, collegata al progetto SANE: insieme a Markus Bacher e Boris Longo, rispettivamente direttore e responsabile commerciale dell’azienda Neolit (ex Lecablock) e allo specialista di acustica Marcello Brugola dell’omonimo studio a Milano abbiamo svelato i segreti del suono. In Suoni nell’aria (questo il titolo della stazione) abbiamo dimostrato come funziona l’abbattimento acustico delle barriere anti-rumore installate lungo autostrade e ferrovie.

2014_10_03 immagine 01

Marcello Brugola (Studio Ing. Brugola, Lissone – MI)

Oltre a ciò, con l’aiuto di alcuni campioni e documenti tecnici, chi è entrato nella nostra ‘show room’ ha potuto ripercorrere i principali passaggi del progetto di Ricerca e Sviluppo ‘SANE’ che Neolit con il partner Elektro Gasser & Fischer sta conducendo per realizzare una barriera antirumore in calcestruzzo alleggerito con LECA e integrazione di moduli fotovoltaici per l’autoproduzione di energia elettrica.

Dopo l’efficienza energetica, che è ormai una tematica all’ordine del giorno, le persone stanno scoprendo l’importanza del comfort sonoro all’interno di abitazioni, scuole, uffici. L’efficienza acustica degli edifici potrebbe davvero essere l’obiettivo del nostro prossimo. Tanti visitatori interessati (non solo architetti e ingegneri …) e tante domande. Stavolta solo un «Mi son sempre domandata cosa fate al TIS …», ma spero di averlo spiegato in modo chiaro ed esaustivo … 😉

2014_10_03 immagine 04

SANE | Silence and New Energy

SANE è un progetto di Ricerca e Sviluppo di Neolit (ex Lecablock) ed Elektro Gasser & Fischer finanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano con la Legge sull’innovazione 14/2006. Il Cluster Edilizia del TIS fornisce sostegno all’innovazione seguendo tutte le fasi del progetto, dall’idea al prototipo, alla divulgazione finale dei risultati, fornendo inoltre contenuti specialistici in alcune fasi del progetto.

L’idea del progetto

Il motivo principale del progetto risiede nel fatto che il rumore in continuo aumento è percepito come un carico e un pericolo per la salute. Il rumore danneggia la qualità della vita. Presumiamo che le future direttive legislative e i futuri progetti costruttivi si atterranno ad una maggiore richiesta in tal senso.

La ridotta possibilità di utilizzo del territorio nelle zone alpine costringe le zone residenziali alla vicinanza con strade e ferrovie, con i già noti problemi dei danni dovuti al rumore. Uno dei motivi principali del disturbo dovuto al rumore nelle valli alpine è la riflessione del suono. Dalle strade e dalle linee ferroviarie, che scorrono a valle, il rumore del traffico viene riflesso in alto verso le zone residenziali. La presenza di pannelli solari non fonoassorbenti oppure di pareti non fonoassorbenti non può evitare tale effetto.

In aggiunta al fono assorbimento, il nuovo tipo di parete fonoassorbente può essere dotato di un valore aggiuntivo di energia rinnovabile. L’ottimizzata combinazione di pareti fonoassorbenti con tale valore aggiunto, rendere il sistema economicamente conveniente a medio e lungo termine, grazie alla produzione di energia, diminuisce il costo del ciclo di vita e aumenta la sostenibilità del prodotto.

Il percorso del progetto

Queste le fasi principali:

  1. Ricerca di mercato
  2. Stato dell’arte e ricerca brevetti
  3. Posizionamento del prodotto
  4. Elaborazione del corpo assorbitore
  5. Progettazione dei moduli fotovoltaici e combinabilità con la parete antirumore
  6. Produzione di serie
  7. Pubblicazione dei risultati finali del progetto

[testi: Neolit]

2014_10_03 immagine 04

Boris Longo e Markus Bacher (Neolit)

Basisidee des Projektes

Die Hauptmotivation des Projektes besteht in der Tatsache, dass Lärm zunehmend als Belastung und Gesundheitsgefährdend gesehen wird. Lärm beeinträchtigt die Lebensqualität. Wir gehen davon aus, dass zukünftigen gesetzliche Richtlinien und Bauprojekte erhöhte Mindestanforderungen stellen werden.

Die reduzierte Möglichkeit der Bodennutzung in Alpenraum ergibt notgedrungen die Nähe von Straßen und Bahnlinien zu den Wohngebieten, mit den bereits bekannten Problemen der Lärmbeeinträchtigung. Eine der Hauptursachen von Lärmbelästigung in Alpinen Tälern ist Schallreflexion. Der Verkehrsschall wird von der Straße oder Bahnlinie, die im Tal verlaufen, nach oben in Richtung der Wohnsiedlungen reflektiert. Bestehende PV-Lärmschutzwände oder nicht absorbierende Lärmschutzwände können diese Wirkung nicht vermeiden.

Ergänzend zum Lärmschutz soll die neue Lärmschutzwand mit einem Mehrwert aus erneuerbarer Energie versehen werden. Die optimale Kombination des Lärmschutzes mit dem Mehrwert die entstehende neue Fläche teilweise für die Energiegewinnung zu nutzen, soll das System mittel- und langfristig durch den Energieeintrag kostengünstig machen, den Life-Cycle-Cost vermindern, und die Nachhaltigkeit des Produktes erhöhen.

Projektablauf

  1. Marktforschung
  2. Stand der Technik und Patenrecherche
  3. Positionierung des Produktes
  4. Ausarbeitung Absorberkörper
  5. Ausarbeitung der PV-Module und Kombinationsmöglichkeiten mit dem Absorberelement
  6. Serienfertigung
  7. Veröffentlichung Projektergebnis

Science makes you fly.

2014_09_05 immagine 06

LuNa chiama Bolzano … E’ di nuovo tempo della Lunga Notte della Ricerca | Lange Nacht der Forschung o, più amichevolmente, LuNa ! Come ogni due anni, dopo l’edizione del 2010 e quella del 2012, mi ritrovo a vivere l’evento che venerdì 26 settembre dalle 17 alle 24 metterà insieme una città, 14 location, 140 stazioni. Con la Lunga Notte della Ricerca 2014 l’EURAC, l’Università di Bolzano e il TIS porteranno l’innovazione a Bolzano, mostrando che lo spirito di ricerca è vivo in tutto l’Alto Adige. Ecco le 14 tappe:

  • Accademia Europea di Bolzano
  • Centro di Protezione Civile
  • Centro di Sperimentazione Laimburg @ UniBz
  • Claudiana – Scuola Superiore di Sanità
  • Fraunhofer Italia Research
  • IIT – H2 Alto Adige
  • Libera Università di Bolzano
  • Museo Archeologico dell’Alto Adige
  • Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige
  • Ospedale di Bolzano
  • Salewa
  • SEAB @ Museo di Scienze Naturali
  • SEL Centrale di teleriscaldamento Ecotherm
  • STA Strutture Trasporto Alto Adige
  • TIS innovation park
  • Ufficio Geologia e Prove Materiali Provincia BZ

Qui il sito dell’evento, qui il programma, qui il bel video dell’edizione di quest’anno e soprattutto qui l’applicazione MyLuNa, con la quale puoi personalizzare il tuo programma per la LuNa 2014 e avere sempre la panoramica delle tue stazioni preferite! E trovi la LuNa anche su Facebook.

2014_09_05 immagine 01

2014_09_05 immagine 03

Tra le 26 stazioni al TIS non mancare quella organizzata dal Cluster Edilizia | Bau, collegata al progetto SANE: insieme all’azienda Lecablock e agli specialisti di acustica dello Studio Brugola di Milano potrai scoprire i segreti del suono. Suoni nell’aria è il titolo della dimostrazione e questa è la scheda.

2014_09_05 immagine 08

SANEIl progetto SANE | Silence and New Energy. Uno dei principali difetti delle infrastrutture (strade, ferrovie) nelle valli alpine è la riflessione del suono. Le attuali barriere antirumore non assorbenti o fotovoltaiche non riescono ad attenuare questo effetto. Il progetto R&S, nato dalla cooperazione tra le due aziende altoatesine Lecablock ed Elektro Gasser & Fischer, mira alla realizzazione di una barriera acustica fonoassorbente di nuova generazione, anche con integrazione di produzione fotovoltaica.

La LuNa Ti aspetta … Non mancare 🙂

2014_09_05 immagine 05

Lange Nacht der Forschung.

Bozen | Freitag, 26.09.2014 17-24 Uhr. Eine Stadt. 14 Forschungseinrichtungen. 140 Stationen. 

Forschung verleiht dem menschlichen Geist Flügel, lässt uns Hindernisse überwinden, Probleme lösen und Grenzen abbauen. Mit der Langen Nacht der Forschung 2014 bringen EURAC, Uni Bozen und TIS Wissenschaft und Innovation nach Bozen und zeigen, dass der Forschergeist in Südtirol überaus lebendig ist. Die Besucher dürfen sich freuen auf staunende Gesichter, viele Aha-Erlebnisse und anspruchsvollste Unterhaltung für Groß und Klein.

Abbiamo lanciato il sasso nello stagno.

E ora discutiamo delle onde nell’acqua.

La mega-assemblea condominiale di EPOurban. 

10 edifici x 250 alloggi x 2 ore e mezzo di confronto.

2013_11_15 immagine 01Ciò a cui abbiamo assistito lunedì sera a Bolzano è per certi versi un evento che può cambiare il modo di affrontare il tema dell’efficienza energetica e del risanamento sostenibile degli edifici, residenziali ma non solo, a Bolzano, ma non solo. In una fredda serata di San Martino si sono incontrate presso il Centro Parrocchiale a pochi passi dal Duomo di Bolzano circa 80 persone che in comune hanno una cosa sola: abitano in un alloggio, e considerata la situazione tipica di Bolzano, in un alloggio spesso di proprietà e comunque all’interno di un edificio pluripiano.

2013_11_15 immagine 02

Le assessore Patrizia Trincanato (ambiente) e Maria Chiara Pasquali (urbanistica)

L’incontro è nato con l’obiettivo primario di spiegare e discutere i risultati della prima fase operativa del progetto, dieci audit ‘smart’ (vedremo più avanti cosa intendiamo per ‘smart’) su dieci edifici residenziali bolzanini, per un totale di circa 250 alloggi. Ma al di là dei freddi aspetti tecnici, la serata si è presto trasformata in un’ampia e multi-localizzata discussione itinerante sul tema dell’efficienza energetica nelle nostre case. Un’introduzione generale sul progetto nella sala plenaria, poi discussioni parallele nelle sale divise tra edifici storici, edifici tutelati ed edifici anni ’60-’70 (le tipologie architettoniche di Bolzano) e infine di nuovo nella plenaria per confrontare i temi emersi. Tenere 80 persone (alcune anziane) fino alle 23 di un lunedì sera per parlare di efficienza energetica in una specie di mega assemblea condominiale (se è noiosa una tipica assemblea condominiale immaginate quanto può esserlo una allargata a dieci condomini) è già di per sé una notizia. Forse sbaglio a dire che si è trattato della prima assemblea condominiale ‘distribuita’ (dieci condomini in un colpo solo) d’Italia su questo tema, ma di certo questo schema di approccio (anche comunicativo) rappresenta un primo codice caratteristico di EPOurban.

2013_11_15 immagine 03

Norbert Klammsteiner spiega le proposte di risanamento
per gli edifici anni ’60

Un pubblico già in molti casi competente (vivaci discussioni sulla ventilazione meccanica controllata, vantaggi e svantaggi – la casa passiva non è una cosa astrusa e se ne parla come una scelta praticabile). Non è mancato qualche profeta ante litteram: ‘Io l’ho sempre detto che dobbiamo mettere i pannelli fotovoltaici sul tetto !! …’. Ehi, una volta per tutte, l’efficienza energetica non sono le fonti rinnovabili, è chiaro questo punto? Prima abbatti il consumo di energia con un involucro energeticamente efficiente e con impianti moderni, poi e solo poi produci quel po’ di energia che ti serve con le rinnovabili. Ma nessuno per fortuna ipotizza più ‘Ma il prezzo del combustibile non potrà mica continuare a salire, no?’ Sì, aumenta sempre: il prezzo medio del gasolio era 838 € per 1000 litri a ottobre 2003, 1.410 € a ottobre 2013, pari al +68% in dieci anni. È decisamente più dell’inflazione.

Insomma lunedì, cito Norbert Klammsteiner, uno degli esperti del team di consulenti di EPOurban, abbiamo lanciato il sasso nello stagno, ora discutiamo delle onde nell’acqua (ma prima dovevamo lanciare il sasso !).

L’innovazione di EPOurban

epo_logoIl progetto e l’approccio EPOurban sono a mio avviso innovativi per almeno 10 punti, che provo a sintetizzare di seguito:

  1. Multidisciplinarietà. EPOurban non è solo gli aspetti tecnici e tecnologici del risanamento energetico, che comunque sono importanti. Diciamo che la tecnologia non è un problema. Il progetto affronta gli aspetti finanziari e sociali e lo fa con esperti di finanza, di diritto del condominio, di processi decisionali. Lo fa coinvolgendo i proprietari privati e gli stakeholders sin dal primo momento e anche in seguito, dopo aver sviluppato uno studio di fattibilità. È, in questo senso, un audit ‘smart’ che non si limita agli aspetti tecnici del processo, per poi depositare una fredda relazione tecnica sul tavolo di qualche amministratore, ma che prende in esame tutti gli aspetti del problema, declinando le opportunità dell’edificio.
  2. Centralità del proprietario. È lui il protagonista del processo, è lui che ha in mano l’efficienza energetica. Non è il tecnico, non è l’amministratore condominiale. Possiamo discutere delle situazioni in cui l’alloggio è in affitto, l’affittuario paga le bollette dell’energia e il proprietario non ha interesse alla riduzione dei consumi. Ma efficienza energetica e sostenibilità avanzano se il proprietario diventa centrale (anche ‘stanandolo’ per partecipare a momenti di confronto come quello descritto).
  3. Un nuovo amministratore condominiale. Serve una nuova figura di amministratore del condominio. Reso ancor più responsabile dal nuovo regolamento nazionale, stretto tra le sollecitazioni ‘top-down’ delle opportunità di efficienza energetica, rese possibili dalla tecnologia, e i bisogni ‘bottom-up’ avanzati dai condòmini amministrati, è l’amministratore condominiale che deve capire che non ha alternative; cavalcare l’onda della sostenibilità e farla diventare un programma d’azione per i prossimi anni oppure rimanere confuso tra obblighi e oneri e perdere il treno, magari a favore di nuovi amministratori più ‘imprenditori’ di se stessi e del condominio.
  4. Lavoro di squadra. Non è un gioco da ragazzi. La sostenibilità è una cosa complessa, da misurare e gestire con il bilancino e buone pratiche continue. A semplificarla si rischia di banalizzarla, alimentare false illusioni e vanificare i giusti sforzi. L’approccio multidisciplinare deve diventare multilivello (sensibilizzazione, informazione, formazione, consulenza diretta, confronto tra buone pratiche ed esperienze comuni). Serve una manovra ‘a tenaglia’ per affrontare il problema da tutte le direzioni, codificando soluzioni intelligenti ed efficaci (non sono infinite).
  5. Project management. Questo è un progetto o se preferite un programma o un portfolio di progetti. Quindi servono i project manager, per passare dalla teoria all’azione, dall’analisi ai risultati. Servono PM di nuova generazione. PM della sostenibilità o ancora meglio dell’innovazione sostenibile (è la matrice di questo blog). Intrinsecamente tecnici, ma sempre più trasversali, orientati ad un obiettivo futuro spesso non definito chiaramente a priori, se non nella sua mission. Mutanti. Che utilizzano gli strumenti del project management declinati nelle forme di gestione e comunicazione moderne (dal calcolo della trasmittanza di una muratura esterna fino alla comunicazione attraverso i  social network).
  6. Popolarità. Non auspico che l’efficienza energetica e la sostenibilità diventino di colpo discorsi da bar, come il calcio, nel senso deteriore del termine (ci improvvisiamo tutti allenatori, ognuno può dire la propria sul calcio, tanto nessuno ne ha la controprova) ma nel senso della popolarità dei concetti, sì. Diffondiamo l’efficienza energetica a partire dall’elite dei tecnici e facciamola diventare materia di discussione comune. Ancora una volta, parliamo delle onde nell’acqua. Non discutiamo il ‘se’ e il ‘perché’ ma il ‘come’ e il ‘quanto’.
  7. Tecnici evangelisti. Il ruolo del tecnico assume un’aura diversa, quella, perché no, di un ‘evangelista’ che diffonde il verbo ma in modo concreto, in grado di abbracciare fasce e profili sociali diversi. Dall’anziano attento al portafoglio sino al giovane che si disinteressa totalmente di efficienza energetica ma magari è inconsapevolmente abituato a ottimizzare le risorse (ricicla i rifiuti e si interfaccia online con il mondo). Informazioni chiare, senza pessimismo né facili entusiasmi, soprattutto sugli aspetti finanziari. Un consulente che sta dalla parte del consumatore e diffonde il messaggio per un fine comune.
  8. Abbiamo lanciato il sasso. Il merito di EPOurban è di aver lanciato il sasso (e non aver nascosto la mano…). Dopo l’assemblea di lunedì sera qualcosa è cambiato. La partecipazione dei proprietari è un segnale forte che non va diluito. C’eravamo abituati a pensare che gli interventi di risanamento energetico dovessero necessariamente rimanere progetti complicati, finanziariamente inarrivabili. Qualcosa solo per la singola villetta, non condivisibile in una riunione di condominio. Scopriamo che la realtà non è solo o bianca o nera, ci sono diverse sfumature di possibili interventi, per tutte le tasche e le tempistiche di ritorno dell’investimento.
  9. Il portafoglio. Ormai è chiaro, non è solo una questione ambientale o da ambientalisti. L’efficienza energetica riguarda in primis il nostro portafogli. In una crisi con recessione perdurante non possiamo non-scegliere di risparmiare. Non possiamo confrontare i cartellini al supermercato e poi disperdere ‘su per il camino’ energia e denaro che si potrebbe risparmiare. Non possiamo accettare di spartire l’inefficienza rinunciando ad esempio alla contabilizzazione individuale del calore. Vogliamo continuare a girare con una vettura ‘Euro 0’? Non credo. Serve un volano per partire, certo, ma anche qui le strade possono essere più aperte di quanto sembra.
  10. Il comfort. Non è solo ambiente ma è il comfort nostro e dei nostri figli. E, estendendo, il comfort nelle scuole dei nostri figli, negli uffici nei quali noi lavoriamo o lavorano i nostri cari. Non è solo tutela dell’ambiente, non è solo efficienza energetica, è qualità del vivere. Si tratta di invertire la tendenza e fare un retrofit non solo ‘del motore’ ma anche della qualità dell’ambiente (aria, suono, luce) in cui passiamo il 90% della nostra giornata. Prendiamocene cura tutti, singolarmente e nelle vivaci comunità che il progetto EPOurban ci sta facendo conoscere, poco a poco.

Prossimo appuntamento ufficiale del progetto: ai primi di dicembre a Lipsia per condividere con gli altri partner europei (Lipsia, Praga, Bratislava, Celje, Sopot, Voitsberg) i rispettivi piani d’azione e confrontarsi su strategie e … ricette magiche (che magiche non sono).

Articoli collegati:

C’è un EPO ‘buono’. Si chiama EPOurban.

EPOurban procede a tutto gas (risparmiato).