Archivi categoria: Policy

RESTORE | REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy

logo_costApproved by the COST Committee of Senior Officials on 24 October 2016, REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy (RESTORE) is one out of the 25 new Actions that were selected out of 478 eligible proposals collected earlier in April.

RESTORE: ‘to return something or someone to an earlier good condition or position’.

Sustainable buildings and facilities are critical to a future that is socially just, ecologically restorative, culturally rich and economically viable within the climate change context.

Despite over a decade of strategies and programmes, progress on built environment sustainability fails to address these key issues. Consequently the built environment sector no longer has the luxury of being incrementally less bad, but, with urgency, needs to adopt net-positive, restorative sustainability thinking to incrementally do ‘more good’.

2017_02_01-01-restore

Within the built environment sustainability agenda a shift is occurring, from a narrow focus on building energy performance, mitigation strategies, and minimisation of environmental impacts to a broader framework that enriches places, people, ecology, culture, and climate at the core of the design task, with particular emphasis on the benefits towards health. 

Sustainability in buildings, as understood today, is an inadequate measure for current and future architectural design, for it aims no higher than trying to make buildings ‘less bad’. Building on current European Standards restorative sustainability approaches will raise aspirations and deliver restorative outcomes. 

Walden Pond, Concord (MA, USA)

Walden Pond, Concord (MA, USA)

The RESTORE Action will affect a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings, promoting forward thinking and multidisciplinary knowledge, leading to solutions that celebrate the richness of design creativity while enhancing users’ experience, health and wellbeing inside and outside buildings, in harmony with urban ecosystems, reconnecting users to nature. 

The COST proposal will advocate, mentor and influence for a restorative built environment sustainability through work groups, training schools (including learning design competitions) and Short Term Scientific Missions (STSMs).

General information:

CA COST Action CA16114 REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy
Start of Action: 09.03.2017  End of Action: 08.03.2021
Proposers: Carlo Battisti w/ Martin Brown, Sue Clark, Emanuele Naboni
Science Officer: Estelle Emeriau
Administrative Officer: Aranzazu Sanchez

For further information: carlo.battisti@eurac.edu

COST (European Cooperation in Science and Technology) is the longest-running European framework supporting trans-national cooperation among researchers, engineers and scholars across Europe. It is a unique means for them to jointly develop their own ideas and new initiatives across all fields in science and technology, including social sciences and humanities, through pan-European networking of nationally funded research activities. Based on a European intergovernmental framework for cooperation in science and technology, COST has been contributing – since its creation in 1971 – to closing the gap between science, policy makers and society throughout Europe and beyond. 

I’m doing WELL.

The WELL Building Standard (WELL) focuses on the people in the building.

Over the last decade, green building standards and standard-setting organizations have made significant strides towards the market transformation of the building industry, resulting in a rapid expansion of green buildings and environmentally conscious building practices throughout the world.

Over the same period, strategies to enhance human health and well-being have played a relatively small role in the evolution of building standards. The time has come to elevate human health and comfort to the forefront of building practices and reinvent buildings that are not only better for the planet, but also for people.

2016_08_18-09 WELL

The WELL Building Standard (WELL)

  • is the first standard of its kind that focuses solely on the health and wellness of building occupants.
  • identifies 100 performance metrics, design strategies, and policies that can be implemented by the owners, designers, engineers, contractors, users and operators of a building.
  • is based on a thorough review of the existing research on the effects of spaces on individuals and has been advanced through a thorough scientific and technical review.
  • requires that the space must undergo a process that includes an on-site assessment and performance testing by a third party.

WELL is the culmination of seven years of rigorous research in collaboration with leading physicians, scientists and industry professionals. Pioneered by Delos, WELL is administered by the International WELL Building Institute (IWBI) and third-party certified through IWBI’s collaboration with Green Business Certification Inc. (GBCI), the certification body that administers the LEED Green Building Rating System.

2016_08_18-08 Haworth

Haworth new showroom, Los Angeles (CA)

What are the interactions between humans and the built environment? Traditional healthcare delivery systems primarily focus on addressing health after people have already become sick. With rising costs and the increased burden of chronic diseases such as diabetes, cardiovascular disease and cancer, people are turning to more lifestyle-oriented and preventative approaches to health.

2016_08_18-01 LEED

LEED: the building as a human body

2016_08_18-06 body systems

WELL: the human body within the building

The WELL Building Standard is founded on the understanding that facets of our environment interact with personal, genetic and behavioral factors to shape our overall health and well-being. WELL measures attributes of buildings that impact occupant health by looking at seven factors, or Concepts, relevant to occupant health and well-being: air, water, nourishment, light, fitness, comfort and mind:

Air – Clean air is a critical component to our health. Air pollution is the number one environmental cause of premature mortality, contributing to 50,000 premature deaths annually in the United States and approximately 7 million, or one in eight premature deaths Worldwide.

Water – Drinking water contamination is a major public health issue. Many people receive water that has been exposed to potentially harmful levels of biological, chemical and mineral contaminants. The World Health Organization (WHO) reports that almost one billion people lack access to safe drinking water worldwide, and two million annual deaths are attributable to unsafe water, sanitation and hygiene.

Nourishment – Nutrition plays a key role in health maintenance, weight management and chronic disease prevention. However, adherence to the dietary recommendations in the U.S. is poor. Similarly, global dietary patterns are also less than optimal; in many countries, people consume more than 500 calories from added sugars per day.

Light – In addition to facilitating vision, light influences the human body in non-visual ways. Humans and animals have internal clocks that synchronize physiological functions on roughly a 24-hour cycle called the circadian rhythm.

Fitness – Modern transportation, labor saving conveniences and sedentary jobs have created an environment in which millions of people fail to achieve the minimum level of activity necessary to help prevent type 2 diabetes, metabolic syndrome, obesity, heart disease and other chronic conditions.

Comfort – The indoor environment should be a place of comfort. In pursuit of that vision, the WELL Building Standard® focuses on significantly reducing the most common sources of physiological disruption, distraction and irritation and on enhancing acoustic, ergonomic, olfactory and thermal comfort to prevent stress and injury and facilitate comfort, productivity and well-being.

Mind – While mental and physical health are often conceptualized as separate domains, our minds and bodies are inextricably connected. Because the mind plays a vital role in an individual’s overall health and well-being, an atmosphere that supports a healthy mental state can have significant psychological and physical benefits.

2016_08_18-07 Phipps

Phipps Conservatory and Botanical Gardens, Pittsburgh (PA)

If you consider the life of a building over 30 years, personnel costs significantly outweigh any other building and operational cost. By introducing WELL into built spaces, we can significantly reduce personnel costs — health, medical and productivity — in the long run. Clearly long term value can be generated by addressing occupant health in both commercial and residential spaces.

2016_08_18-04 WELL scorecardWELL Certification allows building owners and employers to know their space is performing as intended to support human health and wellness. The WELL Building Standard v1 is optimized for commercial and institutional buildings and can be applied to three project typologies: New and Existing Buildings, New and Existing Interiors, Core and Shell Compliance.

WELL works harmoniously with LEED and the Living Building Challenge. IWBI welcomes projects to pursue both LEED and the Living Building Challenge alongside WELL in order to promote both environmental sustainability and human health. A number of overlapping features exist between WELL and both LEED and the Living Building Challenge, which are described in detail in the appendices of the WELL Building Standard. «Working together to optimize building performance for human health and our environment».

2016_08_18-02 WELL APThe WELL Accredited Professional (WELL AP) credential is an advanced credential intended for experienced building professionals. The WELL AP ensures to the public, building owners and other building professionals that the credential holder has demonstrated advanced knowledge and proficiency in building wellness and the principles, practices and applications of the WELL Building Standard. A couple of weeks ago I earned the WELL Accredited Professional credential :-).

[Sources: WELL Building Standard® v1, September 2015; WELL Brochure; WELL One pager. Copyright© 2015 by Delos Living LLC. The WELL AP™ trademark is used with permission from the International WELL Building Institute™]

REGENERATION rocks!

A “Rocky Station” for REGENERATION

Good also the second one, one might say, after the conclusion of REGENERATION 2016 which repeats, after one year, the success of the European design competition by Macro Design Studio in collaboration with the International Living Future Institute (ILFI), that promotes the Living Building philosophy, the most rigorous standard in the world for sustainability of the built environment. REGENERATION is not just a design contest, it is a multi-disciplinary experience, a real evolutionary path bringing through the technical challenge of Living Building Challenge the best young architects and engineers from all over Europe to face the future of our communities, by combining with a systemic approach to the problems a creative freedom with a robust technical competence.

2016_04_21-02 team blueThe competition among the projects of the three international teams was so heated, that the international jury composed of Amanda Sturgeon, chairwoman of ILFI, Michele Stramandinoli, of Inarcassa Foundation and Giulia Peretti of Werner Sobek Green Technologies encountered difficulties in choosing the winner. So, at the end of the 64 hours workshop, it was the “Rocky Mountain” project of the YELLOW team (composed by Jernej Markelj, architect of Ljubljana, Cinzia Polesini, architect of Rome, Zuzana Prochazkova, engineer from Bratislava, Marco Scarlini, engineer from Modena and Cecilia Tosto, architect of Catania) to take home the € 3,000 prize offered also this year by the Italian Foundation of freelance Architects and Engineers.

2016_04_21-06 Rocky StationThe renovation project of the decayed bus station building in Arco presented by the yellow team combines highly sustainable performances (LBC design requires a building environmental impact equal to zero) with an interesting redevelopment of the surrounding area (another need expressed by the Municipality of this Alto Garda city). Why ‘Rocky’? Because one of the strong ideas of the winning project is the construction of a climbing wall adjacent to the building (a pastime while waiting the coach?), designed to ideally connect the local transport hub with the beautiful cliffs and the sporty vocation of Arco.

2016_04_21-03 Amanda SturgeonThe award ceremony of Saturday, April 16 afternoon was the final event of the three days in Central Fies dedicated to a regenerative approach, beyond a mere sustainability for buildings and communities. Principles that have been presented and discussed in the event of the morning, REGENERATION. The Conference, where Amanda Sturgeon described how ILFI is currently focusing on the transparency of manufacturing companies (Declare is de facto an ingredient label for construction products, which prefigures an epochal revolution) and how to switch from building to ‘living communities’ certification . Martin Brown, a prominent UK figure of sustainability, then told us about the growth of the first project in UK that will achieve the LBC certification. Emanuele Naboni, Italian professor at KADK, Faculty of Architecture of Copenhagen, led some examples of architectural solutions designed for extreme environments (from the Amazon to the Arctic). In closing, the testimony of the winning team of REGENERATION 2015, with the “Proud to be zero” project, regarding the redevelopment of the city library building in Dro.

2016_04_21-05 Stazione ArcoAlso this REGENERATION edition showed that a zero impact redevelopment project of a public building is not only technically feasible, but it can start positive energies such as to stimulate the regeneration of a whole community. With the added complication this year of an intervention on a historic building bound by the local Conservation Authority, which has greatly restricted the space for participants’ manoeuvre.

To thank individually all the people, companies and institutions that have collaborated in 2016 REGENERATION would require too much time; we send a huge thanks to everyone. Without so a choral participation and commitment REGENERATION simply wouldn’t exist.

The thing always happens that you really believe in; and the belief in a thing makes it happen’.- Frank Lloyd Wright.

Slow Construction.

Living Building Challenge meets Slow Food.

2016_02_24-01 Slow Construction

“Slow Construction” can be defined as an approach in line with the principles of Slow Food and Living Building Challenge, which aims to tune the buildings with the local environment around them by using local materials, eliminating toxic products, adapting the design to the specific climatic and ecological conditions. The goal is to use technologies appropriately, reducing the environmental impact of buildings and strengthening their social utility. (For further references see this article by Gabe Dunsmith on the International Living Future web site).

Living Building Challenge2016_02_24-02 LBCCI, created in 2006, is a philosophy, an advocacy tool and a certification program that promotes the most advanced sustainability standard for buildings, infrastructure, neighborhoods and communities. The Living Building Challenge Collaborative: Italy (LBCC Italy) is a group of local professional volunteers committed to sustainability, education and implementation of the Living Building Challenge. The LBCC Italy provides a unique in person forum to facilitate change in the built environment. LBC is the most progressive sustainability standard in the world. LBC is described as “A visionary path to a future restorative” (a visionary path to revitalizing the future).

Slow Food2016_02_24-05 Slow Food TNAA is an international non-profit organization, with 100,000 members, volunteers and supporters in 150 countries, 1500 “Condotte” (local branches) and a network of 2,000 communities practicing a small-scale, sustainable and quality food production. Founded in 1986, Slow Food works to promote interest to food as a bearer of pleasure, culture, traditions, identity and a lifestyle, that is respectful of food as well as of land and traditions. The motto of Slow Food is “good, clean and fair.” Slow Food Trentino Alto Adige is the regional representation, which includes 7 “Condotte”.

LBC already encounters Slow Food, they have several best sustainable practices in common. Hera are some examples.

Urban agriculture

For the intent of the Place Petal, communities need to be supported by a web of local and regional agriculture, since no truly sustainable community can rely on globally sourced food production. A LBC project must integrate opportunities for agriculture appropriate to its scale and density using the Floor Area Ratio (FAR) as a basis for calculation. “Orto in condotta” is a three-year educational journey for sustainable development created by Slow Food where schoolchildren learn to farm their own vegetable garden, thus becoming self-producers.

Biodiversity

For LBC project teams must document site conditions prior to the start of work. On-site landscape must be designed so that as it matures and evolves it increasingly emulates the functionality of indigenous ecosystems with regard to density, biodiversity, plant succession, water use, and nutrient needs. The protection of biodiversity is at the heart of the Slow Food Strategies, understanding that one of the activities that provoked her loss is exactly agriculture. To save this wealth Slow Food has several projects, which manages through its Slow Food Foundation for Biodiversity.

Local economy

An LBC project must incorporate place-based solutions and contribute to the expansion of a regional economy rooted in sustainable practices, products and services. Slow Food supports local economy, strengthening the connection between producers, consumers, cooks, schools, local authorities, hospitals and the Slow Food local branches.

2016_02_24-06 biodiversità

Image: Slow Food

Etc. etc. … If you are (strongly!) interested in these topics you can’t miss this event

Slow Construction. Living Building Challenge meets Slow Food.
Thursday 3rd, March 2016, 5-6 PM
Progetto Manifattura, Piazza Manifattura 1, 38068 Rovereto (Trento, Italy)

organized by the Living Building Challenge Collaborative: Italy together with Slow Food, Trento branch, Slow Food Trentino-South Tyrol

A roundtable with

  • 2016_02_24-04 Urban AgricultureCarlo Battisti, engineer, facilitator of the Living Building Challenge Collaborative: Italy, co-owner at Macro Design Studio
  • Guido Marini, communicator with experience in the non-profit sector, fiduciary of Slow Food, Trento branch, Slow Food Trentino-South Tyrol
  • Paola Moschini, architect, facilitator of the Living Building Challenge Collaborative: Italy, co-owner at Macro Design Studio
  • Sara Verones, engineer, energy efficiency expert at the local Agency for Energy and Water (APRIE) and Slow Food member

2015_03_11-02 EventbriteRegistration on Eventbrite here (the event is in Italian)

CAM (Criteri ambientali minimi): il diavolo sta nei dettagli.

Cosa sono i CAM.

2016_02_10-01 MATTM I “Criteri Ambientali Minimi” o “CAM”, adottati con Decreto Ministeriale dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) riportano delle indicazioni generali volte a indirizzare gli enti pubblici verso una razionalizzazione dei consumi e degli acquisti e forniscono delle “considerazioni ambientali”, collegate alle diverse fasi delle procedure di gara (oggetto dell’appalto, specifiche tecniche, caratteristiche tecniche premianti collegati alla modalità di aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa, condizioni di esecuzione dell’appalto) volte a qualificare dal punto di vista della riduzione dell’impatto ambientale sia le forniture sia gli affidamenti lungo l’intero ciclo di vita del servizio/prodotto.

In altre parole, adottano l’approccio degli Acquisti Verdi o GPP (Green Public Procurement) che, come definito dalla Commissione europea, è quello in base al quale “le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull’ambiente lungo l’intero ciclo di vita”. I CAM vengono quindi sviluppati da apposite commissioni nell’ambito del Piano d’azione nazionale per il GPP (PAN GPP).

2016_02_10-02 GPP

Vista l’importanza dell’argomento, ho accolto con estremo interesse il D.M. 24 dicembre 2015 (G.U. n. 16 del 21 gennaio 2016) che ha stabilito l’adozione dei CAM per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione (oltre a, e non si capisce il perché, le forniture di ausili per l’incontinenza … mah) e mi sono affrettato a leggerlo. Il documento di circa quaranta pagine descrive i criteri ambientali – si badi bene – minimi che le amministrazioni pubbliche devono applicare per lavori di edilizia, se vogliono qualificare come “green” le proprie gare d’appalto. E il fatto che un appalto debba o meno essere “green” non è più una questione di nicchia, dato che già l’obiettivo nazionale per il 2015 era quello di raggiungere una quota di almeno il 50% (in termini di numero e di importo economico) di appalti “verdi” sul totale di appalti aggiudicati.  Puntualmente disatteso – in Italia solo il 9,3% degli acquisti è green, secondo CompraVerde-BuyGreen.

I CAM per l’edilizia pubblica. Un patchwork (a tanti colori).

L’iniziativa del MATTM non è estemporanea, dato che la nuova direttiva 2014/24/UE in materia di appalti pubblici del 26.02.2014 ha già introdotto un’enfasi decisamente maggiore sull’applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, con l’attribuzione di un punteggio tecnico a prestazioni ambientali e sociali più elevate per prodotti e servizi.

L’impressione che ricavo dalla prima lettura dei CAM è controversa. Resta l’idea di un tentativo encomiabile, ma di un’occasione mancata, attraverso una serie di contraddizioni, fughe in avanti, tentennamenti, diktat e “brodini caldi” (nel senso normativo) che di fatto renderanno i criteri di volta in volta inapplicabili, inutili, incompresi. È palese la scrittura a più mani e la mancanza di una regia “illuminata”, dove le varie “lobby” hanno tirato la coperta ora da una parte ora dall’altra, senza una visione globale equilibrata e mettendo sullo stesso piano principi fondamentali e questioni del tutto marginali o di dettaglio. Ma c’è anche qualche elemento di novità che pone ottimismo sul futuro di un settore trainante per il Paese.

L’approccio olistico non s’improvvisa

2016_02_10-03 LEED“LEED, ma non posso” verrebbe da parafrasare. L’approccio alla sostenibilità della progettazione, costruzione, riqualificazione e gestione degli edifici non può che essere olistico, ormai è risaputo. Un esempio su tutti: USGBC lavora da più di vent’anni allo sviluppo del sistema di valutazione LEED, che è “voluntary, consensus, market-driven and based on proven technology” ovvero volontario, basato sul consenso, indirizzato al mercato e sostenuto da tecnologie garantite. Dietro USGBC c’è una macchina che conta su più di 13.000 organizzazioni socie che partecipano allo sviluppo dello standard. Difficile riproporre nei CAM qualcosa di alternativo, senza percorrere un processo di sviluppo e condivisione adeguati. Si sarebbe quindi potuto dichiarare semplicemente “Edifici sostenibili = Edifici certificati LEED”? Il risultato è un insieme di prescrizioni (quindi “si deve” e non “si può”, il che sovverte la logica di LEED) che sono state estrapolate da LEED, ma senza un collegamento organico. E per salvare capra e cavoli, con l’aggiunta pressoché in ogni paragrafo del seguente testo:

Verifica: Per dimostrare la conformità al presente criterio, il progettista deve presentare una relazione tecnica, con allegato un elaborato grafico, nella quale sia evidenziato lo stato ante operam, gli interventi previsti, i conseguenti risultati raggiungibili e lo stato post-operam. Qualora il progetto sia sottoposto ad una fase di verifica valida per la successiva certificazione dell’edificio secondo uno dei protocolli di sostenibilità energetico-ambientale degli edifici (rating system) di livello nazionale o internazionale, (così, generico, in pratica sono tutti uguali, CasaClima, ITACA, LEED, BREEAM, Living Building Challenge, ecc.) la conformità al presente criterio può essere dimostrata se nella certificazione risultano soddisfatti tutti i requisiti riferibili alle prestazioni ambientali richiamate nel presente criterio. In tali casi il progettista è esonerato dalla presentazione della documentazione sopra indicata, ma è richiesta la presentazione degli elaborati e/o dei documenti previsti dallo specifico protocollo di certificazione di edilizia sostenibile perseguiti.”

2016_02_10-05 Phipps

Phipps Conservatory and Botanical Gardens, Pittsburgh (PA) – certificato Living Building Challenge, LEED e WELL

Insomma, si poteva dire in premessa: “se è LEED va bene”. O comunque – “va bene un edificio certificato secondo un qualsiasi altro sistema per la valutazione degli edifici verdi rilasciato da un ente terzo, indipendente, imparziale che sia stato accreditato o dimostri di possedere i requisiti richiesti dalla norma ISO/IEC 17021 e, quando disponibile, dalla norma ISO/IEC 17065″.

Talmente restrittivo da risultare inapplicabile, con alcune incongruenze.

Dove il decreto dei CAM vuole essere “più realista del re”, i risultati sono inapplicabili, a volte contradditori e inspiegabili, anche perché si entra direttamente nel dettaglio dei numeri e delle misure. Si badi che è quasi sempre un “deve”, più che un “può”, “il progettista deve”, “l’appaltatore deve”, ecc. Alcuni esempi:

  • Possesso da parte dell’offerente di una registrazione EMAS oppure una certificazione secondo la norma ISO14001 (tutto bello, ma quante imprese in Italia?).
  • Un’attenzione esagerata a tutti gli aspetti legati alla sistemazione aree a verde (si vede che la lobby dei paesaggisti o dei giardinieri era agguerrita …); il tasso (inteso come pianta) pare che sia altamente velenoso, quindi, bandito.
  • Scotico superficiale di almeno 60 cm (prescrizione che ricorre diverse volte).
  • Rimozione di rifiuti e di materiale legnoso depositatosi nell’alveo e lungo i fossi in caso di nuovi edifici prossimi (quanto?) a corsi d’acqua. Per quale estensione? E chi paga?
  • Copertura dei parcheggi (sempre devono) realizzate con pensiline fotovoltaiche a servizio dell’illuminazione del parcheggio (la lobby del fotovoltaico?)
  • Raccolta delle acque piovane per l’innaffiamento delle aree verdi e per gli scarichi sanitari (anche qui, obbligo).
  • Garantire l’aerazione naturale diretta (bye bye casa passiva?)
  • Piano di manutenzione che deve includere anche le prestazioni ambientali, compreso il monitoraggio e controllo della qualità dell’aria interna dell’edificio.
  • Grande enfasi sul contenuto di riciclato, per qualsiasi prodotto (compreso quelli di legno).
  • EPD obbligatorie per praticamente ogni categoria di prodotti (compresi i rubinetti, per i quali forse era più urgente l’efficienza idrica e gli impianti aeraulici).
  • Verifiche (dal punto di vista ambientale) programmate dell’attività di cantiere da parte di un organismo di valutazione (?)
  • Dichiarazione da parte dell’impresa (in sede di gara) di quali materiali soddisfino il criterio della distanza produttiva dal cantiere (350 km), con il calcolo delle distanze percorse, ecc.

Good news

Le buone notizie sono almeno tre.

C’è un giro di vite sulla composizione chimica dei materiali e anche sulla messa al bando di prodotti contenenti sostanze dannose per lo strato d’ozono (sappiamo comunque che il buco nell’ozono si sta chiudendo, pare che ce la farà entro il 2050 – stime ONU). Sul primo punto, non sono ammesse sostanze elencate nella Candidate List o per le quali è prevista una “autorizzazione per usi specifici” ai sensi del Regolamento REACH (Registration, Evaluation, Authorization and Restriction of Chemicals). È qualcosa di molto simile alla Red List di Living Building Challenge.

EPD_BV_4cL’altra notizia è appunto che grande spazio viene dato alle Environmental Product Declaration (EPD) ovvero le dichiarazioni ambientali di Tipo III, conformi alla norma UNI EN ISO 15804 e alla ISO 14025. Il settimo requisito del Regolamento 305/2011 (Construction Product Regulation, CPR) che prevede un uso sostenibile delle risorse naturali – “le opere da costruzione devono essere concepite, realizzate e demolite in modo che l’uso delle risorse naturali sia sostenibile” va nella direzione delle EPD (dove l’Italia è indietro di anni, non ha un Program Operator come altre nazioni e ha pochissimi prodotti per le costruzioni con questa dichiarazione). E quindi nei CAM, EPD per qualsiasi prodotto, con gli eccessi citati sopra.

2016_02_10-06 LEED ID+CInfine al punto “Specifiche tecniche premianti” (non è quindi obbligatorio ma dà dei punti nella gara d’appalto), nel caso di servizi di progettazione, viene introdotta la figura del “professionista accreditato dagli organismi di certificazione energetico-ambientale degli edifici accreditati secondo la norma ISO/IEC 17024”. Quindi, in pratica, il LEED AP (secondo GBCI), o anche il BREEAM Assessor (secondo UKAS). Non l’esperto ITACA, non il consulente CasaClima.

Conclusioni

Ciò che ricavo è che questo decreto sui CAM probabilmente farà venire il mal di testa a qualche RUP (Responsabile unico del procedimento). Se è nobile l’intenzione, il risultato è così complesso e contraddittorio da diventare inattuabile, di certo nella sua interezza. Si sarebbe potuto ottenere un’azione più efficace (ma vedremo nei prossimi mesi) nei confronti delle amministrazioni pubbliche o ammettendo in blocco i protocolli di sostenibilità degli edifici, senza ulteriori distinguo, oppure limitandosi alla stesura di Linee Guida. Nel primo caso un esempio viene dall’Olanda, che nel 2014 ha recepito l’utilizzo di LEED e BREEAM (in particolare LEED nella sua versione più recente, dimostrando un approccio innovativo del governo) come certificazioni idonee per ottenere un’agevolazione fiscale sugli immobili. Sul secondo punto, è chiaro che è più facile mettersi d’accordo sui principi che sui dettagli applicativi. Nel momento in cui stabilisco che devo “prevedere una superficie territoriale permeabile non inferiore al 60% della superficie di progetto” è evidente che magari in alcuni casi può andar bene, magari in altri no e poi perché 60% e non 55 oppure 65%.

2016_02_10-07 LEED Netherlands

Foto: USGBC

E per concludere, i tanto proclamati aspetti sociali dei CAM si riassumono in poche righe all’ultima pagina. Clausola sociale – I lavoratori dovranno essere inquadrati con contratti che rispettino almeno le condizioni di lavoro e il salario minimo dell’ultimo contratto collettivo nazionale CCNL sottoscritto. Verifica: l’appaltatore dovrà fornire il numero ed i nominativi dei lavoratori che intende utilizzare in cantiere. Inoltre su richiesta della stazione appaltante, in sede di esecuzione contrattuale, dovrà presentare i contratti individuali dei lavoratori che potranno essere intervistati (!) per verificare la corretta ed effettiva applicazione del contratto.

Ci mancherebbe altro.

M’ama non m’ama. I Petali di Living Building Challenge 3.0 a Rovereto.

Un “Living Future” è sbocciato a Rovereto. Non mancate la prima tappa del viaggio che cambierà l’ambiente costruito che ci circonda.

7 incontri tematici dal 16.12.2015 al 23.11.2016 a Rovereto (TN).

2015_12_09-01 Petals

Living Building Challenge Collaborative: Italy propone, a partire da mercoledì 16 dicembre, 7 incontri di discussione sui principi del protocollo Living Building ChallengeSM con la presentazione di volta in volta dei “Petali” (le categorie prestazionali di sostenibilità di LBC), il contributo da parte di un esperto sul tema, con riferimento ai regolamenti locali, le pratiche e le tecnologie collegate al tema del petalo, e una discussione aperta con i partecipanti su come sia possibile introdurre i principi di LBC nella pratica progettuale e costruttiva, anche lavorando sulle “policy” esistenti.

2015_12_09-03 LBC Postcard

Tutti gli appuntamenti si terranno  di mercoledì dalle ore 16.00 alle 18.00 presso Progetto Manifattura, Piazza Manifattura 1, 38068 Rovereto (Trento, Italia). Gli incontri prevedono la moderazione di Carlo Battisti, ingegnere, e Paola Moschini, architetto, titolari di Macro Design Studio, ambasciatori LBC e facilitatori del Living Building Challenge Collaborative: Italy. La formula degli incontri è 30’+30’+30’+30′: 30 minuti registrazione e networking, 30′ spiegazione dei requisiti del “Petalo”, 30′ presentazione da parte di un esperto delle tecnologie e delle “policy” legate alla tematica del petalo, 30′ discussione con i partecipanti su come applicare LBC nella pratica.

La partecipazione è gratuita a posti limitati (max 30 partecipanti), si richiede però per motivi organizzativi l’iscrizione su Eventbrite al seguente link. Per l’intero ciclo di incontri vengono riconosciuti 14 crediti formativi (2 per ogni incontro) presso il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC). Ogni incontro è inoltre valido per 1,5 crediti LFA.

2015_12_09-02 Advocacy
Questo il programma degli incontri:
“M’ama non m’ama. I Petali di Living Building Challenge 3.0 in sintesi”:

  • Petalo PLACE – Mercoledì 16 dicembre 2015
  • Petalo WATER – Mercoledì 17 febbraio 2016
  • Petalo ENERGY – Mercoledì 18 maggio 2016
  • Petalo HEALTH AND HAPPINESS – Mercoledì 15 giugno 2016
  • Petalo MATERIALS – Mercoledì 21 settembre 2016
  • Petalo EQUITY – Mercoledì 19 ottobre 2016
  • Petalo BEAUTY – Mercoledì 23 novembre 2016
Scarica qui il programma completo. Maggiori informazioni qui.
Posti limitati. Iscrizioni su Evenbrite qui.
Pagina Facebook
Twitter @LBCItaly
2015_12_09-04 Equity

Il clima sta cambiando, ok??

E i nostri edifici sono parte del problema.

Lunedì scorso presso EURAC con Daniele Pernigotti, Ulrich Santa (Agenzia per l’Energia Alto Adige – CasaClima) e Roberto Lollini (EURAC, Istituto per le Energie Rinnovabili) abbiamo preso spunto dalla splendida iniziativa di Daniele e dei suoi amici Ride With Us (da Venezia a Parigi in bicicletta per partecipare alla conferenza COP21) per parlare di cambiamento climatico e di edifici ecosostenibili.
2015_11_26-07 Ride With Us EURAC
Due fatti sono ormai inconfutabili. 1. Il clima sta cambiando, 2. La responsabilità è dell’uomo e dipende in buona parte dai consumi energetici e dall’impatto ambientale degli obsoleti edifici nei quali viviamo, lavoriamo, studiamo.

Il clima sta cambiando.

«La scienza non è una democrazia. È una dittatura. Sono le evidenze che guidano questa dittatura.» dice John Reisman. Gli eventi estremi sono più che raddoppiati rispetto agli anni ’80, soprattutto per quanto riguarda l’acqua, ad esempio con le cosiddette “bombe d’acqua” neologismo pericolosissimo che fa sembrare questi fenomeni come assolutamente eccezionali, mentre in realtà stanno diventando consueti.

2015_11_26-01 CO2 emissions

2015_11_26-03 Marmolada

Ghiacciaio della Marmolada (foto: forum.meteo4.com)

Diverse situazioni nel mondo lo dimostrano. Lo scioglimento dei ghiacciai, vedi ad esempio lo splendido film documentario “Chasing Ice” e le foto del ghiacciaio della Marmolada.

Kiribati (Oceania), 33 isole sparse in un’area larga quattromila chilometri per duemila, abitata da poco più di centomila persone, che rischiano di scomparire per sempre nell’arco di pochi decenni, a causa dell’innalzamento dei mari per il riscaldamento globale (con il primo caso di “richiesta di asilo climatico” rifiutata dalla Nuova Zelanda). La storia di Siabatou Sanneh, che si è presentata allo start della maratona di Parigi lo scorso aprile con una tanica in testa e una scritta appesa al collo “Questa è la stessa distanza che in Africa le donne fanno per prendere l’acqua”. E tanti altri esempi.

2015_11_26-02 Kiribati

Arcipelago Kiribati (Oceania)

2015_11_26-05 Siabatou Sanneh

Siabatou Sanneh, Maratona di Parigi 12.04.2015

La colpa è dell’uomo

Il “Consensus Project” ha misurato il livello di consenso scientifico internazionale sul fatto che gli esseri umani stiano causando il riscaldamento globale, analizzando 21 anni di articoli “peer-reviewed” (cioè validati da esperti del settore). Tra i 12.465 documenti, sono stati identificati oltre 4.014 articoli scritti da 10.188 scienziati che hanno preso posizione sul riscaldamento globale e tra questi il 97,1% è del parere che sia scientificamente provato che questo cambiamento dipende dall’uomo. I media in generale non hanno ancora preso atto definitivamente di questa condivisione planetaria, continuando ad alimentare una confusione generale nella discussione su questi temi. Le opinioni di segno opposto vengono spesso esposte ad arte come se il mondo scientifico fosse diviso su questa tematica con un rapporto 50/50, quando in realtà il rapporto è appunto 97% contro 3%.

Lo denuncia in modo divertente “Last Week Tonight with John Oliver” (della rete HBO) inscenando un finto dibattito sul cambiamento climatico come davvero dovrebbe essere. Insomma, possiamo definitivamente archiviare il negazionismo, iniziando a lavorare tutti per invertire la tendenza e mantenere l’aumento della temperatura media del globo sotto quei fatidici 2° C che rappresentano la soglia della catastrofe.

2015_11_26-04 Consensus Project

Sono gli edifici ad avere il maggior impatto ambientale

Molti pensano che le industrie, il traffico, i trasporti siano i principali responsabili. No, l’impatto ambientale maggiore è provocato dagli edifici. Per questo è importante realizzare nuovi edifici ad alte prestazioni energetiche ma soprattutto è di gran lunga più importante migliorare prestazioni di quelli esistenti. Ed è altrettanto fondamentale adottare sistemi di misurazione oggettiva e olistica della sostenibilità come i protocolli internazionali riconosciuti (LEED). Le tecnologie necessarie già esistono ma non basta, è indispensabile un profondo e diffuso cambiamento culturale, che va dall’adozione di idonei regolamenti al comportamento virtuoso degli utenti. Tutti possono fare qualcosa, tutti i giorni, sia nelle piccole azioni che nei grandi cambiamenti. E questi cambiamenti possono avvenire solo con il contributo di tutti.

2015_11_26-06 Buildings impact

Cosa fare? Bisogna cambiare marcia

La politica e l’industria rispondono con lentezza, lontane dall’essere all’altezza delle sfide mondiali“. È il messaggio di assoluta chiarezza contenuto nell’ultima enciclica di Papa Francesco, “Laudato si’”. La lentezza con la quale stiamo agendo su questi problemi non ci consentirà mai di arrivare a risolverli efficacemente. Si sta manifestando un fenomeno che potrebbe essere spiegato con la storiella della rana e della pentola d’acqua sul fuoco. Se gettate (non fatelo, è un esempio!) una rana viva in una pentola d’acqua che bolle, questa schizzerà fuori all’istante. Ma se mettete una rana in una pentola d’acqua fredda e riscaldate l’acqua fino a ebollizione, la rana morirà bollita, perché si è adattata via via all’aumento della temperatura.

E sta succedendo proprio questo; resilienza e capacità di adattamento stanno rallentando la battaglia contro il cambiamento climatico, dato che la velocità di adattamento dell’uomo si sta rivelando molto maggiore di quella del cambiamento climatico. Un esempio? La creazione negli USA, di un sistema di certificazione delle “case resilienti” (FORTIFIED Home), dove la strategia è quella di non agire direttamente sulle cause, ma continuare a vivere con lo stile di vita corrente, cercando di mettersi il più possibile al riparo dalle conseguenze. È insomma un grave problema di percezione. Ma ripeto, le tecnologie e i sistemi ci sono ed è il caso di affrontare la questione tramite un approccio radicalmente innovativo, ad esempio sposando una filosofia e una metodologia per progettare e realizzare edifici, come il Living Building Challenge.

Ancora Papa Francesco: “Affinché sorgano nuovi modelli di progresso abbiamo bisogno di cambiare il modello di sviluppo globale“. E allora è forse proprio il caso di ripensare la nostra strategia di sviluppo, come ci ammonisce Pepe Mujica, l’ex presidente uruguaiano, in uno stralcio dell’intervista tratta dallo splendido “Human” di Yann Arthus-Bertrand.

Vuoi rivedere la presentazione fatta durante Ride With Us (EURAC, 23.11.2015)? Clicca qui 🙂