Archivi tag: indoor air quality

Innovation Workshop, l’alta formazione di UC17.

John Boecker

Sarà John Boecker, partner fondatore di 7group, ad avviare il prossimo 23 ottobre l’Innovation Workshop, il programma di alta formazione (80 ore) che costituisce una delle tre fasi di Under Construction 2017. A fare compagnia al “papà” della progettazione integrata e dello sviluppo rigenerativo, protagonista della nascita e dello sviluppo di LEED, un “dream team” di qualificati docenti, selezionati a rappresentare il know-how altoatesino sui temi del comfort e della qualità dell’aria e dell’ambiente interno agli edifici.

Hotel Adler Mountain Lodge, Siusi (BZ)

INNOVATION WORKSHO

Programma

1^ settimana (23-27.10.2017)

Gabriele Frasnelli

Lunedì 23 ottobre
1.1  Processo di progettazione integrata. con John Boecker, 7group
1.2  Illuminazione e comfort visivo.  c/ Giuseppe De Michele, EURAC research e Gabriele Frasnelli,   Stuppner & Frasnelli

Massimo Rovere

Martedì 24 ottobre
1.3  WELL. Le persone al centro. c/ Carlo Battisti, IDM Südtirol Alto Adige
1.4  Acustica dell’ambiente interno. Casi studio, misurazioni, bonifiche,   materiali. c/ Massimo Rovere, Studio di Acustica

Mercoledì 25 ottobre
1.5  Enertour (visita a hotel esemplari), a cura di IDM Südtirol Alto Adige

Peter Erlacher

Giovedì 26 ottobre
1.6  Materiali salubri per hotel sani. c/ Peter Erlacher, Naturno

Venerdì 27 ottobre
1.7  Sistemi di monitoraggio, valutazione del comfort e della qualità   dell’aria interna. c/ Wilmer Pasut, EURAC research
1.8  Strategie di ventilazione per la mitigazione del discomfort. c/ Annamaria Belleri, EURAC research

2^ settimana (20-24.11.2017)

Lunedì 20 novembre
2.1  Workshop con aziende e hotel – I, a cura di IDM Südtirol Alto Adige

Anna Scuttari

Martedì 21 novembre
2.2  Comportamento dinamico dell’involucro edilizio. c/ Stefano Avesani, EURAC research
2.3  Innovazione nel turismo e nelle strutture alberghiere. c/ Anna Scuttari e Ingrid Kofler, EURAC research

Martina Demattio

Mercoledì 22 novembre
2.4  ClimaHotel: il sigillo di qualità per progettare, costruire e gestire   hotel sostenibili. c/ Martina Demattio, Agenzia per l´energia Alto Adige – CasaClima
2.5  Megatrends nel settori Health & Wellness (con visita al Bio Vital Hotel Theiner’s Garten). c/ Sabine Schnarf, IDM Südtirol Alto Adige

Giovedì 23 novembre
2.6  Sustainable Innovation Management. c/ Carlo Battisti, IDM Südtirol Alto Adige

Marco Larcher

Venerdì 24 novembre
2.7  Analisi termiche e dei rischi di condensa di nodi critici. c/ Marco Larcher, EURAC research

2.8  Workshop con aziende e hotel – II, a cura di IDM Südtirol Alto Adige

 

Hotel Edenselva, Selva di val Gardena (BZ)

Under Construction è un metodo sviluppato da IDM Südtirol Alto Adige e EURAC Research per facilitare il trasferimento tecnologico e l’innovazione, avvicinando ricerca e imprese. Il tema centrale del 2017 è “Comfort e qualità dell’aria e dell’ambiente interno agli hotel”.

Under Construction è strutturato nelle seguenti fasi:
1) “Innovation workshop”: moduli di formazione di alto livello sui temi legati al comfort e alla qualità dell’aria e dell’ambiente interno degli hotel.
2) “Field Workshop” nell’hotel assegnato.
3) Evento pubblico di presentazione finale dei risultati.

Per il programma di formazione è stato richiesto l’accreditamento per 80 crediti formativi professionali (CFP) per ingegneri e periti industriali.

Scarica qui il programma completo della formazione. Qui invece trovi la brochure di Under Construction 2017.

La partecipazione è gratuita. Le spese di viaggio e soggiorno sono a carico del partecipante. IDM ed EURAC Research selezioneranno al massimo 12 partecipanti, sulla base del Curriculum professionale e delle motivazioni. Il 30% dei posti è riservato a partecipanti residenti o operanti in Alto Adige.

Inviare la candidatura, che deve includere una lettera di motivazione e il curriculum professionale, entro il 31 luglio 2017 a:

Giulia Faiella
via Siemens 19, 39100 Bolzano – Italia
+39 0471 094231
giulia.faiella@idm-suedtirol.com

I’m doing WELL.

The WELL Building Standard (WELL) focuses on the people in the building.

Over the last decade, green building standards and standard-setting organizations have made significant strides towards the market transformation of the building industry, resulting in a rapid expansion of green buildings and environmentally conscious building practices throughout the world.

Over the same period, strategies to enhance human health and well-being have played a relatively small role in the evolution of building standards. The time has come to elevate human health and comfort to the forefront of building practices and reinvent buildings that are not only better for the planet, but also for people.

2016_08_18-09 WELL

The WELL Building Standard (WELL)

  • is the first standard of its kind that focuses solely on the health and wellness of building occupants.
  • identifies 100 performance metrics, design strategies, and policies that can be implemented by the owners, designers, engineers, contractors, users and operators of a building.
  • is based on a thorough review of the existing research on the effects of spaces on individuals and has been advanced through a thorough scientific and technical review.
  • requires that the space must undergo a process that includes an on-site assessment and performance testing by a third party.

WELL is the culmination of seven years of rigorous research in collaboration with leading physicians, scientists and industry professionals. Pioneered by Delos, WELL is administered by the International WELL Building Institute (IWBI) and third-party certified through IWBI’s collaboration with Green Business Certification Inc. (GBCI), the certification body that administers the LEED Green Building Rating System.

2016_08_18-08 Haworth

Haworth new showroom, Los Angeles (CA)

What are the interactions between humans and the built environment? Traditional healthcare delivery systems primarily focus on addressing health after people have already become sick. With rising costs and the increased burden of chronic diseases such as diabetes, cardiovascular disease and cancer, people are turning to more lifestyle-oriented and preventative approaches to health.

2016_08_18-01 LEED

LEED: the building as a human body

2016_08_18-06 body systems

WELL: the human body within the building

The WELL Building Standard is founded on the understanding that facets of our environment interact with personal, genetic and behavioral factors to shape our overall health and well-being. WELL measures attributes of buildings that impact occupant health by looking at seven factors, or Concepts, relevant to occupant health and well-being: air, water, nourishment, light, fitness, comfort and mind:

Air – Clean air is a critical component to our health. Air pollution is the number one environmental cause of premature mortality, contributing to 50,000 premature deaths annually in the United States and approximately 7 million, or one in eight premature deaths Worldwide.

Water – Drinking water contamination is a major public health issue. Many people receive water that has been exposed to potentially harmful levels of biological, chemical and mineral contaminants. The World Health Organization (WHO) reports that almost one billion people lack access to safe drinking water worldwide, and two million annual deaths are attributable to unsafe water, sanitation and hygiene.

Nourishment – Nutrition plays a key role in health maintenance, weight management and chronic disease prevention. However, adherence to the dietary recommendations in the U.S. is poor. Similarly, global dietary patterns are also less than optimal; in many countries, people consume more than 500 calories from added sugars per day.

Light – In addition to facilitating vision, light influences the human body in non-visual ways. Humans and animals have internal clocks that synchronize physiological functions on roughly a 24-hour cycle called the circadian rhythm.

Fitness – Modern transportation, labor saving conveniences and sedentary jobs have created an environment in which millions of people fail to achieve the minimum level of activity necessary to help prevent type 2 diabetes, metabolic syndrome, obesity, heart disease and other chronic conditions.

Comfort – The indoor environment should be a place of comfort. In pursuit of that vision, the WELL Building Standard® focuses on significantly reducing the most common sources of physiological disruption, distraction and irritation and on enhancing acoustic, ergonomic, olfactory and thermal comfort to prevent stress and injury and facilitate comfort, productivity and well-being.

Mind – While mental and physical health are often conceptualized as separate domains, our minds and bodies are inextricably connected. Because the mind plays a vital role in an individual’s overall health and well-being, an atmosphere that supports a healthy mental state can have significant psychological and physical benefits.

2016_08_18-07 Phipps

Phipps Conservatory and Botanical Gardens, Pittsburgh (PA)

If you consider the life of a building over 30 years, personnel costs significantly outweigh any other building and operational cost. By introducing WELL into built spaces, we can significantly reduce personnel costs — health, medical and productivity — in the long run. Clearly long term value can be generated by addressing occupant health in both commercial and residential spaces.

2016_08_18-04 WELL scorecardWELL Certification allows building owners and employers to know their space is performing as intended to support human health and wellness. The WELL Building Standard v1 is optimized for commercial and institutional buildings and can be applied to three project typologies: New and Existing Buildings, New and Existing Interiors, Core and Shell Compliance.

WELL works harmoniously with LEED and the Living Building Challenge. IWBI welcomes projects to pursue both LEED and the Living Building Challenge alongside WELL in order to promote both environmental sustainability and human health. A number of overlapping features exist between WELL and both LEED and the Living Building Challenge, which are described in detail in the appendices of the WELL Building Standard. «Working together to optimize building performance for human health and our environment».

2016_08_18-02 WELL APThe WELL Accredited Professional (WELL AP) credential is an advanced credential intended for experienced building professionals. The WELL AP ensures to the public, building owners and other building professionals that the credential holder has demonstrated advanced knowledge and proficiency in building wellness and the principles, practices and applications of the WELL Building Standard. A couple of weeks ago I earned the WELL Accredited Professional credential :-).

[Sources: WELL Building Standard® v1, September 2015; WELL Brochure; WELL One pager. Copyright© 2015 by Delos Living LLC. The WELL AP™ trademark is used with permission from the International WELL Building Institute™]

Under Construction, traguardo vicino.

Procede a pieno ritmo la fase conclusiva di “Under Construction“. L’evento finale di presentazione dei risultati è venerdì 22 gennaio 2016, ore 14-18 presso TIS, Bolzano. Partecipazione gratuita previa iscrizione entro 16.01.2016 inviando una mail a carlo.battisti@idm-suedtirol.com.

Under Construction (Building Innovation) è un metodo sviluppato dal Cluster Edilizia del TIS e da EURAC, Istituto per le Energie Rinnovabili, per facilitare il trasferimento tecnologico e l’innovazione, avvicinando ricerca e imprese. Il tema centrale del 2015, in collaborazione con il Cluster Salute & Benessere del TIS, è “Comfort e qualità dell’aria e dell’ambiente interno”.


L’evento ha lo scopo di presentare in anteprima le idee di innovazione elaborate dalle tre imprese altoatesine partner dell’edizione 2015:

  • Hofer Group: soluzioni tecnologiche per il settore saune e piscine, per il miglioramento degli aspetti di igiene, salute, economici ed energetici
  • Naturalia-BAU: soluzioni naturali per l’edilizia a limitate emissioni in ambiente interno di composti organici volatili (VOC) e relativo sistema di verifica/certificazione.
  • Vitralux: sviluppo di un nuovo profilo a taglio termico per serramenti in alluminio ad alte prestazioni.

L’innovazione efficace si fa in rete: nella seconda parte dell’evento, durante il “World Cafè”, i partecipanti potranno discutere le idee di innovazione direttamente con i team e le aziende di Under Construction, con la possibilità di fornire e ricevere nuovi stimoli in un’ottica di miglioramento continuo.
2015_01_14-02 Under Construction

Programma

Iscrizione: entro il 16 gennaio 2016
E-mail a carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Contatto:
Carlo Battisti, IDM Südtirol-Alto Adige, Development
Via Siemens 19, 39100 Bolzano, T + 39 0471 094232
carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Quota di partecipazione: gratuito
Evento in lingua italiana senza traduzione simultanea.

2015_01_14-01 IDMCon il 2016 i fornitori di servizi per l’economia altoatesina EOS, SMG, TIS e BLS sono diventati IDM Südtirol – Alto Adige, la nuova azienda speciale della Provincia di Bolzano e della Camera di commercio.
I servizi del TIS innovation park continuano ad essere offerti e portati avanti, principalmente dal reparto Development di IDM.

——————–

Under Construction (Building Innovation) ist eine Unterrichtsmethode, die vom TIS-Cluster Bau und EURAC-Institut für Erneuerbare Energien entwickelt wurde, um den Technologie- und Innovationstransfer zwischen Forschungs- und Unternehmenswelt zu erleichtern. Zentrales Thema der diesjährigen Ausgabe war – in Zusammenarbeit mit dem Cluster Gesundheit & Wellness des TIS – „Komfort und Luft- und Innenraumqualität“.


Bei der Veranstaltung werden die innovativen Entwicklungen von den drei Südtiroler Unternehmen vorab präsentiert, welche bei der Edition 2015 Partner des Projektes waren:

  • Hofer Group – Technologielösungen für Saunen und Schwimmbäder, um die Aspekte der Hygiene, Gesundheit, Wirtschaft und Energie zu verbessern
  • Naturalia-BAU – Natürliche Lösungen im Bauwesen mit limitierten Emissionen von flüchtigen organischen Verbindungen (VOC) in der Innenraumluft und ihr System der Verifizierung/Zertifizierung
  • Vitralux – Entwicklung eines neuen Profils mit einer Wärmesperre für Hochleistungs- Alu-Rahmen

Effiziente Innovation erreicht man beim Networking: im zweiten Teil der Veranstaltung können sich die Teilnehmer beim „World Café“ mit den Teams und den Betrieben von Under Construction über innovative Ideen unterhalten und dabei neue interessante Anregungen bekommen.

Programm

Anmeldung: bis 16 Januar 2016
E-mail carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Kontakt:
Carlo Battisti, IDM Südtirol-Alto Adige, Development
Siemensstraße 19, 39100 Bozen, T + 39 0471 094232
carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Anmeldegebühr: kostenlos.
Veranstaltung in italienischer Sprache ohne Simultanübersetzung

2015_01_14-01 IDMMit Jahreswechsel wurde aus den Wirtschaftsdienstleistern BLS, EOS, SMG und TIS: IDM Südtirol – Alto Adige, der neue Sonderbetrieb des Landes Südtirol und der Handelskammer Bozen.
Die Dienstleistungen und Aktivitäten des TIS innovation park werden auch weiterhin angeboten und durchgeführt, hauptsächlich in der IDM-Abteilung Development.

Linee Guida sul Comfort: ora in vendita.

Progettare e realizzare il comfort è una disciplina fatta di conoscenza e lavoro di squadra tra progettisti, consulenti, imprese e cliente. Un’impresa complessa, dove la sfida non è solo la tecnologia, ma il dialogo multidisciplinare, verso un obiettivo comune.

2015_10_22-02 Leitfaden zum KomfortPer questo, la rete di esperti del Gruppo di lavoro IEQ del Cluster Edilizia del TIS innovation park ha deciso di realizzare questa linea guida sul comfort: il miglior modo che avevamo per dimostrare la potenza del lavoro di gruppo, era farlo su noi stessi.
Un lavoro di squadra frutto del metodo maturato nei dieci anni di gestione dei network di innovazione del TIS e della passione che ci spinge ad aprire nuovi mercati per le nostre imprese e professionisti.
Dal territorio che da anni promuove l’efficienza energetica in tutta Italia, una guida per fare il passo successivo: progettare abitazioni, uffici, scuole e strutture ricettive centrate sul benessere di chi le userà.
Crediamo che il metodo più efficace di guidare, sia dare l’esempio. Questa pubblicazione è il nostro esempio di come la cooperazione renda leader, ed è il nostro strumento per aiutarvi a guidare il mercato [introduzione di S. Prosseda, La leadership del comfort].

Le Linee Guida sul Comfort sono in vendita al:
Prezzo cadauno: 20 € + IVA

Ordini: prego inviare mail a carlo.battisti@tis.bz.it
TIS innovation park | Cluster Edilizia
Via Siemens 19 39100 Bolzano
Tel +39 0471 068144 Fax +39 0471 068100
E-Mail: cluster.bau@tis.bz.it Internet: http://www.tis.bz.it/edilizia
P.IVA: IT 01677580217

2015_10_23-03 Zona ComfortQui la presentazione delle Linee Guida sul Comfort al convegno “Zona Comfort” del 21.10.2015 al TIS!

 

2015_10_23-6 autori

I redattori | Die Redakteure

Komfort zu planen und zu realisieren bedeutet Know How und Teamarbeit von Projektleitern, Beratern, Unternehmen und Kunden. Ein komplexes Unterfangen, wobei die Herausforderungen nicht rein in der Technologie, sondern im multidisziplinären Dialog und der Ausrichtung auf ein gemeinsames Ziel liegen.

2015_10_22-01 Linee Guida ComfortDeshalb haben die Experten der Arbeitsgruppe IEQ des Clusters BAU beschlossen, den vorliegenden Leitfaden zum Thema Komfort zu realisieren: die Stärke der Teamarbeit beweisen wir am besten an uns selbst.
Eine Teamarbeit als Ergebnis von 10 Jahren Erfahrung im Innovationsnetzwerk des TIS und aus unserer Leidenschaft heraus, neue Märkte für unsere Unternehmen und Fachleute zu erschließen.
Einen Leitfaden also und ein nächster Schritt bei der Planung von Wohnungen, Büros, Schulen und Beherbergungsbetrieben, die auf das Wohlbefinden ihrer Nutzer ausgerichtet sind; ausgehend von dem Gebiet, das seit Jahren das Thema Energieeffizienz in ganz Italien vorantreibt.
Wir glauben, die beste Art der Führung liegt darin, mit gutem Beispiel voranzugehen. Diese Broschüre ist unser Beispiel dafür, wie aus Zusammenarbeit Leadership entstehen kann und unsere Hilfe für euch auf dem Weg hin zum Marktführer [Einführung von S. Prosseda, Leadership im Komfort].

Die Leitfaden zum Komfort sind auf Verkauf zum:
Preis, jeweils: 20 € + MwSt.

Bestellungen: bitte eine Mail schicken an carlo.battisti@tis.bz.it
TIS innovation park | Cluster Bau
Siemenstraße 19 39100 Bozen
Tel +39 0471 068144 Fax +39 0471 068100
E-Mail: cluster.bau@tis.bz.it Internet: http://www.tis.bz.it/bau
MwSt.: IT 01677580217

Zona Comfort.

2015_09_30-01 Comfort zoneUscirne, per trovarlo.

Si sente spesso l’espressione “Uscire dalla zona di comfort” per riuscire ad innovare. La zona di comfort è quello stato nel quale una persona agisce in una quiete neutra, senza ansia e senza rischio, magari tranquillizzata da rassicuranti consuetudini, e da un consolidato modo di pensare. Ma se si vuole innovare è opportuno uscire dal proprio guscio e cambiare la prospettiva, ragionare in modo non convenzionale, insomma “think outside the box” (per utilizzare un’altra espressione analoga). E ciò vale – il gioco di parole è scontato – anche per trovare nuove soluzioni … per il comfort all’interno degli spazi in cui viviamo.

In Europa si trascorre mediamente circa il 90% della propria giornata in ambienti interni: di conseguenza la qualità di tali ambienti ha un’influenza significativa sul benessere, sulla produttività e sulla qualità della vita.

Seattle Public Library (OMA + LMN) 04.04.2015

Traffico e smog sono tra le cause principali dell’inquinamento esterno, cosi come il fumo e le sostanze chimiche possono esserlo per quello interno. Oltre alle sostanze contaminanti, ci sono altri aspetti che influiscono direttamente sulla qualità dell’ambiente interno (Indoor Environmental Quality) e sono intrinsecamente connessi con il concetto di comfort: l’ingresso di luce naturale, la possibilità di vedere verso l’esterno, il microclima inteso come temperatura, umidità, velocità, composizione dell’aria interna e possibilità di regolazione, l’acustica, ecc.

Ci sono diverse strategie per affrontare la tematica IEQ, che verranno presentate in questo convegno. Più in generale, è necessario un approccio integrato e multidisciplinare, che coinvolga progettisti architettonici, impiantistici, committente, impresa di costruzioni, occupanti, lungo tutto il processo che porta dall’ideazione, al cantiere, alla consegna, gestione e monitoraggio dell’edificio.

2015_09_30-02 Zona ComfortData l’importanza del tema, il Cluster Edilizia del TIS innovation park ha promosso la costituzione del Gruppo di Lavoro Indoor Environmental Quality – IEQ, che coinvolge enti di ricerca e certificazione del territorio, esperti dell’amministrazione pubblica, imprese e professionisti. Il convegno Zona Comfort sarà anche l’occasione per presentare e distribuire (copia gratuita a tutti i partecipanti) il libretto “Linee Guida sul Comfort” primo risultato del lavoro del gruppo.

Ecco il programma e la “line-up” di relatori di Zona Comfort:

Programma

  • 14.00  Saluti e introduzione
  • 14.10  Comfort e benessere: un diritto per la qualità   della vita. Beate Weyland, Facoltà di Scienze della   Formazione, Libera Università di Bolzano
  • 14.40  Progettare il comfort termoigrometrico. Da   adattivo a predittivo. Clara Peretti, Consorzio Q-RAD
  • 15.10  L’acustica degli spazi. Dalla progettazione al   benessere. Christina Niederstätter, Raum + Akustik
  • 15:40  Coffee break
  • 16.00   Qualità dell’aria indoor. Efficienza energetica   e/o ventilazione? Marco Fellin, CNR-IVALSA. Roberta Tomasi,   Eurotherm Spa
  • 16.30  Immersi nelle radiazioni: campi   elettromagnetici e radon. Luca Verdi, Laboratorio di chimica fisica, Agenzia provinciale per l’ambiente
  • 17.00  Naturale o artificiale? Strategie per il confort   della luce.  Gabriele Frasnelli, Stuppner Frasnelli Associati
  • 17.30  Domande e risposte. Conclusioni.

Iscrizioni: entro il 16 ottobre 2015 on-line qui
Informazioni:

2015_09_30-04 comfort

foto © TIS/A.Filz

Die Komfortzone

In Europa verbringen Menschen im Durchschnitt etwa 90% ihrer Zeit in Innenräumen. Die Qualität dieser Umgebung hat deshalb einen wesentlichen Einfluss auf das Wohlbefinden, die Produktivität und die Lebensqualität.

Verkehr und Smog gehören zu den Hauptursachen von Außenluftverschmutzung, während Rauch und Chemikalien die Innenluft beeinflussen. Neben Verunreinigungen gibt es noch andere Aspekte, die sich unmittelbar auf die Qualität des Innenraumklimas (Indoor Environmental Quality) auswirken und deshalb untrennbar mit dem Komfort verbunden sind: der Eintritt von natürlichem Licht, die Möglichkeit, nach außen zu sehen und das Mikroklima, nämlich die Temperatur, Luftfeuchte, -geschwindigkeit und -zusammensetzung und interne Regulationsmöglichkeiten, die Akustik usw.

Seattle Public Library (OMA + LMN) 04.04.2015

Es gibt unterschiedliche Herangehensweisen an das Thema IEQ, welche in diesem Workshop vorgestellt werden. Ein integrierter und multidisziplinärer Ansatz wird gebraucht, welcher architektonische Planer, Anlagenbauer, Auftraggeber, Bauunternehmen und Bewohner während des gesamten Prozesses miteinbezieht, welcher von der ersten Idee über die Baustelle bis zur Übergabe, Verwaltung und Überwachung des Gebäudes führt.

2015_09_30-03 KomfortzoneIn Anbetracht der Wichtigkeit des Themas hat der Cluster Bau des TIS innovation park die Arbeitsgruppe IEQ gegründet, in welcher lokale Forschungs- und Zertifizierungseinrichtungen, Experten der öffentlichen Verwaltung, Unternehmen und Fachleute zusammentreffen. Die Tagung “Die Komfortzone” ist eine Gelegenheit, die Broschüre „Leitlinien für Komfort” zu präsentieren und zu verteilen (kostenlose Kopie an alle Teilnehmer), welche das erste Ergebnis der Arbeitsgruppe ist.

Programm

  • 14.00  Begrüßung und Einführung
  • 14.10  Komfort und Wohlbefinden: ein Gesetz für die   Lebensqualität. Beate Weyland, Fakultät für   Bildungswissenschaften, Freie Universität Bozen
  • 14.40  Planung der thermischen Behaglichkeit. Von adaptiv zu prädiktiv. Clara Peretti, Q-RAD Konsortium
  • 15.10  Die Akustik des Raumes. Von der Planung bis         zum Wohlbefinden. Christina Niederstätter, Raum + Akustik
  • 15:40  Kaffeepause
  • 16.00   Innenraumluftqualität. Energieeffizienz und/oder LüftungMarco Fellin, CNR-IVALSA. Roberta Tomasi,   Eurotherm AG
  • 16.30  Von Strahlungen umgeben:   elektromagnetische Felder und Radon. Luca Verdi, Labor für physikalische Chemie,   Landesagentur für Umwelt
  • 17.00  Natürlich oder künstlich? Strategien für den   Komfort des LichtsGabriele Frasnelli, Stuppner Frasnelli Associati
  • 17.30  Fragen und Antworten. Schlusswort.

Anmeldung: bis 16. Oktober 2015 online hier
Für weitere Informationen:

Il radon. Se sai come evitarlo, lo eviti.

Risanare edifici dal radon.
Il corso specialistico per professionisti delle costruzioni, 24-25 settembre 2015 al TIS di Bolzano (2^ edizione).

2015_09_09-04 radonForse non tutti sanno che il radon è la seconda causa di tumore ai polmoni (fonti: Ufficio Federale della Sanità pubblica di Berna – CH, Environmental Protection Agency, USA, etc.). E forse non tutti sanno che il problema del radon nelle case interessa molte zone di diverse regioni italiane: Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Val d’Aosta, Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia (vedi la mappa dell’Istituto Superiore di Sanità). In Alto Adige la situazione radon è tenuta sotto controllo da anni, grazie al lavoro delle istituzioni, che hanno maturato una esperienza rilevante su questo tema delicato ed importante per la salute. Tuttavia, sono molti i casi che si presentano, sia localmente che fuori provincia, dove è necessario intervenire su edifici ed abitazioni in cui si è rilevato un superamento dei limiti. Talvolta il superamento è addirittura provocato dall‘intervento di efficientamento energetico dell‘edificio, che grazie alla migliore tenuta all‘aria, trattiene anche maggiori quantità di radon.

Mettere in atto misure efficaci per la bonifica non è una operazione banale, e sono diversi i casi di intervento inefficaci o addirittura peggiorativi.
L‘obiettivo del corso (2^ edizione, vale anche come aggiornamento per i partecipanti del 2014) è fornire nozioni, metodi ed esperienze utili al progettista, tecnico, utente o impresa incaricata di condurre interventi di bonifica. C’è necessità di esperti a livello locale, nell’ambito delle nuove costruzioni, sia pubbliche che private, ma soprattutto nei risanamenti energetici. Una domanda che potrebbe provocare la nascita di nuovi “green jobs”.
Il corso di due giorni è organizzato con il Laboratorio Provinciale di Chimica-Fisica, il Centro competenza radon della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI, CH) e gli esperti del Gruppo di Lavoro “Qualità dell‘aria e dell‘ambiente indoor“.

I trainer sono specialisti riconosciuti del settore:

2015_09_09-02 Luca Verdi

Luca Verdi – Direttore del Laboratorio di Chimica Fisica presso l’Agenzia Provinciale per l’ambiente di Bolzano. Laurea e PhD in fisica. Attività: radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, misure di acustica, rete di monitoraggio della qualità dell’aria, misurazioni dell’inquinamento dell’aria in immissione ed emissione.

2015_09_09-03 Luca Pampuri

Luca Pampuri – Ricercatore al Centro competenza radon della SUPSI. Maturità federale a Bellizona, ha studiato a Losanna ed a Zurigo dove ha conseguito rispettivamente il Bachelor in scienze ed ingegneria abientale e il Master in scienze ambientali. Attività: Politica energetica, efficienza energetica, energie rinnovabili, clima, ambiente, radon, qualità dell’aria indoor.

Programma
Iscrizioni entro il 18.09.2015.

2015_09_09-01 Radon

Radon-Sanierung von Gebäuden.
24-25. September 2015, TIS innovation park, Bozen

Radon gilt als die zweithäufigste Ursache für Lungenkrebs. Dank den Bemühungen der lokalen Institutionen, die über einschlägige Erfahrungen zu diesem sensiblen und gesundheitsrelevanten Thema verfügen, ist die Gefahr in Südtirol seit Jahren unter Kontrolle. Allerdings gibt es, sowohl lokal als auch außerhalb der Provinz, viele Fälle mit Handlungsbedarf weil die Grenzwerte in Gebäuden und Wohnungen überschritten wurden. Es kommt sogar vor, dass diese Überschreitung erst durch Maßnahmen zur Verbesserung der Energieeffizienz hervorgerufen wurden, weil mit der erhöhten Luftdichtheit auch größere Mengen an Radon im Gebäude verbleiben.

Die Durchführung einer wirksamen Sanierung ist keine einfache Aufgabe und in mehreren Fällen waren die Ergebnisse wirkungslos oder sogar verschlechternd. In diesem Kurs werden daher sinnvolle Konzepte, Methoden und Erfahrungen für die Durchführung von Radon-Sanierungen vorgestellt, die sich an die verantwortlichen Planer, Techniker, Nutzer oder die ausführenden Firmen richten. Der zweitägige Kurs wurde zusammen mit dem Labor für physikalische Chemie der Provinz, der Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) und den Mitgliedern der Arbeitsgruppe „Qualità dell‘aria e dell‘ambiente indoor“ organisiert.

Programm
Anmeldung: bis 18. September 2015

Articoli collegati:
Caccia al radon (04.06.2014)

Caccia al radon.

No, non è il titolo di un nuovo thriller nelle sale cinematografiche, né la creazione di allarmi eccessivi sui pericoli negli edifici. Ma è un problema da non sottovalutare. Ne hanno parlato in questi giorni molti media locali, sulla spinta del corso di due giornate ‘Risanare gli edifici dal radon‘ che si è tenuto al TIS il 12-13.05.2014. Tra i vari articoli usciti, riporto integralmente quello dello Speciale Edilizia del Corriere del Trentino del 31.05.

2014_06_04 immagine 01Il radon è un gas nobile radioattivo presente soprattutto nelle rocce con presenza di granito e gneiss, quindi in pratica riscontrabile, anche se con valori diversi, in quasi tutto il territorio della nostra regione [Trentino – Alto Adige]. Se inalati, il radon e altri prodotti derivati radioattivi si depositano nei tessuti polmonari e causano un’irradiazione cancerogena, soprattutto nei bronchi. Si infiltra soprattutto nelle cantine e nei pianterreni e costituisce un serio pericolo per la salute: è la seconda causa di tumore polmonare [dopo il fumo, n.d.r.]. Negli edifici dovrebbe dunque essere sempre considerato questo importante fattore ed evitata, nel modo più assoluto, la concentrazione di radon.

2014_06_04 immagine 03

Il tecnico del Laboratorio di chimica fisica di Bolzano alle prese con l’installazione di un dosimetro

In Alto Adige sono numerosi gli edifici che superano il limite di legge per la concentrazione di radon. Le zone maggiormente interessate da questo problema sono la Val Venosta e la Val Pusteria, ma anche in altri comuni si registrano casi critici. Talvolta il superamento è addirittura provocato dall’intervento di risanamento energetico dell’edificio, che per via della migliore tenuta all’aria, trattiene anche maggiori quantità di radon. Ogni edificio costituisce comunque un caso a sé stante, è possibile che due edifici adiacenti e di simile costruzione presentino concentrazioni diverse. Presa consapevolezza del problema è necessario intervenire con la bonifica, ma questi complessi progetti devono essere realizzati da professionisti specificamente preparati ad affrontare il tema. Nonostante la conoscenza e la documentazione su questo argomento fino ad oggi mancava ancora un’informazione diffusa e la formazione specifica. Finora c’era una forte carenza di professionisti competenti che sapessero procedere correttamente alla bonifica degli edifici in cui si riscontra la presenza di questo pericoloso gas naturale […].

2014_06_04 immagine 02

I 15 esperti di risanamento dal radon

La situazione viene monitorata e seguita da anni da parte del Laboratorio di chimica fisica dell’Agenzia per l’Ambiente della Provincia di Bolzano. Nell’ambito del Gruppo di Lavoro ‘Qualità dell’aria e dell’ambiente indoor’ gestito dal Cluster Edilizia del TIS, si è così organizzato un corso ad hoc per formare degli esperti. Il corso di due giorni, organizzato con l‘Ordine degli Architetti della Provincia di Bolzano, il Laboratorio Provinciale di chimica fisica, il Centro competenza radon della SUPSI (CH) e gli esperti del Gruppo di Lavoro, ha così fornito nozioni, metodi ed esperienze utili a quindici tra architetti, geometri, tecnici ed ingegneri del settore pubblico e privato [Speciale Edilizia, Corriere TN 31.05.2014].

L’importanza del risanamento dal radon è riconosciuta anche dalle certificazioni di sostenibilità degli edifici. E’ ad esempio uno dei requisiti di CasaClima Nature, che richiede una concentrazione di gas radon Rn-222 all’interno degli ambienti <200 Bq/m3 (Bq=bequerel) per edifici nuovi e <400 Bq/m3 per edifici esistenti. La certificazione GBC Home di Green Building Council Italia tiene conto del radon nel prerequisito 3 (i prerequisiti sono necessari per la certificazione) della sezione Qualità ambientale Interna (QI) – Ridurre l’esposizione al gas radon per gli occupanti dell’edificio – e nel credito QI 8 (protezione avanzata dal radon).

Radon: si apre la strada ad una nuova professione per i tecnici locali? …

2014_06_04 immagine 04