Regenerative Design in the Digital Practice.

Apply for the 2nd RESTORE Training School 🙂

Supported by  the Institute of Architecture and Technology (IBT) of The Royal Danish Academy (KADK) and COST RESTORE Action CA16114.

Are you a European professional or a researcher with demonstrated experience in Regenerative Design? Or have you been applying Grasshopper based modelling of Outdoor Climate,  LCA-Circular Economy, or Indoor Wellbeing? Do you have experience in Grasshopper based integrated design? If the answer is yes to any of this question, and you would like to exchange and further develop your research and practical skills in an intensive design competition, this Training School in Malaga (15th to 19th of October, 2019) is for you. By the way, you will be co-funded with 800 euros to participate in 5 days of pure design and modelling,  digital tutorials from the international trainers and scientific conferences.

Click here for details and apply by August 5th, 2018.

The International Trainers

Emanuele Naboni (KADK), Chris Mackey (Ladybug Tools and Payette, USA),  Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, USA), Negendhal Kristoffer (BIG, Denmark), Angela Loder (International WELL Building Institute, USA), Martin Brown(Fairsnape, UK), Ata Chokhachian (TU Munich, Germany), Daniele Santucci (TU Munich, Germany), Munch-Peterson Palle (Henning Larsen and KADK, Denmark), Alexander Hollberg (ETH Zürich, Switzerland), Panu Pasanen (One Click LCA, Finland), Wilmer Pasut (Eurac Research, Italy).

Regenerative Design: from Theory to the Digital Practice.

The aim of the conferences and the training school is the digital implementation of Regenerative Sustainable Design principles in the transformation of existing sites. Via the use of freeware digital parametric modelling, the challenges are to improve outdoor microclimate qualities and the indoor wellbeing, operating a transformation that responds to the criteria of Circular Economy.

The research and design project will represent, in this regard, an opportunity for enhancing life in all its manifestations. This presumes shifting the focus from a solely based human-centred design process into a nature-centred one, where “people and buildings can commit to a healthy relationship with the environment where they are placed”. Such approaches are discussed in morning conferences and in the afternoon scientific driven design developments.

The Barrio of La Luz, which was built after 1960 in Malaga is used as a reference. The site is a polluted heat-island, disconnected from sea breezes, with a spread hardscape, and with no presence of natural elements. Furthermore, the urban dwellers experience poor wellbeing due to the deprived quality of the units, being these modified by tenants often leading to obstructing natural ventilation and light. The projection of climate change will further exacerbate such outdoor and indoor conditions, and there is a need for an example of interventions that are scalable to the Spanish national level.

20 trainees will form four groups that will develop four competing transformation design proposals. The design that shows a qualitative creative solution with the higher simulated performances will be awarded. Criteria for evaluation will also include the quality of the digital modelling phases and the dynamics of development of the integrated strategies. To assess the projects’ success, the jury is composed of a mix of international and local professionals and scientist, with experience in architecture, performance and modelling.

Collaborating for a Living Future.

A brand-new steering committee for the Italian LBC Collaborative.

The Living Building Challenge Collaborative: Italy (LBCCI) is a group of local professional volunteers committed to sustainability, education and implementation of the Living Building Challenge. The LBCC Italy provides a unique in person forum to facilitate change in the built environment. LBC is the most progressive sustainability standard in the world.  While there are a handful of Living Buildings in the world, the number of teams trying to achieve Living Building Challenge status increase every year.

At the Living Building Challenge Collaborative: Italy meeting last May 23rd, we established the new Collaborative steering committee. The mission is to implement the Collaborative strategy and organize and develop the related tasks. The new committee has a clear competence related focus, to address effectively the challenge of developing LBC at a national scale, in close connection with the Living Future Institute Europe initiative and ILFI in Seattle.

Here are the new board members and their brief profiles: Carlo Battisti (facilitator, Outreach), Giuseppe Barbiero (Research), Alla Kudryashova (Operations), Michele Massaro (Projects), Marco Rossato (Products) and Alessandro Speccher (Education).

Carlo Battisti
Living Future Institute Europe
Sustainable innovation manager and consultant. Degree in Civil Engineering from the Politecnico of Milan, twenty years of experience with construction companies. Living Future Accredited Professional. In 2015, he co-founded the Living Building Challenge Collaborative: Italy.

Giuseppe Barbiero
University of Valle d’Aosta
Assistant professor in Ecology and Head of LEAF, the Laboratory of Affective Ecology at the University of Valle d’Aosta. He is co-editor of Visions for Sustainability. His main research interests are the biophilia hypothesis, and the biophilic design.

Alla Kudryashova
University of Bologna
B.A. in Management, M.Sc. in Strategic Leadership towards Sustainability. In 2015, discovered LBC while writing her thesis paper focused on assessment of BREEAM, LEED and LBC from a Strategic Sustainable Development Perspective. Currently serves Knowledge Transfer Office at the University of Bologna.

Michele Massaro
Freelance architect
Architect, strategic planner and innovation enthusiast, he works in the public and private sectors focusing architectural research according to systemic, biomimetic and territorial environmental characterization approaches. Beekeeper, he studies bees, inspiration of sustainability and beauty.

Marco Rossato
Faresin Formwork
Export Area Manager at Faresin Formwork SpA (Vicenza, Veneto region). He is an Architect and an Engineer interested in Sustainability, Design Process and R&D for Building products. He took part as contestant at ReGeneration 2017 LBC design competition.

Alessandro Speccher
Green Building Council Italia
A national recognized practitioner, lecturer, and leading authority in sustainability and regenerative design and implementation. He’s working with GBC Italia from 2007 as President’s assistant, Developer and Education manager and with Progetto CMR as green building and sustainability specialist.

The Living Building Challenge Collaborative: Italy headquarter is at NOI Techpark, Bolzano, same office as the local International Living Future Institute branch.

Anyone interested in getting involved in the LBCC Italy, please contact us or find us at:

Living Building Challenge Collaborative: Italy
c/o International Living Future Institute
Voltastraße / Via Volta 13A
I-39100 Bozen / Bolzano
Tel. +39 0471 094989
LBCCItaly@gmail.com

Web:                    http://collaboratives.living-future.org/italy
Facebook:           https://www.facebook.com/LBCCollaborativeItaly
Twitter:               @LBCItaly
YouTube             LBC Collaborative Italy
SlideShare          http://www.slideshare.net/LBCCItaly

NOI Techpark, Bolzano

Collaborando per un Living Future.

Comitato di gestione nuovo di zecca per il Collaborative italiano di Living Building Challenge.

Il Living Building Challenge Collaborative: Italy (LBCC Italy) è un gruppo di professionisti locali volontari impegnati per la sostenibilità, la formazione e l’attuazione del Living Building Challenge. Il LBCC Italy fornisce un forum unico di confronto “dal vivo” per facilitare il cambiamento nell’ambiente costruito. LBC è lo standard di sostenibilità più avanzato al mondo. Mentre al momento ci sono pochi edifici certificati LBC, il numero di gruppi che sta cercando di realizzare in varie parti del mondo le condizioni del Living Building Challenge cresce ogni anno.

Nella riunione del Collaborative dello scorso 23 maggio, abbiamo istituito il nuovo comitato di gestione del Collaborative. La missione è mettere in atto la strategia del Collaborative e organizzare e sviluppare le attività correlate. Il nuovo comitato ha un chiaro focus di competenza, al fine di affrontare efficacemente la sfida di sviluppare LBC su scala nazionale, in stretta connessione con l’iniziativa Living Future Institute Europe e ILFI a Seattle.

Ecco i nuovi membri del consiglio e i loro brevi profili: Carlo Battisti (facilitatore, diffusione), Giuseppe Barbiero (ricerca), Alla Kudryashova (attività), Michele Massaro (progetti), Marco Rossato (prodotti) e Alessandro Speccher (formazione).

Il Living Building Challenge Collaborative: Italy si trova presso il NOI Techpark a Bolzano, nello stesso ufficio italiano dell’International Living Future Institute.

Chiunque sia interessato a partecipare al LBC Collaborative: Italy, può contattarci o trovarci ai seguenti numeri:

Living Building Challenge Collaborative: Italy
c/o International Living Future Institute
Voltastraße / Via Volta 13A
I-39100 Bozen / Bolzano
Tel. +39 0471 094989
LBCCItaly@gmail.com

Web:                    http://collaboratives.living-future.org/italy
Facebook:           https://www.facebook.com/LBCCollaborativeItaly
Twitter:               @LBCItaly
YouTube             LBC Collaborative Italy
SlideShare          http://www.slideshare.net/LBCCItaly

Sustainability, Restorative to Regenerative.

An exploration in progressing a paradigm shift in built environment thinking, from sustainability to restorative sustainability and on to regenerative sustainability.

Do you want to explore the new frontiers of sustainability? From the work of the COST Action CA16114 RESTORE: REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy, Working Group 1. Restorative Sustainability, here is our first booklet (downloadable for free). Enjoy 🙂

With contributions by Martin Brown, Edeltraud Haselsteiner, Diana Apró, Diana Kopeva, Egla Luca, Katri-Liisa Pulkkinen, Blerta Vula Rizvanolli and many others …

This publication, with contributions from over 20 EU countries is an exploration in progressing a paradigm shift in built environment thinking, from sustainability to restorative sustainability and on to regenerative sustainability.

It presents a reference document for future work of the RESTORE Action, for other Cost Actions and for built environment academia and industry organisations.

VanDusen Botanical Garden, Vancouver (CAN)

Summary

  • Introduction
  • Definitions – the Language for Sustainability
  • Social, Health and Participation in Sustainability
  • Living Buildings
  • Regenerative Heritage
  • Circular Economy
  • WG1 Activities
  • Epilogue
  • WG1 People

Portland Japanese Garden, Portland (OR, USA)

(From the Introduction by Martin Brown and Edeltraud Haselsteiner)

It is now some 30 years since Brundtland defined sustainable development, broadly defined as not doing anything today to compromise tomorrow’s generation, and in doing so defined sustainability for business and enterprises globally.
Many in the built environment have taken this passive ‘do nothing’ approach, as license to do the least possible. Consequently, we have and we continue to compromise future generations.
The built environment is a huge influencer on ‘sustainability’, we spend over 90% of our time working, living and playing within our buildings. Despite sustainability and corporate social responsibility initiatives it is irresponsible that we have generally failed to grasp our influence and to address the potential to move the needle on wider global sustainability and climate issues.
Buildings, and the manner in which we design, construct and maintain them have been a significant contributor to climate breakdown we are witnessing.

Restorative and regenerative approaches can flip this enabling buildings to become part of climate regeneration solutions.
Maybe sustainability is not a journey, but a state of equilibrium, based on giving as much as we take. On the negative side where we take more, we are unsustainable and no matter how much we reduce our impacts we will always remain unsustainable. On the positive side ‘to do more good‘ we open doors to
restore environments and communities, and to create and enable conditions for environmental, social and economic regenerative growth […].

We no longer have the luxury of just being less bad.” (RESTORE)

Matera. Benessere e felicità riscoprendo il proprio passato.

[Questo articolo, scritto in collaborazione con Giuseppe Larato, Michele Massaro e Michele Scavetta, è la versione estesa in italiano dell’articolo “Matera, Italy: the original Living Community“, pubblicato sull’ultimo numero di Trim Tab (vol. 33) dell’International Living Future Institute, che potete leggere qui].

Matera, da vergogna nazionale a patrimonio dell’umanità.

Matera rappresenta il paradigma dell’evoluzione di un insediamento umano riferibile essenzialmente a due elementi che nei Sassi[1] hanno un’evidenza particolare:

  • un assetto spaziale organizzato attorno a spazi comuni che determina pratiche collaborative tra gli abitanti nella gestione delle attività quotidiane;
  • una piena integrazione dell’insediamento umano nell’ambiente naturale, ottenuta sviluppando e perfezionando tecniche di costruzione finalizzate a utilizzare le caratteristiche orografiche per adattarsi al clima arido del sito. L’elemento che ha condizionato in modo determinate l’evoluzione urbana è la necessità di garantire l’approvvigionamento idrico attraverso la raccolta e l’accumulo dell’acqua sorgiva e piovana con un sistema capillare e diffuso di canalizzazioni e cisterne.

Gli studi, che hanno interessato Matera nell’immediato dopoguerra, hanno enfatizzato la vita comunitaria che caratterizzava l’assetto sociale dei Sassi considerando il “vicinato” come modello da conservare e trasferire nei nuovi insediamenti che si andavano realizzando.

La scarsa considerazione assegnata dagli studi alla “qualità” dell’insediamento urbano nelle sue componenti relative alla sostenibilità e alla resilienza può essere addebitata alle particolari condizione abitative che caratterizzavano i Sassi nell’immediato dopoguerra riconducibili:

  • ai fenomeni di sovraffollamento delle abitazioni determinatasi storicamente nel periodo tra le due guerre che aveva visto Matera passare dai 20.163 abitanti del censimento del 1931 ai 30.390 del Censimento del 1951;
  • alle evidenti criticità che il sovraffollamento aveva creato, squilibrando il rapporto tra risorse, unità abitative e popolazione.

La mancanza di salubrità delle abitazioni dei Sassi non è stata considerata una condizione contingente ma una “vergogna” da sanare con il trasferimento in abitazioni “moderne”, senza cogliere le possibilità, recuperando la sapienza costruttiva accumulata nel corso dei secoli dagli abitanti, di traghettare con continuità l’insediamento dei Sassi nella “modernità”.

Solo nel 1993, con l’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale dell’umanità, viene riconosciuto ai Sassi, dopo 40 anni di abbandono il loro valore di:

  • “eccezionale testimonianza … per le generazioni future per il modo di utilizzare la qualità dell’ambiente naturale per l’uso delle risorse del sole, della roccia e dell’acqua” (Criterio 3)
  • “esempio rilevante di un insieme architettonico e paesaggistico testimone di momenti significativi della storia dell’umanità” che hanno portato alla realizzazione di “sofisticate strutture urbane costruite con i materiali di scavo” (Criterio 4)
  • “rilevante esempio di insediamento umano tradizionale … che ha, dalle sue origini, mantenuto un armonioso rapporto con il suo ambiente naturale e un equilibrio tra intervento umano ed ecosistema per oltre nove millenni” (Criterio 5)

Le leggi speciali che hanno accompagnato l’evoluzione di Matera e dei Sassi da “Vergogna nazionale” a “Patrimonio dell’Umanità” e recentemente a “Capitale europea della cultura 2019” hanno svolto un ruolo rilevante.

Dalle prime leggi che hanno previsto lo sfollamento dei Sassi, il trasferimento della popolazione nei nuovi quartieri e il conferimento al demanio statale delle abitazioni abbandonate, con la legge 771/1986 si è arrivati ad avviare un vasto intervento di recupero che ha visto come protagonisti il Comune e i privati, attraverso l’istituto della subconcessione onerosa[2], i cui risultati sono evidenti.

Le particolari suggestioni che oggi la città di Matera offre possono essere ricondotte alla sensazione di “coerenza” complessiva dell’insediamento che gli interventi di recupero sono riusciti a realizzare nei singoli elementi costruttivi. Questo fa sì che i Sassi di Matera possano rappresentare, in modo esemplare, i valori presenti in molte città bacino del mediterraneo.

Matera, la comunità biofilica e sana.

L’antica città di Matera è un modello insediativo caratterizzato da un rapporto stretto con la natura del luogo.  Una città mediterranea, un “rifugio” scavato nella roccia, che ha i principi basilari di una comunità sana e felice. L’ambiente, a misura d’uomo, è fatto di luoghi sani, biofilici ed è costituito da invisibili connessioni che consentono flessibilità, efficienza e libertà.

Da ogni punto della città antica, dal Sasso Barisano, alla Civita, al Sasso Caveoso, ci si rapporta strettamente alla gravina[3]. Tale solco torrentizio non è che l’immagine della preistoria, appartenenza ancestrale alla madre terra, MATER- Matera.

Le caratteristiche ambientali costruiscono la città in una molteplicità di stratificazioni. C’è il colore cangiante della roccia, il suono dell’acqua della gravina, colonna sonora del giorno; c’è il senso di grande respiro che sale verso il cielo lungo i pendii.  Il sole e le ombre si seguono fino in fondo alle grotte scavate in obliquo, magiche e misteriose meridiane.

Una moltitudine di giardini pensili, di piante di vite si arrampicano come ragni alle pareti scavate a coprire i patii a mezzogiorno. Il paesaggio geologico diventa materiale costruttivo e attore protagonista della vita quotidiana. Tra le macchie e lungo il torrente non è raro scorgere una volpe con la fulgida coda come un pennello a dipingere il sentiero.

Le forme naturali sono nei sentieri curvi, disegnati per gli asini, un fiorire di segni botanici. Tutto si avvolge in se stesso come i canali di raccolta dell’acqua che con vortici veloci e le fenditure nette si riposano in ampie e placide cisterne, immobili ed eterne. Tutto è biomimesi, tutto appare come natura umanizzata. I percorsi e gli ambienti interni sono variabili alle stagioni e al tempo; sistemi aperti e chiusi s’intrecciano tra loro in una successione tra pubblico e privato in cui tutto è interconnesso. C’è una gerarchia complessa, come arterie e capillari nel corpo degli esseri viventi.

La luce naturale, simbolo di vita e colore, ha costruito questi ambienti, indicando la linea di scavo delle grotte fino a illuminarne le profondità.

Matera è spazio dell’anima, connessa con la storia umana e con la cultura materiale. Il senso che pervade la città è la verità e l’autenticità. Si esprime un grande senso di empatia, di forte connessione d’animo. E’ un equilibrio perfetto tra l’antico e il moderno in cui l’essere umano può sentirsi parte integrante della natura, sicuro rifugio. Un complesso sistema di stratificazioni che non esprime mai disordine ma continuo senso di scoperta e sicurezza. La contiguità nel vicinato esprime affezione umana, confronto in uno scambio di umanità. Un modello di comunità di grande spiritualità e bellezza che come diceva Stendhal “… è una promessa di felicità”.

Matera, Living Community?

La città di Matera è un luogo unico dove non è più possibile distinguere l’ambiente naturale e il luogo antropizzato perché il primo ha invaso il secondo e viceversa, un luogo in cui grotte naturali diventano casa e grotte scavate diventano naturali in un continuo rapporto osmotico che perdura anche oggi. Le abitazioni conservano quelle caratteristiche che le hanno connaturate per millenni, in un efficace dialogo con la contemporaneità che contribuisce alla sua stessa tutela.

L’impossibilità di raggiungere tutte le abitazioni con mezzi a motore regala inaspettati silenzi e una qualità della vita all’aperto ineguagliabile, oltre che un ambiente salubre e sicuro, in cui la mobilità lenta allontana i rischi prodotti dagli autoveicoli.

Da un punto di vista energetico potremmo immaginare che l’intero rione Sassi sia un’immensa massa con grande inerzia termica, se questo impone apporti energetici durante il periodo invernale, annulla l’utilizzo di metodi di raffrescamento estivi che sono preponderanti a queste latitudini.

L’essere Patrimonio Mondiale UNESCO, insieme con enormi vantaggi legati alla visibilità e al valore intrinseco del riconoscimento, impone degli obblighi, obblighi di rispetto del patrimonio stesso e del suo valore. Ne segue la necessità di utilizzare unicamente materiali della tradizione, privi quindi di agenti inquinanti. Pietra (tufo), legno, vetro e ferro li ritroviamo nelle facciate, nelle porte di accesso alle grotte, nelle piccole finestre e nelle ringhiere che disegnano il prospetto dei sassi, perché i Sassi questo sembrano, un unico indistinguibile prospetto nel quale colori e materiali in una danza silenziosa si uniscono agli spuntoni di roccia e all’azzurro del cielo per donarci immagini meravigliose.

Alicia Daniels Uhlig (International Living Future Institute)

Living Buildings e Living Communities: la sfida della rigenerazione, Matera, 6 febbraio 2018

L’evento organizzato dal Living Building Challenge Collaborative: Italy, ha portato il protocollo e la filosofia LBC nel cuore dell’estremo sud d’Italia. All’interno di Casa Cava – un’ex cava di tufo nei Sassi di Matera adibita a spazio per eventi culturali – si sono riuniti più di 120 architetti e ingegneri dalla Puglia e dalla Basilicata.

Alicia Daniels Uhlig, in collegamento da Seattle, ha illustrato il protocollo Living Community Challenge, con alcuni paralleli interessanti con l’esperienza di Matera. Nell’introduzione all’evento Michele Massaro, del Collaborative Italy, ha sottolineato come le buone pratiche di sviluppo urbano di Matera, siano un esempio ancora molto attuale di sostenibilità dell’ambiente costruito. Giuseppe Larato, pure del Collaborative, ha poi sintetizzato i più diffusi protocolli sulla sostenibilità degli edifici, aprendo la strada a una riflessione su LBC. Dal Politecnico di Bari, Francesco Fiorito ha evidenziato l’importanza di ridurre l’effetto isola di calore all’interno dei centri urbani; mentre Fabio Fatiguso ha analizzato i Sassi come caso studio di resilienza urbana per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Carlo Battisti, facilitatore del Collaborative italiano, ha infine fornito una panoramica sul protocollo LBC e sulla missione dell’International Living Future Institute.

I principi di LBC si ritrovano anche nelle attività di RESTORE (REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy), un progetto di 4 anni finanziato dall’Unione Europea, che mira a creare le condizioni per una sostenibilità ristorativa dell’ambiente costruito, grazie ad una rete di più di 140 professionisti e ricercatori da 38 nazioni europee e internazionali.

Qui di seguito le presentazioni dell’evento:

[1] Con il nome “Sassi” a Matera s’intendono due grandi quartieri che costituiscono, insieme alla “Civita” e al “Piano”, il centro storico della città di Matera.

[2] Il concessionario di un bene demaniale può dare in uso a terzi, a titolo oneroso e dietro corrispettivo, locali facenti parte del demanio, sia mediante locazione che mediante subconcessione.

[3] La gravina è una tipica morfologia carsica della Murgia. Le gravine sono incisioni erosive profonde anche più di 100 metri, molto simili ai Canyon, scavate dalle acque meteoriche nella roccia calcarea. Le loro pareti, molto inclinate e in alcuni casi verticali, possono distare tra loro da poche decine a più di 200 metri.

This article, written in collaboration with Giuseppe Larato, Michele Massaro and Michele Scavetta, is the extended version of ‘Matera, Italy: the original Living Community’, featured on the last number of Trim Tab (Issue 33) of the International Living Future Institute, that you may read here.

Restorative buildings across Europe.

Join us for a series of talks between Berlin and London about restorative buildings.

Sustainability in buildings, as understood today, is an inadequate measure for architectural design, for it aims no higher than trying to make buildings ‘less bad’. Please join us in a series of events on week 16/2018 between Berlin and London to understand how we can bring restorative principles to buildings across Europe. Here is the program, enjoy 🙂

Greenbuild Europe Reception
April 16, 2018
6-7:30 PM
Humboldt-Box
Schloßpl. 5, 10178 Berlin, Germany

The International Living Future Institute would like to invite you to join a reception at the inaugural Greenbuild Europe Conference for a special announcement.
This exciting event and presentation will feature Amanda Sturgeon, CEO and author of Creating Biophilic Buildings, talking about the future of green buildings and regenerative design.
The event is free, but registration is required. Food and drink will be provided.
with Amanda Sturgeon (ILFI, CEO) and Carlo Battisti.

Bringing Restorative and Living Buildings to Europe. The COST Action RESTORE.
April 18, 2018
10-11 AM
Greenbuild Europe, Radisson Blu Hotel
Karl-Liebknecht-Str. 3, 10178 Berlin, Germany

The COST Action CA16114 ‘REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy’ (RESTORE) will affect a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings, promoting forward thinking and multidisciplinary knowledge, leading to solutions that celebrate the richness of design creativity while enhancing users’ experience, health and wellbeing inside and outside buildings, in harmony with urban ecosystems, reconnecting users to nature.
– with Carlo Battisti, Martin Brown (Fairsnape) and Amanda Sturgeon (ILFI, CEO).

Life Cycle Assessment as a tool for design.
April 18, 2018
10-11 AM
Greenbuild Europe, Radisson Blu Hotel
Karl-Liebknecht-Str. 3, 10178 Berlin, Germany

This session will focus on tools available to practitioners to assess and lower emissions of their projects, through environmental-oriented material and construction choices. New information will include an inventory of available data in Europe, an overview of LCA tools, a proposed simplification and standardisation of uncertainty in LCA and a hands-on case study.
– with Catherine De Wolf (EPFL), Giulia Peretti (WSGT), Lisanne Havinga (TU Eindhoven) and Emanuele Naboni (KADK).

Healthy habitats for humans.
April 20, 2018
8:30 AM – 12:30 PM
Interface London, 1 Northburgh Street, London EC1V 0AL, United Kingdom

“Biophilic design is a design philosophy, and has the potential to intentionally reconnect people and nature through buildings. It goes beyond adding plants or a water feature and focuses on connecting to the particular ecology of a place, to its culture and climate to create buildings that are full of life.”
– with Amanda Sturgeon, author of Creating Biophilic Buildings, CEO, International Living Future Institute.
Price £ 53,59. Tickets here.

Buona Pasqua ! Frohe Ostern ! Happy Easter !

Buona Pasqua ! Frohe Ostern ! Happy Easter !

And thank you for following me so far, after 6 years. Help me keep a good blogging … 🙂

Come ti facilito il facility (management).

District and Facility Management, il corso di IDM.

Il Facility Manager in Italia non è ancora molto diffuso, ma l’Alto Adige è all’avanguardia: è infatti la prima provincia in cui pubblico e privato, coordinati da IDM Alto Adige – Südtirol, hanno collaborato per pubblicare delle Linee Guida e organizzare un corso che inizierà a maggio.
“Vogliamo ridurre i costi generati dai 598 edifici che amministriamo come Provincia imparando a gestirli in modo più strategico e sistematico”, afferma il presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, che continua: “È per questo che stiamo puntando sul Facility Management, che ci permetterebbe risparmiare fino al 30%; le iniziative di IDM sono un supporto per farci raggiungere questo obiettivo”.

Il Facility Management, infatti, permette di sistematizzare la gestione di terreni, impianti, infrastrutture e aspetti commerciali di un immobile e di valutarne l’efficienza. Per pianificare come introdurre a livello provinciale questa metodologia, l’Ecosystem Constructions di IDM ha riunito nel Gruppo di Lavoro “District & Facility Management” enti di ricerca come Eurac Research e Fraunhofer Italia, diverse imprese, l’Agenzia Casa Clima, l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige e l’Ufficio manutenzione opere edili della Provincia [ANSA].

Eurac Research e l’Ecosystem Constructions di IDM propongono un percorso formativo che mira ad accrescere il know-how di aziende e liberi professionisti operanti nel settore del facility management. Il corso intende trasferire a liberi professionisti e personale tecnico di aziende concetti e metodi innovativi relativamente al settore del facility management. Il percorso didattico presenta una struttura completa per quanto riguarda gli argomenti trattati, in modo da fornire concetti, strumenti e metodi innovativi, nonché il necessario approfondimento sulle norme tecniche del settore.

L’obiettivo è stimolare l’aumento di competenze in un settore, quello delle costruzioni, sempre più soggetto a regolamentazioni di natura gestionale degli edifici. Oltre accrescere il know-how specifico di aziende e liberi professionisti operanti nel settore e si cerca di costruire una rete di operatori tecnici e soggetti specializzati che possano porsi sul mercato con qualità e competenza, rispondendo in maniera efficace alle richieste di mercato. Lo scopo è quindi quello di formare una figura professionale specializzata che sia in grado di padroneggiare le conoscenze tecniche e gestionali per sfruttare al massimo le potenzialità del patrimonio edilizio, partendo dalla progettazione e finendo con la corretta esecuzione e gestione.

Foto: Gensler

DATE DEL CORSO
17.05-18.05.2018
07.06-08.06.2018
04.10-05.10.2018
25.10-26.10.2018

STRUTTURA

  • Unità 01 Introduzione al Facility Managment – Strumenti Gestionali
  • Unità 02 Diagnosi e diagnostica – Gestione quotidiana dell‘immobile
  • Unità 03 Normativa e certificazione
  • Unità 04 Finalizzazione project work e presentazione finale

DOCENTI

  • Daniele Antonucci (EURAC research)
  • Carlo Battisti (IDM Südtirol – Alto Adige)
  • Marco Castagna (EURAC research)
  • Maurizio Costantini (Università degli Studi di Trento)
  • Mario Dejaco (Politecnico di Milano)
  • Stefano Nardon (Agenzia CasaClima)
  • Roberta Pernetti (EURAC research)
  • Marco Piovano (Fraunhofer Italia)
  • Alexander Schweigkofler (Facility Tirol)
  • Emilio Tonetta (FM Pool)
  • Giuliano Venturelli (Sistemi e Progetti)
  • Massimiliano Zurli (TOL)

DESTINATARI
Liberi professionisti, progettisti, tecnici del settore delle costruzioni, gestori e committenti di immobili pubblici e privati, imprese di manutenzione e fornitori di servizi per la gestione degli edifici pubblici e privati.

REQUISITI DI AMMISSIONE
Diploma o laurea ad indirizzo tecnico, o equivalente esperienza nella gestione di edifici o fornitura di servizi per la gestione di immobili pubblici e privati.

DURATA
4 unità per complessive 7,5 giornate (60 ore)

LUOGO DI SVOLGIMENTO
Bolzano – NOI Techpark

QUOTA DI ISCRIZIONE 950 €

LINGUA DEL CORSO Italiano

CREDITI FORMATIVI
Verranno richiesti i crediti formativi agli Ordini di competenza

INFORMAZIONI, ISCRIZIONE E TUTORING
Marco Cecchellero education@eurac.edu
Tel. +39 0471 055 444

Brochure