Archivi tag: Progetto Manifattura

#EPD

foto(1)Come Environmental Product Declaration, ovvero dichiarazioni ambientali di prodotto. Si conclude con un vivace confronto sulla sostenibilità dei materiali e prodotti da costruzione il ciclo di eventi di Macro Design Studio su sostenibilità e valorizzazione del patrimonio edilizio. La tematica è centrale: gli edifici sono responsabili nella loro operatività per il 40% circa di consumo di energia primaria così come di emissioni di CO2. Ma gli edifici non sono altro che un assemblaggio di materiali e prodotti edili e questi a loro volta nascono da processi industriali spesso energivori e inquinanti. Insomma, oltre ad una realizzazione e gestione più efficienti delle strutture nelle quali viviamo, dobbiamo concentrare la nostra attenzione su questi processi produttivi, se vogliamo davvero invertire la tendenza e ridurre l’impatto ambientale delle nostre attività.

fotoDa materia prettamente accademica, le analisi del ciclo di vita (Life Cycle Analysis, LCA) dei prodotti stanno diventando sempre più un’occasione per ripensare i processi produttivi delle costruzioni. Obiettivo del seminario del 18.06 presso Manifattura a Rovereto è stato quello di descrivere l’applicabilità di queste analisi e l’importanza delle etichette ambientali nel nostro settore, anche nell’integrazione con i protocolli ambientali.

2014_06_19 immagine 02

Maria Cristina Grillo, Università degli Studi di Trento

Come di consueto, il format dei convegni MDS ha affrontato il contesto attuale e evidenziato le pratiche innovative attraverso i punti di vista di università, enti di certificazione e aziende manifatturiere del settore. Il programma del pomeriggio ha visto quindi succedersi davanti ad un pubblico eterogeneo (professionisti, universitari, associazioni e imprese di costruzione): Antonio Frattari e Maria Cristina Grillo, Università degli Studi di Trento (LCA come metodo scientifico di valutazione della sostenibilità), Michele Paleari, Dipartimento ABC., Politecnico di Milano (L’importanza della valutazione LCA), Marco Mari, Senior business developer, Bureau Veritas (Certificazione di terza parte: EPD – Environmental Product Declaration) e infine l’esperienza di tre aziende internazionali ‘apripista’ che hanno già affrontato il percorso di certificazione dei loro prodotti (Trasparenza delle prestazioni ambientali di prodotto a confronto): Luca Battaglia di Rockwool Italia, Emanuele Rotta di Fermacell e infine Alessandro Miliani di Ytong.

2014_06_19 immagine 03

Michele Paleari, Politecnico di Milano

2014_06_19 immagine 04

Marco Mari, Bureau Veritas

2014_06_19 immagine 05

Luca Battaglia, Rockwool Italia (a sin.)

2014_06_19 immagine 09

Emanuele Rotta, Fermacell

2014_06_19 immagine 06

Alessandro Miliani, Ytong

Nell’esposizione degli specialisti, l’LCA è apparsa una materia complessa, nella quale la sostenibilità viene valutata ‘con il bilancino’ e seguendo criteri scientifici rigorosi. Ma appunto, come in altri ambiti (esempio: progettazione e collaudo delle opere) il settore delle costruzioni richiede professionalità complesse in grado di fornire soluzioni e approcci innovativi. E’ opportuno e anche commercialmente logico che questi processi passino attraverso una validazione di terza parte di enti indipendenti. In questo modo le dichiarazioni dei produttori (EPD) sono oggettive, trasparenti e seguono delle procedure condivise a livello internazionale (ISO 14040). Tutto ciò a beneficio del cliente ed evitando derive di ‘green washing‘.

Particolarmente concrete e interessanti sono state le ‘storie’ dei percorsi verso l’EPD delle aziende intervenute. E’ emerso quanto è importante che questi processi di cambiamento non vengano vissuti solo come opportunità di mercato, ma siano parte integrante di una strategia di sviluppo sostenibile dell’azienda. In questo senso i produttori nordeuropei (Germania, Scandinavia) sono al momento più evoluti, mentre le aziende italiane del settore arrancano (le EPD sono invece per noi più diffuse ad esempio nel settore alimentare). E’ probabile che per l’adozione a regime di questi sistemi di valutazione ambientale (e la scelta da parte di clienti e progettisti) ci voglia del tempo, specie se in assenza di incentivi o imposizioni normative pubbliche (le EPD sono volontarie). Ma è chiaro che la strada è segnata e passa necessariamente attraverso la misurazione e l’attenuazione delle caratteristiche ambientali negative dei prodotti. E’ ancora una volta una prospettiva innovativa di sviluppo che speriamo il nostro sistema imprenditoriale sappia cogliere tempestivamente.

Si conclude così il ciclo SOSTENIBILITA’ E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO. con risultati più che soddisfacenti: 5 seminari tematici per 20 ore complessive di formazione e confronto, 3 mesi di lavoro, circa 30 relatori, un centinaio di partecipanti diversi e un gradimento medio del pubblico stabilmente sopra l’80%. Ma soprattutto, la creazione e il consolidamento di un network di appassionati della sostenibilità delle costruzioni, con il lancio di almeno 5 grandi tematiche di discussione che confidiamo vivano un ulteriore approfondimento nel prossimo futuro. Magari con ulteriori proposte di sensibilizzazione e formazione. Grazie da Macro Design Studio, a presto 🙂

2014_06_19 immagine 01

 

#legno

MDS EVENTI logoTutto sulle costruzioni in legno il 4° incontro del ciclo di convegni di Macro Design Studio su sostenibilità e valorizzazione del patrimonio edilizio del 28.05.2014. Lo sviluppo recente delle costruzioni in legno sta facendo evolvere questo settore a partire da una nicchia verso una realtà di mercato sempre più consolidata. Obiettivo del seminario è stato quello di fare il punto sullo sviluppo attuale delle costruzioni in legno e dimostrare i vantaggi qualitativi, di benessere ed economici che la certificazione ARCA può apportare.

2014_06_11 immagine 01

Antonio Frattari, Università degli Studi di Trento

Davanti ad una sala piena (molti ormai gli ‘aficionados’ del format replicato da Macro Design Studio) si sono alternati: Antonio Frattari, Professore Ordinario di Architettura Tecnica, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica, Università degli Studi di Trento, (Costruire in legno: innovazione e sostenibilità); Nicola Carlin, Responsabile area edilizia in legno di  Habitech (La casa in legno ARCA); Ilario Zanetti, ingegnere di Sintec.home (Case in legno: focus sui sistemi costruttivi); Michele Trentini, titolare di Trehus, (Case in legno: focus sulla filiera) e infine Carlotta Cocco, progettista di Evotre (ARCA e il ruolo del progettista). Come si vede, un ‘panel’ eterogeneo e complementare fatto di università, aziende, progettisti ed enti di certificazione, per fornire una prospettiva a 360° sul contesto.

2014_06_11 immagine 02

Nicola Carlin, Habitech

Come di consueto, tra un intervento e l’altro, e nello spazio di sintesi finale c’è stata l’opportunità di aprire insieme ai relatori molti fronti di discussione. La nuova era delle costruzioni in legno ci pone davanti ad un ‘bivio’. Da una parte la grande opportunità di promuovere un costruito sostenibile ed efficiente, in grado di offrire ai clienti tempi e costi più certi ed un comfort finale derivato da materiali naturali e più gradevoli. Dall’altra c’è il rischio, in questo momento di grande sviluppo dei sistemi e delle tecnologie in legno – una realtà appunto non più ‘di nicchia’ – di perdere di vista la qualità affidandosi a soggetti (aziende, progettisti, consulenti) non in grado di garantire un risultato finale di buon livello e soprattutto duraturo.

2014_06_11 immagine 03

Ilario Zanetti, Sintec.home

2014_06_11 immagine 04

Michele Trentini, Trehus

Questo duplice scenario bianco/nero è emerso chiaramente dagli interventi delle due aziende presenti; Ilario Zanetti ha esposto una rassegna davvero esaustiva di sistemi e metodi diversi, mentre Michele Trentini ha messo in guardia il pubblico di fronte ad esempi reali di cantieri e particolari costruttivi (il diavolo è nei dettagli – si dice – qui più che mai) dove l’approssimazione ha rischiato di compromettere pesantemente il risultato. Insomma, anche il mondo delle costruzioni in legno, come quelle in muratura, ha alle spalle decenni di esperienza che devono gioco forza emergere nella competenza di aziende e designer. Anche la sostanziale differenza di prezzo tra edifici residenziali apparentemente simili è stato oggetto di confronto nel pomeriggio, così come altri aspetti: l’affidabilità finale delle opere e le forme di garanzia (in questo senso ARCA è un sistema di misurazione e attestazione di alte prestazioni finali), lo sviluppo del mercato delle case in legno, l’approccio che i costruttori in legno hanno con i clienti, la gestione e il consolidamento di filiere stabili e geograficamente concentrate di ‘operatori del legno’ (probabilmente una delle novità più interessanti di questo ‘new deal’ delle risorse forestali’).

2014_06_11 immagine 05

Carlotta Cocco, Evotre

2014_06_11 immagine 06Con il prossimo 5° e ultimo convegno questo ciclo di formazione MDS si avvia alla conclusione, con una tematica ormai attualissima, l’analisi del ciclo di vita e soprattutto le etichette ambientali dei prodotti per le costruzioni. Un argomento ormai ineludibile, che diventerà centrale nelle scelte di progettisti e clienti nei prossimi anni. Negli US alcuni prodotti del settore edilizia riportano già sulla confezione l’etichetta degli ingredienti (ovviamente non dannosi); in questo modo la sostenibilità delle opzioni di acquisto dei clienti può davvero diventare centrale. Se pensiamo che i nostri edifici, le nostre case, gli uffici dove lavoriamo, le scuole dove accompagniamo la mattina i nostri bambini, sono semplicemente fatti di prodotti per le costruzioni, si prefigura davvero un cambiamento di paradigma. E il nostro sistema delle costruzioni (architetti, produttori, imprese, enti pubblici) è pronto per questo? Lo scopriremo il prossimo 18.06.2014 con due università, un ente di certificazione e ben tre casi concreti di prodotti (con EPD) che potremmo trovare nei nostri cantieri . Non mancate 🙂

#standard

2014_04_23 immagine 01Tutto quello che avreste voluto sapere sulle certificazioni di sostenibilità degli edifici, ma che non avete mai osato chiedere. Forse è un po’ lungo ma potrebbe essere questo il sottotitolo del secondo dei convegni sulle costruzioni sostenibili organizzati da Macro Design Studio presso Progetto Manifattura. L’hashtag #standard (perché di standardizzazione, normazione e certificazione si è parlato) ha marcato l’incontro dove sono passati in rassegna i marchi LEED, GBC, CasaClima e BREEAM. La certificazione degli edifici (nuovi o risanati) come opportunità di sviluppo e allo stesso tempo metodologia necessaria per misurare la sostenibilità, qualificare le prestazioni degli edifici e aumentarne il valore commerciale.

2014_04_23 immagine 04Molti i temi affrontati durante l’incontro moderato da Carlo Battisti e Paola Moschini: il rapporto tra le normative europee sull’efficienza energetica (cogenti) e i vari protocolli (volontari), le caratteristiche distintive dei vari rating systems, le prime esperienze di certificazione del luogo ‘produttivo’ come strumento di marketing (aziende, hotel), la potenzialità di mercato delle varie certificazioni (dagli spazi commerciali alla riqualificazione di edifici storici), il principio di miglioramento continuo (la nuova versione LEEDv4). La presentazione iniziale di Vincenzo Corrado, professore del Politecnico di Torino ed esperto nazionale di normazione dell’efficienza energetica (Direttive europee: una panoramica sugli scenari futuri) ha introdotto idealmente i successivi interventi di Martina Demattio dell’Agenzia CasaClima di Bolzano (La certificazione CasaClima Work & Life e il caso Salewa), Alberto Ballardini di Habitech (Il protocollo di sostenibilità BREEAM – una ‘prima’ regionale), Paola Boarin del Green Building Council Italia (Protocollo GBC Historic Building) e Paola Moschini, titolare di Macro Design Studio (LEED 2009 vs LEED v4: differenze e novità – anche in questo caso una prima uscita regionale assoluta).

2014_04_23 immagine 02

Martina Demattio (Agenzia CasaClima)

2014_04_23 immagine 03

Paola Boarin (GBC Italia)

M. Demattio, Vincenzo Corrado, Alberto Ballardini, P. Boarin

L’invito per il terzo appuntamento del ciclo in Manifattura è per mercoledì 14 maggio 2014, argomento principale: l’involucro trasparente. Un pomeriggio tutto dedicato al mondo delle facciate – di fatto la vera interfaccia energetica ed architettonica degli edifici – in collaborazione con il Gruppo di Lavoro Facciate del TIS innovation park di Bolzano. Si parlerà di architettura, prestazioni dell’involucro e innovazione nelle facciate, con alcuni recenti casi studio di sicuro interesse. Non mancate. Per ulteriori informazioni: link

Date dei prossimi incontri del ciclo Sostenibilità e valorizzazione del patrimonio edilizio

  • INVOLUCRO TRASPARENTE    14 maggio 2014
  • COSTRUZ. IN LEGNO E CERTIFICAZIONE ARCA   28 maggio 2014
  • LCA E EPD NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI   18 giugno 2014

#retrofit

2014_03_28 immagine 03Parte bene il ciclo di 5 convegni sulle costruzioni sostenibili organizzato da Macro Design Studio, con la sala piena per il primo evento di mercoledì 26 marzo presso Progetto Manifattura dedicato al risanamento. Il filo logico del #retrofit (era questo l’hashtag scelto su Twitter) ha collegato gli interventi di Giuliano Venturelli della Facoltà di Ingegneria di Brescia (Risanare partendo dall’involucro), Enrico Moschini di Rockwool Italia (Soluzioni tecnologiche a cappotto), Matteo Santucci di Dot.matic (Edifici ad energia quasi zero) e Alberto Basso di Indea (Sistemi di riscaldamento con moduli solari ibridi). Ha concluso Sara Verones del Comune di Bolzano che, con il caso studio del progetto EPOurban, ha dato una visione multidisciplinare e su scala urbana della strategia per il retrofitting degli edifici.

2014_03_28 immagine 02

Molti spunti di discussione sono emersi nell’incontro moderato da Paola Moschini e Carlo Battisti, ed è questo forse il risultato più importante che organizzatori, relatori e partecipanti hanno condiviso. Un’occasione preziosa in sostanza per avere dagli specialisti il quadro sullo stato dell’arte e un’opportunità per interrogarsi su diversi temi, non solo tecnologici, di sviluppo del settore. E’ apparso chiaramente che è necessaria da parte di tutti gli attori in gioco una visione improntata all’innovazione sostenibile, multidisciplinare e integrata. Il seminario di mercoledì è stato anche una testimonianza concreta di collaborazione tra tecnici e professionisti del Trentino e dell’Alto Adige, per unire le forze e scambiare buone pratiche, amplificando le opportunità di ripresa.

Al termine gli organizzatori hanno rilanciato l’invito per altre due iniziative di sicuro interesse: il secondo degli incontri in Manifattura di mercoledì 16 aprile 2014, dedicato alle più importanti certificazioni di sostenibilità degli edifici presenti sul mercato, e l’evento al TIS innovation park di Bolzano del giorno dopo, giovedì 17 aprile, con il confronto tra i team universitari coinvolti nel Solar Decathlon, la più importante competizione internazionale per case passive.

Date dei prossimi incontri del ciclo Sostenibilità e valorizzazione del patrimonio edilizio

Vi aspettiamo 🙂

Sostenibilità in edilizia. 5 incontri in Manifattura.

Sostenibilità, riqualificazione e valorizzazione degli edifici sono oggi l’asse portante per una strategia di rilancio del settore edile e dell’architettura italiana. Da marzo fino a giugno, per cinque mercoledì presso Progetto Manifattura di Rovereto si terrà il ciclo di convegni ‘Sostenibilità e valorizzazione del patrimonio edilizio’.

Il ciclo di incontri è organizzato da Macro Design Studio, società di consulenza all’avanguardia in materia di sostenibilità energetico-ambientale per sviluppatori, progettisti e imprese di costruzioni. La serie di convegni ha lo scopo di offrire ai professionisti spunti di riflessione e momenti di confronto tecnico tra esperti nel settore della riqualificazione green, della conservazione delle risorse e delle energie, dello sviluppo sostenibile e della qualità dell’abitare. Questo è il calendario degli appuntamenti, tutti presso la sala conferenze di Progetto Manifattura, per 5 mercoledì con orario 14:00-18:30 (coffee break e aperitivo finale inclusi):

  1. 26.03.2014 | Risanamento del patrimonio edilizio
  2. 16.04.2014 | Certificare gli edifici
  3. 14.05.2014 | Involucro trasparente
  4. 28.05.2014 | Costruzioni in legno e certificazione ARCA
  5. 18.06.2014 | Valutazione LCA ed EPD del settore delle costruzioni
2014_03_12 immagine 03

ex Manifattura Tabacchi, Rovereto

Spiega Paola Moschini, amministratore di Macro Design Studio, architetto e LEED AP: «Affronteremo il tema del risanamento del patrimonio edilizio, la vera grande sfida oggi per il rilancio economico e il risparmio energetico del settore delle costruzioni – anche con il caso studio del progetto EPOurban del Comune di Bolzano. Si parlerà poi di certificazioni per la sostenibilità in edilizia, facendo chiarezza sullo stato dell’arte dei protocolli più diffusi. Nel terzo incontro – con la collaborazione del Gruppo di Lavoro Facciate del TIS innovation park di Bolzano – si analizzerà l’involucro la cui rilevanza è centrale oggi nel tema architettonico, sia come durabilità e estetica ma soprattutto come scambio energetico tra interno ed esterno. Negli ultimi due incontri invece si affronterà il tema delle costruzioni in legno e della certificazione ad essi dedicata, ARCA (ARchitettura, Comfort, Ambiente), analizzando i vantaggi qualitativi ed economici di questo nuovo strumento. Il ciclo si chiude infine con l’incontro di giugno con una discussione sulla valutazione LCA (Life Cycle Assessment, l’analisi del ciclo di vita del prodotto), e l’EPD (Environmental Product Declaration, dichiarazione ambientale di prodotto), con l’obiettivo di descrivere l’applicabilità di queste analisi e l’importanza delle etichette ambientali nel settore costruzioni. Al termine di ogni incontro verrà rilasciato l’attestato di partecipazione. E’ stato richiesto al Consiglio Nazionale degli Architetti,  Pianificatori Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) per ogni evento il riconoscimento di 4 crediti formativi, nell’ambito della formazione continua permanente, così come stabilito dal Regolamento per l’aggiornamento obbligatorio dei professionisti vigente dal 1 gennaio 2014.

2014_03_12 immagine 01

Info: scrivete a eventi@macrodesignstudio.it

Iscrizioni: cliccate qui

Qui sotto trovate il programma generale del ciclo di incontri ed i programmi dettagliati dei singoli appuntamenti. Vi aspettiamo 🙂

2014_03_12 immagine 04