Archivi categoria: Education

Come ti facilito il facility (management).

District and Facility Management, il corso di IDM.

Il Facility Manager in Italia non è ancora molto diffuso, ma l’Alto Adige è all’avanguardia: è infatti la prima provincia in cui pubblico e privato, coordinati da IDM Alto Adige – Südtirol, hanno collaborato per pubblicare delle Linee Guida e organizzare un corso che inizierà a maggio.
“Vogliamo ridurre i costi generati dai 598 edifici che amministriamo come Provincia imparando a gestirli in modo più strategico e sistematico”, afferma il presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, che continua: “È per questo che stiamo puntando sul Facility Management, che ci permetterebbe risparmiare fino al 30%; le iniziative di IDM sono un supporto per farci raggiungere questo obiettivo”.

Il Facility Management, infatti, permette di sistematizzare la gestione di terreni, impianti, infrastrutture e aspetti commerciali di un immobile e di valutarne l’efficienza. Per pianificare come introdurre a livello provinciale questa metodologia, l’Ecosystem Constructions di IDM ha riunito nel Gruppo di Lavoro “District & Facility Management” enti di ricerca come Eurac Research e Fraunhofer Italia, diverse imprese, l’Agenzia Casa Clima, l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige e l’Ufficio manutenzione opere edili della Provincia [ANSA].

Eurac Research e l’Ecosystem Constructions di IDM propongono un percorso formativo che mira ad accrescere il know-how di aziende e liberi professionisti operanti nel settore del facility management. Il corso intende trasferire a liberi professionisti e personale tecnico di aziende concetti e metodi innovativi relativamente al settore del facility management. Il percorso didattico presenta una struttura completa per quanto riguarda gli argomenti trattati, in modo da fornire concetti, strumenti e metodi innovativi, nonché il necessario approfondimento sulle norme tecniche del settore.

L’obiettivo è stimolare l’aumento di competenze in un settore, quello delle costruzioni, sempre più soggetto a regolamentazioni di natura gestionale degli edifici. Oltre accrescere il know-how specifico di aziende e liberi professionisti operanti nel settore e si cerca di costruire una rete di operatori tecnici e soggetti specializzati che possano porsi sul mercato con qualità e competenza, rispondendo in maniera efficace alle richieste di mercato. Lo scopo è quindi quello di formare una figura professionale specializzata che sia in grado di padroneggiare le conoscenze tecniche e gestionali per sfruttare al massimo le potenzialità del patrimonio edilizio, partendo dalla progettazione e finendo con la corretta esecuzione e gestione.

Foto: Gensler

DATE DEL CORSO
17.05-18.05.2018
07.06-08.06.2018
04.10-05.10.2018
25.10-26.10.2018

STRUTTURA

  • Unità 01 Introduzione al Facility Managment – Strumenti Gestionali
  • Unità 02 Diagnosi e diagnostica – Gestione quotidiana dell‘immobile
  • Unità 03 Normativa e certificazione
  • Unità 04 Finalizzazione project work e presentazione finale

DOCENTI

  • Daniele Antonucci (EURAC research)
  • Carlo Battisti (IDM Südtirol – Alto Adige)
  • Marco Castagna (EURAC research)
  • Maurizio Costantini (Università degli Studi di Trento)
  • Mario Dejaco (Politecnico di Milano)
  • Stefano Nardon (Agenzia CasaClima)
  • Roberta Pernetti (EURAC research)
  • Marco Piovano (Fraunhofer Italia)
  • Alexander Schweigkofler (Facility Tirol)
  • Emilio Tonetta (FM Pool)
  • Giuliano Venturelli (Sistemi e Progetti)
  • Massimiliano Zurli (TOL)

DESTINATARI
Liberi professionisti, progettisti, tecnici del settore delle costruzioni, gestori e committenti di immobili pubblici e privati, imprese di manutenzione e fornitori di servizi per la gestione degli edifici pubblici e privati.

REQUISITI DI AMMISSIONE
Diploma o laurea ad indirizzo tecnico, o equivalente esperienza nella gestione di edifici o fornitura di servizi per la gestione di immobili pubblici e privati.

DURATA
4 unità per complessive 7,5 giornate (60 ore)

LUOGO DI SVOLGIMENTO
Bolzano – NOI Techpark

QUOTA DI ISCRIZIONE 950 €

LINGUA DEL CORSO Italiano

CREDITI FORMATIVI
Verranno richiesti i crediti formativi agli Ordini di competenza

INFORMAZIONI, ISCRIZIONE E TUTORING
Marco Cecchellero education@eurac.edu
Tel. +39 0471 055 444

Brochure

FACE goes international!

FACE | Façades Architecture Construction Engineering (3rd edition).
April – November 2018 | Applications are now open!

The FACEcamp project offers to a selected number of professionals a free of charge training program aimed at increasing the know-how of companies and freelance professionals operating in the field of complex technological building façades. The course aims to transfer to freelance professionals and technical staff of façade construction companies, concepts and innovative methods in the sector of complex technological façades.

The educational program has a complete structure regarding the covered topics, to provide innovative concepts, tools and methods, while stimulating the growth of local skills in the construction sector, increasingly subject to environmental and energy regulations.

The course is divided into 6 units, for a total of 15 days (120 hours).

Applications deadline: 4 March 2018

Language: English
Coordination: Carlo Battisti, IDM Südtirol – Alto Adige carlo.battisti@idm-suedtirol.com
Organisation: Marco Cecchellero, EURAC research education@eurac.edu

Further information and application instructions here.

FACEcamp è finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Interreg V-A Italia – Austria 2014-2020.
FACEcamp ist durch den Europäischen Fonds für regionale Entwicklung und Interreg V-A Italien-Österreich 2014-2020 gefördert.
(cover photo: © IDM /A.Filz)

Restorative Budapest.

ABOUT RESTORE

RESTORE advocates for a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings across Europe.
The built environment sector no longer has the luxury of being incrementally less bad, but, with urgency, needs to adopt net-positive, restorative sustainability thinking to incrementally do ‘more good’.
Within the built environment sustainability agenda a shift is occurring, from a narrow focus on building energy performance, mitigation strategies, and minimisation of environmental impacts to a broader framework that enriches places, people, ecology, culture, and climate at the core of the design task, with a particular emphasis on the salutogenic benefits towards health.
Sustainability in buildings, as understood today, is an inadequate measure for current and future architectural design, for it aims no higher than trying to make buildings “less bad”. Building on current European Standards restorative sustainability approaches can and will raise aspirations and deliver restorative outcomes.
RESTORE CA16114 is an EU COST Action network with 130+ participants across 38 countries, representing a wide spectrum of academic, client, design and construction individuals and organisations.

Night view of The Széchenyi Chain Bridge from Buda Castle

RESTORE CONFERENCE, BUDAPEST

The conference in Budapest will cover exciting new insights in restorative sustainability for new and existing buildings across Europe. The event will focus on Restorative Sustainability and Restorative Design.
Restorative Sustainability is an Evolving Agenda of Restorative Design, which introduces the evolving spectrum of paradigms, design challenges, opportunities, and perspectives for sustainable architecture and urban design. It discusses the knowledge, skills, and competence that should inform and orient the practice shift required by an approach to architecture informed by restorative sustainability.
Restorative Design focuses on processes, methods and tools for Restorative Design. Primarily based on case studies derived from workshops, it constitutes the core of the action and intends to provide “hands-on” guidance to the practice of restorative design.

The building of the Hungarian Parliament

CONFERENCE PROGRAMME

  • 09.00-09.15 Welcome
    Dr. András Reith, ABUD, RESTORE WG5 Vice leader
  • 09.15-09.30 Status of sustainable building in Hungary
    Gábor Radványi, Vice President of HuGBC, Chief Architect of Futureal
  • 09.30-09.45 ONE YEAR OF RESTORE
    Carlo Battisti, Eurac Research, RESTORE Chair
  • 09.45-10.15 Sustainability: from Restorative to Regenerative
    Martin Brown, Fairsnape, RESTORE Vice-Chair & WG1 Leader
  • 10.15-10.45 Processes and Tools for Restorative Design
    Emanuele Naboni, KADK Faculty of Architecture, RESTORE WG2 Leader
  • 10.45-11.05 COFFEE BREAK
  • 11.05-11.50 STSM: FROM EXPERIENCE TO DISSEMINATION
    Chair: Michael Burnard, University of Primorska, RESTORE STSM Manager
    Krzysztof Herman (PL) – STSM Title:
    Traces of upcycling and low-budget design in the public space of Faro
    Madalina Sbarcea (RO) – STSM Title:
    A Biophilic Mindset for Restorative Buildings
    Thomas Panagopoulos (PT)
    Experience of STSM Host Organization, University of Algarve, Faro
    Lisanne Havinga (NL) – STSM Title:
    Life Cycle Assessment as a Tool to Guide the Regenerative Design Process
    Giulia Sonetti (IT) – STSM Title:
    Outdoor Space Comfort Perception in University Campuses
  • 11.50-12.05 RESTORE: HOW TO GET INVOLVED?
    Bartosz Zajączkowski, Wroclaw University of Science and Technology, RESTORE Science Communication Officer
  • 12.05-12.15 Questions and Answers
    Dr. András Reith, ABUD, RESTORE WG5 Vice leader
  • 12.15-12.30 Final Remarks & Closing
    Dr. András Reith, ABUD, RESTORE WG5 Vice leader
  • 12.30-13.00 TOUR IN THE KINNARPS HOUSE
  • 13.00-14.00 LUNCH AND NETWORKING OPPORTUNITY

Date: February 13th, 2018
Time: 9:00 am – 12:30 pm
Venue: Váci út 92. Kinnarps House, Jarl Conference Hall
Budapest , Hungary
Website: http://www.eurestore.eu/restore-public-conference/
Registration: here
Program and further details

Living Communities a Matera.

Living Buildings & Living Communities: la sfida della rigenerazione.

Quando: martedì 6 febbraio 2018, ore 15:30-19:00
Dove: Casa Cava
Indirizzo: Via S. Pietro Barisano, Matera
L’evento è gratuito, previa registrazione qui. Posti limitati.

Living Building Challenge

Il Living Building Challenge (LBC) è il più rigoroso standard prestazionale dell’ambiente costruito. Prevede la progettazione e realizzazione di edifici funzionanti in modo pulito, bello ed efficiente così come lo richiede un’architettura ispirata alla natura. Questi sono i “Petali” LBC (le categorie prestazionali di sostenibilità Living Building Challenge): PLACE (Luogo), WATER (Acqua), ENERGY (Energia), HEALTH & HAPPINESS (Salute e felicità), MATERIALS (Materiali), EQUITY (Equità), BEAUTY (Bellezza).

Maggiori informazioni: http://living-future.org/lbc

Obiettivi

I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base del Living Building Challenge – una filosofia, uno strumento di patrocinio ambientale e un programma di certificazione che affrontano lo sviluppo sostenibile a tutti i livelli. Per essere certificati secondo LBC, i progetti devono soddisfare una serie di requisiti prestazionali ambiziosi misurati per un minimo di 12 mesi di occupazione continua.

Come possiamo estendere questi concetti a livello di comunità? Con la guida di Alicia Daniels Uhlig dell’International Living Future Institute di Seattle (WA, USA) scopriremo il Living Community Challenge, uno strumento di pianificazione urbana, progettazione e costruzione per creare una relazione simbiotica tra le persone e tutti gli aspetti dell’ambiente costruito.

Con la partecipazione di:

Living Building Challenge Collaborative: Italy, un gruppo di professionisti volontari impegnati per la sostenibilità, la formazione e l’attuazione del Living Building Challenge, lo standard di sostenibilità dell’ambiente costruito più avanzato al mondo.
Naturalia-BAU, l’azienda altoatesina che da 25 anni propone prodotti e sistemi naturali di alta qualità per una casa sana e rappresenta in Italia un importante punto di riferimento del settore bio-edile.
DICATECh, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico di Bari.

Programma

Alicia Daniels Uhlig è un architetto e appassionato sostenitore della bioedilizia, con 20 anni di esperienza nella progettazione sostenibile. Alicia è direttore per l’International Living Future Institute del protocollo Living Community Challenge e responsabile per le policies, è impegnata ad accelerare la creazione di comunità vivaci, sane e sostenibili. Prima di unirsi a ILFI, ha praticato la libera professione di architetto a Seattle (Washington, USA) con GGLO, in California con Van der Ryn Architects e nelle Isole Vergini americane. Il focus di Alicia sulla sostenibilità l’ha portata anche a lavorare su progetti di architettura locale in Italia (segue).

Informazioni e registrazione

Dove: Casa Cava, via San Pietro Barisano 47, Matera
Parcheggi: consigliato Via Roma/Piazza Matteotti.  Tuteliamo l’ambiente, prediligiamo mezzi pubblici o mezzi in condivisione.
Informazioni:  +39 340 8003909
Registrazione: Partecipazione gratuita, posti limitati. Iscrizione tramite Eventbrite qui.
Scadenza per la registrazione: lunedì 05.02.2018.
Crediti formativi professionali: verranno riconosciuti 3 CFP per gli ingegneri, in accordo con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Matera.

Vi aspettiamo 🙂

Casa Cava, Matera

Under Construction. Atto finale.

Under Construction 2017-2018. Evento conclusivo.

Quando: venerdì 19 gennaio 2018, ore 13:30-17:00
Dove: NOI Techpark, aula SEM3
Indirizzo: Via A. Volta 13a, Bolzano
L’evento è gratuito, previa registrazione qui. Posti limitati.

Under Construction è un metodo sviluppato da IDM Südtirol Alto Adige e EURAC Research per facilitare il trasferimento tecnologico e l’innovazione, avvicinando ricerca e imprese.

Il tema centrale dell’edizione 2017-2018 è “Comfort e qualità dell’aria e dell’ambiente interno agli hotel”.

La sesta edizione di Under Construction mira a creare una collaborazione virtuosa tra hotel, aziende ed esperti sul tema del comfort all’interno dell’edificio.

Tre team di giovani tecnici, esperti sulle tematiche del comfort, hanno elaborato, assieme a un pool di imprese, proposte di progetti innovativi per incrementare il comfort di tre hotel altoatesini. Le imprese del pool, selezionate da IDM, hanno proposto soluzioni innovative, con un alto grado di efficienza e comfort, da integrare negli studi di fattibilità.

Nel workshop verrà illustrata la metodologia applicata nell’edizione 2017-2018 di Under Construction e verranno presentati i risultati del lavoro svolto dai team partecipanti nei tre hotel partner dell’iniziativa.

Destinatari
Albergatori, aziende, professionisti dell‘architettura e dell‘ingegneria, committenti pubblici e privati, centri di ricerca.

Programma

Per saperne di più (su Vertical Innovation):
Edilizia sostenibile e comfort: una call per aziende innovative (06.06.2017)
La sostenibile leggerezza del comfort (14.06.2017)
Il guru della sostenibilità: “Edilizia green: Alto Adige all’avanguardia nel mondo” (26.10.2017)
L’innovazione abita in hotel: architetti e ingegneri al lavoro per il benessere del turista (05.12.2017)

Under Construction ist eine Methode, die von IDM Südtirol und EURAC
Research gemeinsam entwickelt wurde, um den Technologie- und
Innovationstransfer zu begünstigen und so Forschung und Unternehmen zu
vereinen – Forschungsergebnisse werden direkt in Unternehmen umgesetzt.

Inhaltlicher Schwerpunkt von Under Construction 2017-2018 ist “Komfort
und Luftqualität in Innenräumen von Hotels”.

Die sechste Ausgabe von Under Construction zielt auf eine fruchtbare
Zusammenarbeit von Hotels, Unternehmen und Experten für
Innenraumqualität von Gebäuden ab.

Drei Teams bestehend aus jungen Experten für Komfortfragen haben
gemeinsam mit Unternehmen, die von IDM ausgewählt wurden, innovative
Lösungen mit einem hohen Grad an Effizienz und Komfort für drei Südtiroler
Hotels entwickelt, die in eine Machbarkeitsstudie eingebunden werden.

Im Workshop wird die Methodologie von Under Construction 2017-2018
erläutert und die von den Teams in den drei Partnerhotels ausgearbeiteten
Ergebnisse vorgestellt.

Zielgruppe
Hoteliers, Unternehmen, Architekten und Ingenieure, öffentliche und
private Auftraggeber, Forschungseinrichtungen.

Programm

Wann: Freitag 19. Januar 2018, 13:30-17:00 Uhr
Wo: NOI Techpark, SEM3 Saal
Adresse: A.-Volta-Straße 13A, Bozen
Die Teilnahme ist kostenlos, Anmeldung erforderlich. Begrenzte
Teilnehmerzahl. Anmeldung hier.
Veranstaltung in Italienischer Sprache ohne Simultanübersetzung.

efnMOBILE 2.0 book

Enjoy the new efnMOBILE 2.0 book. It provides the European Facade Network (efn), its conferences and the connected professional community with a local platform for communication, exhibition, innovative development, and interaction.

It also includes an overview of the nine existing international European masters programs, that teach theoretical and practice-oriented skills of digital analysis-, design-, planning- and production methods and detailed overview of the latest technological developments in facades. The majority of them prepares for international projects in international markets. Therefore, teamwork and presentation skills have a fixed place in most curricula.

Our FACE | FAÇADES ARCHITECTURE CONSTRUCTION ENGINEERING training program organized in Bolzano by IDM South Tyrol and EURAC research in partnership with the Façades Working Group is one of these 9 programs. Stay tuned for the incoming new 3rd edition of FACE (2018).

   

facadeworld

///efnMOBIL 2.0 book 

Based on the experiences of efnMOBILE 1.0 the hands-on student workshop activities and exhibitions took place in different environments and locations encouraging new technologies and methodologies. Like efnMOBILE 1.0 the new workshop series efnMOBILE 2.0 provides the European Facade Network (efn), its conferences and the connected professional community with a local platform for communication, exhibition, innovative development, and interaction. efnMOBILE 2.0 is reaching out to be developed from a European communication and technology exchange instrument into an international tool to exchange with the global facade community.
All events of efnMOBILE 2.0 follow an overall theme: ‘Efficient Envelopes’. Focusing towards adaptive and transdisciplinary approaches to improve the building envelope’s thus the building’s performance through human-centered solutions in facade technology. The task is to inspire the upcoming generation of architects, designers, and engineers to allow themselves to follow uncharted paths of development, think outside the box, to build showcase…

View original post 339 altre parole

Quel treno per Lancaster.

La prima scuola di formazione di RESTORE.

È passata già una decina di giorni dal ritorno da Lancaster, e sono ancora un po’ stordito. Mi aiuta a fare chiarezza lo scrivere cinque concetti principali che mi sono portato a casa. In inglese li chiamano “takeaway”, proprio come il “cibo da asporto”, avete presente il cartoccio di “fish and chips”? Anche se non è proprio così. Ti sembra di portarti via delle cose dal luogo dove hai vissuto un’esperienza intensa; ma in realtà molto di quell’esperienza rimane in quel luogo, ti tocca tornarci per riconoscerlo. Credo che tornerò a Lancaster, sì.

1. Il dono della sintesi

Ora è più che mai necessario. Avevo scritto il precedente post sulla “Restorative week”, che ci apprestavamo a vivere, ma mi sbagliavo, per difetto. Lancaster è sì stata anche la settimana “restorative”, l’immersione totale in ciò che RESTORE si appresta a diventare, una nuova concezione dell’ambiente costruito e degli edifici del futuro (come i living building di Living Future). Ma è stato molto di più. La training school di Lancaster segna un punto di non ritorno o meglio il “turning point”, il punto di svolta. Nulla davvero potrà essere come prima, l’arca di RESTORE (con i suoi 120+ partecipanti da 37 nazioni …) è salpata definitivamente.

Una mole di concetti, idee, spunti, prospettive, che raccontano un nuovo quadro di riferimento, un nuovo “framework”. Non ci siamo fatti mancare proprio nulla: restorative e regenerative sustainability, sustainability education, biophilia e biophilic design, sustainable heritage, mindfulness for sustainability, landscaping for regenerative sustainability. Ora ci attende un compito delicato e necessario, riuscire a realizzare una sintesi e a trasferire questo tesoro di conoscenza ai gruppi di lavoro che stanno arrivando e che dovranno tradurlo in linee guida, processi, metodologie, strumenti.

2. Il viaggio conta più della meta

Brockholes Nature Reserve, Preston (UK)

Il programma a ritmo serrato di questa settimana mi ha fatto perdere spesso di vista un concetto. Non è la meta, è il viaggio che conta. Siamo passati da un workshop a una lezione, a una presentazione, a una lecture, il tempo è volato, con il rischio di perdere il valore del sapere acquisito. Ma c’è il momento dell’apprendimento, c’è il momento della discussione, poi arriva il momento in cui devi spegnere tutto e fare sedimentare ciò che hai assorbito. Come in quel cammino circolare di venerdì mattina attraverso le paludi di Brockholes. Non siamo entrati subito nel centro visitatori, abbiamo fatto un giro lungo, apparentemente senza meta, e abbiamo preso il tempo, per ricollegarci con la natura e con noi stessi. È in quei momenti, di sospensione, che ciò che hai imparato diventa davvero patrimonio personale.

3. Le idee non sono nulla senza le persone

Sono convinto che “C’è una cosa più forte di tutti gli eserciti del mondo, e questa è un’idea il cui momento è ormai giunto” (Victor Hugo) e ciò mi porta a dire che per l’idea che è alla base di RESTORE i tempi sono maturi. Se ne avevamo bisogno, la comunità di “like minded people” (una quarantina di persone è già una comunità) che si è riunita a Lancaster – la stragrande maggioranza senza essersi mai vista prima – è la prova che questa idea è già forte, c’è e risiede già nella testa di quei molti professionisti pronti a (cambiare) salvare il mondo.

Ma le idee esistono perché esistono le persone. E presto scompare ogni differenza tra docente e alunno, e tutto diventa un continuo workshop collettivo, di nuovo un viaggio insieme. Grazie Martin per lo sforzo enorme e generoso e grazie a Edeltraud, Dorin, Emanuele e a tutto il “team Lancashire”: Ann Vanner, Alison Watson, Joe Clancy, Jenni Barrett, Paul Clarke, Simon Thorpe, Ann Parker, Barbara Jones e naturalmente Elizabeth Calabrese e Amanda Sturgeon. È stato soprattutto un “dare”, gratuito, nel senso nobile del termine. E grazie ai trenta “agenti del cambiamento” , queste “best minds” da Croazia, Danimarca, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Macedonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovenia, Spagna. Sono loro i “restorer” del futuro prossimo. “Credici. E sei già a metà strada.

4. Prima la filosofia, poi la tecnica.

La prima training school di RESTORE aveva l’obiettivo di trasferire ad un primo gruppo di professionisti un nuovo paradigma della sostenibilità, sviluppato nel primo “pacchetto di lavoro” del progetto. L’approccio è stato quindi volutamente più sistemico che tecnico e tecnologico. “Moving beyond the state of the art: where do we want to be?” recita una delle domande introduttive al corso. Per questo è importante prima capire cosa vogliamo essere, dove vogliamo andare (parlo soprattutto del nuovo futuro dell’ambiente costruito che ci immaginiamo). Poi arriva il momento della tecnica e della tecnologia, dei metodi, delle pratiche. Le soluzioni ci sono, già oggi, dobbiamo renderle funzionali ad una visione.

5. Il genius loci

We shape our buildings; thereafter they shape us.” diceva Winston Churchill. C’è un percorso logico evolutivo che ci ha accompagnato dal primo all’ultimo giorno di questa settimana densa di ispirazione. Abbiamo vissuto, studiato, lavorato, mangiato e dormito in edifici, ci siamo mossi da un edificio all’altro. E questi edifici hanno “formato” il nostro modo di viverli. Ci ripenso, è stato un lungo elenco – lo Storey, (costruito per essere un luogo per l’istruzione scolastica nel 1898, ora è un centro per l’industria creativa); la Toll House Inn (splendida taverna dell’800), il castello di Lancaster (del 1100, è stato una prigione fino al 2011), il ristorante Water Whitch, i numerosi pub, ecc.. Poi, venerdì, come al termine di un’iniziazione, siamo usciti all’aperto (Brockholes e Cuerden Valley Park)  per riconnetterci con la natura. Abbiamo dovuto guadagnarcelo, questo incontro finale con l’ambiente che ci circonda. Sì, così ha un senso.

Cuerden Valley Park, Preston (UK)

RESTORE web site

La 1a RESTORE training school

Lo storytelling della training school a Lancaster

RESTORE su Facebook

RESTORE su Twitter

RESTORE su SlideShare