Archivi tag: San Francisco

Verge SF 2014.

2014_11_14 immagine 01

You didn’t attend Verge SF 2014? No problem, Verge brings the conference into your home with Verge virtua event. Here are the links to the streaming vision of the three days, Oct 28-29-30th. Enjoy and … thank you GreenBiz 🙂

Sustainability’s next tipping point. Interconnected technologies for energy, buildings and transportation enable radical efficiencies and huge opportunities. VERGE reveals these opportunities, bringing together corporations, entrepreneurs, and public officials for practical, scalable, solutions-oriented conversations.

Agenda (presented by Joel Makeower)

2014_11_14 immagine 06-1

Day #1

  • Changing the World by Sharing Your Bed | Joe Gebbia, Co-Founder and Chief Product Officer Airbnb
  • Making Sense of Sensors & Data | Deb Frol, Global Executive Director, ecomagination
  • The New Business of Drones | Chris Anderson, CEO & John Cherbini, VP 3D Robotics
  • Overcoming Barriers to Technology Integration in Cities | Jesse Berst, Chairman Smart Cities Council
  • How a Living Building Comes to Life | Denis Hayes, President & CEO Bullitt Foundation
  • VERGE Accelerate | Dawn Lippert, Director, Energy Excelerator
    Pacific International Center for High Tech Research (PICHTR) & Rodrigo Prudencio, CEO TunariCorp
  • Scaling U.S. Energy Innovation | David Danielson, Assistant Secretary for Energy Efficiency and Renewable Energy US Department of Energy & Peter Davidson, Executive Director of the Loan Programs Office (LPO) Department of Energy
  • How Big Data Saves Species | M. Sanjayan, Executive Vice President and Senior Scientist Conservation International & Gabi Zedlmayer, Vice President & Chief Progress Officer Hewlett-Packard Company
  • Visualizing Data to Accelerate Systems Thinking | David McConville, Co-Founder, Board Elumenati, Buckminster Fuller Institute
  • Running the Industrial Age Backwards | Janine Benyus, Founder Biomimicry 3.8 & Paul Hawken, Author and Entrepreneur

2014_11_14 immagine 06-2

Day #2

  • Rethinking Security for the 21st Century | Mark “Puck” Mykleby, Colonel USMC (Retired) & Jon Wellinghoff, Partner Stoel Rives LLP
  • Unleashing the Power of Distributed Energy Resources | Sunil Cherian, Founder and CEO Spirae
  • Removing Carbon From the Atmosphere and Insights For Systemic Sustainability | David Addison, Manager – Virgin Earth Challenge
    Virgin
  • Are Smart Cities Really Necessary? | Emma Stewart, Head, Sustainability Solutions Autodesk
  • Project 100: Car Sharing for Everyone | Zach Ware, Founder & CEO Project 100
  • The Future of Connected Cars | Jon Lauckner, CTO General Motors
  • How Biomimicry Will Shape the Next Industrial Revolution | Jay Harman, President & CEO Pax Scientific
  • What Climate and Weather Data Mean for Business | Tom Di Liberto, Meteorologist and America’s Science Idol Climate Prediction Center at the National Oceanic & Atmospheric Administration
  • Doing Data Differently | Tate Cantrell, Chief Technology Officer Verne Global & Paris Georgallis, SVP, Cloud Platform Operations
    RMS
  • Big Data Meets the Small Screen | Darrell Smith, Director of Facilities and Energy Microsoft Corporation
  • Put Humans at the Center and Start a Sustainability Renaissance | Rao Mulpuri, CEO View
  • Addressing Climate Change Through Data Innovation | David Friedberg, CEO The Climate Corp & Rebecca Moore, Engineering Manager Google Earth Outreach & Bina Venkataraman, Director of Global Policy Initiatives, Broad Institute MIT & Harvard (formerly at the Executive Office of the President)

2014_11_14 immagine 06-3

Day # 3

  • A World Beyond GMOs | Matthew Dillon, Cultivator, Seed Matters Clif Bar Family Foundation & Robb Fraley, CTO Monsanto
  • Changing Everything: Will ‘Savings-As-A Service’ Become the Way Energy Efficiency is Done? | Joe Costello, CEO Enlighted
  • Smart Cities from the Ground Up | Antwi Akom, Co-Founder Institute for Sustainable Economic Educational and Environmental Design (I-SEEED)
  • How Data Transforms Cities | Jen Pahlka, Founder & Executive Director Code for America
  • The Solutions Project: Getting to 100% Renewables | Mark Jacobson, Professor of Civil and Environmental Engineering Stanford University & Marco Krapels, Partner Pegasus Capital Advisors
  • VERGE Accelerate | Andrew Beebe, VP, Distributed Generation
    NextEra Energy Resources
  • Sustainability Leadership, from Autodesk to Atlanta | Carl Bass, CEO Autodesk & Kasim Reed, Mayor City of Atlanta
  • Drones and the New Logistics | Paola Santana, CRO Matternet
  • The Role of Grid as Integrator | Kevin Dasso, Sr Director of Technology & Information Strategy PG&E & Carla Peterman, Commissioner California Public Utilities Commission
  • Does Efficiency or Innovation Drive Our Energy Future? | Amory Lovins, Chairman/Chief Scientist Rocky Mountain Institute & Matthew Nordan, Co-Founder and Managing Partner MNL Partners
  • Closing Keynote: Swinging for the Fences | Lisa Jackson, VP of Environmental Initiatives Apple
2014_11_14 immagine 03

Joel Makeower and the GreenBiz editorial staff

2014_11_14 immagine 04GreenBiz (‘Defining and acceleratimg the business of sustainability’) advances the opportunities at the intersection of business, technology and sustainability. Through its websites, events, peer-to-peer network and research, GreenBiz promotes the potential to drive transformation and accelerate progress — within companies, industries and in the very nature of business.

L’innovazione cambia la mappa del lavoro in America.

Where you live matters more than ever.

L’America riparte da Internet. Le città hi-tech creano più lavoro. Segnalo e riporto integralmente l’articolo del 28.07.2013 con il quale inizia su La Stampa la collaborazione di Enrico Moretti, docente di economia alla University of California di Berkeley . Quando pensiamo agli Stati Uniti immaginiamo spesso una nazione dalle caratteristiche omogenee. Non è così, anche per quanto riguarda la situazione economica di questi anni. Ci sono almeno 3 Americhe, secondo Moretti: una che si sta sviluppando sotto la spinta dell’innovazione (Internet, green technologies) tra la Silicon Valley, Boston e Seattle; una che soffre un’inesorabile e drammatico crepuscolo legato alla crisi dell’industria tradizionale (Detroit su tutte) e la terza, che rappresenta il resto degli USA, in evoluzione o involuzione tra uno o l’altro dei due modelli citati.  Due segnali forti provengono dalle aree a forte innovazione: la centralità del capitale umano (l’istruzione come leva per l’innovazione) e il riverberarsi (con un fattore 1:5, secondo la ricerca di Moretti) dello sviluppo verso fasce occupazionali non direttamente coinvolte nell’innovazione (in altre parole: ogni nuovo ingegnere genera altri posti di lavoro nei servizi locali collegati). E noi, in Italia, quale strada stiamo prendendo?

2013_07_31 immagine 02Enrico Moretti è docente di economia alla University of California di Berkeley. Il suo libro ‘La nuova geografia del lavoro‘ (The new geography of jobs) è stato definito da Forbes ‘il libro di economia più importante dell’anno’ (‘Where you live matters more than ever’).

Istruzione e innovazione fanno la differenza. L’indotto di Facebook e Google supera quello dell’industria.

L’economia americana sta ripartendo. A differenza di quella italiana, negli Stati Uniti occupazione e salari medi sono in crescita da più di un anno. Il quadro economico, però, è profondamente diverso in aree differenti degli Stati Uniti. Mentre alcune regioni del Paese sono ancora in piena recessione, altre sono in piena espansione.

Molte delle città della vecchia Rust Belt industriale hanno ancora tassi di disoccupazione alti. L’economia di Detroit, per esempio, continua a contrarsi e da questa settimana è ufficialmente in bancarotta, schiacciata da miliardi di dollari di debiti pubblici non pagati. Il mercato del lavoro in città ad alto tasso di innovazione, invece, è in piena espansione.

Il modello San Francisco.  

2013_07_31 immagine 06

San Francisco si prepara per Greenbuild 2012
(Moscone Center)

L’esempio principale è San Francisco, la città dove vivo, che in questo momento è l’economia più dinamica in America. I posti di lavoro nel settore del software, Internet, semiconduttori, ricerca medica e farmacologica (in particolare biotecnologica), sono in crescita costante da anni e hanno nettamente ripreso forza dopo una breve pausa dovuta alla recessione. A questi settori tradizionali dell’hi-tech si sono aggiunti settori nuovi come il clean-tech, digital entertainement e i nuovi materiali (per esempio il nano-tech).

L’occupazione sta crescendo così rapidamente che le imprese cominciano ad avere difficoltà a trovare lavoratori. Facebook e Apple stanno assumendo a ritmi senza precedenti. Google, che aveva già tra i salari più alti del settore, li ha dovuti alzare ulteriormente per evitare che i suoi dipendenti cercassero altri posti di lavoro meglio remunerati. Twitter ha raddoppiato la forza lavoro in meno di un anno. Nell’aria si percepisce un ottimismo tangibile e un senso di opportunità senza confini. I ristoranti, i caffè e i pub sono pieni. Le strade e le piazze sono affollate da giovani trasferitisi da poco dal resto degli Stati Uniti, che vengono a cercare lavoro o a creare lavoro. Centinaia di nuove start-up impegnate a disegnare le tecnologie del futuro vengono create ogni mese.

L’indotto dell’hi-tech.  

2013_07_31 immagine 03

La sede di Google a Mountain View (CA)

A beneficiare di questa crescita non sono solo scienziati ed ingegneri. L’aspetto più importante di questa crescita è il suo effetto indiretto su chi non è impiegato nel settore. Questo aspetto è fondamentale, perché il lavoratore medio non sarà mai un impiegato di Apple, Google o di una startup della biotecnologia. Le industrie dell’innovazione portano a San Francisco buoni posti di lavoro, non solo direttamente nel settore dell’innovazione, ma anche indirettamente in altri settori, specialmente nei servizi locali e così incidono sull’economia locale, molto più in profondità di quanto risulti dal loro effetto immediato. Attrarre in una città uno scienziato o un ingegnere informatico significa innescare un effetto moltiplicatore che va ad aumentare i posti di lavoro e i salari di chi fornisce servizi locali.

La mia ricerca dimostra che per ogni nuovo posto di lavoro ad alto contenuto tecnologico creatosi in una città vengono a prodursi cinque nuovi posti, frutto indiretto del settore hi-tech di quella città. Si tratta sia di occupazioni qualificate (avvocati, insegnanti, infermieri) sia di occupazioni non qualificate (camerieri, parrucchieri, meccanici, muratori). Per esempio, per ogni nuovo software designer reclutato da Twitter o da Google, a San Francisco si creano cinque nuove opportunità di lavoro per baristi, personal trainer, medici e tassisti. Nella prospettiva di una città, insomma, un posto di lavoro ad alto contenuto tecnologico è molto più che un singolo posto di lavoro.

Le tre Americhe.  

2013_07_31 immagine 04

San Jose vista dagli uffici del Municipio

Questi trend non sono passeggeri ma riflettono un cambiamento strutturale nel mercato del lavoro americano e mondiale in atto da 40 anni. Siamo abituati a pensare all’America come un Paese unico. In realtà oggi esistono tre Americhe, molto distinte l’una dall’altra. A un estremo troviamo gli hub mondiali dell’innovazione: San Francisco, appunto, ma anche San Jose, Seattle, Austin, Boston, Raleigh e Washington. Sono città con una solida base di capitale umano e un’economia fondata su creatività e ricerca – città che da decenni continuano ad attrarre un numero sempre crescente di imprese di successo e di posti di lavoro con salari elevati. Queste città hanno una delle forze lavoro più istruite, creative e produttive del mondo.

All’estremo opposto si collocano le città dove un tempo dominava l’industria tradizionale, ridotte a centri in rapido declino che continuano a perdere posti di lavoro e abitanti: Cleveland, Flint, Buffalo, Philadelphia e ovviamente Detroit. L’economia qui è caratterizzata da attività produttive tradizionali, livelli di capitale umano molto più bassi, e ovviamente retribuzioni modeste. Chi lavora nelle città nel primo gruppo guadagna il doppio o il triplo di chi svolge lo stesso lavoro nelle città nel secondo gruppo, a parità di qualifiche professionali. Il resto d’America si trova in mezzo a questi due estremi, e potrebbe evolversi in una direzione o involvere nell’altra.

Manifattura e innovazione.  

2013_07_31 immagine 05

MIT (Massachusetts Institute of Technology)
a Cambridge (MA)

Le città con economie più forti si vanno rafforzando, mentre le città con economie più fragili vanno indebolendosi. Questa «grande divergenza» è in atto in tutto il mondo occidentale, ed è uno degli sviluppi più importanti nella storia economica e sociale dal dopoguerra a oggi. Il divario crescente tra città nel livello di sviluppo economico non è un fenomeno accidentale, ma l’ineluttabile risultato di forze economiche con radici profonde. Le sue cause ultime risiedono in un cambiamento profondo e strutturale nei modi di produzione che sta investendo, seppure a velocità diverse, tutte le società post-industriali.

Negli Anni 50 e 60, il successo economico di una città o di una regione dipendeva dalla manifattura. Città come Detroit e Cleveland erano tra le più ricche al mondo perché avevano i settori industriali più dinamici, e questo si traduceva in occupazione fiorente e salari tra i più alti sulla faccia della terra. Lo stesso, anche se su scala minore, accadeva a Torino, Milano e Genova.

Negli ultimi cinquant’anni, tutto questo è cambiato. Gli Stati Uniti sono passati da un’economia fondata sulla produzione di beni materiali a un’economia basata su innovazione e conoscenza. L’occupazione nel settore manifatturiero si è dimezzata e continua a calare anno dopo anno. L’occupazione nel settore dell’innovazione è cresciuta a ritmi travolgenti. L’ingrediente chiave di questo settore è il capitale umano, e dunque istruzione, creatività e inventiva. Il fattore produttivo essenziale non sono più i macchinari ed infrastrutture fisiche, ma le persone: sono loro a sfornare nuove idee.

Il valore dell’istruzione. 

2013_07_31 immagine 07

Parcheggio riservato ai … Premi Nobel all’Università di Berkeley
(NL = Nobel laureate)

La mia ricerca mostra che a partire dagli Anni Settanta il destino economico delle città americane comincia a dipendere in misura sempre maggiore dal livello di istruzione dei loro abitanti. Le città con un più alto numero di lavoratori provvisti di formazione universitaria hanno cominciato ad attirarne sempre di più, mentre le città con una forza lavoro meno istruita hanno iniziato a perdere terreno.

È un trend in accelerazione: l’effetto è che la distribuzione geografica dei lavoratori americani va sempre più configurandosi in base al profilo professionale. Proprio mentre stanno assistendo alla scomparsa delle segregazione razziale, le comunità americane vedono crescere la segregazione socioeconomica. Questa tendenza si osserva anche in Gran Bretagna, sebbene in misura minore, e nell’Europa continentale, Italia inclusa. La scolarità è divenuta la nuova discriminante sociale, sia a livello individuale che di comunità.

L’economia post-industriale, basata sul sapere e sull’innovazione, ha una tendenza intrinseca molto forte verso l’agglomerazione geografica. Città e regioni in grado di attirare lavoratori qualificati e imprese innovative, tendono ad attirarne sempre più; le comunità che non riescono ad attrarre lavoratori qualificati e imprese innovative, invece, perdono sempre più terreno. In questa realtà, il successo propizia ulteriore successo, mentre l’insuccesso condanna ad altri insuccessi.

L’ecosistema produttivo.

2013_07_31 immagine 08

Finale 2010 di Mind the Bridge
(competizione tra start-up) Università di Stanford (CA)

La ragione è un cambiamento profondo nel modo in cui si produce oggi. Nella nuova economia dell’innovazione il successo di un’azienda o di una città non dipende soltanto dalla qualità dei suoi lavoratori, ma anche dall’ecosistema produttivo in cui è inserita. Un insieme sempre più nutrito di studi economici sta rivelando che le città non sono una mera concentrazione di individui, ma un ambiente complesso e ricco di interrelazioni che favorisce la creazione di nuove idee e nuovi modi di fare impresa. L’interazione sociale tra gli imprenditori, per esempio, tende a generare opportunità di apprendimento che vanno a beneficio dell’innovazione e della produttività. Stare tra persone intelligenti ci rende più intelligenti, più innovativi e più creativi. Operando in contiguità geografica, gli innovatori rafforzano reciprocamente il proprio potenziale creativo e accrescono le proprie possibilità di successo. Questo è un aspetto importante, perché fa sì che mentre l’industria tradizionale continua a delocalizzarsi in Paesi in via di sviluppo, l’industria dell’innovazione continua a concentrarsi in poche aree chiave del mondo. Per esempio, uno stabilimento tessile è un’entità autonoma che può essere collocata più o meno in qualsiasi parte del mondo dove ci sia abbondanza di manodopera. È facile per un produttore americano o europeo delocalizzare in Bangladesh o in Romania. Ma un laboratorio biotecnologico o elettronico è piuttosto difficile da trasferire altrove, perché non si tratta di spostare solo un’azienda, ma un intero ecosistema.

La grande divergenza.

Per rimanere creativo e innovativo, deve stare vicino ad altre imprese high tech. Quindi una città che già possiede lavoratori creativi e aziende innovative vedrà evolvere la propria economia in direzioni che la renderanno ancora più attraente per gli innovatori. È questo, in definitiva, ciò che determina la «grande divergenza», per cui alcune città vedono aumentare la concentrazione di buoni impieghi, talento e investimenti, mentre altre vanno in caduta libera.

Queste dinamiche, già molto chiare in America e ancora in nuce in gran parte d’Europa, hanno importanti implicazioni per il futuro di molti Paesi europei. In questo quadro, l’Italia non è messa molto bene. Con una struttura industriale vecchia e poco innovativa, l’Italia è più vicina a Detroit che a San Francisco. Nei prossimi articoli esploreremo in dettaglio che cosa causa queste dinamiche e che cosa implicano per il futuro dell’Italia.

[Enrico Moretti © La Stampa, 28.07.2013. Immagini © Carlo Battisti]

2013_07_31 immagine 01Enrico Moretti is Professor of Economics at the University of  California, Berkeley where  he holds the Michael Peevey and  Donald Vial Career Development Chair in Labor Economics. He is the Director  of the Infrastructure and Urbanization Program at the International Growth Centre  (London School of Economics and Oxford  University). He is also a Research Associate at the National  Bureau of Economic Research (Cambridge),  and a Research Fellow at the Centre for Economic Policy Research (London) and  at the Institute for the Study of Labor (Bonn).  His  research interests include Labor Economics, Urban Economics and Applied  Econometrics.

We are right. Leadership in Sustainability @ Greenbuild.

Highlights from Greenbuild 2012 San Francisco.

Each year, the world’s business, environmental and social leaders take the stage at Greenbuild to motivate, inspire and teach our industry.

Opening plenary teaser (video)

Featuring:

  • Ed Lee, Mayor of San Francisco
  • Rachel Gutter – Center for Green Schools, USGBC | Director
  • Geraud Darnis – United Technologies Climate, Controls & Security | President & CEO
  • Scott Horst – USGBC | Senior Vice President
  • Rick Fedrizzi – USGBC | President & CEO

48 million square feet LEED® certified buildings in San Francisco. The greenest policies in the United States. The best compost in the US … (!). The Center for Green Schools. Where we learn, matters. MyGreenApple.org. Students of 67 universities @ Greenbuild. Google’s grant of 3 million USD. You don’t have to leave your neighborhood to find a better one. Remembering Malcom Lewis, USGBC Board Member and Green Building Visionary. We are right.