Archivi categoria: Policy

Join us in Malaga for a journey into Sustainability 4.0

Industry 4.0 is the name given to the new era of automation and data exchange in manufacturing technologies, including the Internet of things (IoT), cyber-physical systems, cloud- and cognitive computing. This is or it is expected to be the fourth industrial revolution … Ok, nice, but what about sustainability? When it comes to sustainability, still today the cornerstones of the discussion are the concept of a sustainable development (1987, 31 years ago) and the triple bottom line (1994, 24 years ago)…

El Palmeral de Las Sorpresas (Junquera Arquitectos) – Port of Malaga

With RESTORE we are going further, envisioning a restorative/regenerative sustainability, where we are required to do “more good” instead of “less bad” if we really intend to subvert the current pace in the fight against the climate change, recovering an approach that is both human and natural. We know that the building industry is rapidly moving towards a full digitalization, where tools (the means) look sometimes more important than purposes. How can digitalization follow through this transition in the concept of sustainability? Is the new generation of skilled professionals of the digital design age capable to embed the new principles of sustainability in their every day work? How can we restore a balanced relationship between humans and nature – inside and outside our buildings, districts, communities – exploiting the new tools that industry 4.0 make us available? Is a (digital) sustainability 4.0 feasible?

Join us in Malaga next 15-19 October for the International Conference on Regenerative Design in the Digital Practice to discover it 😉

Plastic model of Malaga РEdificio M̼ltiple de Servicios Municipales

The main focus of the Conference Week in Malaga, organized in the frame of Cost Action CA16114 RESTORE CA16114, is the Digital Implementation of the 17 UN Sustainable Development Goals and Regenerative Sustainable Design principles in the practice of design. Via the integrated use of freeware digital parametric modelling, the discussed challenges are to adapt to climate change, improve outdoor microclimate qualities and indoor health/ wellbeing, operating a transformation that responds to the criteria of Circular Economy.

What: International Conference on Regenerative Design in the Digital Practice
When: 15-19 Oct 2018
Where: in Malaga at
– Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071 (from October, 15th to 18th)
– OMAU – Camino de la Desviación s/n. 29017 (October, 19th)

Participation is free of charge upon registration here on Eventbrite, but places are limited. For updates / news / photos, check out #RESTOREMalaga
Special side event on Friday 19th: Visit to Malaga Cathedral retrofit work by Juan Manuel Sánchez La Chica.

Program:

Monday 15-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Regenerative Design & Integrated Parametric Modelling‘.

Presenters: Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Martin Brown (Fairsnape, UK) and Terri Peters (Ryerson University, CA), Jonathan Natanian (TUM, Munich, DE), Silvia Vian (Foster + Partners, UK), Luca Finocchiaro (NTNU, Trondheim, NO), Dimitra Theochari (Ramboll Studio Dreiseitl, DE), Negar Mohtashami (RWTH, Aachen, DE), Herman Calleja (ChapmanBDSP, UK), Pietro Florio (EPFL, Lausanne, CH), Angelo Figliola (Sapienza, Rome, IT), Jonas Gremmelspacher (Lund University, SE), Juan Pablo Sepulveda Corradini (AECOM, AU)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Tuesday 16-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Climate Adaptation‘.

Presenters: Chris Mackey (Ladybug Tools, USA), Theodorus Galanos (Construction Company, EL), Kristoffer Negendahl (BIG & DTU, DK), Ata Chokhachian (TU Munich, DE), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Chris Kongsgaard (DTU, Kongens Lyngby, DK), Antoine Dao (Mallzee, UK), Daniele Iori (Sapienza, Rome, IT), Ilya Dunichkin (MGSU, Moscow, RU), Katharina Manecke (GIZ, DE)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Edificio Múltiple de Servicios Municipales, Ayuntamiento de Málaga

Wednesday 17-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Life Cycle Impact Reduction‘.

Presenters: Alexander Hollberg (ETH Zürich, CH), Panu Pasanen (OneClickLCA, FI), Tiziano Dalla Mora (University of Venice, IT), Lisanne Havinga (TU/e, Eindhoven, NL), Kristoffer Negendahl (BIG & DTU, DK), Kasimir Forth (TUM, Munich, DE), Andrea Meneghelli (POLIMI, Milan, IT), Mateusz Ploszaj-Mazurek (Warsaw University of Technology, PL), Alina Galimshina (ETH, Zürich, CH)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Thursday 18-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Wellbeing‘.

Presenters: Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, USA), Angela Loder (International WELL Building Institute, USA), Terri Peters (Ryerson University, CA), Wilmer Pasut (Eurac Research, IT), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Eugenijus Sapel (Vesta Consulting, LT), Szabina Varnagy (ABUD, HU), Clement Jaffrelo (Sinteo, FR), Vincenzo Costanzo (University of Catania, IT)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

La Santa Iglesia Catedral Basílica de la Encarnación, Málaga

Friday 19-10-2018 / 09:00 – 15:30


Final Conference on ‘Regenerative Design & Competition‘.

Presenters: Carlo Battisti (Eurac Research, IT), Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, USA), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Angela Loder (International WELL Building Institute, USA), Chris Mackey (Ladybug Tools, USA)

SPECIAL LOCATION: OMAU – Camino de la Desviación s/n. 29017.

Friday 18-10-2018 / 15:30 – 17:00


Visit to Malaga Cathedral retrofit work by Juan Manuel Sánchez La Chica

SPECIAL LOCATION: Malaga Cathedral – Calle Molina Lario, 9, 29015.

We are looking forward to welcome you joining us in the journey into Sustainability 4.0 #RESTOREMalaga #CostRestore 🙂

Escuela de Arquitectura en Málaga

Sustainability, Restorative to Regenerative.

An exploration in progressing a paradigm shift in built environment thinking, from sustainability to restorative sustainability and on to regenerative sustainability.

Do you want to explore the new frontiers of sustainability? From the work of the COST Action CA16114 RESTORE: REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy, Working Group 1. Restorative Sustainability, here is our first booklet (downloadable for free). Enjoy 🙂

With contributions by Martin Brown, Edeltraud Haselsteiner, Diana Apró, Diana Kopeva, Egla Luca, Katri-Liisa Pulkkinen, Blerta Vula Rizvanolli and many others …

This publication, with contributions from over 20 EU countries is an exploration in progressing a paradigm shift in built environment thinking, from sustainability to restorative sustainability and on to regenerative sustainability.

It presents a reference document for future work of the RESTORE Action, for other Cost Actions and for built environment academia and industry organisations.

VanDusen Botanical Garden, Vancouver (CAN)

Summary

  • Introduction
  • Definitions – the Language for Sustainability
  • Social, Health and Participation in Sustainability
  • Living Buildings
  • Regenerative Heritage
  • Circular Economy
  • WG1 Activities
  • Epilogue
  • WG1 People

Portland Japanese Garden, Portland (OR, USA)

(From the Introduction by Martin Brown and Edeltraud Haselsteiner)

It is now some 30 years since Brundtland defined sustainable development, broadly defined as not doing anything today to compromise tomorrow’s generation, and in doing so defined sustainability for business and enterprises globally.
Many in the built environment have taken this passive ‘do nothing’ approach, as license to do the least possible. Consequently, we have and we continue to compromise future generations.
The built environment is a huge influencer on ‘sustainability’, we spend over 90% of our time working, living and playing within our buildings. Despite sustainability and corporate social responsibility initiatives it is irresponsible that we have generally failed to grasp our influence and to address the potential to move the needle on wider global sustainability and climate issues.
Buildings, and the manner in which we design, construct and maintain them have been a significant contributor to climate breakdown we are witnessing.

Restorative and regenerative approaches can flip this enabling buildings to become part of climate regeneration solutions.
Maybe sustainability is not a journey, but a state of equilibrium, based on giving as much as we take. On the negative side where we take more, we are unsustainable and no matter how much we reduce our impacts we will always remain unsustainable. On the positive side ‘to do more good‘ we open doors to
restore environments and communities, and to create and enable conditions for environmental, social and economic regenerative growth […].

We no longer have the luxury of just being less bad.” (RESTORE)

Living Communities a Matera.

Living Buildings & Living Communities: la sfida della rigenerazione.

Quando: martedì 6 febbraio 2018, ore 15:30-19:00
Dove: Casa Cava
Indirizzo: Via S. Pietro Barisano, Matera
L’evento è gratuito, previa registrazione qui. Posti limitati.

Living Building Challenge

Il Living Building Challenge (LBC) è il più rigoroso standard prestazionale dell’ambiente costruito. Prevede la progettazione e realizzazione di edifici funzionanti in modo pulito, bello ed efficiente così come lo richiede un’architettura ispirata alla natura. Questi sono i “Petali” LBC (le categorie prestazionali di sostenibilità Living Building Challenge): PLACE (Luogo), WATER (Acqua), ENERGY (Energia), HEALTH & HAPPINESS (Salute e felicità), MATERIALS (Materiali), EQUITY (Equità), BEAUTY (Bellezza).

Maggiori informazioni: http://living-future.org/lbc

Obiettivi

I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base del Living Building Challenge – una filosofia, uno strumento di patrocinio ambientale e un programma di certificazione che affrontano lo sviluppo sostenibile a tutti i livelli. Per essere certificati secondo LBC, i progetti devono soddisfare una serie di requisiti prestazionali ambiziosi misurati per un minimo di 12 mesi di occupazione continua.

Come possiamo estendere questi concetti a livello di comunità? Con la guida di Alicia Daniels Uhlig dell’International Living Future Institute di Seattle (WA, USA) scopriremo il Living Community Challenge, uno strumento di pianificazione urbana, progettazione e costruzione per creare una relazione simbiotica tra le persone e tutti gli aspetti dell’ambiente costruito.

Con la partecipazione di:

Living Building Challenge Collaborative: Italy, un gruppo di professionisti volontari impegnati per la sostenibilità, la formazione e l’attuazione del Living Building Challenge, lo standard di sostenibilità dell’ambiente costruito più avanzato al mondo.
Naturalia-BAU, l’azienda altoatesina che da 25 anni propone prodotti e sistemi naturali di alta qualità per una casa sana e rappresenta in Italia un importante punto di riferimento del settore bio-edile.
DICATECh, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico di Bari.

Programma

Alicia Daniels Uhlig è un architetto e appassionato sostenitore della bioedilizia, con 20 anni di esperienza nella progettazione sostenibile. Alicia è direttore per l’International Living Future Institute del protocollo Living Community Challenge e responsabile per le policies, è impegnata ad accelerare la creazione di comunità vivaci, sane e sostenibili. Prima di unirsi a ILFI, ha praticato la libera professione di architetto a Seattle (Washington, USA) con GGLO, in California con Van der Ryn Architects e nelle Isole Vergini americane. Il focus di Alicia sulla sostenibilità l’ha portata anche a lavorare su progetti di architettura locale in Italia (segue).

Informazioni e registrazione

Dove: Casa Cava, via San Pietro Barisano 47, Matera
Parcheggi: consigliato Via Roma/Piazza Matteotti.  Tuteliamo l’ambiente, prediligiamo mezzi pubblici o mezzi in condivisione.
Informazioni:  +39 340 8003909
Registrazione: Partecipazione gratuita, posti limitati. Iscrizione tramite Eventbrite qui.
Scadenza per la registrazione: lunedì 05.02.2018.
Crediti formativi professionali: verranno riconosciuti 3 CFP per gli ingegneri, in accordo con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Matera.

Vi aspettiamo 🙂

Casa Cava, Matera

Come ti appalto la facciata.

I risultati del progetto “Capitolato Prestazionale Facciate” in un articolo di EURAC per Elsevier.

Il Journal scientifico Sustainable Cities and Society di Elsevier ha pubblicato un articolo in versione Open Access, a firma Pascal Vullo, Alessio Passera e Roberto Lollini, ricercatori di Eurac Research di Bolzano, che apre la strada a un nuovo approccio nella redazione dei capitolati di facciate tecnologicamente complesse.

Lo studio nasce sulla scorta delle risultanze del progetto “Capitolato Prestazionale Facciate” svolto per conto della Ripartizione Edilizia e servizio tecnico della Provincia Autonoma di Bolzano, in collaborazione EURAC research (Istituto per le Energie Rinnovabili), IDM (Ecosystem Construction) e Università di Bolzano (Facoltà di Scienze e Tecnologie).

Questo lavoro rappresenta un possibile nuovo approccio per l’introduzione di criteri prestazionali sull’involucro, nella pianificazione e gestione degli appalti di progetti di edifici con facciate tecnologicamente complesse e fa da ponte per le attività per gli studi sulle prestazioni delle facciate che vengono svolte all’interno del progetto Interreg IT-AU FACEcamp.

Il titolo dell’articolo è “Implementation of a multi-criteria and performance-based procurement procedure for energy retrofitting of facades during early design”. Qui l’abstract e alcuni commenti nella news di GuidaFinestra e qui il collegamento con l’articolo su Sustainable Cities and Societies di Elsevier. Buona lettura 🙂

Per maggiori informazioni: carlo.battisti@idm-suedtirol.com

Con IDM alla ricerca del Well-living.

La qualità del vivere all’interno degli edifici è sempre più importante, dato che passiamo “indoor” il 90% del nostro tempo, per vivere, studiare, lavorare. Dopo lo sviluppo della cultura dell’efficienza energetica, questa relativamente nuova visione dell’ambiente costruito richiede a progettisti, imprese, installatori un approccio che tenga conto degli effetti delle proprie scelte sulla salute delle persone. E inoltre apre la strada a interazioni multidisciplinari con medici, esperti di well-being, aziende che forniscono soluzioni per il benessere della persona, e così via. Non è solo una questione di salute o sostenibilità, questo nuovo scenario è di particolare interesse per le aziende e le organizzazioni, che si sono rese conto che il 90% dei propri costi operativi sono costi del personale (stipendi, benefit).

Concentrarsi solo sui costi energetici, che mediamente (pensiamo ad esempio ad un edificio per uffici) rappresentano l’1% dei costi totali, o sui costi di gestione (circa il 9%) allontanano in realtà dalla possibilità molto più efficace di incidere sui costi operativi, attraverso il miglioramento del benessere, della salute, della felicità e, in ultima istanza, della produttività dei collaboratori. I trend puntano tutti nella stessa direzione, sempre più persone investono sulla salute e il benessere. Se il wellness è in generale considerato (da un rapporto 2012 di McKinsey & Co.) il business prossimo futuro da mille miliardi di dollari, l’Industry Outlook di ASID (2015) conclude che la progettazione per il benessere all’interno dell’edificio ne è il sotto-trend innovativo che si sta sviluppando più velocemente.

È per questo motivo che IDM Südtirol Alto Adige, nell’ambito della propria missione di supporto all’innovazione, ha organizzato lo scorso ottobre, grazie alle sinergie tra gli Ecosystem Salute e Benessere e Ecosystem Costruzioni, un viaggio imprenditoriale di una settimana negli Stati Uniti, con tappa a New York City, Pittsburgh e Rochester, alla ricerca di progetti e iniziative esemplari nell’ambito del well-being e del well-living.

Delos Living building, NYC

A New York un “WELL Certified Spaces Tour” ci ha consentito di visitare tre progetti esemplari di uffici a Manhattan dove la ricerca del comfort interno è stato l’elemento centrale della progettazione. WELL Building Standard™ è l’innovativo protocollo internazionale di certificazione degli ambienti costruiti che si focalizza per la prima volta sulla salute e il benessere delle persone all’interno degli edifici. Gestito dall’International WELL Building Institute, è stato elaborato da Delos Living, società di consulenza immobiliare, grazie ad un lavoro di sette anni in collaborazione con Cleveland Clinic, Mayo Clinic, il Columbia University Medical Center e un team di architetti, ingegneri, scienziati e operatori del settore wellness di primaria importanza.

Gli uffici di Delos Living si trovano nel Meatpacking District, all’imbocco della High Line e a pochi passi dal fiume Hudson. Parlando con i loro collaboratori all’interno di questi uffici pieni di luce naturale, incredibili viste verso l’esterno e materiali naturali e salubri, abbiamo capito come Delos Living stia trasformando case, uffici, scuole e altri ambienti indoor mettendo la salute e il benessere al centro delle decisioni che riguardano la progettazione, la costruzione, la gestione e il funzionamento degli edifici.

COOKFOX, NYC

La seconda visita è stata presso COOKFOX, una società di progettazione particolarmente innovativa, che ha deciso di dedicarsi alla visione di una progettazione integrata in armonia con l’ambiente. I titolari e vari membri dello staff ci hanno raccontato con molti esempi come credano che la buona progettazione non possa che essere sostenibile. È una filosofia che mettono non solo a disposizione dei propri clienti, ma che anche negli spazi dove lavorano, dimostra il loro impegno nell’essere gestori avveduti delle risorse naturali e culturali che hanno a disposizione.

Dopo una società di consulenza e una di architettura, l’ultima tappa nella “grande mela” è stata un’impresa di costruzioni. Structure Tone è un general contractor con uffici anche nel Regno Unito e in Irlanda, con un fatturato di più di 3,5 miliardi di dollari e più di 1800 collaboratori. Oltre a promuovere il comfort indoor come leva per attrarre clienti numerosi ed eccellenti, gli uffici di questa azienda sono la dimostrazione di come questi principi possano essere applicati nella pratica. È stato anche un piacere scoprire che le sedie dei loro spazi comuni sono “Made in South Tyrol”…

Structure Tone, NYC

La trasferta a Pittsburgh ci ha dato la possibilità di visitare quello che viene generalmente considerato come il complesso di edifici più sostenibile del mondo. Oltre a possedere diverse certificazioni di sostenibilità (Living Building Challenge, WELL Platinum, LEED Platinum, SITES), il Phipps Conservatory & Botanical Gardens è semplicemente un luogo splendido. Oasi verde nel mezzo di Pittsburgh, è aperto dal 1893 per offrire ai propri numerosi visitatori un’esperienza unica e affascinante. La guida competente e illuminata del direttore Richard Piacentini ci ha accompagnato in un lungo viaggio alla scoperta delle incredibili prestazioni ambientali del Phipps: progettazione biofilica, conservazione delle risorse, totale autosufficienza energetica ed idrica, riciclo integrale dei rifiuti e soprattutto un comfort ambientale ottenuto anche in condizioni impegnative come quelle di un ambiente per lo più destinato a serre. Ma forse la rivelazione più importante è stata scoprire come un corretto processo di progettazione integrata e una piena e convinta collaborazione di tutti gli attori in gioco, con l’aiuto di soluzioni innovative già disponibili sul mercato, possano portare a risultati così entusiasmanti, replicabili anche in altri contesti.

Phipps Conservatory and Botanical Gardens, Pittsburgh (PA)

La tappa finale a Rochester è stata un’immersione in una e vera e propria istituzione americana. Rochester, a circa un’ora da Minneapolis, vive attorno alla Mayo Clinic, che è la prima e più la estesa struttura ospedaliera non-profit nel mondo. Vi lavorano 3800 medici e 50900 collaboratori, provenienti da ogni possibile specializzazione clinica, uniti da un’organizzazione impressionante e da una filosofia che mette al primo posto i bisogni dei pazienti. La visita parziale dello sterminato complesso di Mayo, si è concentrata sul Dan Abraham Healthy Living Center, la struttura dedicata alla prevenzione, alla riabilitazione e al mantenimento del benessere della persona. Un approccio particolarmente interessante soprattutto considerando il focus sui vari aspetti della prevenzione per la salute (esercizio fisico, nutrizione, relax, benessere mentale) e gli investimenti economici messi in campo da Mayo in questo settore della sanità.

Mayo Clinic, Rochester (MN)

In un’ideale chiusura di questo percorso “well-living”, a Rochester abbiamo infine avuto la possibilità di visitare il Well Living Lab, il centro di ricerca scientifica nato in collaborazione proprio tra Delos Living e la Mayo Clinic, che adotta esclusivamente un approccio centrato sulla persona (human-centered) per capire l’interazione tra la qualità degli ambienti indoor e la salute. La struttura include spazi abitativi modulari e riconfigurabili dove i tecnici del laboratorio possono simulare le condizioni reali degli ambienti indoor, installare un gran numero di sensori relativi a diverse variabili (fisiche e individuali) e analizzare come tali condizioni influiscano sul benessere della persona [Articolo per il “Foglio Informazioni” del Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bolzano].

Well Living Lab, Rochester (MN)

Per informazioni: carlo.battisti@idm-suedtirol.com

[Carlo Battisti è Living Future Accredited professional, WELL AP e WELL Faculty™. Coordina il Gruppo di Lavoro Indoor Environmental Quality (IEQ) presso l’Ecosystem Construction di IDM Südtirol Alto Adige].

WGBW 2017

World Green Building Week is the flagship event of the global green building movement organised by WorldGBC and led by its network of over 70 Green Building Councils and their 32,000 member companies. Watch out for further details as the plans for 2017 develop.

Did you know that buildings contribute to climate change? They account for over a third of the world’s greenhouse gas emissions. But that can change.

When buildings are net zero they use clean energy, are highly efficient and don’t waste energy – helping us to win the fight against climate change. That makes them heroes. Let’s make all buildings net zero by 2050.

#OurHeroIsZero

World Green Building Week, 25 September to 1 October 2017, is an annual event that empowers the green building community to deliver green buildings for everyone, everywhere. Buildings can be heroes in the fight against climate change – and so can you.

Join the movement – by downloading our resources, adding your actions to our Hero Action Map, or by signing up to our Thunderclap social media campaign.

What is a net zero building?

Net zero buildings are highly energy-efficient buildings which generate or supply the energy they need to operate from renewable sources – like solar energy – to achieve net zero carbon emissions. They are the homes, offices, shops, stadiums and theatres of the future.

But net zero buildings aren’t only about carbon emissions and energy. We recognise that the term “net zero” can be applied to water and waste, and can be used in reference to these during the operation of a building (e.g. operating emissions) or across the whole lifecycle of a building, from the extraction of raw materials to deconstruction and disposal (e.g. emboded carbon).

Why is the shift to net zero important?

If we continue to emit greenhouse gases at current rates, we are headed for a world where global temperature rises will exceed two degrees. Keeping the temperature rise below two degrees, within the limits set out in the Paris Agreement, means we avoid the most extreme impacts of climate change.

In order to achieve this target, we have set two goals:

  1. All new buildings must operate at net zero carbon from 2030
  2. 100% of buildings – new and existing – must operate at net zero carbon by 2050

We recognise that this is not easy and will not happen over night, and we applaud all efforts on green buildings – not just those on net zero – that help us on our journey to a net zero carbon built environment by 2050 [from World GBC web site].

My World Green Building Week 2017 (find me on the map :-))

  • Event: RESTORE Core Group meeting
    Date: September 26, 2017
    Time: 10:00 am
    Address: Avenue Louise 149
    1050 Brussels (Belgium)
    URL: http://www.eurestore.eu/
  • Event: IEQ Working Group 2017 General Assembly
    Date: September 27, 2017
    Time: 1:30 pm
    Address: Via Alessandro Volta 13a
    39100 Bolzano (Italy)
    URL: https://www.idm-suedtirol.com/en/

The RESTORE web site is online.

The RESTORE web site is on line 😊

We are happy to announce that the RESTORE website is now up and running. You can visit it at http://www.eurestore.eu

The RESTORE Action aims at a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings, promoting forward thinking and multidisciplinary knowledge, leading to solutions that celebrate the richness of design creativity while enhancing users’ experience, health and wellbeing inside and outside buildings, in harmony with urban ecosystems, reconnecting users to nature.

The RESTORE website is designed to provide you the most important information about RESTORE COST Action. You will be able to find all necessary details about the people involved, their work, the work and outputs from the Working Groups, but also about Short Training Scientific Mission funding opportunities and Training Schools.

Many sections of the website are still under development, but our goal is to make these web pages your hub for RESTORE information. We plan to communicate and disseminate the outcomes of the Action, but we also want to provide you with the information about the activities and involvement of our members. If you are organising any kind of event that might be of interest of other RESTORE participants, please contact us. We will happily share the information.

A reminder that applications for our First Training School are now invited. Please spread the word and be sure to apply if you are at all interested in Restorative Sustainability. Click here for more information.

Our goal is to make this page your hub for RESTORE information. We plan to communicate and disseminate the outcomes of the Action, but we also want to provide you with the information about the activities and involvement of our members. If you are organising any kind of event that might be of interest of other RESTORE participants, please contact us. We will happily share the information.

We look forward to seeing you engage with other RESTORE participants through the important and vibrant discussions and information sharing on our Twitter account and Facebook pages.

The website is based upon work from COST Action CA16114 RESTORE, supported by COST Programme (European Cooperation in Science and Technology).

Copyright © 2017 COST Action CA16114 RESTORE, All rights reserved.