Archivi tag: carbon footprint

The RESTORE web site is online.

The RESTORE web site is on line 😊

We are happy to announce that the RESTORE website is now up and running. You can visit it at http://www.eurestore.eu

The RESTORE Action aims at a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings, promoting forward thinking and multidisciplinary knowledge, leading to solutions that celebrate the richness of design creativity while enhancing users’ experience, health and wellbeing inside and outside buildings, in harmony with urban ecosystems, reconnecting users to nature.

The RESTORE website is designed to provide you the most important information about RESTORE COST Action. You will be able to find all necessary details about the people involved, their work, the work and outputs from the Working Groups, but also about Short Training Scientific Mission funding opportunities and Training Schools.

Many sections of the website are still under development, but our goal is to make these web pages your hub for RESTORE information. We plan to communicate and disseminate the outcomes of the Action, but we also want to provide you with the information about the activities and involvement of our members. If you are organising any kind of event that might be of interest of other RESTORE participants, please contact us. We will happily share the information.

A reminder that applications for our First Training School are now invited. Please spread the word and be sure to apply if you are at all interested in Restorative Sustainability. Click here for more information.

Our goal is to make this page your hub for RESTORE information. We plan to communicate and disseminate the outcomes of the Action, but we also want to provide you with the information about the activities and involvement of our members. If you are organising any kind of event that might be of interest of other RESTORE participants, please contact us. We will happily share the information.

We look forward to seeing you engage with other RESTORE participants through the important and vibrant discussions and information sharing on our Twitter account and Facebook pages.

The website is based upon work from COST Action CA16114 RESTORE, supported by COST Programme (European Cooperation in Science and Technology).

Copyright © 2017 COST Action CA16114 RESTORE, All rights reserved.

  

 

 

 

From LCA to RESTORE.

Seminar “Carbon Footprint and LCA”
25 July 2017 (h: 15.30 – 17.30)
Location: EURAC, Conference Hall
Viale Druso 1, 39100 Bolzano – Italy

Omega Center for Sustainable Living, Rhinebeck, New York – Photo: Farsid Assassi, via BNIM Architects

Carbon Footprint represents one of the most relevant indicators of building environmental sustainably, measuring the carbon dioxide emissions over its life cycle. The carbon dioxide is considered as the major responsible for the greenhouse effect and, therefore, of the global warming and climate change. Sustainable buildings are critical to a future that is socially just, ecologically restorative, culturally rich and economically viable within the climate change context. Within the built environment sustainability agenda a shift is occurring, towards a broader framework that enriches places, people, ecology, culture, and climate at the core of the design task, with particular emphasis on the benefits towards health.

The seminar aims at providing research results on building life cycle assessment, presenting research project RESTORE on a new paradigm for restorative sustainability, and at opening discussion with all interested researchers and practitioners on approach for addressing building design decision process towards sustainability.

Agenda

15:30     Welcome from EURAC. Introduction on Carbon Footprint and LCA
Roberto Lollini, Institute for Renewable Energy, EURAC Research

15:40     Building carbon footprint: challenges and opportunities. Results of the embodied carbon research at Skidmore, Owings and Merrill (SOM), Chicago
Andrea Meneghelli, visiting researcher at Skidmore, Owings and Merrill (SOM), Chicago

16:10     Research studies on whole life cycle embodied carbon in building structures (MIT) and best-practice of industry leaders in the implementation of Whole Life Carbon in the building Sector
Catherine De Wolf, Phd in Building Technology at the Massachusetts Institute of Technology (MIT), Boston

16:40     Introduction to RESTORE project: REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy
Carlo Battisti, RESTORE Action Chair, EURAC Research

17:00     Open discussion with participants
17.30     Closure

Registration:
Please write to gloria.peasso@eurac.edu by 20/07/2017 if you are interested in attending the Seminar.

COST (European Cooperation in Science and Technology) is a pan-European intergovernmental framework. Its mission is to enable break-through scientific and technological developments leading to new concepts and products and thereby contribute to strengthening Europe’s research and innovation capacities.www.cost.eu

 

Ride With Us.

Bicycles United Against Climate Change.

2014_09_24 immagine 01Quando il 18.03 scorso Daniele Pernigotti, mi ha scritto una mail dicendomi «Per il prossimo ottobre sto organizzando con un amico la pazzia di fare Venezia-Copenaghen in bicicletta, in occasione della presentazione del rapporto finale di sintesi dell’IPCC […]» non ho neanche finito di leggere la mail che avevo già risposto di sì, senza neanche pensarci, per dare il nostro contributo di bolzanini, amici dell’ambiente e abitanti di quella che qualcuno chiama ‘Italy’s green region’. Daniele è esperto di carbon footprint dei prodotti e coordinatore del gruppo di lavoro UNI sulle emissioni di gas serra, il suo amico Claudio Bonato ha un bar a Marghera (VE). I due intraprendenti partiranno da Piazzale Roma a Venezia il 14. ottobre e percorreranno in bici il tratto Venezia-Copenhagen attraverso 17 tappe:

  1. Venezia – Schio (VI) 14.10.2014 (93 km)
  2. Rovereto (TN) 15.10 (47 km)
  3. Bolzano 16.10 (81 km)
  4. Innsbruck (A) 17.10 (124 km)
  5. Kochel am See (D) 18.10 (70 km)
  6. München (D) 19.10 (66 km)
  7. Ingolstadt (D) 20.10 (89 km)
  8. Nürnberg (D) 21.10 (104 km)
  9. Kronach (D) 22.10 (129 km)
  10. Jena (D) 23.10 (107 km)
  11. Leipzig (D) 24.10 (91 km)
  12. Wittenberg (D) 25.10 (76 km)
  13. Berlin (D) 26.10 (105 km)
  14. Robel Muritz (D) 27.10 (128 km)
  15. Rostock (D) 28.10 (104 km)
  16. Praesto (DK) 29.10 (89 km)
  17. Copenhagen (DK) 30.10 (83 km)

Perché pedalare fino a Copenhagen?

Perché il 31 ottobre a Copenhagen verrà presentato il 5AR Synthesis Report dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change ), documento che raccoglie la sintesi dei tre volumi del V° Rapporto di valutazione sul clima (5AR) la cui pubblicazione ha luogo in diversi momenti a partire dall’ottobre del 2013. Si tratta del più importante documento di analisi del cambiamento climatico a livello mondiale. Venezia e Copenhagen sono due città dell’Unione Europea molto diverse per cultura, ma in qualche modo simili per lo stretto rapporto con il mare che ha segnato il loro sviluppo. Unirle simbolicamente con una pedalata attraverso l’Europa, proprio in occasione della presentazione del 5AR, è un modo per evidenziare quanto i rispettivi destini siano collegati con il cambiamento climatico in atto.

2014_09_24 immagine 02

Trovate tutte le informazioni su tappe, percorsi, distanze, altimetrie, eventi, ecc. sul sito di Ride With Us, così come sulla pagina facebook e su Twitter.

La partecipazione

L’idea alla base del progetto è quella di rilanciare sul territorio e sui media nazionali l’importanza di mantenere alta l’attenzione sul tema del cambiamento climatico. La comunicazione dell’evento è impostata per facilitare per quanto più possibile la libera partecipazione alla pedalata in bicicletta di tutti in modo che, attraverso una chiara indicazione del percorso e degli orari di avanzamento, ognuno possa decidere di partecipare anche solo per pochi km. Ancora maggior significato dovrebbero assumere le tappe giornaliere.

Gli eventi

Ogni tappa, un evento organizzato intorno alla tematica del cambiamento climatico, per discuterne sia gli aspetti scientifici sia quelli legati alle pratiche quotidiane. Il tema dell’incontro a Bolzano giovedì 16 ottobre pomeriggio organizzato da TIS ed EURAC con il patrocinio dell’Agenzia CasaClima sarà ovviamente quello dell’efficienza energetica degli edifici. Gli edifici sprecano circa la metà dell’energia globale. Tecnologie innovative per costruire case più efficienti dal punto di vista energetico sono già disponibili, quindi è il momento di applicarle. Con questo approccio è possibile ridurre fino al 80% delle emissioni di anidride carbonica prodotte dai sistemi di riscaldamento e produzione di acqua calda, sia nelle nuove costruzioni e nelle esistenti. Grazie a ciò, è possibile combattere il cambiamento climatico. 

Nella chiacchierata dopo l’arrivo in bici di Daniele e Claudio (e di chi si vorrà unire) lungo la ciclabile di Bolzano, discuteremo dalle 18 presso EURAC, con Daniele Pernigotti, con Roberto Lollini di EURAC, Istituto per le Energie Rinnovabili e con Ulrich Santa, direttore dell’Agenzia CasaClima di come è possibile ridurre il forte impatto ambientale degli edifici dove viviamo, studiamo, lavoriamo. Ecco di seguito il programma di dettaglio:

2014_09_24 immagine 03

Giovedì 16 ottobre 2014 | Bolzano

Ore 17.30 | Ciclabile all’altezza del Parco delle Semirurali. Accoglienza e pedalata tutti insieme lungo la ciclabile verso l’EURAC.

Ore 18 – 19 | EURAC, Viale Druso 1. Chiacchierata sul tema “L’impatto degli edifici sul cambiamento climatico” con:

  • Roberto Lollini, esperto di efficientamento energetico, EURAC
  • Daniele Pernigotti, giornalista ambientale e ciclista per l’ambiente
  • Ulrich Santa, direttore Agenzia CasaClima

Modera: Carlo Battisti, Cluster Edilizia, TIS innovation park.

Amanti della bici, appassionati di sostenibilità, ciclisti ambientali, … Vi aspettiamo ! 🙂

Ride With Us is an opportunity to remind the importance to maintain a constant high level of attention on climate change. The trip is a sort of path towards the presentation of the IPCC 5AR Synthesis Report which will take place on October 31stin Copenhagen. 17 stages plus conferences or meetings on climate change in several stops throughout the journey. People are free to participate, also only for few km, riding with the organizers to show the personal involvement on the climate change issues.

Buona Pasqua ! Frohe Ostern ! Happy Easter !

2014_04_18 immagine 01

Switch off and unplug for Easter ! Have a sustainable Easter. Try to cut down your carbon footprint during the Easter break with useful Think Energy tips! Find out more [Codema | Dublin’s Energy Agency]

Highlights from the Innovation Festival | Day #1.

E’ partito l’Innovation Festival 2013 a Bolzano. Dopo l’anteprima di mercoledì con Hubert Jaoui su Business, creatività e innovazione e l’inaugurazione ufficiale di ieri mattina, ha preso il via il cartellone di eventi che si svolgono i vari punti tutti molto vicini della città, in particolare presso il Museion, l’Università, la Casa della Cultura | Kulturhaus e lo spazio all’aperto di Palais Campofranco. E’ attivo anche il sito dell’Innovation Festival con una serie di link molto utili: My Festival – l’applicazione per il proprio calendario personalizzato la sezione Twitter – l’hashtag per connettersi a tutti i messaggi sul tema è #innofestbz seguite anche @battisti_c (partecipo a questi eventi e Vi tengo informati, date un’occhiata anche alla sezione Twitter sulla destra della pagina …) Flickr, con le foto dell’Innovation Festival gli eventi in streaming, in particolare oggi e domani:

  • Venerdì, 27/09/2013
    • 16:00 – 17:30 Libera Università di Bolzano, Pensato e disegnato per tutti
    • 16:00 – 17:30 Museion, Smart City Forum
  • Sabato, 28/09/2013
    • 14:00 – 15:30 Museion, Mumbai, Francoforte, Alto Adige
    • 14:00 – 15:30 Libera Università di Bolzano, Cosa resta da scoprire e perché?
    • 18:30 – 20:00 Casa della Cultura, Destinazione turistica o location economica?
    • 21:00 – 22:00 Museion, Live Singapore!
2013_09_27 immagine 01

Silvia Balzan, Alberto Piancastelli, Gabriele Zini e Helmut Moratelli (titolare di Wolf Artec)

L’evento che ha aperto la sezione ‘operativa’ del Festival ieri è stato l’atto finale dell’Innovation School 2013 (3^ edizione) del Cluster Edilizia presso il Museion, Dopo una presentazione del concetto e del funzionamento di questa efficace iniziativa e alcune testimonianze, è stata la volta dei tre team di studenti, affiancati dai responsabili aziendali e dai tutor (Giulia Faiella del TIS, Roberto Lollini di EURAC, oltre al sottoscritto). Queste le tre idee di innovazione sviluppate in 8 giorni di lavoro presso le aziende e pronte per dare il via a progetti R&S finalizzati a portarle sul mercato. Il tema era quest’anno il risanamento energetico sostenibile e abbiamo quindi visto: un pannello di facciata prefabbricato coibentato per edifici industriali e commerciali (Expan), un pavimento radiante a basso spessore per ristrutturazioni (Eurotherm) ed un sistema di facciata attivo con struttura in legno per edifici residenziali (Wolf Artec). Rispetto all’edizione precedente, quest’anno lo stage presso l’azienda è stato allungato di tre giorni per approfondire anche gli aspetti di business e opportunità di mercato legati al prodotto ideato.

2013_09_27 immagine 03

La conferenza con Michael Renner

A seguire, presso l’Università, interessante testimonianza di Michael Renner del Worldwatch Institute. Dobbiamo ripensare completamente il nostro stile di vita e le nostre aspettative per il futuro, e dobbiamo farlo tutti assieme’. Questo il punto centrale del messaggio lanciato. Michael Renner fa ricerca da quasi 30 anni presso il World Watch Institute di Washington, dove tra l’altro collabora alla stesura della notissima pubblicazione annuale ‘State of the World’. ‘Il concetto di sostenibilità – ha spiegato Renner – è popolare da molti anni, e ormai non si applica più soltanto alle questioni ecologiche, ma viene utilizzato anche in politica, nello sport, oppure nel turismo’. Facendo riferimento a questo fatto, Renner ha parlato di ‘abuso’ del termine, utilizzando l’espressione inglese ‘Sustainababble‘, in parole povere le chiacchiere sulla sostenibilità. ‘Occorre fare chiarezza – ha aggiunto Michael Renner – affinchè i consumatori non vengano tratti in inganno da questo utilizzo sconsiderato’. (Per ulteriore approfondimento: news sulla rassegna stampa del Festival).

2013_09_27 immagine 02

Ron Dembo

In serata, presso la Casa della Cultura, Ron Dembo, fondatore di Zerofootprint, ha affermato ‘Un sistema che sappia ripagare le persone per il loro impegno può favorire la sostenibilità ambientale’. Prima di fondare la propria impresa ‘Zerofootprint’, il canadese Ron Dembo operava con la sua azienda di software nel settore del Risk-Management, e poteva annoverare tra i suoi clienti i più grandi istituti di credito. ‘I processi innovativi che prevedono l’inserimento di misure a sostegno dell’ambiente – ha spiegato Dembo all’Innovation Festival – non possono essere portati avanti solo con le leggi. Per farli funzionare serve un sistema in grado di ripagare le persone quando le stesse si comportano in maniera virtuosa’. (Per ulteriore approfondimento: news sulla rassegna stampa del Festival).

Oggi si continua, con, tra gli altri: Philippe Daverio | Pensato e disegnato per tutti, ore 16:00-17:30. Libera Università di Bolzano – Piazza Università 1. Jessica Jackley | Kiva-Thinking: microcrediti per il mondo, ore 18:30-20:00. Casa della Cultura – Via Sciliar 1. Hitendra Patel | Making social innovation real, ore 21:00-22:00. Palais Campofranco & Infopoint – Ingresso da Piazza Walther. Stay tuned … !

Non siamo tutti uguali. Lo dice la carbon footprint.

2013_09_13 immagine 03Lo spunto per parlare di carbon footprint è questa bella infografica realizzata dallo studio Stanford Kay. Originariamente concepita per l’edizione internazionale di Newsweek, questa immagine è stata pubblicata sul numero di aprile del mensile Atlantic. L’immagine è composta da cerchi la cui dimensione si riferisce alle emissioni di gas serra di ogni nazione, con un colore corrispondente al continente. La versione finale di questa infografica riporta invece una seconda carbon footprint relativa alle emissioni pro capite. In questo caso la ‘classifica’ cambia; al primo posto Gibilterra seguita dalle Isole Vergini. Gli USA sono al 12° posto mentre la Cina scende verso la parte bassa della lista a causa della sua enorme popolazione. Risulta che le nazioni che non crescono o producono poco hanno l’impronta più alta perché sono costrette a importare quasi tutto ciò di cui hanno bisogno.

2013_09_13 immagine 06La carbon footprint è una misura che esprime in CO2 equivalente il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente ad un prodotto, un’organizzazione o un servizio. In conformità al Protocollo di Kyoto, i gas ad effetto serra da includere sono: anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido d’azoto (N2O), idrofluorocarburi (HFCs), esafluoruro di zolfo (SF6) e perfluorocarburi (PFCs). La tCO2e (tonnellate di CO2 equivalente) permette di esprimere l’effetto serra prodotto da questi gas in riferimento all’effetto serra prodotto dalla CO2, considerato pari a 1 (ad esempio il metano ha un potenziale serra 25 volte superiore rispetto alla CO2, e per questo una tonnellata di metano viene contabilizzata come 25 tonnellate di CO2 equivalente).

2013_09_13 immagine 07La misurazione della carbon footprint di un prodotto o di un processo richiede in particolare l’individuazione e la quantificazione dei consumi di materie prime e di energia nelle fasi selezionate del ciclo di vita dello stesso. A questo proposito l’esperienza degli ultimi anni suggerisce che il label di carbon footprint è percepito dai consumatori come un indice di qualità e sostenibilità delle imprese. Le aziende, oltre a condurre l’analisi e la contabilizzazione delle emissioni di CO2, si impegnano a definire un sistema di carbon management finalizzato all’identificazione e realizzazione di quegli interventi di riduzione delle emissioni, economicamente efficienti, che utilizzano tecnologie a basso contenuto di carbonio. Le misure di riduzione possono essere integrate dalle misure per la neutralizzazione delle emissioni (carbon neutrality), realizzabili attraverso attività che mirano a compensare le emissioni con misure equivalenti volte a ridurle con azioni economicamente più efficienti o più spendibili in termini di immagine (es. piantumazione di alberi, produzione di energia rinnovabile, etc.). [dal sito del Ministero dell’Ambiente].

2013_09_13 immagine 04La specifica tecnica ISO/TS 14067Greenhouse gases – Carbon footprint of products – Requirements and guidelines for quantification and communication” – recentemente pubblicata da ISO e per cui è in corso l’iter di adozione come norma nazionale UNI – definisce i principi, i requisiti e le linee guida per il calcolo dell’impronta climatica dei prodotti, in collaborazione con le norme sulla valutazione del ciclo di vita (UNI EN ISO 14040 e 14044) e sulle etichette e dichiarazioni ambientali (UNI EN ISO 14020, 14024 e 14025). Dopo l’incontro di presentazione del 16.07.2013, UNI organizza per il prossimo 18.09.2013, un corso finalizzato a trasmettere le basi tecniche e normative della carbon footprint di prodotto (CFP). Saranno esaminate le sfide e le opportunità legate all’applicazione della CFP, analizzando il panorama dello stato dell’arte internazionale ed approfondendo gli aspetti legati alla parte di comunicazione. Al termine del corso il partecipante dovrà essere in grado di valutare la complessità dello sviluppo della CFP per i propri prodotti e le opportunità legate al proprio mercato di riferimento.

2013_09_13 immagine 01Un altro prossimo evento importante sulla tematica è la presenza di Ron Dembo all’Innovation Festival di Bolzano. Ron Dembo è fondatore e CEO di Zerofootprint, Toronto (CAN).

2013_09_13 immagine 02Zerofootprint punta a ridurre il più possibile l’impronta ecologica attraverso l’impiego delle tecnologie mentre la fondazione omonima supporta in tutto il mondo città, comuni e provincie nella loro lotta contro i cambiamenti climatici. Dembo parlerà di come ridurre l’impronta ecologica il giorno 26 settembre dalle 19:30 alle 21:oo presso la Casa della Cultura, in Via Crispi a Bolzano.

EDA_132*185_capitolo_2livelliConsiglio inoltre di leggere ‘Carbon footprint. Calcolare e comunicare l’impatto dei prodotti sul clima’ di Daniele Pernigotti. Aggiornato, completo e interessante anche per capire le dinamiche che stanno dietro lo sviluppo delle norme internazionali.

Innovation Festival 2013 | – 22 giorni

Mancano 22 giorni all’apertura a Bolzano dell’Innovation Festival 2013. L’Innovation Festival è un incontro delle idee e offre spazio al dibattito tecnico-scientifico ed economico. Dal 26 al 28 settembre 2013 vi aspettano workshop, discussioni, relazioni e stazioni interattive, con un ricco programma anche per famiglie e studenti. Potrete comunicare con persone innovative e conoscere realtà e idee di successo a livello internazionale. Rafforzerete così la vostra fiducia nell’innovazione, che dà risposte concrete alle esigenze e alle sfide sociali, economiche ed ambientali.

Qui trovate il programma ricco di eventi (più di 60 eventi e 100 relatori presenti). Di seguito la mia personalissima ‘play-list’ …

——————————

2013_09_04 immagine 10Quando: mercoledì 25.09.2013 ore 20.00-21.00

Dove: Museion, Via Dante 6.

Cosa: Business, creatività e innovazione.

Chi: Hubert Jaoui, fondatore e presidente di GIMCA.

——————————

2013_09_04 immagine 01Quando: giovedì 26.09.2013 ore 14.00-15.30

Dove: Museion, Via Dante 6.

Cosa: Ristrutturiamo sostenibile con “Innovation School”

Chi: TIS Cluster Edilizia, EURAC Research, aziende (Eurotherm, Expan e Wolf Artec) e studenti dell’Innovation School 2013.

——————————

2013_09_04 immagine 02Quando: giovedì 26.09.2013 ore 17.00-18.00

Dove: Libera Università di Bolzano, Piazza Università 1.

Cosa: La sostenibilità è ancora possibile? Presentazione del report ‘State of the World 2013‘.

Chi: Michael Renner, Worldwatch Institute, Washington

——————————

2013_09_04 immagine 03

Quando: giovedì 26.09.2013 ore 19.30-21.00 (T)

Dove: Casa della Cultura ‘Walterhaus’, Via Sciliar 1.

Cosa: Ridurre l’impronta ecologica. Si può migliorare  l’efficienza energetica dell’intera popolazione mondiale?

Chi: Ron Dembo, founder & CEO di Zerofootprint

——————————

2013_09_04 immagine 04Quando: venerdì 27.09.20.13 ore 14.00-16.00

Dove: Academy Cassa di Risparmio, Via Cassa di Risparmio 16.

Cosa: Smart communities & Open Geo Data. L’apertura di dati geografici permette nuove attività di business e servizi nei settori mobilità e ambiente ma anche nel turismo.

Chi: Maurizio Napolitano, Fondazione Bruno Kessler Trento

——————————

2013_03_27 immagine 03Quando: venerdì 27.09.2013 ore 16.00-17.30 (T)

Dove: Libera Università di Bolzano, Piazza Università 1.

Cosa: Pensato e disegnato per tutti. Il ‘design inclusivo’.

Chi: Philippe Daverio, Francesco Morace – Future Concept Lab, Paolo Favaretto – Favaretto & Partners

——————————

2013_09_04 immagine 05Quando: venerdì 27.09.2013 ore 18.30-20.00 (T)

Dove: Casa della Cultura ‘Walterhaus’, V. Sciliar 1.

Cosa: Kiva-Thinking: microcrediti per il mondo. Evento ItaliaCamp. Kiva in swahili significa ”unità” ma è anche il sistema di assegnazione di microcredito con più successo al mondo.

Chi: Jessica Jackley, founder di Kiva, Pierluigi Celli – ItaliaCamp.

——————————

2013_09_04 immagine 06Quando: venerd’ 27.09.2013 ore 21.00-22.00

Dove: Palais Campofranco.

Cosa: Making social innovation real. Come trasformare una buona idea in qualcosa che cambia il mondo e migliora la vita delle persone.

Chi: Hitendra Patel, direttore dell’IXL Center di Boston. Modera Riccardo Luna.

——————————

2013_09_04 immagine 07

Quando: sabato 28.09.2013 ore 10.00-11.30

Dove: Libera Università di Bolzano, Piazza Università 1.

Cosa: Start-up at the weekend.

Chi: David Lehrer – Università Humboldt Berlino, Alfredo Gatti – Nextvalue, Milano.

——————————

2013_09_04 immagine 08Quando: sabato 28.09.2013 ore 16.30-18.00

Dove: Museion, Via Dante 6.

Cosa: Finanziare i rischi delle start-up.

Chi: Alexander M. Orlando, Fabio Lalli – IQUI, Roma. Modera Carlo Massarini.

——————————

project_ls

Quando: sabato 28.09.2013 ore 21.00-22.00

Dove: Museion, Via Dante 6.

Cosa: LIVE Singapore! provides people with access to a range of useful real-time information about their city by developing an open platform.

Chi: Carlo Ratti, MIT SENSEable City Lab.

——————————

Tutti gli eventi sono gratuiti. Per gli eventi sopra contrassegnati con (T) ritirare sul posto il biglietto di ingresso a partire da 2 ore prima dell’evento.

Buona visione …