Archivi categoria: ICT

Guiding light.

Ieri ho avuto il piacere di moderare insieme a Michaela Egebrecht il convegno  al TIS “Tecnologie luminose innovative” organizzato dall’Area Sviluppo prodotto & Nuove tecnologie. Il tema della luce, nelle strutture per anziani ma non solo, è quanto mai importante per il comfort (vedi anche il Gruppo di Lavoro IEQ presso il TIS). Aggiungo che il 2015 è l’Anno Internazionale della Luce (International Year of Light and Light-based Technologies), un’iniziativa approvata dalle Nazioni Unite per sensibilizzare su come le tecnologie ottiche possono promuovere lo sviluppo sostenibile e procurare delle soluzioni per il risparmio energetico, per l’agricoltura, le comunicazioni e la salute.

2015_04_24-03 Bartenbach

Bartenbach | Messezentrum Basel, Schweiz – Herzog & de Meuron Architekten

Vivere più a lungo una vita indipendente è uno dei maggiori desideri della nostra società. Nel corso di questo convegno si è discusso su come le soluzioni tecniche possano aiutare a soddisfare questa esigenza. In particolare l‘argomento clou della giornata è stata la luce, una presenza lieve e delicata, ma di grande influenza sulle nostre vite, in particolari per le condizioni di salute e mobilitá. Il convegno si inserisce nella tematica “Ambient Assisted Living” (AAL) ed è stato organizzato dal TIS innovation park in collaborazione con il consorzio del progetto “Guiding Light“. Il consorzio sta sviluppando un sistema di assistenza luminosa per l‘orientamento spazio-temporale degli anziani.

2015_04_24-04 Guiding Light

Guiding Light Project

Questo il programma degli interventi:

  • Il punto di vista scientifico sugli effetti della luce sull’aumento della mobilità e sul miglioramento del benessere degli anziani | Markus Laner, Bartenbach
  • Guiding Light – test pratico di un sistema intelligente p,er anziani indipendenti | Hermann Atz, apollis e Cornelia Schauber, YOUSE
  • Panel di discussione moderato da Guido Kempter, Fachhochschule Voralberg. Esigenze e aspettative di diversi gruppi target: anziani, parenti, associazioni di lavoratori, case di cura per anziani, medici, istituzioni.
  • La pianificazione dell’illuminazione nella costruzione di case di cura per anziani | Gerlinde Schatzer e Daniel Schiefele, Lichtraum2
  • Vantaggi per i Comuni? Esperienze della Città di Bolzano con i progetti AAL in appartamenti destinati agli anziani | Michela Trentini, Città di Bolzano
  • I progetti legati all’illuminazione nella pratica dal punto di vista di una casa di riposo | Cornelia Ebner, Fondazione Griesfeld
  • Approfondimenti sul sistema Guiding Light per persone e istituzioni | Tom Ulmer, MyVitali
  • UNCAP – un progetto di ricerca europeo sull’aumento di mobilità per gli anziani | Mariolino De Cecco, Università di Trento

Qui le presentazioni dei relatori.

A fianco del convegno, una mini-expo dedicata a progetti in ambito AAL di vari enti e aziende: LVH, EURAC, Consorzio Guiding Light, LISA habitec e Lichtraum2.

2015_04_24-01 Year of lightThe International Year of Light and Light-based Technologies (IYL 2015) is a global initiative which will highlight to the citizens of the world the importance of light and optical technologies in their lives, for their futures, and for the development of society. It is a unique opportunity to inspire, educate, and connect on a global scale. In proclaiming an International Year focusing on the topic of light science and its applications, the UN has recognized the importance of raising global awareness about how light-based technologies promote sustainable development and provide solutions to global challenges in energy, education, agriculture and health. Light plays a vital role in our daily lives and is an imperative cross-cutting discipline of science in the 21st century. It has revolutionized medicine, opened up international communication via the Internet, and continues to be central to linking cultural, economic and political aspects of the global society.

2015_04_24-02 Year of light

Design for simplicity.

The poet William Wordsworth once wrote, “The world is too much with us.” If this was true in the bucolic 18th and 19th centuries when Wordsworth lived, it is even more true today, when every gadget comes with an incomprehensible 100-page instruction manual.

2015_01_14 immagine 02Thus, simplifying people’s lives with your products and services is a surefire path to business success; it will endear you to your customers forever. In his aphoristic little book The laws of simplicity, graphic designer John Maeda has distilled all he knows about simplicity into 10 laws and three key ideas (thanks to Alessandro Garofalo for suggesting this book !). He sprinkles mnemonics, icons and graphics throughout, which you may enjoy if you’re a visual learner or find baffling if you’re not. If you really like the icons, you can download them from the web site Maeda put together to complement the book.

2015_01_14 immagine 03

Here are the 10 laws …

  1. REDUCE. The simplest way to achieve simplicity is through thoughtful reduction.
  2. ORGANIZE. Organization makes a system of many appear fewer.
  3. TIME. Savings in time feel like simplicity.
  4. LEARN. Knowledge makes everything simpler.
  5. DIFFERENCES. Simplicity and complexity need each other.
  6. CONTEXT. What lies in the periphery of simplicity is definitely not peripheral.
  7. EMOTION. More emotions are better than less.
  8. TRUST. In simplicity we trust.
  9. FAILURE. Some things can never be made simple.
  10. THE ONE. Simplicity is about subtracting the obvious, and adding the meaningful.

… and the three keys:

  1. AWAY. More appears like less by simply moving it far, far away.
  2. OPEN. Openness simplifies complexity.
  3. POWER. Use less, gain more.

Here is John Maeda in his TED talk of 2007.

 

2015_01_14 immagine 01John Maeda is a computer scientist, visual artist, graphic designer and professor of media arts and sciences at MIT. He has received many design awards. Former president of the Rhode Island School of Design, he is dedicated to linking design and technology. Through the software tools, web pages and books he creates, he spreads his philosophy of elegant simplicity.

Verge SF 2014.

2014_11_14 immagine 01

You didn’t attend Verge SF 2014? No problem, Verge brings the conference into your home with Verge virtua event. Here are the links to the streaming vision of the three days, Oct 28-29-30th. Enjoy and … thank you GreenBiz 🙂

Sustainability’s next tipping point. Interconnected technologies for energy, buildings and transportation enable radical efficiencies and huge opportunities. VERGE reveals these opportunities, bringing together corporations, entrepreneurs, and public officials for practical, scalable, solutions-oriented conversations.

Agenda (presented by Joel Makeower)

2014_11_14 immagine 06-1

Day #1

  • Changing the World by Sharing Your Bed | Joe Gebbia, Co-Founder and Chief Product Officer Airbnb
  • Making Sense of Sensors & Data | Deb Frol, Global Executive Director, ecomagination
  • The New Business of Drones | Chris Anderson, CEO & John Cherbini, VP 3D Robotics
  • Overcoming Barriers to Technology Integration in Cities | Jesse Berst, Chairman Smart Cities Council
  • How a Living Building Comes to Life | Denis Hayes, President & CEO Bullitt Foundation
  • VERGE Accelerate | Dawn Lippert, Director, Energy Excelerator
    Pacific International Center for High Tech Research (PICHTR) & Rodrigo Prudencio, CEO TunariCorp
  • Scaling U.S. Energy Innovation | David Danielson, Assistant Secretary for Energy Efficiency and Renewable Energy US Department of Energy & Peter Davidson, Executive Director of the Loan Programs Office (LPO) Department of Energy
  • How Big Data Saves Species | M. Sanjayan, Executive Vice President and Senior Scientist Conservation International & Gabi Zedlmayer, Vice President & Chief Progress Officer Hewlett-Packard Company
  • Visualizing Data to Accelerate Systems Thinking | David McConville, Co-Founder, Board Elumenati, Buckminster Fuller Institute
  • Running the Industrial Age Backwards | Janine Benyus, Founder Biomimicry 3.8 & Paul Hawken, Author and Entrepreneur

2014_11_14 immagine 06-2

Day #2

  • Rethinking Security for the 21st Century | Mark “Puck” Mykleby, Colonel USMC (Retired) & Jon Wellinghoff, Partner Stoel Rives LLP
  • Unleashing the Power of Distributed Energy Resources | Sunil Cherian, Founder and CEO Spirae
  • Removing Carbon From the Atmosphere and Insights For Systemic Sustainability | David Addison, Manager – Virgin Earth Challenge
    Virgin
  • Are Smart Cities Really Necessary? | Emma Stewart, Head, Sustainability Solutions Autodesk
  • Project 100: Car Sharing for Everyone | Zach Ware, Founder & CEO Project 100
  • The Future of Connected Cars | Jon Lauckner, CTO General Motors
  • How Biomimicry Will Shape the Next Industrial Revolution | Jay Harman, President & CEO Pax Scientific
  • What Climate and Weather Data Mean for Business | Tom Di Liberto, Meteorologist and America’s Science Idol Climate Prediction Center at the National Oceanic & Atmospheric Administration
  • Doing Data Differently | Tate Cantrell, Chief Technology Officer Verne Global & Paris Georgallis, SVP, Cloud Platform Operations
    RMS
  • Big Data Meets the Small Screen | Darrell Smith, Director of Facilities and Energy Microsoft Corporation
  • Put Humans at the Center and Start a Sustainability Renaissance | Rao Mulpuri, CEO View
  • Addressing Climate Change Through Data Innovation | David Friedberg, CEO The Climate Corp & Rebecca Moore, Engineering Manager Google Earth Outreach & Bina Venkataraman, Director of Global Policy Initiatives, Broad Institute MIT & Harvard (formerly at the Executive Office of the President)

2014_11_14 immagine 06-3

Day # 3

  • A World Beyond GMOs | Matthew Dillon, Cultivator, Seed Matters Clif Bar Family Foundation & Robb Fraley, CTO Monsanto
  • Changing Everything: Will ‘Savings-As-A Service’ Become the Way Energy Efficiency is Done? | Joe Costello, CEO Enlighted
  • Smart Cities from the Ground Up | Antwi Akom, Co-Founder Institute for Sustainable Economic Educational and Environmental Design (I-SEEED)
  • How Data Transforms Cities | Jen Pahlka, Founder & Executive Director Code for America
  • The Solutions Project: Getting to 100% Renewables | Mark Jacobson, Professor of Civil and Environmental Engineering Stanford University & Marco Krapels, Partner Pegasus Capital Advisors
  • VERGE Accelerate | Andrew Beebe, VP, Distributed Generation
    NextEra Energy Resources
  • Sustainability Leadership, from Autodesk to Atlanta | Carl Bass, CEO Autodesk & Kasim Reed, Mayor City of Atlanta
  • Drones and the New Logistics | Paola Santana, CRO Matternet
  • The Role of Grid as Integrator | Kevin Dasso, Sr Director of Technology & Information Strategy PG&E & Carla Peterman, Commissioner California Public Utilities Commission
  • Does Efficiency or Innovation Drive Our Energy Future? | Amory Lovins, Chairman/Chief Scientist Rocky Mountain Institute & Matthew Nordan, Co-Founder and Managing Partner MNL Partners
  • Closing Keynote: Swinging for the Fences | Lisa Jackson, VP of Environmental Initiatives Apple
2014_11_14 immagine 03

Joel Makeower and the GreenBiz editorial staff

2014_11_14 immagine 04GreenBiz (‘Defining and acceleratimg the business of sustainability’) advances the opportunities at the intersection of business, technology and sustainability. Through its websites, events, peer-to-peer network and research, GreenBiz promotes the potential to drive transformation and accelerate progress — within companies, industries and in the very nature of business.

Making Buildings Smarter.

Meet the LEED Dynamic Plaque.

The U.S. Green Building Council asked IDEO to help visualize how buildings communicate environmental performance to create spaces that both cradle their inhabitants and reduce their environmental impact. The LEED Dynamic Plaque™ is an elegant public declaration of a building’s environmental efforts. Located in a lobby or other common space, it displays real-time measurements about a building’s resource use—from energy to waste disposal. IDEO designed and built the physical plaque and its Digital Shop created an online interface that allows USGBC’s software to interact with it, enabling people to enter data, analyze details, and make personal decisions that influence a building’s performance.

2014_10_15 immagine 01

2014_10_15 immagine 04Today, the LEED Dynamic Plaque is one of the finalists of the 2014 Innovation By Design Awards: Data Visualization. Category winners will be announced at  the Fast Company conference in New York, at the Metropolitan Pavilion. Keep your fingers crossed ! 🙂

Want to know more about the Dynamic Plaque? These are the must read articles:

See also the following videos:

LEED Dynamic Plaque, from IDEO.

Scot Horst USGBC Keynote “The LEED Dynamic Plaque” recorded live at IMPACT 2014.

 

2014_10_15 immagine 03 is an international design and consulting firm founded in Palo Alto, California, in 1991.The company has locations in San Francisco, Chicago, New York City, Boston, London, Munich, Shanghai, Singapore, Mumbai, Seoul, and Tokyo.The company uses the design thinking methodology to design products, services, environments, and digital experiences.

2014_10_15 immagine 02The U.S. Green Building Council (USGBC), co-founded by current CEO Rick Fedrizzi, Mike Italiano, and David Gottfried in 1993, is a private 501(c)3, membership-based non-profit organization that promotes sustainability in how buildings are designed, built, and operated. USGBC is best known for its development of the Leadership in Energy and Environmental Design (LEED) green building rating systems and its annual Greenbuild International Conference and Expo, the world’s largest conference and expo dedicated to green building.

Walkability.

Se Vi proponessero un alloggio, diciamo a parità di qualità e di prezzo, a breve distanza pedonale o ciclabile dai trasporti pubblici cittadini oppure uno prossimo alle vie d’accesso automobilistiche quale scegliereste? Beh, se avete pensato il secondo … «siete fuori …!» direbbe qualcuno. Lo dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, il dossier di Elena Comelli ‘Ridisegnare le città a misura d’uomo’ che campeggia nella parte centrale del supplemento Nòva24 del Sole 24Ore della scorsa domenica 20.07.2014. Il perché è presto detto e sta in un’espressione, ‘walkability’ anzi, ‘walkability score’ ovvero la densificazione del tessuto urbano, con rarefazione del traffico auto individuale, per ottenere città pedonalizzate, ciclabili, respirabili. Il centro urbano dove i servizi sono concentrati, comporta percorsi cortissimi e, per questo, pedonali, ciclabili o su trasporto pubblico, riducendo in prima battuta la necessità dell’auto e quindi l’impatto ambientale che questa comporta. La prossimità intreccia in modo virtuoso tre aspetti: vivibilità, socialità e innovazione (vedi la bella infografica del Sole 24Ore, realizzata sulla base della ricerca dell’esperto svedese di pianificazione territoriale Alexander Ståhle).

2014_07_23 immagine 01

E da tutto ciò scaturisce un maggior valore, appunto il valore della prossimità: il PIL pro-capite in città come quelle sopra citate è del 38% superiore in media rispetto alle città dominate dal traffico. Innovazione: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli abitanti delle aree metropolitane compatte hanno costi di vita (alloggio, trasporto) inferiori a quelli della periferia. In sintesi:

  • Vivere in centro è più sano, sicuro e conveniente.
  • Zone più dense hanno una maggiore mobilità economica.
  • La città compatta e pedonale migliora la sussistenza per i poveri attraverso mobilità a prezzi accessibili e la vicinanza degli alloggi ai luoghi di lavoro.
  • Il trasporto in città riguarda lo spostamento di persone, non di veicoli.

Richiamando l’ormai famosa frase di Enrique Peñalosa, ex sindaco di Bogotà, «Una città avanzata non è quella in cui anche i poveri hanno un’auto, ma quella in cui i ricchi prendono i mezzi pubblici».

2014_07_23 immagine 04L’economia della prossimità, come la definisce Elena Comelli, fortunatamente sembra avere preso piede nelle città particolarmente avanzate (Stoccolma, San Francisco, Manhattan) anche guidata da sistemi di misurazione e certificazione della sostenibilità, come LEED, che hanno capito l’incidenza negativa del cosiddetto ‘sprawl’. Un’intera categoria di sostenibilità in LEED è dedicata a questi aspetti. Nella nuova versione LEED v4, l’area Location and Transportation (LT) assomma 16 punti (sui 100 massimi previsti) con i crediti

  • Sensitive Land Protection (1 punto) – che ha l’intento di evitare lo sviluppo urbano su aree ambientalmente sensibili e di ridurre l’impatto ambientale della realizzazione di un nuovo edificio.
  • High Priority Site (max 2 punti) – ovvero incoraggiare l’ubicazione di progetti in aree con vincoli di sviluppo, promuovendo la salvaguardia delle aree limitrofe (avete mai pensato all’importanza capitale per New York del polmone verde di Central Park?)
  • Surrounding Density and Diverse Uses (max 5 punti) – conservare il territorio e proteggere le aree agricole e l’habitat selvatico incoraggiando lo sviluppo in aree dove già esistono infrastrutture. Promuovere la pedonalizzazione (ecco la walkability !) e l’efficienza nei trasporti pubblici riducendo le distanze percorse su veicoli. Migliorare la salute pubblica incoraggiando un’attività fisica quotidiana.
  • Access to Quality Transit (max 5 punti) – incoraggiare lo sviluppo in località che consentono scelte multimodali di trasporto o comunque di utilizzo ridotto di veicoli a motore, così riducendo le emissioni di gas serra, l’inquinamento dell’aria e altri danni all’ambiente e alla salute pubblica associati all’uso di veicoli a motore.
  • Bicycle Facilities (1 punto) – promuovere l’uso della bicicletta e l’efficienza nei trasporti, riducendo la distanza percorsa dai veicoli. Migliorare la salute pubblica incoraggiando attività fisiche utili e ricreative.
  • Reduced Parking Footprint (1 punto) – minimizzare i danni ambientali associati ai parcheggi, inclusa la dipendenza dall’auto, il consumo di territorio e l’inondazione di acqua piovana.
  • Green Vehicles (1 punto) – ridurre l’inquinamento, promuovendo alternative alle automobili convenzionali a combustibili fossili.
2014_07_23 immagine 02

Bici disponibili a Manhattan (19.11.2013)

La mobilità pubblica può essere ottimizzata grazie alle applicazioni digitali per smartphone e tablet. L’obiettivo è migliorare il rapporto tra cittadini e reti urbane, rendendone più efficiente l’utilizzo. È il tema di fondo di diversi progetti di innovazione gestiti dall’area Mobilità e ITS del TIS innovation park di Bolzano (Roberto Cavaliere). Integreen (programma Life+) intende realizzare un sistema dimostrativo a disposizione del centro di gestione del traffico della città di Bolzano, in grado di fornire alla Pubblica Amministrazione informazioni distribuite e correlate riguardo lo stato del traffico e dell’inquinamento dell’aria, con la possibilità di adottare politiche di gestione del traffico eco-consapevoli. Un altro progetto, The Green Mobility of the Future, vuole proporre e radicare una nuova cultura della mobilità sostenibile, basata sui concetti di multi- e co-modalità, di mobilità connessa, informata e consapevole.

2014_07_23 immagine 06

Immagine: progetto Integreen, TIS

Per chi volesse approfondire, ecco di seguito l’articolo di Elena Comelli su Nòva24 di domenica (segnalo sullo stesso numero anche ‘Il viaggio nel futuro si farà in treno’ di Renata Gatti ed ‘Ecco come la cultura car free avanza‘, di Alessandro Longo).

Città pedonalizzate, ciclabili, respirabili. La parola d’ordine per le città del futuro è densificazione del tessuto urbano e rarefazione delle auto. Da qui al 2030 i centri urbani globali dovranno ospitare un miliardo di nuovi cittadini, che si spostano là dove c’è più lavoro, più ricchezza e più vita sociale. Ma le metropoli non possono continuare a espandersi, come hanno fatto negli ultimi 50 anni: per il pendolarismo urbano il limite massimo è un’ora di viaggio. D’altra parte, non possono nemmeno consentire l’ingresso di milioni di auto nei centri cittadini, già oggi troppo inquinati. Di conseguenza, occorre riconvertire all’uso abitativo le strutture produttive dismesse, ma soprattutto potenziare i trasporti pubblici e riconquistare spazi interstiziali per la collettività o il verde. «Le città avanzate non sono quelle dove i poveri vanno in macchina, ma quelle dove i ricchi prendono i mezzi pubblici», sostiene Enrique Peñalosa, il mitico sindaco verde di Bogotà. «I pedoni, i ciclisti e gli utenti dei mezzi pubblici sono più importanti degli automobilisti», gli fa eco Michael Bloomberg, il sindaco che ha riempito New York di piste ciclabili. Su queste premesse, cresce l’economia della prossimità e arretra lo sprawl.

2014_07_23 immagine 05

«A Stoccolma come a Manhattan, i prezzi delle case salgono in relazione alla possibilità di raggiungere a piedi scuole, ristoranti, parchi e mezzi pubblici», fa notare Alexander Ståhle, l’architetto e urbanista svedese che per primo ha steso una mappa dei “sociotopi”, ovvero gli spazi pubblici, come parchi o piazze, che presentano un alto valore sociale nel loro utilizzo da parte dei cittadini. Basta aprire un annuncio immobiliare di una grande città nordamericana o nordeuropea per capire cosa intende Ståhle: un buon punteggio sulla scala dell’accessibilità pedonale (walkability score) viene certificato e presentato agli acquirenti come elemento importante ai fini della valutazione dell’immobile. Il mercato ha già incorporato l’economia della prossimità.

Il grado di accessibilità pedonale è un dato usato anche per misurare l’attrattività delle aree urbane. In base a un’analisi spaziale condotta nel 2011 dallo studio di Ståhle su 7mila vendite di appartamenti a Stoccolma, per conto della municipalità, risulta evidente l’importanza fondamentale delle distanze pedonali o ciclabili dai trasporti pubblici per stabilire il valore di un’area, mentre la prossimità alle vie d’accesso automobilistiche non riveste alcuna rilevanza. Anzi. Il traffico è considerato uno dei principali demeriti di un’area: le auto sporcano l’aria, fanno rumore, occupano più spazio dei trasporti pubblici e causano ogni anno 39 milioni di feriti e 1 milione e 200mila morti per colpa di incidenti stradali, oltre alle vittime dell’inquinamento. Malgrado ciò, le strutture urbane dipendenti dall’auto sono pesantemente sovvenzionate: l’enorme spazio occupato dai parcheggi ha una priorità molto più alta delle piste ciclabili o dello spazio pedonalizzato nelle politiche locali e nessuno valuta i costi sociali e ambientali causati dalle autostrade e dalle vaste periferie anonime che si formano ai loro margini.

2014_07_23 immagine 03

MAX – il sistema di trasporti pubblici di Portland, OR (24.05.2014)

Ma questi orientamenti, che hanno guidato la pianificazione territoriale negli ultimi decenni, stanno cambiando. Non a caso, 1/3 dei mall dei suburbs americani è fallito o sta chiudendo. Le metropoli Usa con un alto grado di accessibilità pedonale, come Manhattan o San Francisco, hanno un PIL pro capite superiore del 38%, in media, rispetto alle città dominate dal traffico, secondo lo studio della George Washington University School of Business insieme a Locus, un programma di Smart Growth America. Lo studio ha scoperto che gli abitanti delle aree metropolitane più compatte hanno costi di alloggio e trasporti inferiori agli altri e una mobilità economica superiore, vivono più a lungo e sono più in salute, con meno casi di obesità e di incidenti. Quindi, vivere in centro è più sano, più sicuro e più conveniente che abitare in periferia.

La prossimità crea vivibilità, socialità, innovazione. Questo è il motivo per cui città come Londra o Milano hanno limitato l’accesso del centro alle macchine, Barcellona o Tel Aviv hanno riscattato gli spazi portuali dismessi all’uso collettivo, e Parigi o Berlino hanno riconvertito a parchi pubblici i binari morti del Gleisdreieck o della Petite Ceinture. Ma non basta. «La trasformazione sostenibile deve diventare centrale anche per le regioni circostanti, nel caso di Milano la Lombardia», sostiene Edoardo Croci, direttore di ricerca allo Iefe, il centro di economia e politica dell’energia e del l’ambiente della Bocconi, oltre che artefice dell’Ecopass quando era assessore alla Mobilità di Milano e presidente di MilanoSiMuove, l’associazione che ha promosso i 5 referendum sull’ambiente tre anni fa. Milano è sulla buona strada nell’economia della prossimità: solo il 30% degli spostamenti si verifica via auto, mentre nel resto d’Italia il rapporto è inverso e la quota dell’auto prevale, con il 60-70% degli spostamenti, in base al Libro Bianco sui trasporti dell’Eurispes. Eppure le richieste avanzate dai milanesi con i referendum finora sono state disattese: non più del 20% delle proposte sul traffico, il verde e l’uso efficiente dello spazio pubblico è stato realizzato. Siamo solo all’inizio.

[Elena Comelli © Nòva24 – Il Sole 24Ore, 20.07.2014]

Status: multi-tasking.

Siamo sicuri che il multi-tasking ci renda felici? Questa è la domanda dell’articolo di Federico Cella su Tempi Liberi del Corriere del 28.06.2014, che riporto di seguito integralmente. Forse non ci rende felici, ma la domanda di fondo è: è davvero pensabile un ritorno a ritmi più naturali? Anzi, il single-tasking si può definire davvero “naturale”? Secondo Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze del Fatebenefratelli di Milano, fare molte cose contemporaneamente = bisogno di vivere più vite = sogno di immortalità. Ma d’altro canto, nell’attività quotidiana in azienda non è possibile concedersi il lusso di dedicare una persona ad una singola attività, secondo Matteo Esposito dell’agenzia di comunicazione Imille. Inoltre, le persone che si spostano da un’attività ad un’altra permettono una migliore circolazione delle idee. Ma non solo. C’è un pericoloso equivoco di fondo sulla capacità di sintesi di un ‘tweet’ e la profondità di pensiero. Se con il multi-tasking dedichiamo solo una parte di noi stessi a ciò che stiamo affrontando, siamo in grado poi di riguadagnare concentrazione quando affrontiamo questioni davvero importanti? Buona lettura.

2014_07_02 immagine 01

Foto intraprendere.net

La pentola è sul fuoco mentre dal tablet consultiamo una ricetta online, in attesa di giocare di nuovo a Candy Crush. Intanto l’acqua della doccia è bollente, la tv accesa in sottofondo, e sullo smartphone saltiamo tra l’app di Facebook e le email per vedere cosa accade di nuovo. Per completare il quadro, mandiamo un tweet che riassume il nostro stato d’animo. Un po’ stressato, probabilmente. Da quando Internet è entrata sotto varie forme nelle vita quotidiana, il numero di “cose da fare” è esploso e il multi-taskling, da definizione prettamente informatica legata alle capacità computazionali di eseguire più compiti contemporaneamente e non in sequenza, è diventato per osmosi uno stile di vita. E di lavoro. Secondo una definizione azzeccata, la vita imita la Rete: come su un browser apriamo, e teniamo aperte, una quantità sempre maggiore di “schede”, così nel quotidiano diamo vita ad attività contemporanee senza (spesso) concluderne neanche una. Non è solo un’abitudine a cui diventa sempre più difficile sottrarsi, ma spesso viene considerata una qualità. Al di là dello stress, e della stanchezza, siamo sicuri che si tratti di un buon modo di vivere e di lavorare? Nella patria del multi-tasking, gli Stati Uniti, sta riemergendo il valore del single-tasking, la capacità di fare una cosa alla volta. E di farla bene, perché tutta la nostra concentrazione è dedicata a quanto abbiamo davanti. Il che comporta una scelta, quella di dedicarsi alla cosa giusta al momento giusto, un modo di affrontare la vita definito “mindfulness”, con “piena presenza”.

2014_07_02 immagine 02Alcuni teorici del ritorno al passato, perché di questo si tratta, hanno sviluppato delle pratiche per indirizzarci sulla buona strada. Esercizi quotidiani, da mettere in pratica nel lavoro e nella vita, come quello di assegnare a ogni singolo compito sulla “to do list” un numero determinato di tempo. E quindi di rispettare questo lasso anche a fronte di interruzioni, da affrontare con ampi respiri, eventuali nuove priorità, e con la risoluzione di non rispondere al telefono ogni volta che squilla. Quando poi ci troviamo bloccati nello svolgere un’attività, evitiamo di passare a un’altra. Facciamo invece una passeggiata. Per poi tornare sulla questione, portandola a termine. Infine, quello che forse è il consiglio migliore: impariamo a delegare.

2014_07_02 immagine 03

Foto © Getty Images

Buone pratiche per tutti, ma che non rispondono alla domanda fondamentale: è davvero pensabile un ritorno a ritmi più naturali? Anzi, il single-tasking lo si può davvero definire naturale? Perché l’uomo cambia e secondo Claudio Mencacci la risposta alle due domande è un semplice (almeno questo) no. Il direttore del dipartimento di Neuroscienze del Fatebenefratelli di Milano definisce l’auspicato ritorno una provocazione. “Quello su cui ci ha messo Internet è un aereo che fila via veloce, e dal quale ormai non possiamo più scendere né tantomeno pensare che ci riporti indietro”, spiega lo psichiatra. E poi è appunto una questione di natura umana, “perché non si può non vedere come questa realtà di iper-rappresentazione del presente va a titillare il nostro bisogno di vivere più vite”. Fare molte cose contemporaneamente, anche diverse, di fatto dà una forma al sogno dell’immortalità.

South Korea Digital Addiction

Spostandoci sul versante professionale, il “fare la cosa giusta” continua per lo più a essere associato al “fare molte cose”. Anche se il multi-tasking spesso viene confuso con la multi-competenza. Ma soprattutto in periodo di coperte corte, non c’è spazio né risorse per fare sofismi. “Quando si tratta di finalizzare un progetto, poter essere tutti concentrati sull’unico obiettivo è fondamentale”, conferma Matteo Esposito, CEO di Imille, agenzia di comunicazione digitale di Milano. “Ma nell’attività quotidiana non è pensabile concedersi il lusso di dedicare una persona a una singola attività”. Il manager spiega che il multi-tasking ha anche vantaggi creativi: “Non si tratta solo di ottimizzare e di non perdere la capacità di rispondere time to market”, spiega Esposito. “Le persone che si spostano da un’attività all’altra permettono una migliore circolazione delle idee in azienda. E la continua connessione con i social network porta un vantaggio incalcolabile: la possibilità di accedere a una sorta di intelligenza collettiva”.

2014_07_02 immagine 05È pur vero che certi abiti professionali, ancora più stressati dalla maggior incidenza di lavoro precario, diventa sempre più difficile dismetterli quando si torna a casa. Con il rischio che la cena in famiglia, da rito in cui finalmente ci si ferma per fare – tutti insieme – la stessa cosa, diventi un ulteriore momento individuale di rapporto con lo schermo del proprio telefonino-tablet. Chi ci rimette, nell’epoca di Facebook, è proprio la capacità di relazione. E, nel tempo di Twitter, quella di astrazione. “C’è un pericoloso equivoco di fondo sulla capacità di sintesi di un Like o di un tweet e la profondità di pensiero”. L’avvertimento viene da Nicoletta Gandus, ex magistrato e attuale co-presidente della Casa delle Donne di Milano. “Se il multi-tasking implica che si dedichi solo una parte di sé in quello che stiamo affrontando, la questione non si limita solo a una battaglia contro lo stress”. Si tratta di una capacità di concentrazione da riguadagnare, almeno quando stiamo affrontando le cose davvero importanti della vita. “Quando i giudici si ritirano in Camera di Consiglio, l’obbligo assoluto è quello di spegnere il telefono”. Una chimera nella vita quotidiana. Ma lo si può prendere come spunto per tornare a privilegiare, almeno ogni tanto, la vera qualità rispetto alla sfrenata quantità.

I lavori del 2030.

(Forse già validi oggi …) Di qui a sedici anni il mondo del lavoro sarà molto cambiato. Ariel Schwartz su Fast Company del 02.06.2014 richiama uno studio condotto dal Canadian Scholarship Trust che ha immaginato, insieme ad alcuni esperti di futuro, come sarà il mondo del lavoro nel 2030. Ecco le 10 professioni più interessanti, date un’occhiata, non sembrano poi così lontane nel tempo, se consideriamo che la tecnologia si evolve di fatto secondo la legge di Moore (Le prestazioni dei processori, e il numero di transistor ad esso relativo, raddoppiano ogni 18 mesi). Qualcuna di queste potrebbe essere già un’occupazione innovativa di oggi; che ne dite, ci facciamo un pensierino?

1. Il controllore di droni

E’ la tecnologia del momento, non si parla d’altro. Persino Amazon sta pensando di affidare a loro la consegna dei pacchi … Ma l’aumento del numero e dell’utilizzo dei droni creerà il problema di controllarli. Loris Trentin, di Cartorender, specializzata in restituzione di cartografia da ortofoto digitali, mi fa presente che i droni sì, sono belli e consentono attività prima inaccessibili, ma il drone va controllato e seguito, a vista (per legge) in modo da non perderne il controllo. Ecco, allora, dopo il … dog-sitter, il drone-controller (neighborhood watch officer, lo definisce l’articolo di Fast Company).

2014_06_27 immagine 01

2. Il semplificatore

Il Canadian Scholarship Trust lo definisce come esperto di semplicità. Ovvero una persona in grado di guidare altre persone nella complessità del domani. In particolare, sarà specializzato nel risparmio di tempo, nell’evitare le chiamate inutili, nel ridurre la documentazione su carta, nello scongiurare le giornate lavorative sprecate. Ma quanto ne abbiamo bisogno … ! (basta che il semplificatore non diventi un ‘reduzionista‘ …).


2014_06_27 immagine 02

3. Il telechirurgo

La chirurgia robotizzata esiste già, ma in futuro esisteranno intere carriere dedicate alla telechirurgia, cioè alle operazioni chirurgiche svolte a distanza, con un collegamento telematico e un robot controllato dal medico. Si potrà essere operati dal luminare indiano o, viceversa, intervenire su malati lontani e in zone non raggiungibili.

2014_06_27 immagine 03

4. Il nostalgista

Questa è difficile, eh? Il nostalgista è un designer di interni specializzato nel riprodurre un’epoca precisa e uno spazio preciso. Volete un salotto anni ’50, una camera da letto stile impero, una cucina anni ’90 o un bagno post-2000? Il nostalgista farà questo e anche altro. Con ogni probabilità, però, sarà solo a disposizione delle fasce della popolazione più ricche e più originali. Ma chissà, nel caso la tendenza prendesse piede, il passato riprodotto potrebbe diventare un oggetto di mass customization.

2014_06_27 immagine 04

5. L’agri-allevatore acquaponico

Innanzitutto, per acquaponica si intende una tipologia di agricoltura mista ad allevamento sostenibile basata su una combinazione di acquacoltura e coltivazione idroponica (= fuori suolo), al fine di ottenere un ambiente simbiotico. Mi verrebbe da dire seppie con piselli (vedi Achille Campanile, da Asparagi e immortalità dell’anima) oppure gamberi e fragole, lattuga e vongole, ecc. Abbiamo già i gamberi dell’Alto Adige (Eco-Farming) quindi fate un po’ Voi …

2014_06_27 immagine 05

 

6. Il designer di rifiuti

O ‘garbage designer‘ (questa mi piace). Si comincia già a parlare non più di ‘banale’ recycling ma di upcycling (vedi The Upcycle: Beyond Sustainability–Designing for Abundance di William McDomough), ovvero di trasformare scarti e rifiuti elevandoli a nuovi prodotti. Si apre così una domanda di designer in grado di sviluppare idee creative per recuperare scarti e derivati secondari dalla produzione e trasformarli in nuovi oggetti, possibilmente assicurando che a loro volta questi producano i minori residui possibili.

2014_06_27 immagine 06

Mobili realizzati con scarti di pavimenti in legno

7. Il navigatore sanitario

O anche health care navigator, dove per navigatore si intende una persona qualificata in grado di aiutare i pazienti e le loro famiglie a navigare nei sistemi ICT medicali complessi che diventeranno sempre più prevalenti nel futuro. Questi navigatori potrebbero essere ex infermieri o anche semplicemente addestrati come tali sin dall’inizio. Questo lavoro ricorda quello che esiste già: il difensore del paziente (patient advocate) ovvero un professionista che aiuta il paziente a districarsi tra esami, assicurazioni, ricoveri e specialisti (figura usuale pià nel complesso sistema sanitario americano che nel nostro).

2014_06_27 immagine 07

8. Il rewilder

Difficile da tradurre … In un’altra epoca, questa persona potrebbe essere chiamato semplicemente un contadino. Ma il rewilder è come un contadino con un tocco post-apocalittico: una volta che il danno ambientale ha provocato il caos totale sulla terra, la gente dovrà darsi da fare per porvi rimedio (ci siamo già). Il rewilder fa di tutto, dall’eliminare le strade ripristinando la situazione precedente, sostituendole con foreste al reintrodurre specie vegetali autoctone.

2014_06_27 immagine 08

9. Il consulente per i robot

Il robot counselor aiuta i potenziali clienti a capire quale robot, cameriere o ‘badante’ è giusto per loro. Quando i robot si occuperanno di tutti i lavori, sarà utile che qualcuno li sovrintendaE se il robot acquistato recentemente non è ‘adatto’ o sta causando un conflitto, il consulente per i robot può aiutare (ciò comincia stranamente a ricordare un episodio di Ai confini della realtà). 2014_06_27 immagine 09

10. Lo specialista in tecnologie solari

Forse la professione già più vicina a noi. Se la tecnologia solare diventerà sempre più prevalente come sembra che sarà, grazie al crollo dei prezzi, ci sarà bisogno stabilmente di esperti per gestire la potenza elettrica prodotta, la progettazione e la manutenzione dei pannelli solari, e altro ancora.

2014_06_27 immagine 10