Archivi tag: paradigm

RESTORE | REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy

logo_costApproved by the COST Committee of Senior Officials on 24 October 2016, REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy (RESTORE) is one out of the 25 new Actions that were selected out of 478 eligible proposals collected earlier in April.

RESTORE: ‘to return something or someone to an earlier good condition or position’.

Sustainable buildings and facilities are critical to a future that is socially just, ecologically restorative, culturally rich and economically viable within the climate change context.

Despite over a decade of strategies and programmes, progress on built environment sustainability fails to address these key issues. Consequently the built environment sector no longer has the luxury of being incrementally less bad, but, with urgency, needs to adopt net-positive, restorative sustainability thinking to incrementally do ‘more good’.

2017_02_01-01-restore

Within the built environment sustainability agenda a shift is occurring, from a narrow focus on building energy performance, mitigation strategies, and minimisation of environmental impacts to a broader framework that enriches places, people, ecology, culture, and climate at the core of the design task, with particular emphasis on the benefits towards health. 

Sustainability in buildings, as understood today, is an inadequate measure for current and future architectural design, for it aims no higher than trying to make buildings ‘less bad’. Building on current European Standards restorative sustainability approaches will raise aspirations and deliver restorative outcomes. 

Walden Pond, Concord (MA, USA)

Walden Pond, Concord (MA, USA)

The RESTORE Action will affect a paradigm shift towards restorative sustainability for new and existing buildings, promoting forward thinking and multidisciplinary knowledge, leading to solutions that celebrate the richness of design creativity while enhancing users’ experience, health and wellbeing inside and outside buildings, in harmony with urban ecosystems, reconnecting users to nature. 

The COST proposal will advocate, mentor and influence for a restorative built environment sustainability through work groups, training schools (including learning design competitions) and Short Term Scientific Missions (STSMs).

General information:

CA COST Action CA16114 REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy
Start of Action: 09.03.2017  End of Action: 08.03.2021
Proposers: Carlo Battisti w/ Martin Brown, Sue Clark, Emanuele Naboni
Science Officer: Estelle Emeriau
Administrative Officer: Aranzazu Sanchez

For further information: carlo.battisti@eurac.edu

COST (European Cooperation in Science and Technology) is the longest-running European framework supporting trans-national cooperation among researchers, engineers and scholars across Europe. It is a unique means for them to jointly develop their own ideas and new initiatives across all fields in science and technology, including social sciences and humanities, through pan-European networking of nationally funded research activities. Based on a European intergovernmental framework for cooperation in science and technology, COST has been contributing – since its creation in 1971 – to closing the gap between science, policy makers and society throughout Europe and beyond. 

La montagna ci salverà …

… se noi la salveremo.

Di ritorno da un’escursione sulle mie amate Maddalene, piena di buone idee e momenti di semplice felicità, sono ancora e più che mai convinto che la montagna continui ad offrirci un paradigma da seguire per salvarci da un modello di sviluppo dissennato.

2016_09_08-06-maddalene

Vedetta Alta (2627 m), Cornicoletto (2418 m) e Monte Luc (2434 m)

Anche l’economia delle malghe viene continuamente influenzata e minacciata dallo sviluppo competitivo. Sussiste il pericolo che i pascoli alpini vengano sfruttati solo più estensivamente o per niente. La conseguenza sarebbe una drastica riduzione della loro superficie a seguito dell’imboschimento e della invasione degli arbusti. La molteplicità degli ecosistemi a lungo termine andrebbe persa.

Le misure per il mantenimento sono: la pulizia dei pascoli e gli incentivi. L’amministrazione forestale provvede in maniera prudente a decespugliare i pascoli invasi. Questo lavoro viene eseguito senza danneggiare il terreno, conservando così il fascino paesaggistico dei pascoli alpini. Mediante una pluralità di aiuti, le infrastrutture delle malghe vengono mantenute: risanamento delle baite, stalle degli alpeggi, approvvigionamento idrico ed elettrico, recinti e strade di accesso.

2016_09_08-05-malga-kessel-sopra

 

Grazie al sostegno mirato della politica in Alto Adige, negli ultimi trent’anni non è stata abbandonata quasi nessuna delle 1.733 malghe. Già da molto tempo vengono “monticati” (monticazione = trasferimento delle mandrie all’alpeggio) circa 95.000 bovini, sgravando così, durante l’estate, i masi di montagna. Mentre le malghe trentine sono prevalentemente di proprietà pubblica, il 91% delle malghe sudtirolesi appartengono a persone fisiche o ad associazioni private.

Nella foto: un esempio di economia semplice che si basa sull’uso responsabile delle risorse e sulla fiducia tra le persone. Non serve altro dopo una faticosa camminata 🙂

2016_09_08-01-bar
Auch die Almwirtschaft wird von der ständigen wirtschaftlichen Konkurrenzentwicklung beeinflusst und bedroht. Es besteht die Gefahr, dass die Almweiden nur mehr extensiv oder überhaupt nicht mehr genutzt werden. Eine drastische Flächenverminderung durch Verwaldung und Verstrauchung wäre die Folge. Die Vielfalt der Lebensräume würde langfristig verloren gehen.

Die Maßnahmen zur Erhaltung sind: die Weideräumungen und die Förderungsmaßnahmen. In einer schonenden Art und Weise werden von der Forstverwaltung verstrauchte Weideflächen freigeräumt. Dies erfolgt ohne dabei den Boden zu verletzen. Der landschaftliche Reiz der Almweiden bleibt somit erhalten. Durch eine Vielzahl an Förderungen werden die Infrastrukturen der Almen erhalten: Erneuerung von Almhütten, Almställen, Wasser- und Stromversorgung, Weidezäune, Erschließungswege, usw.

2016_09_08-02-sistemazione-zona-valanghe

Anbruchverbauung der Mitteregglawine

Aufgrund gezielter Unterstützung seitens der Politik wurde in Südtirol in den letzten 30 Jahren fast keine der 1733 Almen aufgelassen. Seit Jahren werden jährlich rund 95.000 Rinder aufgetrieben. Damit können im Sommer die Bergbauernhöfe entsprechend entlastet werden. Während die italienischen Almen vorwiegend in öffentlichen Besitz sind, gehören 91% der deutschen Almen Privatpersonen oder privaten Körperschaften.

2016_09_08-07-maddalene

Le Maddalene

La catena delle Maddalene chiude la Val di Non a settentrione. Il Gruppo delle Maddalene, può essere definito “la montagna più dolce” della Val di Non; nonostante la vicinanza con il gruppo Ortles Cevedale e quello dell’Adamello-Brenta, infatti questi rilievi superano raramente i 2700 metri e pertanto sono caratterizzati da un ambiente estremamente suggestivo fatto di verdi pascoli e malghe d’alpeggio. In estate sono il teatro ideale per il trekking e il nordic walking, mentre in inverno diventano la patria delle escursioni con le ciaspole e lo scialpinismo.

Anello con salita alla Cima Cornicoletto, Belmonte e Vedetta Alta nel gruppo delle Maddalene

Escursione di un’intera giornata dalle grandi soddisfazioni che si svolge interamente in quota e attraverso le più belle cime e creste della selvaggia catena montuosa delle Maddalene, al confine con Trentino e Alto Adige. Avvincente escursione ad anello da svolgere nell’arco di un’intera giornata che concatena tre famose cime del gruppo delle Maddalene: Cima Cornicoletto, Cima Belmonte e Cima Vedetta Alta. L’escursione non comporta particolari difficoltà tecniche se non la confidenza con l’ambiente di alta montagna e con sentieri e creste esposte. Scendendo dalla Cima Vedetta Alta è consigliata una pausa presso una delle tre malghe che si incontrano lungo il rientro: Malga Kessel, Malga di Revò e Malga di Cloz. L’itinerario è sempre ben segnalato, l’unico tratto senza segnaletica a terra ma dalla traccia evidente è tra Cima Cornicoletto e Cima Belmonte [fonte: visittrentino.it]

2016_09_08-08-vedetta-alta 2016_09_08-09-vedetta-alta

Die Magdalener Berge

Die Kette der Magdalener Trentino Berge, die das Val di Non gen Norden hin abschließt, gilt als „das lieblichste Gebirge“ im Val di Non. Trotz ihrer Nähe zur Ortler-Cevedale- und zur Adamello-Brenta-Gruppe überragen diese Erhebungen nur selten die 2700-Meter-Marke und sind durch eine besonders stimmungsvolle Landschaft mit grünen Weiden und Almen geprägt. Im Sommer eignet sich das Gebiet vorzüglich zum Trekking oder Nordic Walking, während man hier im Winter Ausflüge mit den Schneeschuhen oder Skitouren unternehmen kann.

Rundwanderung mit Besteigung des Kornigls, der Schöngrub und der Ultner Hochwart in den Magdalener Bergen

Erlebnisreiche Tagestour, die die schönsten Gipfel und Grate der wilden Magdalener Berge an der Grenze zwischen dem Trentino und Südtirol verbindet.

Eindrucksvolle Rundwanderung, für die man einen gesamten Tag einplanen sollte. Die Tour verbindet drei berühmte Gipfel der Magdalener Berge: den Kornigl, die Schöngrub und die Ultner Hochwart. Die Wanderung weist keine besonderen technischen Schwierigkeiten auf, jedoch sollte man mit der alpinen Umgebung, alpinen Wanderwegen und ausgesetzten Graten vertraut sein. Beim Abstieg von der Ultner Hochwart empfiehlt sich eine Rast auf einer der drei Almen, an denen man auf dem Rückweg vorbeikommt: Kesselalm, Rawauer Alm und Clozner Alm. Der Weg ist stets gut ausgeschildert; der einzige Abschnitt ohne Beschilderung aber mit gut erkennbaren Spuren ist zwischen Kornigl und Schöngrub [Quelle: visittrentino.it/de]

2016_09_08-03-campanacci

‘sti ingegneri sono noiosi …

Un modo diverso di comunicare la professione di ingegnere.

«Sono noiosi, poco inclini al dialogo, schivi! Si, solo alcuni!
Gli ingegneri trasformano fenomeni fisici in formule matematiche.
Modellano una sorta di realtà parallela espressa da numeri!
Riesci a seguirmi?
Se SI, grazie di esserti messo nei miei panni.
Se NO, fa lo stesso, io sono ingegnere, quindi è normale.»

Servizi 3

Comincia così una newsletter ricevuta ieri, di presentazione di RK Studio (il payoff è “ingegno per l’industria”), uno studio tecnico di Rovereto (TN) dedicato all’industria, che si occupa di progettazione meccanica e meccatronica di macchine e impianti industriali. Ovviamente la newsletter inizia con dei luoghi comuni ma poi svela che l’ingegneria può invece essere affascinante, se hai a che fare con bravi ingegneri, ovvero quelli che (cito ancora)

  1. Non si fermano ai numeri, spiegando con parole semplici la fisica del fenomeno.
  2. Capiscono il mondo oltre all’ingegneria, formato da marketing, commerciale, amministrazione, proprietà. E lo rispettano.
2015_11_04-01 tecnigrafo

Foto: Classicmotorblog

Evidentemente questo approccio “creativo” nella comunicazione verso il cliente mi è piaciuto molto e lo ritengo a suo modo innovativo. Perché da un lato è vero che ci aspettiamo in genere dagli ingegneri un approccio scientifico e rigoroso, ovvero come cliente ho solo bisogno da parte di un ingegnere che i conti siano esatti, nient’altro. Ma d’altro canto è ormai morto e sepolto il tempo in cui l’ingegnere, dopo aver più o meno brillantemente completato il suo difficile percorso universitario e aver fatto un (bel) po’ di esperienza, “apriva lo studio” e attendeva i clienti, chino sul tecnigrafo. Quindi ben vengano questi ingegneri innovativi! Che poi, se andate sul loro sito (altra cosa che mi piace moltissimo) hanno una sezione dedicata ai “vantaggi” ovvero ai risultati positivi delle loro consulenze, ovvero indicatori chiari (numeri % ±) che dicono in modo diretto quanto si sono ridotti per i clienti i costi di produzione o quanto è aumentato il fatturato in quel reparto, ecc.

L’esperienza di “Under Construction” sta per cominciare.

Parlando di queste nuove figure di “ingegneri 2.0” non posso pensare a come è opportuni che cambi la figura professionale dell’ingegnere. Ci sono due fattori che lo impongono. Uno ormai consolidato: il mondo dell’economia, la produzione, i bisogni, la società sono in perenne cambiamento a una velocità supersonica. L’altro, più congiunturale, anche se ormai cronico: una crisi che perdura ormai da 7-8 anni dopo la quale nulla sarà più come prima e dove l’economia ha radicalmente cambiato i propri paradigmi. Che posto c’è nella società del lavoro per un ingegnere libero professionista, quando (notizia di oggi) il gioco Candy Crush dell’italiano Riccardo Zacconi è stato venduto per la cifra di 5,9 miliardi di dollari?

2015_11_04-02 unicorns

Il club degli “unicorns” ovvero le startup che hanno raggiunto la quotazione di 1 miliardo $. Notare la crescita esponenziale del mercato (è la nuova “bolla” economica?)

L’innovazione è comunque una strada virtuosa ed è per questo che per il 5° anno consecutivo mettiamo giovani ricercatori e professionisti (dell’architettura, dell’ingegneria, esperti della sostenibilità e del risparmio energetico) a contatto con le migliori aziende altoatesine delle costruzioni, per sviluppare nuovi prodotti, migliorare i processi aziendali, inventare nuovi servizi. La selezione dei partecipanti per l’edizione 2015-2016 di Under Construction è completata, abbiamo il dream team, anzi tre dream team per tre aziende, pronti a iniziare il prossimo 16 novembre un percorso che li porterà, nell’arco di due mesi, a sviluppare una nuova idea da portare con successo sul mercato.

2015_11_04-03 Under Construction

Foto © TIS / Martina Jaider

Anche il processo di selezione è stato molto istruttivo. Tra i candidati, chi pensava che il programma fosse in pratica un anticamera per un “lavoro fisso” (e si è ritirato quando ha scoperto che non era proprio così). Chi ha comunque mandato la candidatura tentando contemporaneamente altre strade lavorative. Credo che molti non abbiano capito subito il valore di un’esperienza che ti chiede di mettere in gioco te stesso e le tue competenze, con un approccio imprenditoriale. Ma quelli che sono rimasti sono (consapevolmente o inconsapevolmente) pronti per trarre il meglio da questo programma di formazione e job training.

Qualcuno ha detto in questi giorni che le nuove generazioni sulla carta non sono mai state così competenti e preparate, ma vanno incontro alla peggior offerta lavorativa di sempre. Ok, forse capire che è necessario diventare “imprenditore di te stesso” può aiutare a salpare col vento in poppa. Good luck 🙂

Roger Bannister.

When impossible suddenly becomes possible.

2015_04_22-01 Bannister

2015_04_22-02 BannisterSir Roger Gilbert Bannister, (born 23 March 1929) is an English former athlete, physician and academic, who ran the first sub-four-minute-mile. In the 1952 Olympics in Helsinki, Bannister set a British record in the 1500 metres, but did not win the medal he expected. The humiliation strengthened his resolve to be the first 4-minute miler. He achieved it on 6 May 1954 at Iffley Road Track in Oxford, with Chris Chataway and Chris Brasher providing the pacing. When the announcer declared “The time was three…”, the cheers of the crowd drowned-out the details of the result, which was 3 min 59.4 sec.

2015_04_22-03 BannisterBannister’s record lasted 46 days. Just 46 days later on 21 June in Turku, Finland, Bannister’s record was broken by his rival Landy with a time of 3 min 57.9 s, which the IAAF ratified as 3 min 58.0 s due to the rounding rules then in effect. More notable was that he had reached this record with so little training, while practising as a junior doctor [source: Wikipedia].

Breaking paradigms, creating new models.

Roger Bannister’s example was mentioned by Amanda Sturgeon (Executive Director at the International Living Future) during the REGENERATION conference last Saturday in Dro, Italy as a metaphor of the innovation inside the Living Building Challenge approach. This reminded me of the curve of diffusion of innovations described by Everett Rogers.

2015_04_22-04 innovators