Archivi tag: MIT

From LCA to RESTORE.

Seminar “Carbon Footprint and LCA
25 July 2017 (h: 15.30 – 17.30)
Location: EURAC, Conference Hall
Viale Druso 1, 39100 Bolzano – Italy

Omega Center for Sustainable Living, Rhinebeck, New York – Photo: Farsid Assassi, via BNIM Architects

Carbon Footprint represents one of the most relevant indicators of building environmental sustainably, measuring the carbon dioxide emissions over its life cycle. The carbon dioxide is considered as the major responsible for the greenhouse effect and, therefore, of the global warming and climate change. Sustainable buildings are critical to a future that is socially just, ecologically restorative, culturally rich and economically viable within the climate change context. Within the built environment sustainability agenda a shift is occurring, towards a broader framework that enriches places, people, ecology, culture, and climate at the core of the design task, with particular emphasis on the benefits towards health.

The seminar aims at providing research results on building life cycle assessment, presenting research project RESTORE on a new paradigm for restorative sustainability, and at opening discussion with all interested researchers and practitioners on approach for addressing building design decision process towards sustainability.

Agenda

15:30     Welcome from EURAC. Introduction on Carbon Footprint and LCA
Roberto Lollini, Institute for Renewable Energy, EURAC Research

15:40     Building carbon footprint: challenges and opportunities. Results of the embodied carbon research at Skidmore, Owings and Merrill (SOM), Chicago
Andrea Meneghelli, visiting researcher at Skidmore, Owings and Merrill (SOM), Chicago

16:10     Research studies on whole life cycle embodied carbon in building structures (MIT) and best-practice of industry leaders in the implementation of Whole Life Carbon in the building Sector
Catherine De Wolf, Phd in Building Technology at the Massachusetts Institute of Technology (MIT), Boston

16:40     Introduction to RESTORE project: REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy
Carlo Battisti, RESTORE Action Chair, EURAC Research

17:00     Open discussion with participants
17.30     Closure

Registration:
Please write to gloria.peasso@eurac.edu by 20/07/2017 if you are interested in attending the Seminar.

COST (European Cooperation in Science and Technology) is a pan-European intergovernmental framework. Its mission is to enable break-through scientific and technological developments leading to new concepts and products and thereby contribute to strengthening Europe’s research and innovation capacities.www.cost.eu

 

Design for simplicity.

The poet William Wordsworth once wrote, “The world is too much with us.” If this was true in the bucolic 18th and 19th centuries when Wordsworth lived, it is even more true today, when every gadget comes with an incomprehensible 100-page instruction manual.

2015_01_14 immagine 02Thus, simplifying people’s lives with your products and services is a surefire path to business success; it will endear you to your customers forever. In his aphoristic little book The laws of simplicity, graphic designer John Maeda has distilled all he knows about simplicity into 10 laws and three key ideas (thanks to Alessandro Garofalo for suggesting this book !). He sprinkles mnemonics, icons and graphics throughout, which you may enjoy if you’re a visual learner or find baffling if you’re not. If you really like the icons, you can download them from the web site Maeda put together to complement the book.

2015_01_14 immagine 03

Here are the 10 laws …

  1. REDUCE. The simplest way to achieve simplicity is through thoughtful reduction.
  2. ORGANIZE. Organization makes a system of many appear fewer.
  3. TIME. Savings in time feel like simplicity.
  4. LEARN. Knowledge makes everything simpler.
  5. DIFFERENCES. Simplicity and complexity need each other.
  6. CONTEXT. What lies in the periphery of simplicity is definitely not peripheral.
  7. EMOTION. More emotions are better than less.
  8. TRUST. In simplicity we trust.
  9. FAILURE. Some things can never be made simple.
  10. THE ONE. Simplicity is about subtracting the obvious, and adding the meaningful.

… and the three keys:

  1. AWAY. More appears like less by simply moving it far, far away.
  2. OPEN. Openness simplifies complexity.
  3. POWER. Use less, gain more.

Here is John Maeda in his TED talk of 2007.

 

2015_01_14 immagine 01John Maeda is a computer scientist, visual artist, graphic designer and professor of media arts and sciences at MIT. He has received many design awards. Former president of the Rhode Island School of Design, he is dedicated to linking design and technology. Through the software tools, web pages and books he creates, he spreads his philosophy of elegant simplicity.

Systems thinking – Reductionism 1-0.

Il gol decisivo, se ancora ci fossero dubbi, nella partita della sostenibilità tra ‘systems thinking’ (ragionare per sistemi complessi) e ‘reductionism’ (riduzionismo = ridurre i concetti al minimo sufficiente per spiegare i fatti di una teoria) lo segna questo importante articolo scritto da John Sterman, per conto di Network for Business Sustainability apparso su GreenBiz del 09.12.2013.

2013_12_18 immagine 06GreenBiz si conferma a mio avviso il contenitore più qualificato, completo e tempestivo di approfondimenti (oltre all’organizzazione di eventi di alto livello) sul tema della sostenibilità, con un particolare occhio agli aspetti concreti, ovvero cosa possono fare aziende e designers per cambiare ad esempio il modo in cui vengono realizzati i prodotti e renderli più sostenibili.

2013_12_18 immagine 05NBS, Network for Business Sustainability è invece una rete di esperti accademici e business leaders internazionali creata nel 2005 in Ontario, Canada. John Sterman è infine professore di Management alla Sloan School of Management (la business school del MIT) e direttore del System Dynamics Group sempre del MIT.

L’articolo, che riporto di seguito integralmente e che potete trovare qui, sostiene la visione sistemica come approccio alla spiegazioni dei fenomeni complessi e interrelati che stanno rendendo sempre più insostenibile la nostra gestione del mondo (cambiamento climatico, deforestazione, estinzione delle specie, avvelenamento del cibo e dell’acqua. Il mondo, insomma, è un sistema e non possiamo più trattare i problemi come se fossero isolati e ignorando la rete di cause-effetti che ci legano l’uno l’altro e ci mettono in relazione con la natura. Ma questa consapevolezza non basta e la sfida (quella che l’articolo cerca di giocare) è il passare dagli slogan a metodi efficaci e comprensibili per capire la complessità e applicare concretamente questa visione creando davvero una società più sostenibile attraverso il cambiamento di persone e aziende.

Capire la complessità dei sistemi vuol dire rendersi conto che i sistemi complessi (da un formicaio ad un business, alla società intera) hanno tipicamente le seguenti caratteristiche:

  1. Sono governati dagli effetti causati dalle nostre decisioni che si ripercuotono poi sulle decisioni stesse.
  2. Sono soggetti a ritardi tra cause e effetti che di fatto complicano i nostri possibili tentativi di recupero.
  3. Non sono lineari (gli effetti sono raramente proporzionali alle cause).
  4. Comportano compromessi che provocano effetti provvisori di segno opposto a quello sperato.
  5. Sono controintuitivi e resistenti all’applicazione di politiche di cambiamento virtuoso.

Come il business può rispondere in modo più virtuoso ed efficace dal punto di vista della sostenibilità? Anche in questo caso, 5 lezioni principali:

  1. Espandere i confini dei nostri confini mentali. Focalizzare sulle cause, più che sui sintomi di non-sostenibilità.
  2. Riconoscere i vincoli. Le aziende che sono vincenti su qualità e sostenibilità hanno capito che devono liberare risorse per operare il cambiamento con obiettivi a lungo termine.
  3. Andare oltre le soluzioni tecniche. I fallimenti del mercato limitano creatività e innovazione, mentre la tecnologia a volte provoca conseguenze insostenibili non volute.
  4. Confrontarci sui valori. I nostri valori guida costituiscono la leva più importante per un cambiamento sostenibile e duraturo.
  5. Riconoscere che possiamo fare la differenza. Le persone a volte pensano che possono fare ben poco per il cambiamento climatico; ma nel passato abbiamo mosso cambiamenti ben più radicali (dall’abolizione della schiavitù alla caduta del muro di Berlino).

Buona lettura …

From climate change and deforestation to collapsing fisheries, species extinction, and poisons in food and water, our society is unsustainable and getting worse fast.

Many advocate that overcoming these problems requires the development of systems thinking. We’ve long known that we live on a finite “spaceship Earth” in which “there is no away” and “everything is connected to everything else.” The challenge lies in moving from slogans about systems to meaningful methods to understand complexity, facilitate individual and organizational learning, and catalyze the changes needed to create a sustainable society in which all can thrive.

Here’s how the world operates as a system — and how businesses can respond effectively to the challenges we face.

The world as a system

2013_12_18 immagine 02.jpg

Image: The Natural Step

Systems thinking helps us understand the structure and dynamics of the complex ways in which we live, from organizational change to climate change, from physiology to financial markets. The structure of systems must be understood broadly, including physical elements (such as the concentration of carbon dioxide in the atmosphere and the time delays in a supply chain), institutions (such as markets and governments), human behavior (such as the way we make decisions) and mental models that shape how we perceive and interpret the world. These elements interact and coevolve to generate the world we experience.

All too often, however, we treat problems in isolation, ignoring the networks of feedback that bind us to one another and to nature. We often blame policy failure on “unanticipated events” and “side effects.” Political leaders blame recession on corporate fraud or terrorism. Managers blame bankruptcy on events outside their organizations and beyond their control.

But there are no side effects — just effects. Those we expected or that prove beneficial we call the main effects and claim credit. Those that undercut our policies and cause harm we claim to be side effects, hoping to excuse our failure. But side effects are not a feature of reality; they are a sign that the boundaries of our mental models are too narrow, and our time horizons too short.

For example, governments in many nations “solve” water shortages for irrigation by subsidizing electricity so farmers can install more powerful pumps. But the short-run success of that policy merely causes the water table to fall faster, requiring still larger pumps and still greater subsidies.

Avoiding such self-defeating interventions, in business and in sustainability, requires us to consider our actions in the context of the broader systems in which we are embedded.

System characteristics

2013_12_18 immagine 03

Image: Mauna Loa Observatory

Researchers have identified important characteristics of systems to help us manage them more effectively and sustainably. Complex systems, from an ant colony to a business to a society, are:

Governed by feedback: Our decisions alter the state of the world, causing changes in nature and in the behavior of others, which then feed back to change our own behavior. Cut prices to gain market share and your competitors may respond the same way, leading to a price war. Suppress forest fires and fuel accumulates in the forest, leading to more damaging fires.

Subject to delays: Feedback processes often involve long time delays and accumulations (stocks and flows). Carbon dioxide emissions from fossil fuel combustion accumulate in the atmosphere, causing the world to warm and the climate to change. Emissions are far higher than the rate at which CO2 is removed from the atmosphere. Just as a bathtub continues to fill as long as the flow into the tub from the faucet exceeds the flow out through the drain, stabilizing emissions will not stabilize the climate. Limiting dangerous climate change before the end of this century requires emissions to fall dramatically, starting now.

Nonlinear: Effect is rarely proportional to cause. Complex systems can cross “tipping points” that cause dramatic and often irreversible changes in their behavior. Take a few fish and fish stocks recover; take too many and the fish stock collapses. Warm the planet enough and greenhouse gas emissions will rise as bacteria convert carbon in melting permafrost into CO2 and methane, further warming the planet in a vicious cycle.

Characterized by trade-offs: Time delays in feedback processes mean that the long-run response of a system to an intervention often differs from its short-run response. Ineffective policies often generate transitory improvement before the problem grows worse, while policies that can create enduring value often cause worse-before-better behavior.

Counterintuitive and policy resistant: In complex systems, cause and effect are distant in time and space, while we tend to look for causes near the events we seek to explain. Our attention is drawn to the symptoms of difficulty rather than the underlying cause. As a result, many seemingly obvious solutions to problems fail or worsen the situation.

These and other principles have implications for the way businesses can become more successful — and sustainable.

How business can respond

2013_12_18 immagine 04

Image: The Natural Step

Systems thinking offers these five key lessons for business:

1. Expand the boundaries of our mental models. Most of our current sustainability efforts target symptoms of unsustainability rather than the causes. Our vehicles burn too much oil and generate too much CO2, so we target that symptom with standards to raise the efficiency of new cars. But the resulting reduction in oil demand will lower oil prices, undermining the incentive for people to buy efficient vehicles or cut oil use in other industries.

By expanding the boundaries of our mental models, we can identify the potential for such “policy resistance” and design more effective policies. Raising the price of CO2 will encourage auto companies to design more efficient vehicles and encourage consumers to choose them without the need for complex regulations, while simultaneously offsetting the drop in world oil prices.

2. Recognize constraints. Many of us are overstressed and operate in overstrained organizations. Trying to do too much means we are often unable to marshal the resources we need to kick-start improvements in productivity, quality and sustainability. The result is a self-reinforcing trap of low performance, overstretched resources and failed improvement programs. Firms that succeed in quality and sustainability free up the resources needed to improve by slowing down and focusing on the long-term.

Similarly, we live on a finite world. Therefore, “sustainable growth” is an oxymoron. Striving for perpetual growth while we degrade the carrying capacity of our world is self-defeating. Forward-thinking firms understand that destroying the environment also destroys the possibility of profitable enterprise. They are working to provide products that last longer and offer greater value; to take responsibility for their operations and products over their full lifecycle, including takeback and recycling; and to provide services that support the wellbeing and fulfillment of their customers, instead of simply selling more stuff at lower and lower margins.

3. Move beyond technical solutions. Technology offers hope that we can build a more sustainable world. But market failures limit the efficient allocation of capital and resources, including creativity and innovation. And there are long lags from problem recognition to innovation, commercial viability and scale-up. Technology often generates unintended consequences: For example, taller smokestacks reduce local smog but increase distant acid rain.

Innovation in markets, institutions and governance is essential to realize the full potential of technology. Externalities must be priced. Market failures must be corrected. We can make technology more effective by improving market signals, through regulations that create level playing fields and prevent a race to the environmental bottom, and through monitoring to prevent free riding and unintended consequences.

4. Confront our values. Our guiding values offer the most important leverage point for enduring, sustainable change. Recently, I asked MBA students how much money they needed to be happy. The average response was $2 million per year, and about half said more is always better. Most would accept lower income — as long as they could make more than everyone else. But obviously endless material growth on a finite world is impossible, and everyone cannot be richer than everyone else, no matter how clever our technology.

Those who are currently affluent must confront the culture of consumption, the conflation of having with being, that is destroying both the environment and human well-being, while supporting the legitimate aspirations of billions around the world to rise out of poverty.

5. Recognize that we can make a difference. People often feel powerless in the face of huge, complex systems. But understanding how systems work helps us to find the high leverage points that make a difference. People often recoil from climate science because they fear that what they do can’t possibly matter. But we’ve created more astonishing change before, from the fall of the Berlin Wall to the peaceful end of apartheid.

The abolition of the slave trade and slavery in England can serve as a model for action on climate change and sustainability: A few committed individuals found the high leverage points and ended an institution that had existed from the dawn of history, that nearly all assumed would always exist.

History shows we can do it. But will we? That depends on you.

Businesses embracing systems

An increasing number of businesses are developing the systems thinking capabilities of their people and realizing significant benefits. They are bootstrapping steady improvement in quality, productivity and sustainability by reinvesting initial savings in further improvement.

2013_12_18 immagine 07

Using systems thinking, a major oil company has generated documented savings of several billion dollars to date, while improving safety and environmental quality. A shipyard went from cost overruns and project delays to an award-winning yard in great demand. A high-tech electronics firm redesigned its supply chain, improving customer service and delivery reliability while cutting inventory. A global automaker built an entirely new service business and is now the market leader in that rapidly growing segment. And a major university implemented maintenance projects that boosted energy efficiency and sustainability while more than paying for themselves, creating resources for still more projects.

Systems thinking can be powerful, but too often remains an abstraction. The challenge for us all is to develop our systems thinking skills, help others develop their capabilities and bring systems thinking into our everyday lives — to move beyond slogans and on to action.

2013_12_18 immagine 01John D. Sterman is the Jay W. Forrester Professor of Management at the MIT Sloan School of Management and Director of MIT’s System Dynamics Group. His research includes systems thinking and organizational learning, computer simulation of complex systems, climate change and sustainability. He is the author of many scholarly and popular articles on the challenges and opportunities facing organizations today, including the book Modeling for Organizational Learning, and the award-winning textbook Business Dynamics.

Articoli collegati:

Il rasoio di Occam. Riduzionismo e complessità.

Are you the next sustainability leader?

2013_12_18 immagine 08Scarica anche:

Sustainability’s Next Frontier

(MIT Sloan Management Review & BCG)

Highlights from the Innovation Festival | Day #3.

In tre giorni circa 18.000 presenze per l’Innovation Festival, ben oltre le aspettative (nel 2012 furono 25.000 ma c’era la Lunga Notte della Ricerca, che ha cadenza biennale e quest’anno non c’era). 460 persone per Philippe Daverio, 300 per il ministro per l’istruzione Maria Chiara Carrozza, 250 circa per Jessica Jackley, Carlo Ratti, Alberto Tomba, e così via.

Stampa di fax a pagina intera

BBT Brenner Basistunnel

Sabato pomeriggio gli interessanti interventi sui grandi progetti europei e su come il coinvolgimento pubblico sia praticamente indispensabile per il loro successo. Ne hanno parlato al Museion in ‘Mumbai, Francoforte, Alto Adige‘ Eva-Maria Börschlein, Johann-Dietrich Wörner e Konrad Bergmeister. Eva-Maria Börschlein dirige il progetto delle cooperazioni culturali BMW Guggenheim Lab e ha avviato innovativi progetti di sviluppo urbano in città come Mumbai, Berlin o New York. Johann-Dietrich Wörner, presidente del centro tedesco per l’aeronautica e l’astronautica e responsabile per la mediazione nella costruzione dell’aeroporto di Francoforte ha sottolineato come possano essere soggetti ai conflitti i grandi progetti se i cittadini hanno la sensazione che si decida sopra le loro teste. Konrad Bergmeister, presidente del Tunnel di Base del Brennero, ha concluso l’evento parlando della costruzione del tunnel e dei diversi eventi di comunicazione per rendere partecipe la popolazione sulla questione. (Per un ulteriore approfondimento: news sulla rassegna stampa del Festival).

2013_10_02 immagine 02

Alexander M. Orlando intervistato da Carlo Massarini

L’atmosfera si è decisamente ‘scaldata’ con il successivo evento al Museion ‘Finanziare i rischi delle start-up‘ con la partecipazione di Alexander M. Orlando, il venture capitalist americano, fondatore, tra le altre della piattaforma InnoCentive. Una delle doti principali quando si presenta la propria idea a un venture capitalist è la sintesi: il progetto che viene presentato deve essere riassumibile nelle tre semplici fasi di valutazione, aggiustamento e implementazione. E si devono presentare forze e debolezze, essendo sinceri sulle proprie debolezze. L’investitore ha parlato anche dell’Italia, che giudica il Paese dove la mente ‘costa’ meno e che non permette gli investimenti, perché penalizza coloro che vogliono investire facendo riferimento alle barriere legislative che ostacolano l’affluire di capitali. Nell’evento, moderato da uno strepitoso Carlo Massarini (ma Vi ricordate Mister Fantasy?) si sono presentate anche alcune nuove start-up insediate nel TIS innovation park: Cartorender, Ecofarming, Hektros. (Per un ulteriore approfondimento: news sulla rassegna stampa del Festival).

2013_10_02 immagine 05

Carlo Ratti

Gran finale sabato sera, sempre al Museion (che si è rivelata una ‘location’ molto piacevole, elegante e funzionale) con Carlo Ratti, architetto e ingegnere responsabile del SENSEable City Lab al MIT di Boston. Ratti ha rappresentato in un decalogo, attraverso i progetti sviluppati all’MIT, come potrebbe essere la smart city del prossimo futuro: 1. Partecipazione pubblica ‘2.0’ | Le persone segnalano in tempo reale i problemi della città in modo che le amministrazioni possano intervenire. Un esempio: Fix my transport (UK). 2. Servizi urbani e palmare | Prenotare un ristorante a NY con OpenTable oppure un taxi con Uber. 3. La città ci parla | Le etichette intelligenti sui prodotti ci informano sulla loro provenienza. Lo stesso vale per i rifiuti, il cui percorso può essere tracciato per ridurne l’impatto, con il progetto Trash | Track. 4. Mobilità intelligente | Sapere in tempo reale se c’è un ingorgo e avere la possibilità di cambiare strada, con Google Transit. O addirittura veicoli autonomi che procedono da sole intersecandosi agli incroci senza incidenti. 5. Nuovi modi di lavorare | Non è più necessario rimanere chiusi in ufficio, ora c’è la possibilità di creare spazi ibridi e vivere di più all’aria aperta, come nella città di Guadalajara (Mexico). 6. Fine delle barriere disciplinari | Sia le scienze che studieremo che gli spazi nei quali vivremo, saranno caratterizzati da una grande flessibilità. Aumenteranno le interferenze tra i vari settori e la multidisciplinarietà. 7. Energia | Scaldiamo le case di giorno e gli uffici di notte, quando ambedue gli spazi sono vuoti, è questo il grande paradosso. Quindi il tema del risparmio energetico, ottenuto anche attraverso termostati intelligenti come Nest, facile da installare e azionabile anche via telefono, così da consentire risparmi anche del 20% sulle bollette. 8. Università | Molti corsi di Harvard e dell’MIT sono già disponibili on-line sulla piattaforma edX, un’opportunità fino a poco tempo fa impensabile, che apre le possibilità di istruzione qualificata anche ai paesi emergenti e alle persone meno abbienti. 9. Le fabbriche in città | Produrre in modo localizzato, vicino al consumatore. Concentrare le energie su ciò che fa la differenza: l’invenzione., recuperando un’artigianalità grazie a tecnologie come le stampanti 3D. 10. Incontri ravvicinati | Le nuove tecnologie non sostituiscono la necessità di incontrarci. Sarà ancora così, con Skype e le altre tecnologie presenti ma invisibili.

Si chiude così un Innovation Festival pieno di idee e dedicato ai temi più importanti del momento, l’innovazione declinata attraverso la sostenibilità, la responsabilità sociale, la tecnologia, le connessioni (i ‘dot’ come direbbe Hitendra Patel) all’interno delle comunità.

2013_10_02 immagine 04

Jessica Jackley

Gli eventi più intensi? La testa mi dice lo scenario futuribile messo in scena per progetti da Carlo Ratti e il vivace dibattito tra Carlo Massarini, Fabio Lalli e Alexander M. Orlando. A parte la differenza sensibile tra Massarini e altri moderatori del Festival, è stato molto interessante prendere drasticamente atto che per sviluppare i progetti servono i soldi e che per i soldi bisogna convincere gli investitori. Ma prima di convincere gli investitori, gli startupper devono convincere se stessi, ovvero essere in grado nel modo più assertivo possibile di difendere e portare avanti la propria idea in modo efficace. Non abbiamo certo l’ecosistema dell’innovazione di una Silicon Valley ma il mondo delle start-up è cresciuto enormemente in questi 2-3 anni. Dobbiamo insomma (ancora A. Orlando) trovare una nostra dimensione e specificità puntando sui prodotti che siamo bravi a fare. Ma, tornando al mio ‘best of’ il cuore dice Jessica Jackley e Hitendra Patel. E per un motivo molto semplice, anche se declinato in due modi diversi: ‘passion’, passione. E’ quella che ho visto nell’entusiasmo della presentazione di Jessica e nella scoppiettante verve di Patel. Dico in due modi diversi perché la Jackley ha trasmesso l’energia di credere così fortemente nella propria missione e buttarcisi dentro anche a costo di errori pericolosi: con una formazione universitaria in filosofia e scienze politiche si è trovata a gestire l’innovazione finanziaria forse più interessante (e di certo sussidiaria) degli ultimi dieci anni. Ma l’abnegazione non basta, servono metodo scientifico e una chiara strategia di sviluppo. Ciò che possono dare le migliori scuole di business, come ha spiegato Hitendra Patel con una sequenza inesauribile di suggerimenti che hanno colpito nel segno: ‘Technology is an enabler for innovation, it isn’t innovation’. ‘Innovation is not Powepoint. Prototype, go straight to the market, talk to the client. That’s innovation !’ ‘Change + Value = Innovation.’ ‘You don’t need a crystal ball to predict the future … but megatrends may help you.’ ‘What characterizes italian innovation is the ‘feeling of things’. That makes the difference’. ‘Knowledge to apply is the knowledge (and education) you need to innovate.’

2013_10_02 immagine 01

Al prossimo Festival 😉

Le classifiche delle università. Graduatorie per migliorare.

ArwuL’uscita delle annuali classifiche delle migliori università del mondo suscita come al solito polemiche, in particolare da parte di francesi e italiani, che lamentano la presa in esame dei soli corsi di laurea in inglese. Le graduatorie confrontate dal Corriere della Sera del 18.08.2013 si riferiscono a quattro classifiche: Arwu (Academic Ranking of World Universities) della Jiao Tong University di Shanghai, l’ultima in ordine di tempo, il Taiwan Ranking e le inglesi QS (Quacquarelli Symonds) World University Rankings e Times Higher Education. Colpiscono le rilevanti differenze tra una classifica e l’altra, ad esempio la Johns Hopkins compare al 2° posto per la Taiwan Ranking ma non compare tra le prime dieci nelle altre tre classifiche. Per Taiwan è insolita anche la posizione dell’MIT (decima), che nelle altre tre classifiche compare tra il 1° e il 4° posto. Per fare un po’ di chiarezza ho provato a mediare i risultati delle 4 classifiche (assegnando convenzionalmente la posizione 11° nel caso in cui l’università in questione non fosse presente in una o più delle classifiche) determinando la nuova classifica complessiva seguente:

  1. Harvard
  2. MIT
  3. Cambridge (UK)
  4. Stanford
  5. Berkeley
  6. Oxford (UK)
  7. Princeton
  8. Johns Hopkins
  9. UCLA
  10. Washington – Seattle
  11. London College (UK)
  12. Caltech
  13. Michigan – Ann Arbor
  14. Chicago
  15. London Imperial College (UK)
  16. Yale
  17. Toronto (CAN)
  18. Columbia
  19. Tokyo (JAP)
MIT

Edifici del campus MIT

La sostanza non cambia di molto, se consideriamo che tra le prime dieci ce ne sono ben otto di americane! In particolare, in base alla media dei risultati conseguiti nei quattro studi, svetta Harvard (prima in tre su quattro), seguita a una certa distanza dall’MIT, poi da Cambridge (UK) e Stanford, da Berkeley e Oxford (UK) e, ulteriormente staccate, da un gruppo di università che comprende Princeton, Johns Hopkins. UCLA, Washington Seattle, London College (UK), Caltech e così via.

Stanford

Un edificio a Stanford

Le migliori italiane sono oltre la 100.a posizione: Milano (Università degli Studi e Politecnico), Padova, Pisa, Roma La Sapienza, Bologna. Risultato scoraggiante, anche se nelle prime 500 c’’è un indice di concentrazione delle italiane abbastanza alto, secondo Marino Regini, esperto di sistemi universitari. Ma in ogni caso il divario è impressionante. Ciò che viene messo in discussione è però il metodo utilizzato per stilare le classifiche, che è basato su due criteri principali: quello linguistico e quello quantitativo. Da una parte le due classifiche asiatiche privilegiano gli studi in inglese escludendo tutti quelli in italiano, francese, tedesco. Dall’altra vengono premiate soprattutto le pubblicazioni scientifiche (su riviste ad esempio come Nature e Science), il che finisce per favorire le grandi istituzioni accademiche (ma anche questo è un indicatore essenziale) e penalizza un po’ i risultati delle facoltà umanistiche.

Berkeley

Un edificio a Berkeley

Andrea Ichino, nell’articolo ‘Le classifiche delle università: possiamo davvero fidarci’ del Corriere del 18.08.2013 prova a tracciare una metodologia più trasparente, riferendosi soprattutto al lavoro svolto dall’Anvur (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca), basato sui seguenti criteri: tenere distinte le singole materie e inoltre indicare, oltre al risultato medio di ogni dipartimento, anche se tale risultato è omogeneo oppure derivi da punte di eccellenza combinate con zone d’ombra. Ichino suggerisce inoltre che sia lo Stato a rendere disponibili queste informazioni, in modo trasparente, tramite un sito web che gestisca informazioni sulle università a livello di singolo dipartimento. Informazioni riguardanti: ricerca, strutture, dimensioni, didattica, risultati ottenuti dai laureati nel mercato del lavoro (!) ecc., in modo che si riducano le infruttuose discussioni di principio e ci sia la possibilità per l’utente di interrogare il sistema ottenendo risultati efficaci e utili per la proprie scelte.

FinancialTimesAltre classifiche internazionali sono disponibili, ad esempio: Education World’s Best di US News oppure il ranking delle business school del Financial Times. Nel 2014 è atteso l’arrivo di una classifica tutta europea (anche come finanziamento pubblico) che analizzerà circa 700 atenei di tutto il mondo. Si tratta di ‘U-Multirank’, evidentemente una risposta alle quattro classifiche in questione. Al di là dei risultati, mi sembra logico che questi sistemi di informazioni vengano utilizzati dalle università ‘nostrane’ (pur con il finanziamento insufficiente con il quale fa attualmente i conti il sistema universitario italiano) come spunto di riflessione per il miglioramento. Ad esempio tramite il potenziamento del legame tra conoscenza e mondo produttivo, come commenta Franco Mosconi, in riferimento alla situazione dell’Emilia-Romagna, sul Corriere di Bologna del 19.08.2013. Secondo questo esempio queste classifiche sono l’occasione per puntare a consolidare un sistema – ad esempio come quello emiliano romagnolo – che includa distretti produttivi (macchine per l’imballaggio – Bologna, meccatronica – Reggio, farmaceutica – Parma, wellness – Cesena), poli tecnologici (ICT – Bologna e Modena, biomedicale – Mirandola) e una rete regionale di università a ‘cooperazione rafforzata’ (che equivale a network + massa critica) tra Bologna, Ferrara, Modena-Reggio e Parma), per una ‘Via Emilia dell’innovazione’.

EuregioE’ qualcosa di analogo a ciò che è già realtà con l’accordo di cooperazione transfrontaliera firmato ieri ad Alpbach tra le università di Bolzano, Trento e Innsbruck. Dopo il protocollo di intenti firmato il 05.05.2012 a San Michele all’Adige, si tratta di un accordo programmatico che prevede una serie di progetti in comune nell’ambito sia della ricerca sia della didattica, nelle aree disciplinari che vedono eccellere le tre provincie (Bolzano, Trento, Tirolo): ingegneria, fisica, informatica, lettere e filosofia, scienze cognitive. In concreto, ci sarà la possibilità per i ricercatori di prestare la loro attività su più sedi, per gli studenti di frequentare i corsi nelle diverse sedi, ecc. Una vera e propria ‘Università dell’Euregio’, seppur virtuale, dove comunque ogni ateneo possa consolidare la propria specializzazione; ad esempio, per Bolzano, l’orientamento alla tutela dell’ambiente e del futuro e la spinta verso uno sviluppo equilibrato. Il tutto già in piena sintonia con gli obiettivi di Horizon 2020, il nuovo programma europeo sulla ricerca e innovazione, che prevede sinergie internazionali di questo tipo.

Link alle interviste dei rettori di Bolzano e Trento sull’accordo Euregio di Alpbach.

L’innovazione cambia la mappa del lavoro in America.

Where you live matters more than ever.

L’America riparte da Internet. Le città hi-tech creano più lavoro. Segnalo e riporto integralmente l’articolo del 28.07.2013 con il quale inizia su La Stampa la collaborazione di Enrico Moretti, docente di economia alla University of California di Berkeley . Quando pensiamo agli Stati Uniti immaginiamo spesso una nazione dalle caratteristiche omogenee. Non è così, anche per quanto riguarda la situazione economica di questi anni. Ci sono almeno 3 Americhe, secondo Moretti: una che si sta sviluppando sotto la spinta dell’innovazione (Internet, green technologies) tra la Silicon Valley, Boston e Seattle; una che soffre un’inesorabile e drammatico crepuscolo legato alla crisi dell’industria tradizionale (Detroit su tutte) e la terza, che rappresenta il resto degli USA, in evoluzione o involuzione tra uno o l’altro dei due modelli citati.  Due segnali forti provengono dalle aree a forte innovazione: la centralità del capitale umano (l’istruzione come leva per l’innovazione) e il riverberarsi (con un fattore 1:5, secondo la ricerca di Moretti) dello sviluppo verso fasce occupazionali non direttamente coinvolte nell’innovazione (in altre parole: ogni nuovo ingegnere genera altri posti di lavoro nei servizi locali collegati). E noi, in Italia, quale strada stiamo prendendo?

2013_07_31 immagine 02Enrico Moretti è docente di economia alla University of California di Berkeley. Il suo libro ‘La nuova geografia del lavoro‘ (The new geography of jobs) è stato definito da Forbes ‘il libro di economia più importante dell’anno’ (‘Where you live matters more than ever’).

Istruzione e innovazione fanno la differenza. L’indotto di Facebook e Google supera quello dell’industria.

L’economia americana sta ripartendo. A differenza di quella italiana, negli Stati Uniti occupazione e salari medi sono in crescita da più di un anno. Il quadro economico, però, è profondamente diverso in aree differenti degli Stati Uniti. Mentre alcune regioni del Paese sono ancora in piena recessione, altre sono in piena espansione.

Molte delle città della vecchia Rust Belt industriale hanno ancora tassi di disoccupazione alti. L’economia di Detroit, per esempio, continua a contrarsi e da questa settimana è ufficialmente in bancarotta, schiacciata da miliardi di dollari di debiti pubblici non pagati. Il mercato del lavoro in città ad alto tasso di innovazione, invece, è in piena espansione.

Il modello San Francisco.  

2013_07_31 immagine 06

San Francisco si prepara per Greenbuild 2012
(Moscone Center)

L’esempio principale è San Francisco, la città dove vivo, che in questo momento è l’economia più dinamica in America. I posti di lavoro nel settore del software, Internet, semiconduttori, ricerca medica e farmacologica (in particolare biotecnologica), sono in crescita costante da anni e hanno nettamente ripreso forza dopo una breve pausa dovuta alla recessione. A questi settori tradizionali dell’hi-tech si sono aggiunti settori nuovi come il clean-tech, digital entertainement e i nuovi materiali (per esempio il nano-tech).

L’occupazione sta crescendo così rapidamente che le imprese cominciano ad avere difficoltà a trovare lavoratori. Facebook e Apple stanno assumendo a ritmi senza precedenti. Google, che aveva già tra i salari più alti del settore, li ha dovuti alzare ulteriormente per evitare che i suoi dipendenti cercassero altri posti di lavoro meglio remunerati. Twitter ha raddoppiato la forza lavoro in meno di un anno. Nell’aria si percepisce un ottimismo tangibile e un senso di opportunità senza confini. I ristoranti, i caffè e i pub sono pieni. Le strade e le piazze sono affollate da giovani trasferitisi da poco dal resto degli Stati Uniti, che vengono a cercare lavoro o a creare lavoro. Centinaia di nuove start-up impegnate a disegnare le tecnologie del futuro vengono create ogni mese.

L’indotto dell’hi-tech.  

2013_07_31 immagine 03

La sede di Google a Mountain View (CA)

A beneficiare di questa crescita non sono solo scienziati ed ingegneri. L’aspetto più importante di questa crescita è il suo effetto indiretto su chi non è impiegato nel settore. Questo aspetto è fondamentale, perché il lavoratore medio non sarà mai un impiegato di Apple, Google o di una startup della biotecnologia. Le industrie dell’innovazione portano a San Francisco buoni posti di lavoro, non solo direttamente nel settore dell’innovazione, ma anche indirettamente in altri settori, specialmente nei servizi locali e così incidono sull’economia locale, molto più in profondità di quanto risulti dal loro effetto immediato. Attrarre in una città uno scienziato o un ingegnere informatico significa innescare un effetto moltiplicatore che va ad aumentare i posti di lavoro e i salari di chi fornisce servizi locali.

La mia ricerca dimostra che per ogni nuovo posto di lavoro ad alto contenuto tecnologico creatosi in una città vengono a prodursi cinque nuovi posti, frutto indiretto del settore hi-tech di quella città. Si tratta sia di occupazioni qualificate (avvocati, insegnanti, infermieri) sia di occupazioni non qualificate (camerieri, parrucchieri, meccanici, muratori). Per esempio, per ogni nuovo software designer reclutato da Twitter o da Google, a San Francisco si creano cinque nuove opportunità di lavoro per baristi, personal trainer, medici e tassisti. Nella prospettiva di una città, insomma, un posto di lavoro ad alto contenuto tecnologico è molto più che un singolo posto di lavoro.

Le tre Americhe.  

2013_07_31 immagine 04

San Jose vista dagli uffici del Municipio

Questi trend non sono passeggeri ma riflettono un cambiamento strutturale nel mercato del lavoro americano e mondiale in atto da 40 anni. Siamo abituati a pensare all’America come un Paese unico. In realtà oggi esistono tre Americhe, molto distinte l’una dall’altra. A un estremo troviamo gli hub mondiali dell’innovazione: San Francisco, appunto, ma anche San Jose, Seattle, Austin, Boston, Raleigh e Washington. Sono città con una solida base di capitale umano e un’economia fondata su creatività e ricerca – città che da decenni continuano ad attrarre un numero sempre crescente di imprese di successo e di posti di lavoro con salari elevati. Queste città hanno una delle forze lavoro più istruite, creative e produttive del mondo.

All’estremo opposto si collocano le città dove un tempo dominava l’industria tradizionale, ridotte a centri in rapido declino che continuano a perdere posti di lavoro e abitanti: Cleveland, Flint, Buffalo, Philadelphia e ovviamente Detroit. L’economia qui è caratterizzata da attività produttive tradizionali, livelli di capitale umano molto più bassi, e ovviamente retribuzioni modeste. Chi lavora nelle città nel primo gruppo guadagna il doppio o il triplo di chi svolge lo stesso lavoro nelle città nel secondo gruppo, a parità di qualifiche professionali. Il resto d’America si trova in mezzo a questi due estremi, e potrebbe evolversi in una direzione o involvere nell’altra.

Manifattura e innovazione.  

2013_07_31 immagine 05

MIT (Massachusetts Institute of Technology)
a Cambridge (MA)

Le città con economie più forti si vanno rafforzando, mentre le città con economie più fragili vanno indebolendosi. Questa «grande divergenza» è in atto in tutto il mondo occidentale, ed è uno degli sviluppi più importanti nella storia economica e sociale dal dopoguerra a oggi. Il divario crescente tra città nel livello di sviluppo economico non è un fenomeno accidentale, ma l’ineluttabile risultato di forze economiche con radici profonde. Le sue cause ultime risiedono in un cambiamento profondo e strutturale nei modi di produzione che sta investendo, seppure a velocità diverse, tutte le società post-industriali.

Negli Anni 50 e 60, il successo economico di una città o di una regione dipendeva dalla manifattura. Città come Detroit e Cleveland erano tra le più ricche al mondo perché avevano i settori industriali più dinamici, e questo si traduceva in occupazione fiorente e salari tra i più alti sulla faccia della terra. Lo stesso, anche se su scala minore, accadeva a Torino, Milano e Genova.

Negli ultimi cinquant’anni, tutto questo è cambiato. Gli Stati Uniti sono passati da un’economia fondata sulla produzione di beni materiali a un’economia basata su innovazione e conoscenza. L’occupazione nel settore manifatturiero si è dimezzata e continua a calare anno dopo anno. L’occupazione nel settore dell’innovazione è cresciuta a ritmi travolgenti. L’ingrediente chiave di questo settore è il capitale umano, e dunque istruzione, creatività e inventiva. Il fattore produttivo essenziale non sono più i macchinari ed infrastrutture fisiche, ma le persone: sono loro a sfornare nuove idee.

Il valore dell’istruzione. 

2013_07_31 immagine 07

Parcheggio riservato ai … Premi Nobel all’Università di Berkeley
(NL = Nobel laureate)

La mia ricerca mostra che a partire dagli Anni Settanta il destino economico delle città americane comincia a dipendere in misura sempre maggiore dal livello di istruzione dei loro abitanti. Le città con un più alto numero di lavoratori provvisti di formazione universitaria hanno cominciato ad attirarne sempre di più, mentre le città con una forza lavoro meno istruita hanno iniziato a perdere terreno.

È un trend in accelerazione: l’effetto è che la distribuzione geografica dei lavoratori americani va sempre più configurandosi in base al profilo professionale. Proprio mentre stanno assistendo alla scomparsa delle segregazione razziale, le comunità americane vedono crescere la segregazione socioeconomica. Questa tendenza si osserva anche in Gran Bretagna, sebbene in misura minore, e nell’Europa continentale, Italia inclusa. La scolarità è divenuta la nuova discriminante sociale, sia a livello individuale che di comunità.

L’economia post-industriale, basata sul sapere e sull’innovazione, ha una tendenza intrinseca molto forte verso l’agglomerazione geografica. Città e regioni in grado di attirare lavoratori qualificati e imprese innovative, tendono ad attirarne sempre più; le comunità che non riescono ad attrarre lavoratori qualificati e imprese innovative, invece, perdono sempre più terreno. In questa realtà, il successo propizia ulteriore successo, mentre l’insuccesso condanna ad altri insuccessi.

L’ecosistema produttivo.

2013_07_31 immagine 08

Finale 2010 di Mind the Bridge
(competizione tra start-up) Università di Stanford (CA)

La ragione è un cambiamento profondo nel modo in cui si produce oggi. Nella nuova economia dell’innovazione il successo di un’azienda o di una città non dipende soltanto dalla qualità dei suoi lavoratori, ma anche dall’ecosistema produttivo in cui è inserita. Un insieme sempre più nutrito di studi economici sta rivelando che le città non sono una mera concentrazione di individui, ma un ambiente complesso e ricco di interrelazioni che favorisce la creazione di nuove idee e nuovi modi di fare impresa. L’interazione sociale tra gli imprenditori, per esempio, tende a generare opportunità di apprendimento che vanno a beneficio dell’innovazione e della produttività. Stare tra persone intelligenti ci rende più intelligenti, più innovativi e più creativi. Operando in contiguità geografica, gli innovatori rafforzano reciprocamente il proprio potenziale creativo e accrescono le proprie possibilità di successo. Questo è un aspetto importante, perché fa sì che mentre l’industria tradizionale continua a delocalizzarsi in Paesi in via di sviluppo, l’industria dell’innovazione continua a concentrarsi in poche aree chiave del mondo. Per esempio, uno stabilimento tessile è un’entità autonoma che può essere collocata più o meno in qualsiasi parte del mondo dove ci sia abbondanza di manodopera. È facile per un produttore americano o europeo delocalizzare in Bangladesh o in Romania. Ma un laboratorio biotecnologico o elettronico è piuttosto difficile da trasferire altrove, perché non si tratta di spostare solo un’azienda, ma un intero ecosistema.

La grande divergenza.

Per rimanere creativo e innovativo, deve stare vicino ad altre imprese high tech. Quindi una città che già possiede lavoratori creativi e aziende innovative vedrà evolvere la propria economia in direzioni che la renderanno ancora più attraente per gli innovatori. È questo, in definitiva, ciò che determina la «grande divergenza», per cui alcune città vedono aumentare la concentrazione di buoni impieghi, talento e investimenti, mentre altre vanno in caduta libera.

Queste dinamiche, già molto chiare in America e ancora in nuce in gran parte d’Europa, hanno importanti implicazioni per il futuro di molti Paesi europei. In questo quadro, l’Italia non è messa molto bene. Con una struttura industriale vecchia e poco innovativa, l’Italia è più vicina a Detroit che a San Francisco. Nei prossimi articoli esploreremo in dettaglio che cosa causa queste dinamiche e che cosa implicano per il futuro dell’Italia.

[Enrico Moretti © La Stampa, 28.07.2013. Immagini © Carlo Battisti]

2013_07_31 immagine 01Enrico Moretti is Professor of Economics at the University of  California, Berkeley where  he holds the Michael Peevey and  Donald Vial Career Development Chair in Labor Economics. He is the Director  of the Infrastructure and Urbanization Program at the International Growth Centre  (London School of Economics and Oxford  University). He is also a Research Associate at the National  Bureau of Economic Research (Cambridge),  and a Research Fellow at the Centre for Economic Policy Research (London) and  at the Institute for the Study of Labor (Bonn).  His  research interests include Labor Economics, Urban Economics and Applied  Econometrics.

The birth of a word. La nascita di una parola.

Il ricercatore del MIT Deb Roy voleva capire come il suo bambino imparasse la lingua — così ha riempito la sua casa di videocamere per catturare ogni momento (con alcune eccezioni) della vita di suo figlio, ha quindi analizzato 90.000 ore di video casalinghi per guardare “gaaa” trasformarsi lentamente in “water”. Una ricerca strabiliante e ricca di dati, con profonde implicazioni su come impariamo. Uno dei più bei video di TED Talk (marzo 2011), accompagnato da un articolo dell’autore Deb Roy.

2013_02_15 immagine 01Deb Roy directs the Cognitive Machines group   at the MIT Media Lab, where he studies how  children learn language, and designs machines that learn to communicate  in human-like ways. To enable this work, he has pioneered new  data-driven methods for analyzing and modeling human linguistic and  social behavior. He has authored numerous scientific papers on  artificial intelligence, cognitive modeling, human-machine interaction,  data mining, and information visualization. Deb Roy  was the co-founder and serves as CEO of Bluefin Labs, a  venture-backed technology company. Built upon deep machine learning  principles developed in his research over the past 15 years, Bluefin has  created a technology platform that analyzes social media commentary to  measure real-time audience response to TV ads and shows.

Roy's son's first steps were captured as part of the world's biggest home video collection. Photo © Deb Roy.

Roy’s son’s first steps. Photo © Deb Roy.