La casa positiva.

La casa positiva.

Casa SN è il primo edificio certificato Zero Energy in Europa.

[English text follows]

Può un edificio produrre più energia di quella che consuma, esclusivamente da fonti rinnovabili? Certamente! Lo dimostra Casa SN (dal nome dei proprietari Sara e Nicola Berlanda) che è da poco diventato il primo edificio in Europa – e in Italia – a essere certificato con il protocollo Zero Energy dell’International Living Future Institute (ILFI).

Casa SN è una villa per abitazione monofamiliare situata ad Arco, a poca distanza dal Lago di Garda, in Trentino-Alto Adige, regione generalmente considerata all’avanguardia in Italia per il progresso verso un futuro sostenibile e libero da combustibili fossili.

Suddiviso in un piano terra e un piano interrato per una superficie complessiva di circa 350 mq su un’area di progetto di circa 2.500 mq, l’edificio produce autonomamente circa il 22% in più del proprio fabbisogno energetico annuo, da fonti rinnovabili (geotermia e fotovoltaico).

A differenza di altri standard di sostenibilità, la certificazione di ILFI non si basa su un modello teorico di funzionamento, ma su prestazioni reali, monitorate in continuo per almeno 12 mesi consecutivi dall’inizio dell’occupazione. Lo standard Zero Energy di ILFI richiede appunto che il cento per cento del fabbisogno energetico su base annua venga coperto da energia rinnovabile prodotta sul posto. Non è consentita la combustione da fonti fossili.

In linea con quanto richiesto dai protocolli ILFI, la progettazione di Casa SN si è concentrata quindi in primis sulla riduzione del fabbisogno energetico grazie a diverse strategie: studio dell’orientamento e della forma dell’edificio, coibentazione a cappotto, serramenti con vetrocamera a triplo vetro completi di sistemi di oscuramento, sistema di monitoraggio in tempo reale dei consumi e della produzione energetica.

Il fabbisogno di riscaldamento residuo degli ambienti (sistema radiante a pavimento) e dell’acqua calda sono coperti da una pompa di calore acqua/acqua che scambia con un pozzo sotterraneo (eredità della pre-esistente floricoltura) in combinazione con un serbatoio di accumulo da 500 litri. In aggiunta, un sistema di ventilazione naturale con recupero di calore garantisce il necessario ricambio di aria.

Un ampio ricorso all’illuminazione naturale e lampade a LED consentono un basso consumo di energia elettrica, alimentato da un sistema fotovoltaico sul tetto costituito da 36 pannelli di silicio monocristallino per una potenza nominale di 11 kW che consente anche il funzionamento della pompa di calore.

Il risultato è un edificio ad altissime prestazioni, con un indice EUI (Energy Use Intensity) cioè il rapporto tra prestazioni energetiche e superficie complessiva, pari a 10, ovvero lo stesso numero del Bullitt Center, sede di ILFI a Seattle (USA)  considerato l’edificio commerciale più green al mondo.

“Abbiamo voluto questa abitazione la più sostenibile possibile per come è costruita e per come si mantiene,” racconta Nicola Berlanda, il proprietario. “Ora è lei che ci stimola ad utilizzarla secondo le disponibilità: c’è il sole? Accendiamo lavatrici e lavastoviglie negli orari più produttivi! Nuvoloso? Rinviamo a domani! Sono piccole attenzioni che però possono contribuire a cambiare … il mondo.”

LFEQuesto è un ottimo risultato anche per Living Future Europe (LFE), l’associazione insediata al NOI Techpark affiliata a ILFI che promuove la diffusione della filosofia Living Building Challenge in Europa, fornendo supporto tecnico e formativo per progetti, prodotti e aziende. “Questo progetto”, afferma Carlo Battisti, presidente di LFE, “è la dimostrazione che è possibile realizzare edifici a impatto energetico positivo, contribuendo in maniera efficace all’obiettivo ambizioso di decarbonizzazione fissato dall’Unione Europea. Il fatto che questo esempio nasca dalla visione e tenacia di una famiglia ci porta a ribadire che le tecnologie adatte ci sono ed ognuno può realizzare il proprio Living Building e aggiungere il proprio tassello alla costruzione di un Living Future”.

The positive house. Casa SN (Arco, Italy) is the first Zero Energy certified building in Europe.

Can a building produce more energy than it consumes, exclusively from renewable sources? Certainly! This is demonstrated by the experience of Casa SN (named after its owners Sara and Nicola Berlanda) which has recently become the first building in Europe – and Italy – to be certified under the Zero Energy standard of the International Living Future Institute (ILFI).

Casa SN is a single-family house located in Arco, not far from Lake Garda, in Trentino-South Tyrol. This region is generally considered to be at the forefront in Italy for progress towards a sustainable future free from fossil fuels.
[follows on ILFI’s Trim Tab magazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.