Archivi tag: The Natural Step

Systems thinking – Reductionism 1-0.

Il gol decisivo, se ancora ci fossero dubbi, nella partita della sostenibilità tra ‘systems thinking’ (ragionare per sistemi complessi) e ‘reductionism’ (riduzionismo = ridurre i concetti al minimo sufficiente per spiegare i fatti di una teoria) lo segna questo importante articolo scritto da John Sterman, per conto di Network for Business Sustainability apparso su GreenBiz del 09.12.2013.

2013_12_18 immagine 06GreenBiz si conferma a mio avviso il contenitore più qualificato, completo e tempestivo di approfondimenti (oltre all’organizzazione di eventi di alto livello) sul tema della sostenibilità, con un particolare occhio agli aspetti concreti, ovvero cosa possono fare aziende e designers per cambiare ad esempio il modo in cui vengono realizzati i prodotti e renderli più sostenibili.

2013_12_18 immagine 05NBS, Network for Business Sustainability è invece una rete di esperti accademici e business leaders internazionali creata nel 2005 in Ontario, Canada. John Sterman è infine professore di Management alla Sloan School of Management (la business school del MIT) e direttore del System Dynamics Group sempre del MIT.

L’articolo, che riporto di seguito integralmente e che potete trovare qui, sostiene la visione sistemica come approccio alla spiegazioni dei fenomeni complessi e interrelati che stanno rendendo sempre più insostenibile la nostra gestione del mondo (cambiamento climatico, deforestazione, estinzione delle specie, avvelenamento del cibo e dell’acqua. Il mondo, insomma, è un sistema e non possiamo più trattare i problemi come se fossero isolati e ignorando la rete di cause-effetti che ci legano l’uno l’altro e ci mettono in relazione con la natura. Ma questa consapevolezza non basta e la sfida (quella che l’articolo cerca di giocare) è il passare dagli slogan a metodi efficaci e comprensibili per capire la complessità e applicare concretamente questa visione creando davvero una società più sostenibile attraverso il cambiamento di persone e aziende.

Capire la complessità dei sistemi vuol dire rendersi conto che i sistemi complessi (da un formicaio ad un business, alla società intera) hanno tipicamente le seguenti caratteristiche:

  1. Sono governati dagli effetti causati dalle nostre decisioni che si ripercuotono poi sulle decisioni stesse.
  2. Sono soggetti a ritardi tra cause e effetti che di fatto complicano i nostri possibili tentativi di recupero.
  3. Non sono lineari (gli effetti sono raramente proporzionali alle cause).
  4. Comportano compromessi che provocano effetti provvisori di segno opposto a quello sperato.
  5. Sono controintuitivi e resistenti all’applicazione di politiche di cambiamento virtuoso.

Come il business può rispondere in modo più virtuoso ed efficace dal punto di vista della sostenibilità? Anche in questo caso, 5 lezioni principali:

  1. Espandere i confini dei nostri confini mentali. Focalizzare sulle cause, più che sui sintomi di non-sostenibilità.
  2. Riconoscere i vincoli. Le aziende che sono vincenti su qualità e sostenibilità hanno capito che devono liberare risorse per operare il cambiamento con obiettivi a lungo termine.
  3. Andare oltre le soluzioni tecniche. I fallimenti del mercato limitano creatività e innovazione, mentre la tecnologia a volte provoca conseguenze insostenibili non volute.
  4. Confrontarci sui valori. I nostri valori guida costituiscono la leva più importante per un cambiamento sostenibile e duraturo.
  5. Riconoscere che possiamo fare la differenza. Le persone a volte pensano che possono fare ben poco per il cambiamento climatico; ma nel passato abbiamo mosso cambiamenti ben più radicali (dall’abolizione della schiavitù alla caduta del muro di Berlino).

Buona lettura …

From climate change and deforestation to collapsing fisheries, species extinction, and poisons in food and water, our society is unsustainable and getting worse fast.

Many advocate that overcoming these problems requires the development of systems thinking. We’ve long known that we live on a finite “spaceship Earth” in which “there is no away” and “everything is connected to everything else.” The challenge lies in moving from slogans about systems to meaningful methods to understand complexity, facilitate individual and organizational learning, and catalyze the changes needed to create a sustainable society in which all can thrive.

Here’s how the world operates as a system — and how businesses can respond effectively to the challenges we face.

The world as a system

2013_12_18 immagine 02.jpg

Image: The Natural Step

Systems thinking helps us understand the structure and dynamics of the complex ways in which we live, from organizational change to climate change, from physiology to financial markets. The structure of systems must be understood broadly, including physical elements (such as the concentration of carbon dioxide in the atmosphere and the time delays in a supply chain), institutions (such as markets and governments), human behavior (such as the way we make decisions) and mental models that shape how we perceive and interpret the world. These elements interact and coevolve to generate the world we experience.

All too often, however, we treat problems in isolation, ignoring the networks of feedback that bind us to one another and to nature. We often blame policy failure on “unanticipated events” and “side effects.” Political leaders blame recession on corporate fraud or terrorism. Managers blame bankruptcy on events outside their organizations and beyond their control.

But there are no side effects — just effects. Those we expected or that prove beneficial we call the main effects and claim credit. Those that undercut our policies and cause harm we claim to be side effects, hoping to excuse our failure. But side effects are not a feature of reality; they are a sign that the boundaries of our mental models are too narrow, and our time horizons too short.

For example, governments in many nations “solve” water shortages for irrigation by subsidizing electricity so farmers can install more powerful pumps. But the short-run success of that policy merely causes the water table to fall faster, requiring still larger pumps and still greater subsidies.

Avoiding such self-defeating interventions, in business and in sustainability, requires us to consider our actions in the context of the broader systems in which we are embedded.

System characteristics

2013_12_18 immagine 03

Image: Mauna Loa Observatory

Researchers have identified important characteristics of systems to help us manage them more effectively and sustainably. Complex systems, from an ant colony to a business to a society, are:

Governed by feedback: Our decisions alter the state of the world, causing changes in nature and in the behavior of others, which then feed back to change our own behavior. Cut prices to gain market share and your competitors may respond the same way, leading to a price war. Suppress forest fires and fuel accumulates in the forest, leading to more damaging fires.

Subject to delays: Feedback processes often involve long time delays and accumulations (stocks and flows). Carbon dioxide emissions from fossil fuel combustion accumulate in the atmosphere, causing the world to warm and the climate to change. Emissions are far higher than the rate at which CO2 is removed from the atmosphere. Just as a bathtub continues to fill as long as the flow into the tub from the faucet exceeds the flow out through the drain, stabilizing emissions will not stabilize the climate. Limiting dangerous climate change before the end of this century requires emissions to fall dramatically, starting now.

Nonlinear: Effect is rarely proportional to cause. Complex systems can cross “tipping points” that cause dramatic and often irreversible changes in their behavior. Take a few fish and fish stocks recover; take too many and the fish stock collapses. Warm the planet enough and greenhouse gas emissions will rise as bacteria convert carbon in melting permafrost into CO2 and methane, further warming the planet in a vicious cycle.

Characterized by trade-offs: Time delays in feedback processes mean that the long-run response of a system to an intervention often differs from its short-run response. Ineffective policies often generate transitory improvement before the problem grows worse, while policies that can create enduring value often cause worse-before-better behavior.

Counterintuitive and policy resistant: In complex systems, cause and effect are distant in time and space, while we tend to look for causes near the events we seek to explain. Our attention is drawn to the symptoms of difficulty rather than the underlying cause. As a result, many seemingly obvious solutions to problems fail or worsen the situation.

These and other principles have implications for the way businesses can become more successful — and sustainable.

How business can respond

2013_12_18 immagine 04

Image: The Natural Step

Systems thinking offers these five key lessons for business:

1. Expand the boundaries of our mental models. Most of our current sustainability efforts target symptoms of unsustainability rather than the causes. Our vehicles burn too much oil and generate too much CO2, so we target that symptom with standards to raise the efficiency of new cars. But the resulting reduction in oil demand will lower oil prices, undermining the incentive for people to buy efficient vehicles or cut oil use in other industries.

By expanding the boundaries of our mental models, we can identify the potential for such “policy resistance” and design more effective policies. Raising the price of CO2 will encourage auto companies to design more efficient vehicles and encourage consumers to choose them without the need for complex regulations, while simultaneously offsetting the drop in world oil prices.

2. Recognize constraints. Many of us are overstressed and operate in overstrained organizations. Trying to do too much means we are often unable to marshal the resources we need to kick-start improvements in productivity, quality and sustainability. The result is a self-reinforcing trap of low performance, overstretched resources and failed improvement programs. Firms that succeed in quality and sustainability free up the resources needed to improve by slowing down and focusing on the long-term.

Similarly, we live on a finite world. Therefore, “sustainable growth” is an oxymoron. Striving for perpetual growth while we degrade the carrying capacity of our world is self-defeating. Forward-thinking firms understand that destroying the environment also destroys the possibility of profitable enterprise. They are working to provide products that last longer and offer greater value; to take responsibility for their operations and products over their full lifecycle, including takeback and recycling; and to provide services that support the wellbeing and fulfillment of their customers, instead of simply selling more stuff at lower and lower margins.

3. Move beyond technical solutions. Technology offers hope that we can build a more sustainable world. But market failures limit the efficient allocation of capital and resources, including creativity and innovation. And there are long lags from problem recognition to innovation, commercial viability and scale-up. Technology often generates unintended consequences: For example, taller smokestacks reduce local smog but increase distant acid rain.

Innovation in markets, institutions and governance is essential to realize the full potential of technology. Externalities must be priced. Market failures must be corrected. We can make technology more effective by improving market signals, through regulations that create level playing fields and prevent a race to the environmental bottom, and through monitoring to prevent free riding and unintended consequences.

4. Confront our values. Our guiding values offer the most important leverage point for enduring, sustainable change. Recently, I asked MBA students how much money they needed to be happy. The average response was $2 million per year, and about half said more is always better. Most would accept lower income — as long as they could make more than everyone else. But obviously endless material growth on a finite world is impossible, and everyone cannot be richer than everyone else, no matter how clever our technology.

Those who are currently affluent must confront the culture of consumption, the conflation of having with being, that is destroying both the environment and human well-being, while supporting the legitimate aspirations of billions around the world to rise out of poverty.

5. Recognize that we can make a difference. People often feel powerless in the face of huge, complex systems. But understanding how systems work helps us to find the high leverage points that make a difference. People often recoil from climate science because they fear that what they do can’t possibly matter. But we’ve created more astonishing change before, from the fall of the Berlin Wall to the peaceful end of apartheid.

The abolition of the slave trade and slavery in England can serve as a model for action on climate change and sustainability: A few committed individuals found the high leverage points and ended an institution that had existed from the dawn of history, that nearly all assumed would always exist.

History shows we can do it. But will we? That depends on you.

Businesses embracing systems

An increasing number of businesses are developing the systems thinking capabilities of their people and realizing significant benefits. They are bootstrapping steady improvement in quality, productivity and sustainability by reinvesting initial savings in further improvement.

2013_12_18 immagine 07

Using systems thinking, a major oil company has generated documented savings of several billion dollars to date, while improving safety and environmental quality. A shipyard went from cost overruns and project delays to an award-winning yard in great demand. A high-tech electronics firm redesigned its supply chain, improving customer service and delivery reliability while cutting inventory. A global automaker built an entirely new service business and is now the market leader in that rapidly growing segment. And a major university implemented maintenance projects that boosted energy efficiency and sustainability while more than paying for themselves, creating resources for still more projects.

Systems thinking can be powerful, but too often remains an abstraction. The challenge for us all is to develop our systems thinking skills, help others develop their capabilities and bring systems thinking into our everyday lives — to move beyond slogans and on to action.

2013_12_18 immagine 01John D. Sterman is the Jay W. Forrester Professor of Management at the MIT Sloan School of Management and Director of MIT’s System Dynamics Group. His research includes systems thinking and organizational learning, computer simulation of complex systems, climate change and sustainability. He is the author of many scholarly and popular articles on the challenges and opportunities facing organizations today, including the book Modeling for Organizational Learning, and the award-winning textbook Business Dynamics.

Articoli collegati:

Il rasoio di Occam. Riduzionismo e complessità.

Are you the next sustainability leader?

2013_12_18 immagine 08Scarica anche:

Sustainability’s Next Frontier

(MIT Sloan Management Review & BCG)

La possibilità di un’isola.

L’autarchia (im)possibile di Kos.

DSC_0135Adoro le isole greche, come immagino molti di Voi. Se posso, vedo di combinare una vacanza di una settimana almeno una volta l’anno. E’ una dose di aria pura, di energia solare, di iodio, di riposo, di letture. E’ anche una scelta economica, in termini di costi-benefici. Farsi almeno 400-500 km di auto in coda per raggiungere le prime spiagge italiane a cui aggiungere il sovraffollamento e i costi degli alberghi, conti alla mano costa molto di più in termini ambientali, economici e di qualità della vita. Certo, il modo più sostenibile per vivere queste isole da sogno dovrebbe essere via barca (non in aereo) e a ritmo iper-lento ma bisogna avere molto tempo a disposizione e anche il tempo è un costo. Ogni volta che ritorno è come se avessi accumulato una carica di batteria lunga quasi un anno. Ma quest’anno è un po’ diverso. Al ritorno da Kos mi porto dietro un po’ di amarezza e il dispiacere di un’occasione, la possibilità di un’isola, mancata.

Kos è una bellissima isola nel Dodecaneso, la seconda per grandezza dopo Rodi, di fronte alla Turchia. Non mancano le spiagge poco frequentatDSC_0113e, con vari tipi di sabbia, ghiaia, roccia. Kos Town è una città molto piacevole, integrata da parecchio verde, con diversi edifici del periodo fascista (in uno stile ideato apposta per le colonie, un misto tra razionalismo e forme eclettiche e creative) restaurati con attenzione, ben integrati nel tessuto urbano e utilizzati come Municipio, Ospedale, Mercato comunale, ecc. Ci sono diversi siti archeologici importanti, dei quali almeno uno famosissimo, la scuola di medicina di Ippocrate (nativo di Kos, 460 a.C.), il santuario eretto in onore del dio Asclepio (III°-II° secolo a.C.).

Cosa c’è che non va in tutto questo? C’è che l’isola si sta ‘lasciando andare’ in un’indolenza che non è solo endemica ma sintomo (ai miei occhi) di una mancanza di visione del proprio futuro e di consapevolezza della propria bellezza. L’altro lato di quest’atteggiamento (o forse proprio la causa scatenante di questo declino) è il dispendio continuo di risorse (energetiche, ambientali, economiche) per rincorrere i capricci di un turismo ormai di massa proveniente da tutte le parti d’Europa. Ci sono due modi per sviluppare la propria vocazione turistica: uno è preservare la propria identità, valorizzando i propri tesori per attrarre un turismo rispettoso, consapevole e disposto ad ‘acquistare’ la qualità; l’altro è accontentare tutti facendoli sentire ‘come a casa propria’ in una logica di divertimentificio. E allora, pub per gli inglesi (Kardamena è una specie di Brighton), birrerie per i tedeschi, pizzerie per gli italiani, kebab per chi cerca l’Asia minore in Europa (Bodrum e la Turchia sono a pochi km di navigazione ma, com’è noto, greci e turchi mal si tollerano). E poi nordici, scandinavi, francesi che si stupiscono che i camerieri non parlano francese e ovviamente russi a profusione. Insomma una piccola metafora di una Grecia sfruttata, al servizio degli europei, che tanto richiama il parallelo con le difficoltà finanziarie che da quattro anni la stanno tenendo sotto scacco nell’agenda politica di Merkel & C.

DSC_0072

Impianto eolico a Kos

Buona parte delle risorse locali se ne va nel far funzionare questi mega hotel da cinque stelle con tutti i comfort, uguali a tanti altri, mentre gli aerei passano sopra le teste degli ospiti atterrando ogni mezzora per scodellare frotte di europei. E’ facile immaginare l’impatto anche ambientale di questa girandola: un consumo immane di energia (ben poco rinnovabile, qualche impianto eolico e alcune installazioni di pannelli solari vicino all’aeroporto, per un’isola molto ventosa e con sole 365 giorni l’anno); di acqua (anche se l’isola sembra non avere al riguardo gli stessi problemi di altre consorelle, grazie alle sorgenti di Zia); di cibo (ma nei buffet degli hotel c’è di tutto fuorché pietanze elleniche) sprecato a dismisura (i russi in particolare sembrano alquanto famelici); e infine una cospicua produzione di rifiuti che è ovviamente difficile gestire (non Vi aspettate centri di riciclaggio). Il brutto è che questi segnali si cominciano a vedere diffusamente e in modo tangibile.

DSC_0106La foto a fianco è stata scattata dall’ultima gradinata dell’Oden romano (I° o II° secolo d.C.) in pieno centro di Kos. Nel prato c’è di tutto, bottiglie di vetro, di plastica e rifiuti di ogni genere. Si percepisce chiaramente che la crisi economica ellenica è arrivata a lambire anche le isole. Manca il personale per gestire le numerose opere di pregio. Accanto al teatro romano ci sono i resti di una piccola domus, ma l’accesso è chiuso per mancanza di custodia (altri siti di questo tipo sull’isola sono chiusi per lo stesso motivo o in cattive condizioni) e uno splendido mosaico (vedi immagine sotto) è esposto alle intemperie e all’incuria.

DSC_0107Analogamente procedono a rilento i lavori pubblici sia per la tutela dei siti archeologici (vedi nella foto sotto l’ennesimo progetto di recupero di una casa romana di notevoli dimensioni) che per infrastrutture di base necessarie per sostenere il traffico legato ai flussi turistici. È una storia che, magari con altre dimensioni e caratteristiche, richiama i disastri della nostra Pompei. È il problema di una comunità seduta su dei veri e propri tesori ma non in grDSC_0109ado di sfruttarli in modo efficiente. Basterebbe ad esempio solo gestire meglio il sito dell’Asklepieion, il santuario di Asclepio con la scuola dove insegnava Ippocrate. Un posto pieno di magia, adagiato su una collina, che incute il rispetto della Storia. Scriveva Ippocrate riguardo alla figura del medico ‘L’unione del perfetto uomo con il perfetto studioso: calma nell’azione, serenità nel giudizio, moralità, onestà, amore per la propria arte e per il malato. Ogni interesse personale passa in secondo piano. Solo errori di lieve entità sono considerati. Il suo abito, infine, deve essere decoroso e il suo aspetto denotare salute’. L’Asklepieion dovrebbe essere una meta obbligata per medici di tutto il mondo !

IMG_0218

La strategia auspicabile è chiara: puntare sulle proprie risorse, valorizzare il territorio, tutelare i propri tesori architettonici, archeologici, culturali, anche gastronomici, certo, difendere la propria identità e promuoverla a valore proponendolo a un turismo consapevole e alla ricerca della qualità. Non è un discorso elitario. L’alternativa è la rincorsa dell’omologazione, che fa di Kos un posto come altri, condannato a competere sul prezzo più basso. Una strategia che punta all’efficacia e all’efficienza. Perché sull’altro piatto della bilancia c’è l’emorragia di risorse economiche e ambientali, in un deterioramento del territorio che erode la ricchezza stessa dell’isola. Può un’isola essere autonoma, autosufficiente, autarchica nel senso sostenibile del termine? Se ci pensate, è la metafora del nostro globo o meglio della nostra biosfera. Kos sta vivendo molto probabilmente al di sopra delle proprie possibilità (la mia è un’impressione, non ho dati statistici, anche se sarebbe molto interessante analizzarli) violando i principi della sostenibilità (mi riferisco a quelli del frame work di The Natural Step). Sta impiegando risorse energetiche in modo poco efficiente e di tipo non rinnovabile. Produce e disperde sostanze sintetiche nell’ambiente (le bottiglie di plastica nei giardini di Kos sono solo un esempio). Continua a erodere il territorio, anche se la speculazione edilizia si è bloccata, stroncata dalla crisi – qualche cartello di cantiere per ‘un nuovo hotel a 5 stelle’ nasconde sullo sfondo alcuni manufatti in conglomerato cementizio armato appena iniziati. E compromette le condizioni sociali: negli alberghi locali prestano servizio molti greci che, perso il lavoro sul continente per la morsa della crisi, si adattano a lavori stagionali lontano dalle proprie famiglie.

Image: Thomas Doyle

Image: Thomas Doyle

Ma un’altra strada è possibile. Necessita una visione strategica di sviluppo sostenibile. Un’isola come Kos può diventare autosufficiente in un rapporto di equilibrio con la natura? Credo di sì. E’ un’isola splendida, ha tutto quello che serve, con il sole come fonte di energia inesauribile. Ha risorse culturali e naturali. Può veramente vivere sul turismo, senza essere costretta a pagare il prezzo inaccettabile della perdita della propria identità e della svendita delle proprie bellezze. Potrebbe davvero essere un laboratorio in tal senso e sperimentare un diverso paradigma, così come potrebbero farlo le mille Kos in giro per il mondo, le green communities del futuro. E se ce la fa una piccola isola, perché non potrebbe farcela la ‘nostra’ biosfera nel suo complesso?

Natural Capitalism. Il capitalismo sostenibile.

Trim TabL’intervista a Paul Hawken sull’ultimo numero di Trim Tab, il magazine trimestrale del Living Future Institute, è l’occasione per parlare di ‘capitalismo naturale’, la teoria introdotta dallo stesso Hawken insieme a Amory B. Lovins e L. Hunter Lovins nel libro ‘Natural Capitalism’ del 1999. ‘Creating the Next Industrial Revolution’ è il sottotitolo di quello che può essere considerato contemporaneamente il manifesto, la Bibbia e il manuale operativo della nuova rivoluzione ‘green’ improntata alla sostenibilità. Dice Peter Senge (The Fifth Discipline): ‘If Adam Smith’s The Wealth of Nations was the bible for the first Industrial Revolution, then Natural Capitalism may well prove to be it for the next.

blog_Natural-Capitalism-10th-Anniversary-Edition-279x300Le precedenti rivoluzioni industriali si erano concentrate sull’aumento della produttività per consentire il progresso sfruttando risorse naturali apparentemente illimitate. Oggi (all’epoca dell’uscita del testo, cioè 14 anni fa) siamo di fronte ad un altro modello di sviluppo che vede lo scontro drammatico tra aumento esponenziale della popolazione del globo, riduzione della necessità di manodopera legata alla tecnologia e alle macchine, diminuzione inesorabile del capitale naturale. È questo un primo concetto chiave: la definizione di ‘capitale naturale’: le risorse naturali della Terra e dei sistemi ecologici a supporto della vita. Un patrimonio di inestimabile valore anche perché, semplicemente è in assenza di valide alternative conosciute e di possibilità efficaci di rigenerarsi (la Terra è un sistema chiuso rispetto alla materia – primo principio della termodinamica !). Fino ad oggi abbiamo utilizzato queste risorse come se fossero illimitate, gratuite e l’impatto negativo (ambientale e sociale) del modello di economia fosse comunque risolvibile.

Contrapposto al modello tradizionale, il capitalismo naturale è alla base del cambiamento di paradigma legato alla sostenibilità. Una ‘green economy’ che tenga conto del valore del capitale naturale ma che sia comunque in grado di fornire delle grandi opportunità di sviluppo, basate su 4 grandi cambiamenti di mentalità:

  1. Radically increase the productivity of natural resources. Aumentare radicalmente la produttività delle risorse naturali, il che significa che le aziende più innovative in tema di sostenibilità stanno da tempo sviluppando processi produttivi che utilizzano le risorse naturali in modi 5, 10 anche 100 volte più efficienti. E quindi risparmiano queste risorse, così come costi, tempi e capitali utili per implementare gli ulteriori 3 modelli seguenti.
  2. Shift to biologically inspired production models and materials. Virare verso modelli produttivi e prodotti ispirati al comportamento della natura. È il concetto di biomimicry (biomimesi, biomimetica). Non solo ridurre i rifiuti ma eliminarne totalmente il concetto – vedi anche Cradle to Cradle – così come avviene in natura (non esistono ‘rifiuti’, gli scarti di una specie diventano nutrimento per un successivo processo naturale, in un ciclo continuo). I processi produttivi così strutturati recuperano le materie prime incluse nei prodotti al termine del loro utilizzo e impiegano fonti energetiche rinnovabili.
  3. Move to a “service-and-flow” business model. Spostarsi verso un modello di business basato sui servizi, in un flusso continuo. Un altro radicale cambiamento di approccio: il modello tradizionale di business si basa sulla vendita di beni (prodotti). Nel nuovo modello il valore è dato invece dall’offerta di un servizio, senza la necessità per il cliente di possedere fisicamente il bene. Non vendo automobili, offro un servizio di car-sharing (ciò che interessa è usufruire della mobilità, non possedere un veicolo). È una visione che allinea comunque gli interessi di clienti e fornitori ottenendo i benefici (ambientali, economici, sociali) di una migliore produttività delle risorse.
  4. Reinvest in natural capital. Reinvestire in capitale naturale. Una società che sta esaurendo il proprio capitale (naturale) sta minando la propria futura prosperità. È la nota metafora dell’omino che sta segando il ramo sul quale è seduto… Aumentano sempre più per le aziende i costi ambientali, aumentano i bisogni (ahimè, anche i desideri) umani, aumenta la consapevolezza ambientale dei consumatori. Queste pressioni possono creare, se adeguatamente incanalate, nuove opportunità per un business sostenibile.

2013_08_05 immagine 08Si può trarre profitto da questi 4 principi (‘a more environmentally friendly business model’), lo dimostrano le pagine di questo libro, ricche di decine e decine di esempi concreti di quanto tutto ciò sia già possibile, in tutti gli ambiti umani ed economici che conosciamo (mobilità, gestione dei rifiuti, industrie, edifici, alimentazione, acqua, clima, società). L’approccio non può che essere necessariamente sistemico: la carenza di lavoro, di speranza nel futuro, di soddisfazione, di sicurezza, non sono patologie isolate ma scaturiscono da una gestione globale imperniata sullo spreco di risorse, di denaro, di persone. Le soluzioni sono quindi intrecciate e sinergiche: un’impresa che ridimensiona il proprio consumo di risorse può mantenere più persone, che possono favorire un’innovazione che guidi il miglioramento futuro.

Il sito dedicato a ‘Natural Capitalism’ contiene molte risorse utili e tra l’altro diffonde (anche vista l’importanza dei temi) gratuitamente il messaggio (anche se una copia del volume non può mancare nella Vostra libreria !): tutti i capitoli del libro sono scaricabili ai seguenti link

Preface

1. The Next Industrial Revolution.

2. Reinventing the Wheels: Hypercars and Neighborhoods.

3. Waste Not.

4. Making the World.

5. Building Blocks.

6. Tunneling Through the Cost Barrier.

7. Muda, Service, and Flow.

8. Capital Gains.

9. Nature’s Filaments.

10. Food for Life.

11. Aqueous Solutions.

12. Climate: Making Sense and Making Money.

13. Making Markets Work.

14. Human Capitalism.

15. Once Upon a Planet.

Nell’intervista su Trim Tab, fatta durante l’ultima conferenza Living Future (15-17 maggio 2013 a Seattle), Paul Hawken è citato come ‘transformational people’. Rimando per l’intervista completa al sito di Living Future Institute, ma riporto di seguito alcuni passaggi che mi sembrano significativi, anche in relazione a come si sta evolvendo nel mondo la cultura della sostenibilità.

Una prima domanda riguarda lo sviluppo esponenziale del movimento di pensiero legato ai ‘green building’ che sembra aver occupato tutta la scena della sostenibilità (all’inizio il tema degli edifici era co-optato in una tematica molto più ampia, ora sembra che la situazione si sia invertita). Hawken ne approfitta per muovere un’osservazione anche verso la pubblicizzazione delle pratiche green fatte da alcune star di Hollywood. È un approccio fuorviante (‘brown’) che può fare pensare che modificare qualche semplice azione quotidiana (se fai questo, se mangi quello, ecc.) possa consentire di realizzare facilmente una sostenibilità che invece necessita di un cambiamento complessivo radicale del nostro stile di vita.

-001

Image: Trim Tab

Un’altra critica di Hawken va al catastrofismo che il movimento ambientalista ha usato soprattutto come strumento per raccogliere in questi decenni fondi e ottenere una sensibilizzazione generale. Questa visione apocalittica del futuro non è efficace per convincere le persone nel profondo del loro cuore e della loro mente e ha creato una contrapposizione (anche veicolata dai media) tra punti di vista opposti e ‘gridati’. La polarizzazione erode la possibilità del dialogo, che invece dovrebbe esssre l’approccio più naturale per l’essere umano.

-117

Image: Trim Tab

Trim Tab chiede poi qual è la ‘storia’ che lui sta raccontando abitualmente in questo periodo e Paul Hawken ne approfitta per sfatare un altro mito, quello di vedere il carbonio come ‘male assoluto’. Sembra che ce ne dobbiamo liberare a tutti i costi ! – sottolinea Hawken – Ma il carbonio (e l’anidride carbonica) sono alla base della vita che stiamo cercando di ripristinare sulla Terra. Quando ci alziamo la mattina, la colazione che mangiamo è … carbonio. Lo stesso dicasi per il pranzo e per la cena. Siamo creature a base di carbonio, che lo ossidano ogni giorno in modo da poter cantare, ballare, pensare, lavorare, aver cura degli altri, vivere. Abbiamo letteralmente bisogno di ri-inverdire (re-green) una biosfera che è stata ‘decarbonizzata’. Quando bruciamo una tonnellata di gas, bruciamo tonnellate di materia ‘green’ creata nel passato.

-108

Image: Trim Tab

Come si fa a mantenere l’ottimismo, chiede ancora la redazione di Trim Tab? La risposta è in un certo senso spiazzante. ‘Non cerco di essere ottimista – dice Hawken – quando tenti di essere fiducioso o ottimista, stai tagliando fuori tutto ciò che potrebbe farti sentire altrimenti. La speranza è una sorta di narcotico mentale che usiamo per mascherare le nostre paure. Se non hai paura, non c’è necessità di essere fiducioso. Penso che abbiamo bisogno di guardare alle nostre paure e fare amicizia con questi sentimenti. […] La nostra felicità non viene dal cercare di essere felici. Viene dall’essere presenti, dall’essere incantati, da guardare tutto quello che succede con occhi nuovi. Ciò che succede quando si invecchia è che perdiamo la capacità innata che ha un bambino di vedere il mondo in modo nuovo ogni momento. […] Abbiamo perso quelle qualità. Sono coperte dalla nostra intelligenza. Possiamo portare alla luce quelle abilità originali infantili, vedere il mondo così com’è ed essere profondamente grati per il semplice fatto di essere vivi’.

declare_label_Metals%20Sales%20Wall%20and%20Roof%20PanelsPerché equità e giustizia sociale sono importanti per il movimento ambientalista? C’è qualcosa che manca? – è un’altra questione posta a Paul Hawken .- Ciò che il Living Future Institute sta facendo con DeclareTM (un nuovo database di prodotti per le costruzioni per i quali i produttori hanno dichiarato tutti gli ingredienti nell’etichetta – n.d.r.) e JUST (una certificazione aziendale sull’equità sociale) è molto importante. Penso che siamo pronti per questo tipo di comunicazione e trasparenza ovunque. […]

Una volta qualcuno dopo un colloquio mi ha detto – ma non sei solo un sognatore? Ho detto, sì, ma qualcuno deve sognare un futuro vivibile. Se non sogniamo un futuro vivibile, allora, in un certo senso, stiamo consegnando i nostri figli ad un incubo. E’ un regalo per il futuro sognare ciò che è possibile. […] Penso a un futuro vivibile come un processo, non un risultato. Lo vedo come il modo in cui le persone parlano tra loro e il modo nel quale rispettano ogni forma di vita. Lo vedo come una consapevolezza relazionale (mindfullness) che si manifesta in tutto ciò che facciamo e tutto quello che diciamo. […] Dobbiamo chiederci se le molteplici crisi che affliggono il mondo stanno accadendo a noi o per noi. C’è una profonda differenza interna tra le due risposte. Se sta accadendo a te, tu sei una vittima. ‘Per noi’ porta all’innovazione, devozione e gioia.

PHPaul Hawken is a business leader, environmentalist, and author. He is considered one of the leading architects and proponents of corporate reform with respect to ecological practices. He has founded several companies, and has written such best-selling books as The Ecology of Commerce and Growing a Business. He helped found The Natural Step in the United States and internationally, and advises many major companies on sustainability issues. Paul Hawken began his career as an entrepreneur in the 1960s, when he founded Erewhon Trading Company, a natural foods wholesaling business. He went on to co-found Smith & Hawken, the retail and catalog company, in 1979, and Datafusion, a knowledge synthesis software company, in 1995. The Ecology of Commerce (1993), has become a classic text on business and the environment, and continues to have a large impact on government and business. He is also the author of Seven Tomorrows (with Peter Schwartz and Jay Ogilvy; 1980) and The Next Economy (1983).

Il rasoio di Occam. Riduzionismo e complessità.

2013_06_21 immagine 01

Pluralitas non est ponenda sine necessitate.

Analizza il sistema, non accontentarti delle sue parti. In epistemologia il termine riduzionismo rispetto a qualsiasi scienza sostiene invece che gli enti, le metodologie o i concetti di tale scienza debbano essere ridotti al minimo sufficiente a spiegare i fatti della teoria in questione. In questo senso il riduzionismo può essere inteso come un’applicazione del cosiddetto ‘rasoio di Occam‘ (o ‘principio di economia’), secondo cui non bisogna aumentare senza necessità le entità coinvolte nella spiegazione di un fenomeno. Tale principio, ritenuto alla base del pensiero scientifico moderno, nella sua forma più immediata suggerisce l’inutilità di formulare più teorie di quelle che siano strettamente necessarie per spiegare un dato fenomeno: il rasoio di Occam ‘taglia’ ovvero impone di evitare cioè ipotesi aggiuntive, quando quelle iniziali sono sufficienti. Se una teoria funziona è inutile aggiungere una nuova ipotesi. Obiezioni a queste tendenze riduzioniste sono state sollevate da studiosi dei più diversi ambiti, compresi molti moderni fisici delle particelle, fisici dello stato solido, chimici, biologi. Mentre il modello standard non viene discusso, si sostiene che le proprietà delle particelle elementari non sono più fondamentali delle proprietà emergenti di atomi e molecole, e specialmente di insiemi di queste ultime statisticamente grandi. Queste critiche sostengono che anche una conoscenza completa delle particelle elementari sottostanti, non produrrà una conoscenza completa della natura, conoscenza che, all’atto pratico, è più importante [fonte: Wikipedia].

2013_06_21 immagine 03A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire‘ diceva quindi Guglielmo di Occam (Ockham, 1288 – Monaco di Baviera, 1349). Contro il ‘reductionism‘ si schiera anche l’approccio di The Natural Step, superando la metafora del ‘drill hole‘. Nell’affrontare un problema complesso (esempio: di sostenibilità globale) scienziati e accademici analizzano, ognuno per conto proprio, sempre più in profondità il problema nella loro rispettiva area di expertise. E’ come se ognuno di loro ‘scavasse un buco’ sempre più profondo, ma questi fori non fossero comunicanti. Insomma, grande specializzazione, ma grande difficoltà di comunicazione per l’assenza di una visione sistemica e integrata del problema. Questo paradosso è cruciale nel momento in cui si lavora per integrare la conoscenza scientifica in una metodologia di pianificazione della sostenibilità.

2013_06_21 immagine 02

Image: BTH

Analogamente è importante analizzare le sfide per la sostenibilità, secondo l’adeguato livello di dettaglio. Se l’analisi è troppo ampia, chi pianifica non ha le informazioni sufficienti per prendere buone decisioni. D’altra parte, se l’analisi è troppo dettagliata, chi pianifica le strategie per la sostenibilità rischia di perdersi nei dettagli e smarrire l’obiettivo finale. E’ la debolezza strategica del riduzionismo, per il quale se ogni dettaglio in un sistema è studiato scrupolosamente, ciò sarà sufficiente per comprendere l’intero sistema e il suo funzionamento. Ma l’insieme è più grande e complesso della somma delle sue singole parti ! Per un sistema complesso, come la società all’interno della biosfera, è impossibile descrivere tutti i dettagli del sistema. Per questo motivo la definizione di successo per la sostenibilità (il secondo livello, dopo la definizione del sistema, nel ‘framework‘ teorizzato da TNS) deve essere basata sulla comprensione della conoscenza scientifica a livello dei principi fondamentali (‘system thinking‘). E’ una prospettiva ‘a volo di uccello’ che supera il riduzionismo, che non va vista come un’alternativa a livelli di maggiore dettaglio ma che al contrario ne consente un migliore impiego. Utilizzando la metafora degli scacchi, capire le regole fondamentali del gioco non è una semplificazione schematica ma è invece un prerequisito per comprendere anche i livelli più alti e sofisticati del gioco. E allora, tornando agli scienziati di prima, è da incoraggiare la collaborazione tra esperti dei vari settori. Mentre possono discutere all’infinito sui risultati scaturiti dalle rispettive discipline, è difficile che non siano d’accordo sui princìpi di base; lavorando insieme possono sviluppare una nuova conoscenza interdisciplinare, condivisa mettendo a prova comune le rispettive conclusioni. E’ questo un approccio allo sviluppo strategico sostenibile che promette di avere ben più alte probabilità di successo.

[Adattato da ‘The Framework for Strategic Sustainable Development‘, Karl-Henrik Robèrt et al., BTH-The Natural Step, 2010].

Reductionism: a certain way of thinking about the system, advances the notion that if every detail in a system is studied with scrupolous care, the entire system will eventually be understood.

vs

System thinking: the organized study os systems, their feedbacks, and their behaviour as a whole.

Scandic. Natural steps towards a better world.

2012_12_10 immagine 01

Image: Scandic

A good night sleep can be a good start. A good start can be a good cup of coffee. A good cup of coffee can be a good date.  A good date can make things better. A better world has a good thought. A good thought can make you feel good. Feeling good and doing good can be the same thing. That’s what a sustainable society is all about .

A good day is a day at Scandic. Bring some Scandic home.

Scandic has been consciously tackling environmental issues since 1994. Our aim is to contribute to a socially and ecologically sustainable society. We have come a long way over the years. For instance, we have over 120 Swan Eco labelled hotels. Since 2007, we are working dedicated to eliminate our fossil carbon dioxide emissions. We are very pleased with our suppliers and partners, who also become involved. And we’re also very proud of all our committed employees. (from Scandic web site)

ScandicEnvironment

Since we started our environmental work, we have given 12,000 team members training on sustainability issues. We have now amassed a great deal of knowledge and see sustainability as a challenge and an on-going process – globally and locally. Don’t be surprised if you see someone at our hotels watering the plants with a carafe from an empty restaurant table. It’s utterly ingrained now. We don’t pour water away, we use every last drop.

“No company can avoid taking responsibility for the environment and focusing on environmental issues. Scandic shall, therefore, lead the way and work continuously to promote both a reduction in our environmental impact, and a better environment. Scandic shall actively contribute to a sustainable society.” Scandic’s environmental policy since 1994

natural_step_logoThe Natural Step

The Natural Step is an international organisation that advises companies on strategic issues concerning sustainability. Scandic works with The Natural Step and our environmental work is based on its four sustainability conditions.

In a sustainable society, nature is not subject to: systematically increasing of …

  1. concentrations of substances extracted from the earth’s crust (oil, coal, lead and cadmium)
  2. concentrations of substances produced by society (DDT, PCBs and brominated flame retardants)
  3. degradation by physical means (overfishing, deforestation and gene manipulation)
  4. and in that society, human needs are met everywhere (stop to political and economic oppression)

Ten years of  active environmental work has made its mark. Each guest staying for one night  at a Scandic in 2006 released 1.5 kg less carbon dioxide, used 35 litres less  water and left behind 1 kg less unsorted waste than 10 years ago. You   probably contribute more towards a sustainable world when you stay with us   than you do at home.

2012_12_10 immagine 02

We have saved and switched

From

To

Ordinary   switches

Need-driven   lighting controlled by the room key

Light   bulbs

Low-energy   bulbs that last at least four times longer and use considerably less power

Team   members with general interest

Committed   team members trained in environmental issues

Fossil   fuel energy sources

Renewable   energy sources

Petrol-driven   cars

Environmental   company cars

Dripping   taps

Efficient taps   and showers

High-consumption   toilets

Low-flush   toilets

Wastepaper   baskets

Waste-sorting   bins for guests and team members

Central   waste bins

Sorting   system with up to 22 categories

Disposable   packages in the bathroom

Eco   labelled shampoo in a fixed container

Disposable   packages in the restaurant

Milk in   jugs, sugar in shakers, jam and butter in bowls for the breakfast buffet

In 1996 we started logging electricity consumption, water usage, unsorted waste and amount of laundry at Scandic. As we were taking action to reduce consumption at our hotels, we became interested in comparing the figures. That’s why we set up a reporting system called SIR (Sustainability Indicator Reporting).

2012_12_10 immagine 03Every month the hotels report their consumption of resources to SIR. Then each hotel can compare with its earlier figures and with other hotels in the chain. The aim is naturally to get better and to motivate everyone to improve their own results.

Every Scandic hotel measures:

  • Water usage
  • Electricity consumption
  • Amount of laundry
  • Unsorted waste

We are the first hotel chain in the world to publish our statistics

CO2 per guest per night

In autumn 2007, we were the first hotel chain to introduce the key figure of fossil carbon dioxide per guest per night. This was possible because, for two years, we had put a great deal of effort into making sure that each hotel was able to report how the energy they used was produced (wind, hydro power, oil, coal or other). An average night at Scandic in 2006 produced 3.1 kilos of fossil CO2 per guest. Our target is to make that zero by 2025.

A good day is a day at Scandic. Take a bit of Scandic home.

La bellissima sezione del sito di Scandic dedicata ai passi verso la sostenibilità fatti dall’azienda dagli anni ’90 ad oggi. Tutta interattiva, clicca su ogni piano e scopri le azioni concrete che Scandic mette in atto ogni giorno per migliorare la propria impronta ambientale e l’impatto sociale.

2012_12_10 immagine 04

Image: Scandic

Sustainability and the Environment at Scandic

Sustainable construction and refurbishment at Scandic

Scandic Grand Marina Helsinki

Scandic Grand Marina Helsinki

 

Sustainability for competitiveness. La sostenibilità come leva competitiva.

2012_12_07 immagine 01Sustainability will gradually become the most exclusive determinator for competitiveness in business. Success will rely on our competence to fully integrate the social and ecological dimensions of sustainability into corporate visions“.

Raj L. Gupta, (former) Chairman, President and Chief Executive Officer , Rohm and Haas Company

La sostenibilità diventerà progressivamente il fattore determinante più esclusivo per la competitività nel mondo degli affari. Il successo si baserà sulla nostra capacità di integrare pienamente nella visione aziendale le dimensioni sociale ed ecologica della sostenibilità. [cit. da The Natural Step, 2011]

Anche la Svezia ha i suoi … enertour

Discover Sustainable Sweden

Siete pronti per la rivoluzione ecosostenibile? Bene, in Svezia lo sono dagli anni ’80. In Svezia è stata fondata nel 1989 The Natural Step (dallo scienziato svedese Karl-Henrik Robèrt), con lo scopo di sviluppare e diffondere l’approccio per lo sviluppo sostenibile strategico (Framework for Strategic Sustainable Development – FSSD), a seguito della pubblicazione del rapporto Brundtland nel 1987. In Svezia c’è il Blekinge Insitute of Technology (BTH) di Karlskrona, che offre il multidisciplinare e trasversale Master in Strategic Leadership Towards Sustainability. E in Svezia risalgono agli anni ’80 le prime eco-municipalità (la prima fu Övertorneå).

Cosa sono le eco-municipalità? Sono delle amministrazioni locali (capoluoghi o province) che hanno ufficialmente adottato dei sistemi integrati di principi di sostenibilità e li mettono in pratica nello sviluppo del tessuto urbano e nel governo del territorio. Circa il 30% delle cittadine svedesi a oggi ha adottato queste pratiche. Il modello si è poi diffuso anche in diverse cittadine degli USA e non solo, anche grazie al lavoro di IEMEA (Institute for Eco-Municipality Education & Assistance, diretto da Torbjörn Lahti and Sarah James, co-autori di The Natural Step for Communities: How Cities & Towns Can Change to Sustainable Practices ).

Le “policies” sostenibili di queste città puntano essenzialmente a quattro obiettivi:

  1. Ridurre la dipendenza dai carburnati fossili, dai metalli dal sottosuolo, dai minerali.
  2. Ridurre la dipendenza da sostanze chimiche di sintesi.
  3. Ridurre la deturpazione della natura.
  4. Andare incontro ai bisogni umani in modo equo ed efficiente.

100% Förnybart è un network di aziende e organizzazioni (ne fanno parte anche enti come Greenpeace, WWF) che si è posto l’obiettivo di far diventare la Svezia “100% rinnovabile” ovvero dipendente da energia rinnovabile al 100%. Di questa rete fa parte anche l’associazione per la Svezia sostenibile (Sustainable Sweden Association) che, seguendo un principio di sussidiarietà, programma da tempo visite guidate alle città ecosostenibili del territorio svedese, a beneficio di visitatori interessati provenienti da tutto il mondo, i Sustainable Sweden Tours, che hanno già visto succedersi, a partire dal 1997, 12 diverse edizioni, dal sud al nord della nazione.

Ecco il tour 2012, partito domenica 2 settembre da Copenhagen: 2 settimane lungo tutta la Svezia fino alla Lapponia, con focus sulle energie rinnovabili e l’economia sostenibile di diverse cittadine. Prezzo tutto incluso (escluso il solo volo a/r per la Svezia) di circa 3.300÷3.900 €. Il tutto con la partecipazione di Manfred Max-Neef, l’economista “alternativo” dal Cile, autore di “Lo sviluppo su scala umana”. Non è fantastico?

Questo è il programma …

Karlskrona (Foto: Sustainable Sweden Association)

First part: from the 2nd to the 8th September

The first part of the trip will be held in Southern Sweden, starting in Copenhagen and ending in Stockholm, via Öland’s island.

Sunday 2nd : Arrival – beginning of the tour in Copenhagen

Monday 3rd : Day in Karlskrona

Tuesday 4th : Day in Borgholm (in Oland’s island)

Wednesday 5th: Second day in Borgholm with a seminar held by Manfred Max-Neef

Thursday 6th: KalmarLinköpingJärna

Friday 7th: Day in Järna – Södertälje

Saturday 8th: Morning in Huddinge and END OF THE TOUR (first part) in Stockholm

Övertorneå (Foto: Sustainable Sweden Association)

The second part of the trip will take place in Northern Sweden, in the county of  Norrboten, from the  mountains downto the sea and along the Arctic circle. A few days will be spent in Övertorneå, the first Swedish eco-municipality!

Saturday 8th: Beginning of the tour (2nd part) in Stockholm.

Sunday 9th: Day in Luleå

Monday 10th: Day in Boden – study visits (ex: biogas plant, waste management, transportation management, renewable energy)

Tuesday 11th: Day in Jokkmokk

Wednesday 12th: Jokkmokk on the morning – Övertorneå in the afternoon

Thursday 13th: Second day in Övertorneå

Friday 14th: Third day in Övertorneå with the second seminar held by Manfred Max-Neef

Saturday 15th: Haparanda on the morning – Plane/night train from Luleå to Stockholm

Sunday 16th: Possibility to pass by Sigtuna (additional visit) – end of the tour.

Follow September’s Sustainable Sweden tour on our blog.

Foto: Sustainable Sweden Association

Alto Adige – Energia da esplorare

In Alto Adige, grazie al progetto Enertour, creato dal TIS innovation park, è possibile visitare 150 tra edifici a basso consumo energetico CasaClima, centrali di teleriscaldamento a biomassa, centrali idroelettriche, impianti solari termici, fotovoltaici, eolici e biogas, oltre ad interi sistemi energetici comunali. Grazie al grande numero di mete visitabili, c’è la possibilità di conoscere da vicino molteplici tecnologie e strategie nel settore energetico.

Le visite guidate sono condotte personalmente dai progettisti e gestori degli impianti e degli edifici.  Per le spiegazioni in loco sugli aspetti tecnici ed economici degli impianti e degli edifici, enertour si avvale dei progettisti e gestori degli stessi. In tal modo si ottengono informazioni di prima mano e si ha uno scambio diretto con chi conosce meglio i progetti.

Le visite enertour mettono in contatto con la lunga esperienza altoatesina nel settore energetico. Con risorse locali e rinnovabili l’Alto Adige copre il 56% del fabbisogno termico ed elettrico dei suoi abitanti, oltre ad essre la patria di CasaClima, il primo sistema di certificazione energetica degli edifici in Italia, che conta già migliaia di edifici a basso consumo energetico realizzati. 

Turismo sostenibile e turismo della sostenibilità

L’iniziativa svedese e il successo del modello Enertour (che ha raggiunto in pochi anni ormai la cifra di quasi settemila visitatori) danno la dimostrazione di come la formula sia vincente. Più che turismo sostenibile (turismo che nelle scelte è attento ai criteri di sostenibilità) qui si tratta proprio di un turismo della sostenibilità, dove tecnici e amministratori possono toccare con mano le soluzioni e importarle nella loro pratica quotidiana. “Il vantaggio è che oltre ad essere un’esperienza utile è anche piacevole” dice un architetto frequentatore degli enertour.

Ma il futuro, e in alcuni casi già il presente, non è più solo per soluzioni isolate nate dalla lungimiranza di  singoli amministratori o proprietari (per esempio di un edificio ad alte prestazioni energetiche). Si parla già tanto (a volte a sproposito) di “smart grid”. Per avere un impatto veramente significativo sulla riduzione dei danni ambientali e climatici è necessario ormai pensare ad una scala più ampia, dove, come nelle (piccole) città svedesi, gli amministratori assumano la responsabilità, coinvolgendo i cittadini, di studiare su larga scala soluzioni sostenibili che integrino tutti gli aspetti più importanti (energia, acqua, trasporti, rifiuti, ecc.). E così, in un domani speriamo non troppo lontano, gli enertour potrebbero diventare i tour delle città sostenibili, delle comunità sostenibili, dei territori sostenibili.

Ecomunicipalities

What is an ecomunicipality? It is a local government – a municipal or county government – that has officially adopted a particular set of sustainability principles and has committed to a systematic, participatory approach for implementing them. The first ecomunicipalities developed in Sweden, beginning in the 1980s. The work of the early ecomunicipalities became the model for Agenda 21, the Guide for Local Sustainable Development that emerged from the 1992 Rio Summit – the U.N. World Conference on Sustainable Development. As of 2010, there were 79 ecomunicipalities in Sweden, constituting almost 30 percent of all municipalities in that country.

The American Planning Association’s four sustainability objectives.

Use planning approaches that… 

  1. Reduce dependence upon fossil fuels, underground metals, and minerals. 
  2. Reduce dependence upon synthetic chemicals and other unnatural substances. 
  3. Reduce encroachment upon nature. 
  4. Meet human needs fairly & efficiently.

(from: Institute for Eco-Municipality Education & Assistance)