Archivi tag: ecomunicipality

The Greenest School on Earth.

Is your school the greenest on Earth? The Greenest School on Earth recognition is an annual announcement made by the Center for Green Schools, highlighting a K-12 school that exemplifies how sustainability can be integrally woven into the infrastructure, culture and curriculum of a school. The Center for Green Schools defines a green school as one that achieves zero environmental impact (including energy, water, waste and carbon), a positive impact on occupant health and performance, and 100% environmentally literate graduates. These are encompassed in three pillars—environmental impact, human health and ecoliteracy.

2015_02_18-01 Peter Pan

Photo Gabriele Zini

Peter Pan” kindergarten in Cavareno (Trento, Italy) has just applied – thanks to Macro Design Studio – 2014 call for the Greenest School. Cavareno is a small (1,000 inhabitants) village located 1,000 meters high in Non Valley (Trentino, Italy) a wide green valley covered with meadows, woods and apple trees. Even a small village like this one can do a lot in terms of sustainability explained and experienced in school, from the very early children age. The first building for the kindergarten was built in 1913 and then enlarged forty years later. After a complete requalification of the complex in 2009, now “Peter Pan” school is located in a new timber building with a lot of natural light and beautiful colours. Do you want to take a trip in this school …? Keep on reading 🙂

Environmental impact

2015_02_18-02 Peter Pan

Photo Gabriele Zini

Waste is 100 % differentiated and then transferred to CRM Centro Raccolta Materiali (waste materials collection center of Cavareno, shared with other municipalities), that allows to recycle or dispose locally, according to the current regulations, 32 different categories of waste. In addition, a multilevel education, constantly promoted and supported by the municipality, has contributed to the growth of the attention to waste materials selection and reuse. Moreover, the school uses cloth towels and napkins.

Rainwater is harvested for garden irrigation and toilet flushing. Heating system and domestic hot water for the building are guaranteed by the municipal biomass district heating, installed in 2012 and serving all the village’s public buildings. During 2013/2014 school season, total annual consumption was approximately 111,000 kWh, for a cost of about € 8,900 (net of tax reductions). The energy performance index, including domestic hot water, which is largely produced by solar panels, is about 80 Kwh/sqm per year.

The school was built through the redevelopment of two existing historic buildings (the kinder garden and the rectory) with a bio-compatible timber structure (average transmittance 0.20 W/sqmK). These two aspects (redevelopment, timber) have saved embodied energy and CO2 emissions. Other features: bioclimatic design, green roof, solar greenhouses, use of natural materials and finishes, both inside and outside, Km0 cooking, with purchase of organic products for the canteen.

Human Health and Performance

??????????Average children absence is between 8 and 8.3%, including those children who do not attend for a few months, because they go and visit their relatives in their home countries (Romania, Albania, Morocco, etc.). Average teachers’ absence is not significant, because much related to operations or medical situations that have nothing to do with their profession.

Children can greet their parents seeing them from the window, even while inside the classroom and under the supervision of the teacher. Children can easily find sheltered and reserved places, but always under the teacher’s gaze ..

The wide open spaces, e.g. the dining room, with a large fresh air supply “smell” never smell musty; indeed, sometimes they smell of freshly baked bread.

Ecoliteracy

??????????Environmental education is emphasized in this school through several activities.

School: guardian of ancient seeds, to preserve local biodiversity; for the home production, in order to reduce carried products (Participation in the competition “For a handful of seeds“). Waste recycling together with children (paper, cardboard, plastic, metal, wood), and with adults (all).

High use of paper and waste reuse for new products; prevailing use of natural or recyclable products for decorations (paper, wool, clay, wood). Constant presence in the surrounding land, at least twice a week to get to know, appreciate and learn how to “manage” it, in every season. When it’s possible in winter even with cross-country skis or snowshoes.

2015_02_18-03 Peter Pan

Photo Gabriele Zini

Implementation of specific local projects: paths that identify beautiful and characteristic elements to watch or attend; ancient trees to preserve and cure; the area between heaven and earth, between past and present (project with FAI); movable frames and landscaping of “de Zinis” Park, the crib or the sprawled exhibitions; the realization with Pro Loco (local tourist office) of “real” postcards that show the beauty of our country.

To walk to the villages where the children come from; involvement in significant moments of the agricultural works: seeding and harvest of potatoes, radicchio …The cultivation of vegetables in the garden.

Participation to projects with MART (Museum of Modern Art) in Rovereto to bind art and recycling.

People, elderly, grandparents, typical figures of the village and of the area sometimes enter the school (or we meet them outside) to let us know works, activities, experiences of today or of the past.

Moreover, school and municipality are involved in the network of the Alta Val di Non – Futuro sostenibile association, founded in 2009 to promote an aware and responsible management of the whole territory of the valley, with the mission to protect the landscape. Their challenge is focused in particular on the protection of the incomparable and fascinating meadows. It is a long range battle which also involves the massive use in the past of herbicides and fungicides without adequate regulations to protect citizens.

??????????

Netto o calpestabile?

Il regolamento del campanile. 

8057 Comuni e 8057 (più o meno) regolamenti edilizi comunali. Se questo è il Paese dei campanili, ogni campanile ha il proprio regolamento. E pazienza se tra questi ottomila Comuni ce ne sono un migliaio (più del 12%, per oltre 21 milioni di persone) nei quali si è intervenuti (vedi Rapporto ONRE 2013 di Legambiente) per introdurre nuovi criteri e obiettivi energetico-ambientali rispetto alla normativa in vigore. Resta il fatto che qui la burocrazia italiana produce uno dei suoi massini paradossi. Se ne lamenta Sergio Rizzo, nell’articolo del Corriere “A ogni città il suo vocabolario: norme edilizie, invincibile Babele” del 05.09.2014, che riporto di seguito integralmente.

Per questo motivo la proposta arrivata direttamente dal Consiglio Nazionale degli Architetti – un unico regolamento (!) – che era stata fatta propria subito dalle prime bozze di Palazzo Chigi nel Decreto Legge “Sblocca Italia” rappresentava una svolta epocale. Ma il decreto è stato sfoltito da 100 a 51 articoli (ultima versione) e la norma dirompente è sparita. La tesi di Rizzo è che su questo proliferare di regolamenti poggia il sistema degli apparati burocratici locali così come una folla di consulenti che cercano di tradurre queste norme per la comprensione dei clienti. Se ci fosse un regolamento unico, una marea di tecnici comunali si ritroverebbe senza lavoro e a ruota i suddetti consulenti. Un’ecatombe.

2014_09_12 immagine 01

Cavareno, Unione dei Comuni dell’Alta Anaunia (TN)

Ma un regolamento edilizio unico (o un gruppo limitato di regolamenti) sarebbe possibile. E’ la strada ad esempio intrapresa da moltissime “Unioni di Comuni”. Un’Unione di Comuni è un ente territoriale locale, disciplinato dal D.Lgs. 18.08.2000 n. 267, il “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali“, costituito da due o più Comuni per l’esercizio congiunto di funzioni a questo delegate. Il territorio coincide con quello dei Comuni membri; l’Unione è dotata di autonomia statutaria nell’ambito dei principi fissati dalla Costituzione e dalle norme comunitarie, statali e regionali. In Italia ci sono attualmente più di 400 Unioni di Comuni. Se almeno queste si dotassero di un regolamento edilizio condiviso, sarebbe già qualcosa (meglio 400 che 8000 …).

Nell’ambito del progetto Green Communities, ad esempio avevo analizzato l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna (Lugo e altri otto paesi) proponendola come modello proprio per l’approvazione di un unico regolamento edilizio, tra l’altro (soprattutto …) improntato a criteri di sostenibilità (efficienza energetica, scelta dei materiali, ecc.). Dal novembre 2013 c’è anche l’Unione dei Comuni dell’Alta Val di Non, ad esempio (un sorpasso a destra delle Comunità di Valle? …).

Certo, ipotizzando un regolamento unico, cambiano molto le condizioni locali, da Nord a Sud, ma sono assolutamente schematizzabili. Pensiamo alle fasce climatiche, sono sei in Italia, secondo il D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993 , da A a F, a seconda del periodo di funzionamento degli impianti di riscaldamento. Negli USA (che sono estesi 33 volte l’Italia) le zone climatiche, secondo le norme ASHRAE 90.1, sono otto (Miami è nella zona 1, Anchorage nella 8) declinate secondo 3 tipi di clima A (umido), B (secco), and C (marin0) – semplice, no? Non solo, ma la certificazione LEED, ad esempio, tiene conto delle specificità delle problematiche ambientali di una zona geografica rispetto ad un’altra. L’intento è quello di fornire un incentivo per il conseguimento di crediti che affrontano prorità geograficamente specifiche legate all’ambiente, all’equità sociale e alla salute pubblica. Trasferito il concetto in Italia, è come se premiassimo tutte quelle soluzioni progettuali che favoriscono il risparmio dell’acqua, se l’edificio è ubicato in Puglia o quelle che enfatizzano il risparmio energetico, se in Alto Adige. Insomma, criteri e buone pratiche da utilizzare ce ne sono già senza doverli inventare; manca la buona volontà?

2014_09_12 immagine 04

Green roofs

Ecco l’articolo di Sergio Rizzo.

Un problema «formale» l’ha definito il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. Quale sia la «formalità» così decisiva da far saltare la semplificazione più importante contenuta nel decreto «sblocca Italia», non è dato sapere. L’unica cosa certa è che la norma con la quale si stabiliva che gli 8 mila Comuni italiani avrebbero avuto un regolamento edilizio uguale per tutti è misteriosamente scomparsa nella notte fra lunedì e martedì. Evaporata, volatilizzata, dissolta. Lupi dice che se ne parlerà in sede di conversione del decreto nel Parlamento. Oppure in un altro provvedimento.

Che cosa è successo? Lupi fa capire che ci potrebbe essere stato il solito problema della Ragioneria: per una norma che non ha costi e che farebbe perfino risparmiare. C’è invece chi dice che gli uffici (quali uffici?) avrebbero sollevato un problema di conflitto con le amministrazioni locali, visto che la materia è di competenza regionale. E non manca chi suggerisce che non avendo una norma del genere carattere di urgenza, non si può adottare per decreto: come se non fosse urgente dare a tutti gli italiani la possibilità di avere un permesso edilizio al massimo in 110 giorni, la media europea, anziché il 239, la media italiana.

2014_09_12 immagine 02

Perché questo sarebbe successo se quella norma, sulla quale tutti (ma forse solo apparentemente) si erano dichiarati d’accordo, fosse sopravvissuta. Per quel malinteso senso dell’autonomia che sconfina nel grottesco, è successo che ogni Comune si è fatto un regolamento proprio, diverso da quello del paese o della città vicina. Si comincia dall’elemento più banale: il vocabolario. La stessa cosa si può chiamare con termini differenti. La superficie di un’abitazione che a Milano si chiama «pavimentabile», altrove è «calpestabile», oppure «netta». Qualcuno arriva perfino a definire maniacalmente certe disposizioni igieniche, come il bagno che per legge (per legge!) dev’esser piastrellato fino a una certa altezza, o «rivestito di materiale lavabile». Il guazzabuglio di norme comunali è talmente complicato che nello stesso ufficio tecnico municipale c’è chi arriva a interpretare una regola in modo diverso dal suo collega di stanza. Quando addirittura, come nel caso di Roma, ci sono regole diverse da una circoscrizione all’altra.

Prevedibilissime e devastanti le conseguenze. Una burocrazia asfissiante e talvolta senza alcuna certezza, tanto è soggettiva l’interpretazione delle regole. Con tempi indefiniti e costi allucinanti a carico dei cittadini. Che per ogni più piccolo intervento sono costretti a rivolgersi a specialisti e azzeccagarbugli: gli unici capaci a districarsi nella giungla delle norme. Per non parlare del problema di alcuni diritti fondamentali dei cittadini, diseguali da città a città. Si potrebbe aggiungere che questo sistema rappresenta un incentivo formidabile per la corruzione, il che già basterebbe per cambiarlo radicalmente.

2014_09_12 immagine 03

Inevitabile il sospetto che siano proprio questi i motivi che hanno finora impedito di metterci mano. Gli apparati burocratici locali sarebbero così felici di perdere tutto questo potere di tracciare norme e regolamenti che viaggiano dagli uffici comunali a quelli regionali in un vortice infinito, senza considerare la quantità di personale che si ritroverebbe improvvisamente senza occupazione? E i consulenti che prosperano grazie alla complicazione dei regolamenti comunali, pensate che accetterebbero volentieri di vedersi privare di una fonte di reddito così generosa?
Per ora si deve prendere atto come il governo di Matteo Renzi, che al suo debutto aveva dichiarato guerra alla burocrazia promettendo semplificazioni a tappeto, ha spedito un’altra palla in tribuna. Del regolamento edilizio comunale unico ne parleranno forse nella legge di Stabilità, se qualche temerario non oserà riproporla in Parlamento. Insomma, campa cavallo. Mentre nel decreto «sblocca Italia» la norma a dir poco controversa che consentirà la proroga delle concessioni autostradali non ha subito al contrario alcun incidente di percorso nelle segrete delle burocrazie ministeriali. Guarda un po’…

[Sergio Rizzo, Corriere della Sera 05.09.2014]

Anche la Svezia ha i suoi … enertour

Discover Sustainable Sweden

Siete pronti per la rivoluzione ecosostenibile? Bene, in Svezia lo sono dagli anni ’80. In Svezia è stata fondata nel 1989 The Natural Step (dallo scienziato svedese Karl-Henrik Robèrt), con lo scopo di sviluppare e diffondere l’approccio per lo sviluppo sostenibile strategico (Framework for Strategic Sustainable Development – FSSD), a seguito della pubblicazione del rapporto Brundtland nel 1987. In Svezia c’è il Blekinge Insitute of Technology (BTH) di Karlskrona, che offre il multidisciplinare e trasversale Master in Strategic Leadership Towards Sustainability. E in Svezia risalgono agli anni ’80 le prime eco-municipalità (la prima fu Övertorneå).

Cosa sono le eco-municipalità? Sono delle amministrazioni locali (capoluoghi o province) che hanno ufficialmente adottato dei sistemi integrati di principi di sostenibilità e li mettono in pratica nello sviluppo del tessuto urbano e nel governo del territorio. Circa il 30% delle cittadine svedesi a oggi ha adottato queste pratiche. Il modello si è poi diffuso anche in diverse cittadine degli USA e non solo, anche grazie al lavoro di IEMEA (Institute for Eco-Municipality Education & Assistance, diretto da Torbjörn Lahti and Sarah James, co-autori di The Natural Step for Communities: How Cities & Towns Can Change to Sustainable Practices ).

Le “policies” sostenibili di queste città puntano essenzialmente a quattro obiettivi:

  1. Ridurre la dipendenza dai carburnati fossili, dai metalli dal sottosuolo, dai minerali.
  2. Ridurre la dipendenza da sostanze chimiche di sintesi.
  3. Ridurre la deturpazione della natura.
  4. Andare incontro ai bisogni umani in modo equo ed efficiente.

100% Förnybart è un network di aziende e organizzazioni (ne fanno parte anche enti come Greenpeace, WWF) che si è posto l’obiettivo di far diventare la Svezia “100% rinnovabile” ovvero dipendente da energia rinnovabile al 100%. Di questa rete fa parte anche l’associazione per la Svezia sostenibile (Sustainable Sweden Association) che, seguendo un principio di sussidiarietà, programma da tempo visite guidate alle città ecosostenibili del territorio svedese, a beneficio di visitatori interessati provenienti da tutto il mondo, i Sustainable Sweden Tours, che hanno già visto succedersi, a partire dal 1997, 12 diverse edizioni, dal sud al nord della nazione.

Ecco il tour 2012, partito domenica 2 settembre da Copenhagen: 2 settimane lungo tutta la Svezia fino alla Lapponia, con focus sulle energie rinnovabili e l’economia sostenibile di diverse cittadine. Prezzo tutto incluso (escluso il solo volo a/r per la Svezia) di circa 3.300÷3.900 €. Il tutto con la partecipazione di Manfred Max-Neef, l’economista “alternativo” dal Cile, autore di “Lo sviluppo su scala umana”. Non è fantastico?

Questo è il programma …

Karlskrona (Foto: Sustainable Sweden Association)

First part: from the 2nd to the 8th September

The first part of the trip will be held in Southern Sweden, starting in Copenhagen and ending in Stockholm, via Öland’s island.

Sunday 2nd : Arrival – beginning of the tour in Copenhagen

Monday 3rd : Day in Karlskrona

Tuesday 4th : Day in Borgholm (in Oland’s island)

Wednesday 5th: Second day in Borgholm with a seminar held by Manfred Max-Neef

Thursday 6th: KalmarLinköpingJärna

Friday 7th: Day in Järna – Södertälje

Saturday 8th: Morning in Huddinge and END OF THE TOUR (first part) in Stockholm

Övertorneå (Foto: Sustainable Sweden Association)

The second part of the trip will take place in Northern Sweden, in the county of  Norrboten, from the  mountains downto the sea and along the Arctic circle. A few days will be spent in Övertorneå, the first Swedish eco-municipality!

Saturday 8th: Beginning of the tour (2nd part) in Stockholm.

Sunday 9th: Day in Luleå

Monday 10th: Day in Boden – study visits (ex: biogas plant, waste management, transportation management, renewable energy)

Tuesday 11th: Day in Jokkmokk

Wednesday 12th: Jokkmokk on the morning – Övertorneå in the afternoon

Thursday 13th: Second day in Övertorneå

Friday 14th: Third day in Övertorneå with the second seminar held by Manfred Max-Neef

Saturday 15th: Haparanda on the morning – Plane/night train from Luleå to Stockholm

Sunday 16th: Possibility to pass by Sigtuna (additional visit) – end of the tour.

Follow September’s Sustainable Sweden tour on our blog.

Foto: Sustainable Sweden Association

Alto Adige – Energia da esplorare

In Alto Adige, grazie al progetto Enertour, creato dal TIS innovation park, è possibile visitare 150 tra edifici a basso consumo energetico CasaClima, centrali di teleriscaldamento a biomassa, centrali idroelettriche, impianti solari termici, fotovoltaici, eolici e biogas, oltre ad interi sistemi energetici comunali. Grazie al grande numero di mete visitabili, c’è la possibilità di conoscere da vicino molteplici tecnologie e strategie nel settore energetico.

Le visite guidate sono condotte personalmente dai progettisti e gestori degli impianti e degli edifici.  Per le spiegazioni in loco sugli aspetti tecnici ed economici degli impianti e degli edifici, enertour si avvale dei progettisti e gestori degli stessi. In tal modo si ottengono informazioni di prima mano e si ha uno scambio diretto con chi conosce meglio i progetti.

Le visite enertour mettono in contatto con la lunga esperienza altoatesina nel settore energetico. Con risorse locali e rinnovabili l’Alto Adige copre il 56% del fabbisogno termico ed elettrico dei suoi abitanti, oltre ad essre la patria di CasaClima, il primo sistema di certificazione energetica degli edifici in Italia, che conta già migliaia di edifici a basso consumo energetico realizzati. 

Turismo sostenibile e turismo della sostenibilità

L’iniziativa svedese e il successo del modello Enertour (che ha raggiunto in pochi anni ormai la cifra di quasi settemila visitatori) danno la dimostrazione di come la formula sia vincente. Più che turismo sostenibile (turismo che nelle scelte è attento ai criteri di sostenibilità) qui si tratta proprio di un turismo della sostenibilità, dove tecnici e amministratori possono toccare con mano le soluzioni e importarle nella loro pratica quotidiana. “Il vantaggio è che oltre ad essere un’esperienza utile è anche piacevole” dice un architetto frequentatore degli enertour.

Ma il futuro, e in alcuni casi già il presente, non è più solo per soluzioni isolate nate dalla lungimiranza di  singoli amministratori o proprietari (per esempio di un edificio ad alte prestazioni energetiche). Si parla già tanto (a volte a sproposito) di “smart grid”. Per avere un impatto veramente significativo sulla riduzione dei danni ambientali e climatici è necessario ormai pensare ad una scala più ampia, dove, come nelle (piccole) città svedesi, gli amministratori assumano la responsabilità, coinvolgendo i cittadini, di studiare su larga scala soluzioni sostenibili che integrino tutti gli aspetti più importanti (energia, acqua, trasporti, rifiuti, ecc.). E così, in un domani speriamo non troppo lontano, gli enertour potrebbero diventare i tour delle città sostenibili, delle comunità sostenibili, dei territori sostenibili.

Ecomunicipalities

What is an ecomunicipality? It is a local government – a municipal or county government – that has officially adopted a particular set of sustainability principles and has committed to a systematic, participatory approach for implementing them. The first ecomunicipalities developed in Sweden, beginning in the 1980s. The work of the early ecomunicipalities became the model for Agenda 21, the Guide for Local Sustainable Development that emerged from the 1992 Rio Summit – the U.N. World Conference on Sustainable Development. As of 2010, there were 79 ecomunicipalities in Sweden, constituting almost 30 percent of all municipalities in that country.

The American Planning Association’s four sustainability objectives.

Use planning approaches that… 

  1. Reduce dependence upon fossil fuels, underground metals, and minerals. 
  2. Reduce dependence upon synthetic chemicals and other unnatural substances. 
  3. Reduce encroachment upon nature. 
  4. Meet human needs fairly & efficiently.

(from: Institute for Eco-Municipality Education & Assistance)