Archivi categoria: Leadership

When biophilia meets biomimicry.

What does good look like? Join the International Living Future Institute in Paris at Biomim’expo next October, 23rd for a workshop on “Creating Biophilic Buildings for a Regenerative Future

October 23, 2018 – Paris, France
at Biomim’expo 2018, Cité des sciences et de l’industrie de La Villette
#S3 – LOTUS A3 – 14:30-16:00 – Creating Biophilic Buildings for a Regenerative Future, by the International Living Future Institute.

As part of our Living Building Challenge – workshop series, Living Future Europe, will deliver a series of workshops to enable participants to expand their regenerative design capabilities and integrate concepts into their practices such as Biophilic Design. The event includes the following workshop: “How to create truly biophilic and regenerative buildings and communities”. This workshop is aimed at architects, engineers, developers and product manufacturers interested in innovative and transformative solutions, providing insights from leaders in the green building community through real-world examples while providing tools and techniques that can be applied in the local French context.

Spaces are limited to 60 for this training opportunity. The workshop will be animated in English with possible interactions in French thanks to the translation of Estelle Cruz and Louise Hamot.

Dans le cadre de notre série d’ateliers sur le Living Building Challenge, Living Future Europe propose des ateliers pour permettre aux participants d’approfondir leurs compétences en conception régénérative et d’intégrer ces concepts dans leurs pratiques comme la conception biophilique. Cet événement correspond au workshop suivant: “Comment créer des bâtiments et communautés régénérateurs”. Cet atelier s’adresse aux architectes, ingénieurs, développeurs et fabricants de produits intéressés par des solutions innovatrices et transformatrices, offrant une réflexion menée par des leaders de la communauté de la construction écologique anglo-saxonne à travers des exemples concrets tout en fournissant des outils et techniques qui peuvent être appliqués dans le contexte français local.

Les places sont limitées à 60 personnes pour cette occasion. L’atelier sera animé en anglais avec des interactions possibles en français grâce aux traduction de Estelle Cruz et Louise Hamot.

Moderated by:

  • Carlo Battisti, European Executive Director INTERNATIONAL LIVING FUTURE INSTITUTE. Sustainable Innovation Consultant and Project Manager. Degree in Civil Engineering from the Politecnico of Milan, about twenty years of experience in construction companies, with different roles // Consultant en innovation durable et chef de projet, Carlo est Diplômé en Génie Civil à l’Ecole Polytechnique de Milan. Il a aujourd’hui une vingtaine d’années d’expérience dans des entreprises de construction en ayant occupé différents postes.
  • Louise Hamot, Engineer – Architect, Sustainability and Environmental Analysis, Elementa Consulting. While having just graduated from a double diploma in Architecture with high honors of the Jury at Ensa Nantes and in Engineering with a major in Urban and Building physics at Ecole Centrale, she has more than 2 years of professional experiences in deep green architecture // Ingénieur Architecte DE, diplômée de l’Ecole Centrale de Nantes en Physique de l’Environnement Urbain et du Bâti et de l’Ecole Nationale Supérieure d’Architecture de Nantes, Louise a plus de 2 ans d’expérience professionnelle en architecture regenerative.
  • Estelle Cruz, Architecte-ingénieur, Chargée de mission Habitat du Ceebios. A young state-certified architect and engineering student, Estelle followed the dual courses of architecture and engineering at ENSAL and Ecole Centrale de Lyon. Passionate about biomimicry, she undertook a one-year “biomimicry world tour” // Jeune Architecte diplômée d’Etat et élève ingénieur (en cours de validation d’acquis), Estelle a suivit le double cursus architecte-ingénieur de l’ENSAL et Ecole Centrale de Lyon. Passionnée par le biomimétisme, elle a entrepris durant un an un “tour du monde du biomimétisme”.

Biomim’expo 2018
23/10/2018 – 08:30 à 19:30
Cité des sciences et de l’industrie
30 Avenue Corentin Cariou
75019 Paris, France
http://www.biomimexpo.com

Participation is free, but places are limited. To attend the workshop you need first to register to Biomim’expo. The International Living Future Institute has still some free tickets available. Please contact carlo.battisti@living-future.org. Once you registered for Biomim’expo you can register for free to this workshop using this link selecting the box  #S3 – LOTUS A3 – 14h30 – Creating Biophilic Buildings for a Regenerative Future and writing you name, email address and first 4 numbers of your Biomim’expo entry ticket. We are looking forward to meeting you in Paris 🙂

Join us in Malaga for a journey into Sustainability 4.0

Industry 4.0 is the name given to the new era of automation and data exchange in manufacturing technologies, including the Internet of things (IoT), cyber-physical systems, cloud- and cognitive computing. This is or it is expected to be the fourth industrial revolution … Ok, nice, but what about sustainability? When it comes to sustainability, still today the cornerstones of the discussion are the concept of a sustainable development (1987, 31 years ago) and the triple bottom line (1994, 24 years ago)…

El Palmeral de Las Sorpresas (Junquera Arquitectos) – Port of Malaga

With RESTORE we are going further, envisioning a restorative/regenerative sustainability, where we are required to do “more good” instead of “less bad” if we really intend to subvert the current pace in the fight against the climate change, recovering an approach that is both human and natural. We know that the building industry is rapidly moving towards a full digitalization, where tools (the means) look sometimes more important than purposes. How can digitalization follow through this transition in the concept of sustainability? Is the new generation of skilled professionals of the digital design age capable to embed the new principles of sustainability in their every day work? How can we restore a balanced relationship between humans and nature – inside and outside our buildings, districts, communities – exploiting the new tools that industry 4.0 make us available? Is a (digital) sustainability 4.0 feasible?

Join us in Malaga next 15-19 October for the International Conference on Regenerative Design in the Digital Practice to discover it 😉

Plastic model of Malaga – Edificio Múltiple de Servicios Municipales

The main focus of the Conference Week in Malaga, organized in the frame of Cost Action CA16114 RESTORE CA16114, is the Digital Implementation of the 17 UN Sustainable Development Goals and Regenerative Sustainable Design principles in the practice of design. Via the integrated use of freeware digital parametric modelling, the discussed challenges are to adapt to climate change, improve outdoor microclimate qualities and indoor health/ wellbeing, operating a transformation that responds to the criteria of Circular Economy.

What: International Conference on Regenerative Design in the Digital Practice
When: 15-19 Oct 2018
Where: in Malaga at
– Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071 (from October, 15th to 18th)
– OMAU – Camino de la Desviación s/n. 29017 (October, 19th)

Participation is free of charge upon registration here on Eventbrite, but places are limited. For updates / news / photos, check out #RESTOREMalaga
Special side event on Friday 19th: Visit to Malaga Cathedral retrofit work by Juan Manuel Sánchez La Chica.

Program:

Monday 15-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Regenerative Design & Integrated Parametric Modelling‘.

Presenters: Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Martin Brown (Fairsnape, UK) and Terri Peters (Ryerson University, CA), Jonathan Natanian (TUM, Munich, DE), Silvia Vian (Foster + Partners, UK), Luca Finocchiaro (NTNU, Trondheim, NO), Dimitra Theochari (Ramboll Studio Dreiseitl, DE), Negar Mohtashami (RWTH, Aachen, DE), Herman Calleja (ChapmanBDSP, UK), Pietro Florio (EPFL, Lausanne, CH), Angelo Figliola (Sapienza, Rome, IT), Jonas Gremmelspacher (Lund University, SE), Juan Pablo Sepulveda Corradini (AECOM, AU)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Tuesday 16-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Climate Adaptation‘.

Presenters: Chris Mackey (Ladybug Tools, USA), Theodorus Galanos (Construction Company, EL), Kristoffer Negendahl (BIG & DTU, DK), Ata Chokhachian (TU Munich, DE), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Chris Kongsgaard (DTU, Kongens Lyngby, DK), Antoine Dao (Mallzee, UK), Daniele Iori (Sapienza, Rome, IT), Ilya Dunichkin (MGSU, Moscow, RU), Katharina Manecke (GIZ, DE)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Edificio Múltiple de Servicios Municipales, Ayuntamiento de Málaga

Wednesday 17-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Life Cycle Impact Reduction‘.

Presenters: Alexander Hollberg (ETH Zürich, CH), Panu Pasanen (OneClickLCA, FI), Tiziano Dalla Mora (University of Venice, IT), Lisanne Havinga (TU/e, Eindhoven, NL), Kristoffer Negendahl (BIG & DTU, DK), Kasimir Forth (TUM, Munich, DE), Andrea Meneghelli (POLIMI, Milan, IT), Mateusz Ploszaj-Mazurek (Warsaw University of Technology, PL), Alina Galimshina (ETH, Zürich, CH)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

Thursday 18-10-2018 / 09:00 – 13:30


Morning Conference on ‘Design for Wellbeing‘.

Presenters: Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, USA), Angela Loder (International WELL Building Institute, USA), Terri Peters (Ryerson University, CA), Wilmer Pasut (Eurac Research, IT), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Eugenijus Sapel (Vesta Consulting, LT), Szabina Varnagy (ABUD, HU), Clement Jaffrelo (Sinteo, FR), Vincenzo Costanzo (University of Catania, IT)

Location: Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga – UMA – Plaza el Ejido 2. Campus El Ejido. 29071.

La Santa Iglesia Catedral Basílica de la Encarnación, Málaga

Friday 19-10-2018 / 09:00 – 15:30


Final Conference on ‘Regenerative Design & Competition‘.

Presenters: Carlo Battisti (Eurac Research, IT), Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, USA), Emanuele Naboni (KADK, Copenhagen, DK), Angela Loder (International WELL Building Institute, USA), Chris Mackey (Ladybug Tools, USA)

SPECIAL LOCATION: OMAU – Camino de la Desviación s/n. 29017.

Friday 18-10-2018 / 15:30 – 17:00


Visit to Malaga Cathedral retrofit work by Juan Manuel Sánchez La Chica

SPECIAL LOCATION: Malaga Cathedral – Calle Molina Lario, 9, 29015.

We are looking forward to welcome you joining us in the journey into Sustainability 4.0 #RESTOREMalaga #CostRestore 🙂

Escuela de Arquitectura en Málaga

FACE goes international!

FACE | Façades Architecture Construction Engineering (3rd edition).
April – November 2018 | Applications are now open!

The FACEcamp project offers to a selected number of professionals a free of charge training program aimed at increasing the know-how of companies and freelance professionals operating in the field of complex technological building façades. The course aims to transfer to freelance professionals and technical staff of façade construction companies, concepts and innovative methods in the sector of complex technological façades.

The educational program has a complete structure regarding the covered topics, to provide innovative concepts, tools and methods, while stimulating the growth of local skills in the construction sector, increasingly subject to environmental and energy regulations.

The course is divided into 6 units, for a total of 15 days (120 hours).

Applications deadline: 4 March 2018

Language: English
Coordination: Carlo Battisti, IDM Südtirol – Alto Adige carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Organisation: Marco Cecchellero, EURAC research education@eurac.edu

Further information and application instructions here.

FACEcamp è finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Interreg V-A Italia – Austria 2014-2020.
FACEcamp ist durch den Europäischen Fonds für regionale Entwicklung und Interreg V-A Italien-Österreich 2014-2020 gefördert.
(cover photo: © IDM /A.Filz)

Quel treno per Lancaster.

La prima scuola di formazione di RESTORE.

È passata già una decina di giorni dal ritorno da Lancaster, e sono ancora un po’ stordito. Mi aiuta a fare chiarezza lo scrivere cinque concetti principali che mi sono portato a casa. In inglese li chiamano “takeaway”, proprio come il “cibo da asporto”, avete presente il cartoccio di “fish and chips”? Anche se non è proprio così. Ti sembra di portarti via delle cose dal luogo dove hai vissuto un’esperienza intensa; ma in realtà molto di quell’esperienza rimane in quel luogo, ti tocca tornarci per riconoscerlo. Credo che tornerò a Lancaster, sì.

1. Il dono della sintesi

Ora è più che mai necessario. Avevo scritto il precedente post sulla “Restorative week”, che ci apprestavamo a vivere, ma mi sbagliavo, per difetto. Lancaster è sì stata anche la settimana “restorative”, l’immersione totale in ciò che RESTORE si appresta a diventare, una nuova concezione dell’ambiente costruito e degli edifici del futuro (come i living building di Living Future). Ma è stato molto di più. La training school di Lancaster segna un punto di non ritorno o meglio il “turning point”, il punto di svolta. Nulla davvero potrà essere come prima, l’arca di RESTORE (con i suoi 120+ partecipanti da 37 nazioni …) è salpata definitivamente.

Una mole di concetti, idee, spunti, prospettive, che raccontano un nuovo quadro di riferimento, un nuovo “framework”. Non ci siamo fatti mancare proprio nulla: restorative e regenerative sustainability, sustainability education, biophilia e biophilic design, sustainable heritage, mindfulness for sustainability, landscaping for regenerative sustainability. Ora ci attende un compito delicato e necessario, riuscire a realizzare una sintesi e a trasferire questo tesoro di conoscenza ai gruppi di lavoro che stanno arrivando e che dovranno tradurlo in linee guida, processi, metodologie, strumenti.

2. Il viaggio conta più della meta

Brockholes Nature Reserve, Preston (UK)

Il programma a ritmo serrato di questa settimana mi ha fatto perdere spesso di vista un concetto. Non è la meta, è il viaggio che conta. Siamo passati da un workshop a una lezione, a una presentazione, a una lecture, il tempo è volato, con il rischio di perdere il valore del sapere acquisito. Ma c’è il momento dell’apprendimento, c’è il momento della discussione, poi arriva il momento in cui devi spegnere tutto e fare sedimentare ciò che hai assorbito. Come in quel cammino circolare di venerdì mattina attraverso le paludi di Brockholes. Non siamo entrati subito nel centro visitatori, abbiamo fatto un giro lungo, apparentemente senza meta, e abbiamo preso il tempo, per ricollegarci con la natura e con noi stessi. È in quei momenti, di sospensione, che ciò che hai imparato diventa davvero patrimonio personale.

3. Le idee non sono nulla senza le persone

Sono convinto che “C’è una cosa più forte di tutti gli eserciti del mondo, e questa è un’idea il cui momento è ormai giunto” (Victor Hugo) e ciò mi porta a dire che per l’idea che è alla base di RESTORE i tempi sono maturi. Se ne avevamo bisogno, la comunità di “like minded people” (una quarantina di persone è già una comunità) che si è riunita a Lancaster – la stragrande maggioranza senza essersi mai vista prima – è la prova che questa idea è già forte, c’è e risiede già nella testa di quei molti professionisti pronti a (cambiare) salvare il mondo.

Ma le idee esistono perché esistono le persone. E presto scompare ogni differenza tra docente e alunno, e tutto diventa un continuo workshop collettivo, di nuovo un viaggio insieme. Grazie Martin per lo sforzo enorme e generoso e grazie a Edeltraud, Dorin, Emanuele e a tutto il “team Lancashire”: Ann Vanner, Alison Watson, Joe Clancy, Jenni Barrett, Paul Clarke, Simon Thorpe, Ann Parker, Barbara Jones e naturalmente Elizabeth Calabrese e Amanda Sturgeon. È stato soprattutto un “dare”, gratuito, nel senso nobile del termine. E grazie ai trenta “agenti del cambiamento” , queste “best minds” da Croazia, Danimarca, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Macedonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovenia, Spagna. Sono loro i “restorer” del futuro prossimo. “Credici. E sei già a metà strada.

4. Prima la filosofia, poi la tecnica.

La prima training school di RESTORE aveva l’obiettivo di trasferire ad un primo gruppo di professionisti un nuovo paradigma della sostenibilità, sviluppato nel primo “pacchetto di lavoro” del progetto. L’approccio è stato quindi volutamente più sistemico che tecnico e tecnologico. “Moving beyond the state of the art: where do we want to be?” recita una delle domande introduttive al corso. Per questo è importante prima capire cosa vogliamo essere, dove vogliamo andare (parlo soprattutto del nuovo futuro dell’ambiente costruito che ci immaginiamo). Poi arriva il momento della tecnica e della tecnologia, dei metodi, delle pratiche. Le soluzioni ci sono, già oggi, dobbiamo renderle funzionali ad una visione.

5. Il genius loci

We shape our buildings; thereafter they shape us.” diceva Winston Churchill. C’è un percorso logico evolutivo che ci ha accompagnato dal primo all’ultimo giorno di questa settimana densa di ispirazione. Abbiamo vissuto, studiato, lavorato, mangiato e dormito in edifici, ci siamo mossi da un edificio all’altro. E questi edifici hanno “formato” il nostro modo di viverli. Ci ripenso, è stato un lungo elenco – lo Storey, (costruito per essere un luogo per l’istruzione scolastica nel 1898, ora è un centro per l’industria creativa); la Toll House Inn (splendida taverna dell’800), il castello di Lancaster (del 1100, è stato una prigione fino al 2011), il ristorante Water Whitch, i numerosi pub, ecc.. Poi, venerdì, come al termine di un’iniziazione, siamo usciti all’aperto (Brockholes e Cuerden Valley Park)  per riconnetterci con la natura. Abbiamo dovuto guadagnarcelo, questo incontro finale con l’ambiente che ci circonda. Sì, così ha un senso.

Cuerden Valley Park, Preston (UK)

RESTORE web site

La 1a RESTORE training school

Lo storytelling della training school a Lancaster

RESTORE su Facebook

RESTORE su Twitter

RESTORE su SlideShare

Con IDM alla ricerca del Well-living.

La qualità del vivere all’interno degli edifici è sempre più importante, dato che passiamo “indoor” il 90% del nostro tempo, per vivere, studiare, lavorare. Dopo lo sviluppo della cultura dell’efficienza energetica, questa relativamente nuova visione dell’ambiente costruito richiede a progettisti, imprese, installatori un approccio che tenga conto degli effetti delle proprie scelte sulla salute delle persone. E inoltre apre la strada a interazioni multidisciplinari con medici, esperti di well-being, aziende che forniscono soluzioni per il benessere della persona, e così via. Non è solo una questione di salute o sostenibilità, questo nuovo scenario è di particolare interesse per le aziende e le organizzazioni, che si sono rese conto che il 90% dei propri costi operativi sono costi del personale (stipendi, benefit).

Concentrarsi solo sui costi energetici, che mediamente (pensiamo ad esempio ad un edificio per uffici) rappresentano l’1% dei costi totali, o sui costi di gestione (circa il 9%) allontanano in realtà dalla possibilità molto più efficace di incidere sui costi operativi, attraverso il miglioramento del benessere, della salute, della felicità e, in ultima istanza, della produttività dei collaboratori. I trend puntano tutti nella stessa direzione, sempre più persone investono sulla salute e il benessere. Se il wellness è in generale considerato (da un rapporto 2012 di McKinsey & Co.) il business prossimo futuro da mille miliardi di dollari, l’Industry Outlook di ASID (2015) conclude che la progettazione per il benessere all’interno dell’edificio ne è il sotto-trend innovativo che si sta sviluppando più velocemente.

È per questo motivo che IDM Südtirol Alto Adige, nell’ambito della propria missione di supporto all’innovazione, ha organizzato lo scorso ottobre, grazie alle sinergie tra gli Ecosystem Salute e Benessere e Ecosystem Costruzioni, un viaggio imprenditoriale di una settimana negli Stati Uniti, con tappa a New York City, Pittsburgh e Rochester, alla ricerca di progetti e iniziative esemplari nell’ambito del well-being e del well-living.

Delos Living building, NYC

A New York un “WELL Certified Spaces Tour” ci ha consentito di visitare tre progetti esemplari di uffici a Manhattan dove la ricerca del comfort interno è stato l’elemento centrale della progettazione. WELL Building Standard™ è l’innovativo protocollo internazionale di certificazione degli ambienti costruiti che si focalizza per la prima volta sulla salute e il benessere delle persone all’interno degli edifici. Gestito dall’International WELL Building Institute, è stato elaborato da Delos Living, società di consulenza immobiliare, grazie ad un lavoro di sette anni in collaborazione con Cleveland Clinic, Mayo Clinic, il Columbia University Medical Center e un team di architetti, ingegneri, scienziati e operatori del settore wellness di primaria importanza.

Gli uffici di Delos Living si trovano nel Meatpacking District, all’imbocco della High Line e a pochi passi dal fiume Hudson. Parlando con i loro collaboratori all’interno di questi uffici pieni di luce naturale, incredibili viste verso l’esterno e materiali naturali e salubri, abbiamo capito come Delos Living stia trasformando case, uffici, scuole e altri ambienti indoor mettendo la salute e il benessere al centro delle decisioni che riguardano la progettazione, la costruzione, la gestione e il funzionamento degli edifici.

COOKFOX, NYC

La seconda visita è stata presso COOKFOX, una società di progettazione particolarmente innovativa, che ha deciso di dedicarsi alla visione di una progettazione integrata in armonia con l’ambiente. I titolari e vari membri dello staff ci hanno raccontato con molti esempi come credano che la buona progettazione non possa che essere sostenibile. È una filosofia che mettono non solo a disposizione dei propri clienti, ma che anche negli spazi dove lavorano, dimostra il loro impegno nell’essere gestori avveduti delle risorse naturali e culturali che hanno a disposizione.

Dopo una società di consulenza e una di architettura, l’ultima tappa nella “grande mela” è stata un’impresa di costruzioni. Structure Tone è un general contractor con uffici anche nel Regno Unito e in Irlanda, con un fatturato di più di 3,5 miliardi di dollari e più di 1800 collaboratori. Oltre a promuovere il comfort indoor come leva per attrarre clienti numerosi ed eccellenti, gli uffici di questa azienda sono la dimostrazione di come questi principi possano essere applicati nella pratica. È stato anche un piacere scoprire che le sedie dei loro spazi comuni sono “Made in South Tyrol”…

Structure Tone, NYC

La trasferta a Pittsburgh ci ha dato la possibilità di visitare quello che viene generalmente considerato come il complesso di edifici più sostenibile del mondo. Oltre a possedere diverse certificazioni di sostenibilità (Living Building Challenge, WELL Platinum, LEED Platinum, SITES), il Phipps Conservatory & Botanical Gardens è semplicemente un luogo splendido. Oasi verde nel mezzo di Pittsburgh, è aperto dal 1893 per offrire ai propri numerosi visitatori un’esperienza unica e affascinante. La guida competente e illuminata del direttore Richard Piacentini ci ha accompagnato in un lungo viaggio alla scoperta delle incredibili prestazioni ambientali del Phipps: progettazione biofilica, conservazione delle risorse, totale autosufficienza energetica ed idrica, riciclo integrale dei rifiuti e soprattutto un comfort ambientale ottenuto anche in condizioni impegnative come quelle di un ambiente per lo più destinato a serre. Ma forse la rivelazione più importante è stata scoprire come un corretto processo di progettazione integrata e una piena e convinta collaborazione di tutti gli attori in gioco, con l’aiuto di soluzioni innovative già disponibili sul mercato, possano portare a risultati così entusiasmanti, replicabili anche in altri contesti.

Phipps Conservatory and Botanical Gardens, Pittsburgh (PA)

La tappa finale a Rochester è stata un’immersione in una e vera e propria istituzione americana. Rochester, a circa un’ora da Minneapolis, vive attorno alla Mayo Clinic, che è la prima e più la estesa struttura ospedaliera non-profit nel mondo. Vi lavorano 3800 medici e 50900 collaboratori, provenienti da ogni possibile specializzazione clinica, uniti da un’organizzazione impressionante e da una filosofia che mette al primo posto i bisogni dei pazienti. La visita parziale dello sterminato complesso di Mayo, si è concentrata sul Dan Abraham Healthy Living Center, la struttura dedicata alla prevenzione, alla riabilitazione e al mantenimento del benessere della persona. Un approccio particolarmente interessante soprattutto considerando il focus sui vari aspetti della prevenzione per la salute (esercizio fisico, nutrizione, relax, benessere mentale) e gli investimenti economici messi in campo da Mayo in questo settore della sanità.

Mayo Clinic, Rochester (MN)

In un’ideale chiusura di questo percorso “well-living”, a Rochester abbiamo infine avuto la possibilità di visitare il Well Living Lab, il centro di ricerca scientifica nato in collaborazione proprio tra Delos Living e la Mayo Clinic, che adotta esclusivamente un approccio centrato sulla persona (human-centered) per capire l’interazione tra la qualità degli ambienti indoor e la salute. La struttura include spazi abitativi modulari e riconfigurabili dove i tecnici del laboratorio possono simulare le condizioni reali degli ambienti indoor, installare un gran numero di sensori relativi a diverse variabili (fisiche e individuali) e analizzare come tali condizioni influiscano sul benessere della persona [Articolo per il “Foglio Informazioni” del Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bolzano].

Well Living Lab, Rochester (MN)

Per informazioni: carlo.battisti@idm-suedtirol.com

[Carlo Battisti è Living Future Accredited professional, WELL AP e WELL Faculty™. Coordina il Gruppo di Lavoro Indoor Environmental Quality (IEQ) presso l’Ecosystem Construction di IDM Südtirol Alto Adige].

The nature of innovation.

NOI ci siamo!
Open Day al parco tecnologico: scoprire l’innovazione altoatesina il 21 ottobre.

Toccare con mano la scienza e scoprire come una fabbrica abbandonata si è trasformata in una fucina di idee all’avanguardia: tutto questo sarà possibile sabato 21 ottobre dalle 10 alle 18 al NOI Techpark. Il parco tecnologico dell’Alto Adige in Via Volta a Bolzano apre le proprie porte a tutti. Oltre a visite guidate e incontri coi ricercatori, non mancheranno intrattenimento a tema per i bambini e degustazioni.

Capire cosa può fare un sole artificiale, immergersi in prima persona nella realtà virtuale, calcolare il proprio impatto ambientale sulla Terra, scoprire il software per il riconoscimento delle espressioni facciali: tutto questo sarà possibile nelle sedi dei centri di ricerca ospitati al NOI Techpark. Il programma degli incontri coi ricercatori è disponibile online sul sito www.noi.bz.it e verrà distribuito ai visitatori il 21 stesso.

Per scoprire nel dettaglio i locali dell’edificio appena inaugurato, ogni ora la Business Location Südtirol (BLS), responsabile per la costruzione del parco tecnologico, condurrà delle visite guidate. Naturalmente sarà anche possibile visitare il NOI Techpark autonomamente lungo un percorso che attraversa tutta l’area. Alle 11.30 e alle 16 si potrà ascoltare dalla viva voce dell’architetto Claudio Lucchin la sua avventura di ripensare e dare così nuova vita all’area della fabbrica su cui si è sviluppato il parco tecnologico, l’Ex-Alumix. Inoltre IDM Alto Adige, che gestisce il parco tecnologico, presenterà un video-tour del NOI Techpark girato con un drone e un’installazione artistica sulla storia dell’Ex-Alumix. Un altro highlight della giornata sarà l’esposizione dei ritratti dei lavoratori del cantiere scattati dal fotografo altoatesino Ivo Corrà.

I buongustai potranno poi soddisfare il proprio palato alla Noisteria, dove sarà possibile degustare prodotti tipici altoatesini. Non mancherà l’intrattenimento per i più piccoli, sempre all’insegna della tecnologia: tutto il giorno potranno infatti fare piccoli esperimenti, giochi creativi e lavoretti manuali. Per arrivare al NOI Techpark in modo “green”, oltre alla bicicletta, il 21 ottobre in via eccezionale la SASA farà circolare la linea 18 che normalmente è attiva solo durante i giorni feriali.

Il programma completo è disponibile sul sito https://noi.bz.it/it/novita/events/noi-ci-siamo [Comunicato stampa IDM – Foto © IDM/Ivo Corrà]

Aus Alt wird NOI.
Innovation made in Südtirol erleben beim Open Day im Technologiepark am 21. Oktober.

Wissenschaft zum Anfassen: Am Samstag, dem 21. Oktober öffnet der NOI Techpark in der Voltastraße in Bozen von 10 bis 18 Uhr seine Tore für die Öffentlichkeit. Besucher können entdecken, wie eine ehemalige Fabrik in ein Forschungszentrum für zukunftsweisende Ideen verwandelt wurde. Neben Führungen und Begegnungen mit Forschern bietet Südtirols Technologiepark an diesem Tag auch Verkostungen und ein Unterhaltungsprogramm für Kinder.

Den eigenen ökologischen Fußabdruck berechnen, eine Software für die automatische Mimik-Erkennung testen oder verstehen, wozu man eine künstliche Sonne braucht – all das und noch mehr kann man am kommenden Samstag im NOI Techpark entdecken und ausprobieren. Das gesamte Programm des Open Day im NOI Techpark kann auf der Website www.noi.bz.it eingesehen werden.

Für die Entdeckungsreise durch die Räume des neu eröffneten Technologieparks bietet die Business Location Südtirol (BLS), die für den Bau des NOI Techpark verantwortlich zeichnet, stündlich geführte Besichtigungen an. Selbstverständlich können Besucher sich im Techpark auf Innovationskurs begeben und den Technologiepark auch auf eigene Faust entdecken. Um 11.30 und um 16 Uhr wird Architekt Claudio Lucchin über die Herausforderungen der Neugestaltung und Wiederbelebung des Ex-Alumix-Fabrikgeländes berichten, auf dem der NOI Techpark entstanden ist. Der Betreiber des Technologieparks, IDM Südtirol, präsentiert eine mit einer Drohne gedrehte Videotour durch den Park und eine künstlerische Auseinandersetzung mit der Geschichte der ehemaligen Alumix-Fabrik. Ein weiteres Highlight ist die Ausstellung des Südtiroler Fotografen Ivo Corrà, der die Bauarbeiter während der Bauphase porträtiert hat.

In der Noisteria können Südtiroler Spezialitäten verkostet werden. Auf die kleinen Besucher wartet den ganzen Tag über ein buntes Unterhaltungsangebot rund um das Thema Technik: Geboten werden kleine Experimente, kreative Spiele und Bastelarbeiten. Weil NOI für Nature of Innovation steht, werden die Gäste des Open Day gebeten, mit dem Fahrrad oder der NOI-Buslinie 18 anzureisen. Sollte dies nicht möglich sein, sollten Fahrgemeinschaften gebildet oder andere nachhaltige Mobilitätskonzepte genutzt werden. Das vollständige Programm steht auf der Website https://noi.bz.it/de/noiigkeiten/termine/aus-alt-wird-noi bereit [Pressemitteilung IDM – Foto © IDM/Ivo Corrà]

The WELL Tour.

Con IDM alla scoperta del WELL Living.

Le tecnologie innovative al servizio del Well Living, le soluzioni progettuali attente alla salute e le idee di design pensate per favorire il benessere sono oggetto di interesse crescente da parte delle imprese che operano nel settore salute & benessere. Aspetti quali la qualità dell’aria, l’acustica, le scelte cromatiche e i materiali impiegati agiscono in modo concreto e quantificabile sulla nostra salute e il nostro benessere.

COOKFOX , 300 Lafayette St. – New York, NY

Il programma del viaggio imprenditoriale prevede la visita a edifici e strutture innovative di particolare interesse e rilievo in tale ambito. A New York City è in programma un “Well Certified Spaces Tour”. A Pittsburgh verranno illustrati ai partecipanti i principi del design biofilico nel contesto della progettazione salutare d’interni. A Rochester verrà data l’opportunità di visitare l’unico “Well Living Lab” al mondo e di parlare con gli ideatori del progetto. Un ulteriore momento di grande interesse è rappresentato dalla visita alla Mayo Clinic, una struttura sanitaria privata di eccellenza a livello mondiale nel settore salute & benessere.

Programma

Target

Imprese, progettisti e architetti che operano nelle seguenti aree: qualità degli interni, illuminotecnica, comfort abitativo, cliniche private, case di riposo e case di cura; imprese che operano nel settore biomedicale e decisori del settore sanitario.

Quando: 09/10/2017 – 15/10/2017
Dove: New York City, Pittsburgh, Rochester (USA)
Termine d’iscrizione: 19/09/2017
Iscrizione: qui
Accompagnatori: Sabine Schnarf, Carlo Battisti

Phipps Conservatory and Botanical Gardens – Pittsburgh, PA

Unternehmerreise USA – Well Living Technologien

Innovative Well-Living Technologien, gesundheitsfördernde Gebäude sowie neue Wellness-Designprinzipien werden für die Unternehmen der Branche Gesundheit & Wellness zunehmend an Bedeutung gewinnen. Luftqualität und Akustik, Farbwahl und Materialien ‒ all diese Faktoren haben einen messbaren und wesentlichen Einfluss auf unsere Gesundheit und auf unser Wohlbefinden.

Das Programm der Reise umfasst spannende Besuche bei innovativen und führenden Einrichtungen in diesem Bereich. In New York City steht eine „Well Certified Spaces Tour“ auf dem Programm. In Pittsburgh werden biophile Designprinzipien in Verbindung mit dem Konzept der gesunden Innenraumqualität veranschaulicht. In Rochester bekommen Sie die Gelegenheit, das weltweit einzige „Well Living Lab“ zu besichtigen und mit den Ideatoren zu sprechen. Ein weiteres Highlight ist die Besichtigung der Mayo Clinic ‒ eine Privatklinik, weltweit führend im Wohlfühlbereich.

WELL Living Lab – Rochester, MN

Programm

Zielgruppe

Unternehmen, Planer, Architekten im Bereich Innenraumqualität, Lichttechnik, Wohnkomfort, Privatkliniken, Altersheime, Pflegeeinrichtungen, Medizintechnik-Unternehmen, Entscheider im Gesundheitswesen.

Wann: 09.10.2017 – 15.10.2017
Wo: New York City, Pittsburgh, Rochester (USA)
Anmeldeschluss: 19.09.2017
Anmeldung: hier
Begleitpersonen: Sabine Schnarf, Carlo Battisti