Archivi tag: europe 2020

REGENERATION 2017 – Apply now!

2017_01_18-regeneration

Living Building Challenge Collaborative: Italy with Macro Design Studio and Carlo Battisti is organising the third edition of: REGENERATION , the design competition in Europe entirely based on the sustainability certification standard Living Building Challenge.

The competition is open to professionals (architects, engineers, environmental sustainability and landscape experts) in Europe, under 35 years old. The deadline for the request of participation is next January 31^st, 2017. We will select the best 15 on the basis of the documentation submitted.

The event will take place at Centrale Fies, Dro (Trento – Italy), on April, 26^th to 29^th, 2017. 64 non-stop hours of integrative design in which each team, assisted by tutors expert of LBC, will compete in designing the best redevelopment project of an existing local public building. There will be side events i.e. a final conference open to the public on the issues of LBC as well as the final presentation of the projects, with the proclamation of the best project by an international jury.

Participants (after the selection of the 15) are required to pay a registration fee of 240 € + VAT. Room and board are paid by the organization. The award for the best team of the project is 3,000 € (cash).

You may find all the information about REGENERATION on:

The deadline for the request of participation is next January 31^st, 2017.
Do you want to regenerate with us? Help us spread the word!
Thank you and a warm greeting from

The REGENERATION Team

APPLY NOW!

twitter-smallfacebook-small mailweb-small

 

On the road …

and not just in the lab.

2015_10_01-05 icctThe gap between official and real-world performance has increased to 40% on average in 2014 and is so wide in many car models that it cannot be explained through known factors including test manipulations.

2015_10_01-01 Mind the gapNot only Volkswagen? And not only NOx; let’s talk about CO2. The system of testing cars to measure fuel economy and CO2 emissions is utterly discredited. The Mind the gap 2015 report published by the International Council on Clean Transportation (ICCT) analyses the gap between test results and real-world performance and finds that it has become a chasm, increasing from 8% in 2001 to 31% in 2012 and 40% in 2014. Without action this gap will grow to nearly 50% by 2020.

2015_10_01-02 the gap

New cars, including the Mercedes A, C and E class, BMW 5 series and Peugeot 308, are now swallowing around 50% more fuel than their lab test results, new on-the-road results compiled by reveal. While this does not constitute proof of ‘defeat devices’ being used to fiddle fuel economy tests, similar to that used by Volkswagen, EU governments must extend probes into defeat devices to CO2 tests and petrol cars too. Learn more in this thought-provoking article on Transport & Environment.

2015_10_01-03 Mind the gap

Greg Archer, clean vehicles manager at T&E, said: “Like the air pollution test, the European system of testing cars to measure fuel economy and CO2 emissions is utterly discredited. The Volkswagen scandal was just the tip of the iceberg and what lies beneath is widespread abuse by carmakers of testing rules enabling cars to swallow more than 50% more fuel than is claimed.

The distorted laboratory tests are costing a typical motorist €450 a year in additional fuel costs compared to what carmakers’ marketing materials claim, the report finds. But the car manufacturers are continuing to try to delay the introduction of a new test (WLTP) to be introduced in 2017.

2015_10_01-04 Car testCars are responsible for 15% of Europe’s total CO2 emissions and are the single largest source of emissions in the transport sector. The EU’s first obligatory rules on carbon emissions require car manufacturers to limit their average car to a maximum of 130 grams of CO2 per km by 2015, and 95g by 2021.

Mutatis mutandis

2015_10_01-06 energy consumption buildings

US Building energy use (Picture: Architecture 2030)

And what if the same situation would actually occurr on our buildings? I mean, above all those already certified under one of the several energy efficiency protocols available in Europe. Are these buildings really performing in compliance to the levels for which they have been designed and built? Moreover, is there someone really monitoring those operational performances? The automotive sector has been always decades forward, compared to the building industry, in terms of quality of the process, level of performances, research and development, investments, accuracy of testing (not in this case …), customers satisfaction, marketing, advertising … whatever. And it has been far ahead in manipulating the results, it seems. What if now the building sector would take its place on the arena as the first industrial sector to show honestly its results and put in place a virtuous process of continuous improvement (energy performances, environmental impact, customer care, …, health)??

ICCT reports:
Mind the gap (2015)
From Laboratory to road (2014)
From Laboratory to road (2013)

Other related posts: Name that sin!

We, moderate innovators.

2015_03_13-01 Innovation Union ScoreboardThe Innovation Union Scoreboard (IUS) is an instrument of the European Commission, developed under the Lisbon Strategy and revised after the adoption of the Europe 2020 Strategy to provide a comparative assessment of the innovation performance of EU Member States. Together with the Regional Innovation Scoreboard and the pilot European Public Sector Innovation Scoreboard (under development), it forms a comprehensive benchmarking and monitoring system of research and innovation trends and activities in Europe.

2015_03_13-01 Regional Innovation ScoreboardThe most recent IUS 2014 has shown that the European Union has become more innovative and is closing its innovation gap with the United States and Japan but differences in performance between EU Member States are still high and diminishing only slowly. The overall ranking within the EU remained relatively stable, with Sweden at the top, followed by Denmark, Germany and Finland.

Who are the innovation leaders in the European Union?

The Innovation Union Scoreboard 2014 places Member States into four different performance groups:

2015_03_13-01 EU innovators

 

  • Denmark (DK), Finland (FI), Germany (DE) and Sweden (SE) are “Innovation Leaders” with innovation performance well above that of the EU average;
  • Austria (AT), Belgium (BE), Cyprus (CY), Estonia (EE), France (FR), Ireland (IE), Luxembourg (LU), Netherlands (NL), Slovenia (SI) and the United Kingdom (UK) are “Innovation followerswith innovation performance above or close to that of the EU average;
  • The performance of Croatia (HR), Czech Republic (CZ), Greece (EL), Hungary (HU), Italy (IT), Lithuania (LT), Malta (MT), Poland (PL), Portugal (PT), Slovakia (SK) and Spain (ES) is below that of the EU average. These countries are “Moderate innovators“;
  • Bulgaria (BG), Latvia (LV) and Romania (RO) are “Modest innovators” with innovation performance well below that of the EU average.

The Innovation Union Scoreboard, following the methodology of the previous editions, captures a total of 25 different indicators, distinguishing between eight innovation dimensions and three main categories of indicators:

2015_03_13-04 IUS FrameworkWhen looking at individual dimensions, Open, excellent and attractive research systems contributed most to the overall innovation performance over the last eight years, followed by growth in Human resources. Looking at individual indicators, Community trademarks contributed most to the increase of the innovation performance, followed by Non-EU doctorate graduates and International scientific co-publications. Relatively good performance improvement is also observed in Innovation collaboration of SMEs and commercialisation of knowledge as measured by License and patent revenues from abroad.

2015_03_13-05 EU growth performance

All the EU regional innovation leaders (27 regions) are located in only eight EU Member States: Denmark, Germany, Finland, France, Ireland, Netherlands, Sweden and United Kingdom. This indicates that innovation excellence is concentrated in relatively few areas in Europe.

2015_03_13-06 Regional innovation leaders

Read more: Innovation Union Scorecard (2014), Innovation Union Scoreboard 2014 (executive summary), Regional Innovation Scoreboard (2014).

Hanno vinto i Vichinghi.

I successi di Finlandia, Danimarca, Svezia e Norvegia. Hanno attuato l’Agenda di Lisbona e hanno avuto ragione. Riporto L’articolo integrale di Giuseppe Sarcina su La lettura del Corriere della Sera del 10.02.2013

2013_02_22 immagine 02Negli anni Novanta i funzionari del governo norvegese spiegavano così agli ospiti europei che cosa fosse la Scandinavia: «Gli svedesi sono come i tedeschi; i finlandesi somigliano ai francesi e i norvegesi agli italiani». Allora il blocco del Nord viveva la peggiore crisi del dopoguerra. Economica, certo: il reddito dei cittadini svedesi, per esempio, era inferiore a quello degli inglesi e degli italiani. E poi politica, culturale, perfino esistenziale. Il modello socialdemocratico scandinavo, che aveva brillantemente retto agli anni della contestazione, sembrava pronto a farsi spazzare via dal ciclone liberista, reaganiano- thatcheriano. Lo scrittore finlandese Arto Paasilinna aveva anticipato, ridendoci sopra, quest’atmosfera di disincanto, raccontando storie di fuga, di isolamento (per tutti, L’anno della lepre, 1975, pubblicato in Italia da Iperborea nel 1994). Oggi, nessuno si offenda, molti italiani farebbero carte false per vivere come i norvegesi e molti francesi come i finlandesi (i tedeschi fanno storia a parte). Sono loro i primi della classe. Per cominciare, Finlandia, Danimarca e Svezia (la Norvegia non fa parte della Ue) hanno preso sul serio l’«Agenda di Lisbona», il piano pomposamente lanciato nel 2000 che avrebbe dovuto trasformare il Vecchio Continente nell’area più competitiva del mondo (oggi superato da Europe 2020 n.d.r.). Per tutti gli altri, con l’eccezione della Germania, si è visto come è andata a finire. Gli scandinavi, invece, hanno raggiunto, spesso con largo anticipo, gli obiettivi legati alla ricerca, all’innovazione, alla formazione. E ora costituiscono il «prossimo super modello», come ha titolato due settimane fa l’«Economist», mettendo in copertina l’immagine di un «vichingo» con tanto di corna e dedicando ai «Paesi nordici» uno speciale di 14 pagine.

2013_02_22 immagine 01Come hanno fatto? Detto in una parola, sono corsi incontro al futuro (e i giovani prima di tutti) senza aspettarlo seduti su venerabili, ma ormai logore, concezioni e strutture politico-istituzionali. Hanno cominciato smontando e rimontando il modello di welfare, proprio come se fosse un mobile Ikea, il concentrato della nuova Svezia, il Paese che ha ridotto in vent’anni la percentuale della spesa pubblica sul prodotto interno lordo dal 67% al 49%. Da Stoccolma lo Stato vegliava sui cittadini, proteggendoli, anzi accudendoli «dalla culla alla tomba». Era il piccolo paradiso in terra di Olof Palme, leader socialdemocratico epocale (assassinato il 28 febbraio 1986). Ora, più pragmaticamente, il governo conservatore guidato da Frederik Reinfeldt, salito al potere nel 2006 (dopo 65 anni di egemonia socialdemocratica) sostiene ancora i disoccupati, ma, per esempio, non si sobbarca interamente la gestione del sistema scolastico. Le famiglie possono scegliere liberamente in quale scuola mandare i figli. Lo Stato si occupa di quella pubblica e fornisce dei «voucher», dei buoni, per pagare l’iscrizione negli istituti privati. Anche la Danimarca adotta lo stesso metodo, che nasce da un’idea dell’economista americano Milton Friedman, il padre del monetarismo, premio Nobel nel 1976 e autore di volumi come Capitalismo e libertà, nei quali si raccomanda il ridimensionamento del ruolo pubblico nella società.

Chiaro, non sempre le cose vanno bene: l’esperienza universale ha dimostrato che la privatizzazione, sia pure parziale, non garantisce, di per sé, risultati efficienti. Secondo uno studio di Anders Bohlmark e Mikael Lindahl, in Svezia le scuole pubbliche continuano a funzionare meglio di quelle private. Sembrerebbe confermarlo anche la variante finlandese: obbligo scolastico e corsi statali uguali per tutti fino a 16 anni. Poi si sceglie se prepararsi per l’università o per un lavoro. I maestri e i professori finnici non sono pagati molto, ma godono di larga autonomia e di un prestigio sociale indiscusso. Risultato: i quindicenni finlandesi sono in testa nella graduatoria mondiale dei test Pisa (Programme for international student assessment, promosso dall’Ocse), davanti ai «mostri» sud coreani, agli australiani e ai tedeschi (Italia praticamente non pervenuta).

Certo, tutto è più facile quando si governa una popolazione che, tra Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca arriva a 26 milioni di abitanti: neanche la metà degli italiani. Anche se dentro ci trovi tre sovrani, quattro monete (solo la Finlandia ha l’euro) e un dubbio irrisolto: la Scandinavia è parte integrante dell’Europa o, come la Gran Bretagna, si prepara a un futuro da battitore libero, dentro o fuori secondo convenienza?

Ma è il dinamismo dell’economia che spinge i nordici a ragionare su scala mondiale. Più che i grandi gruppi del passato — la svedese Ericsson, la danese Danisco, la finlandese Nokia — ora sono le medie imprese a guidare. Alcuni casi: in Danimarca operano la Novo, azienda farmaceutica che produce metà del fabbisogno mondiale di insulina, e la Oticon, leader globale degli apparecchi acustici. Sono danesi anche le 200 società che forniscono più di un terzo del mercato planetario di turbine eoliche. Ma la cosa più interessante è che la rinascita economica è trainata dai giovani. La Svezia e la Finlandia, in particolare, stanno vivendo una «rivoluzione dei talenti», una sorta di contestazione al vecchio establishment economico che, anziché produrre marce di protesta, si traduce in una frenetica attività imprenditoriale. Sono ragazzi, racconta l’«Economist», che appendono in camera il poster di Friedman con lo stesso entusiasmo con cui i padri attaccavano l’immagine di Che Guevara. Sono «giovani-vecchi»? Può darsi. Tuttavia in questa atmosfera vagamente californiana sono nate miriadi di imprese. Solo che al posto dell’isolato e disadorno garage di Bill Gates, qui ci sono laboratori finanziati dal governo, frequentati da professori universitari, finanzieri e soprattutto giovani talenti formati dalle scuole di design, informatica, robotica e così via.

2013_02_22 immagine 03Un esempio è la «Start-up Sauna», creata dagli studenti della Aalto University, appena fuori Helsinki (Aaltoes – Aalto Entrepreneurship Society – è la più attiva comunità di studenti avviati all’imprenditorialità, con programmi continui di internship in aziende della Silicon Valley o New York, ‘Startup Life‘). I risultati sono visibili. In Svezia, a fianco di Ikea e Tetra Pak o delle antiche dinastie industriali, non si può prescindere da facce nuove come Niklas Zennström, cofondatore di Skype. In Finlandia la Rovio Entertainment è diventata un fenomeno mondiale, dopo che 600 milioni di clienti hanno scaricato il video «Angry birds», versione moderna della batracomiomachia, solo che non si scontrano rane e topi, ma uccelli e maiali.

Il segreto del Nord, dunque, si chiama lavoro e valorizzazione (non emarginazione) dei giovani talenti, ragazzi e ragazze con pari opportunità. Questa è la base, poi viene la cura ossessiva dei conti pubblici e dell’efficienza dei servizi ereditati dalla socialdemocrazia. Ovviamente esistono anche contraddizioni. La Svezia è il Paese più investito dall’immigrazione. Nel 2012 Stoccolma ha ricevuto 44 mila richieste d’asilo: un’enormità se paragonate alle 60 mila della Francia e alle 64 mila della Germania. L’integrazione è lenta, difficile. I nuovi arrivati si insediano, o meglio si barricano, nei vecchi quartieri operai. Così le palazzine di Rosenborg, costruite per i lavoratori delle industrie di Malmoe sono passate agli immigrati, esattamente come accaduto a Feyenoord, dove vivevano i portuali di Rotterdam o, per venire a noi, nelle periferie di Torino e, in parte, diMilano. Da questo punto di vista non c’è molta differenza rispetto al resto d’Europa. E ai vichinghi, naturalmente, non piace.

[Giuseppe Sarcina, La Lettura | Corriere della Sera 10.02.2013]