Archivi tag: Centrale Fies

Feeling REGENERATED, at last.

Five takeaways from REGENERATION 2017, 3rd edition.

Another edition (the third) is gone and I think of the punctual and constant work we did in these five months (yes, that is what it takes to organize REGENERATION) to get the most out of these 64 hours (from Wednesday, 26 at 9 o’ clock, to Friday 28, April night at 1 AM, April 29) super-concentrated of enthusiasm, innovation, creativity, internationality and robust technical skills.

I’m often flattering myself that the process is so well-known that I’m not able to grasp the differences between one edition and another. But every time the surprise catches me, little by little as I cross the Centrale Fies gates the days before; I feel the energy that is coming up. It’s never the same experience and I’m fond of people and teams (people make teams …) and so impressed with their willingness to give the best of themselves for a common end result. Also this time it was different, these are my five main take-aways.

1. The force is in the group

People make the group. Thus begins, the theoretical exercise that we make every year at the end of the selection process, to form groups as much balanced as we can. We try to balance everything: architects and engineers, Italians and foreigners (but we are all Europeans, what really changes between an engineer from Turin and a Slovakian architect?), males and females (yes, “males and females”, not “men and women”, as we used to say when we were kids and we went to school ;-), age (the teams are more or less of the same average age, about thirty years old), the areas of sustainability (energy, water or materials? ), curricula, graduates, doctorates, masters, experiences, projects’ portfolio, etc. etc. etc.

YELLOW team

Then, throughout the workshop, little by little, it is the group that emerges, it is the group that makes people, and among three teams theoretically perfectly balanced, in the end there is only one who wins; and it is always, I say always, the best-knit. Dynamics, synergies, continuous confrontation, optimism, and a pinch of calm in the creative disorder. After three years I know how you can win REGENERATION 😉

2. If energy is limitless.

Energy begins to grow in the days before the start of REGENERATION. We do the inspections and each time I understand that no coincidence brought us here. Here, where the Fies hydroelectric plant started producing in 1909 to cover the energy needs of the city of Trento, the factory continues to produce creative energy. Energy is not unlimited and it is consumed, someone would think. But when it comes to competition, energy instead of being consumed, is produced, by the quiet and constant interaction of the 15 participants. It’s a renewable energy, actually.

BLUE team (with Martin Brown, tutor)

This year, unlike the previous editions, we anticipated the entire program of half a day, to allow young professionals to conclude the three projects within Friday night, at 1 AM. But they started to stay up late (3, 4, …) already from the first night. When creativity is bulimia. 64 hours x 5 people = 320 men/women hours… I thought they would have been completely squeezed on Friday night… nothing, they were more or less as fresh as a daisy. Energy regenerates. And it is contagious.

3. Living Building Challenge. We can do it.

Once again the Living Building Challenge has been won. You can re-qualify a building with a zero environmental impact; yes, you can do it and it’s also fun. In 2015, the first REGENERATION building was the municipal library of Dro (1975), a building with good potential for transformation, also in relation to the nearby Sarca River. Last year, for the second edition, an additional complication, a historic building with preservation constraints – the Arco Bus Station (1891) – and also in this case the teams (all of them) did it.

GREEN team (with Emanuele Naboni, tutor)

This time, we have broadened the range of action, asking the participants to analyze the relationship between the “A. Zadra” elementary school and the Degasperi district, in Riva del Garda. A jump in scale, where you can see the transition between the building and the community, always following the Living Building Challenge philosophy. And even in this case the challenge (technical, architectural, technological, urban planning) was won. I continue to say, and I really start to convince myself, Living Building Challenge buildings are the buildings of the future, like the NZEBs (Nearly Energy Zero Buildings) that will be mandatory in Italy since 2019 according to 2010/31 EU Directive.

4. A replicable model

2015, Dro. 2016, Arco. 2017, Riva del Garda. We arrived at the lake front. A typical 70s building, a historic building, this time a neighborhood. And now? How to go on? The question turns in my head for a while.

The mechanism is running, the scheme works, and the model is replicable. Boundaries are now too small; the gameplay is ready to be re-presented in new contexts. European, like Europeans are the brilliant professionals who come to Fies every year to come out to promote the principles of the Living Building Challenge in their cities and nations. In addition, the surprising results (the three projects submitted are always valid and feasible) triggered by the almost three days of intense work by each of the three teams, clash with the solid procedures practice (policy choices, funding decrees, bidding, permissions, etc., etc.) and enthusiasm is blurred on time. In short, REGENERATION needs a regeneration…

Centrale Fies

5. Genius loci

The Genius loci is a natural and supernatural entity linked to a place and object of worship in the Roman religion. This association between Genius and the physical site originates from the Augustan age. According to Servio, nullus locus sine Genio (no place is without a Genius) (Commentary to Eneide, 5, 95). Genius loci is now understood in architecture to identify the set of socio-cultural, architectural, linguistic, and habitat characteristics that characterize a place, an environment, a city. A transversal term, which deals with the characteristics of an environment interlaced with man and the habits with which he lives in this environment. It indicates the “character” of a place.

There is a genius in the locus of Centrale Fies. Something that was there, that is there now, that has appeared at each REGENERATION, something that remains behind us as we pass the gate in the cold last night, before the final presentations. Some things are really difficult to be written in a call for a design competition…

#REGENERATION

What is REGENERATION?

It is a design workshop – entirely based on the Living Building Challenge standard – in which teams composed of young professionals under 35 years old, are called to develop a project of sustainable requalification of an existing public building for the local community. Every team should respond to specific requirements defined in the announcement Integrative design, synergistic development of the project and sharing of expertise are necessary prerogatives to tackle this challenge. The purpose of the competition is to show the best sustainable regeneration project for the existing building in terms of architecture, energy efficiency, livability and relationship with social, urban and natural context.

3rd edition teams and projects:

YELLOW team (winner): Francesco Perozzo (leader, Italy), Giulia Guglielmo (Italy), Louise Hamot (France), Sonia-Iulia Raetchi (Romania), Eugenijus Sapel (Lithuania). Project: COLSFOOT.

BLUE team: Estelle Cruz (leader, France), Ilaria Lando (Italy), Marco Rossato (Italy), Anamaria Vasile (Romania), Jurgis Zemitis (Latvia). Project: GROWING BUILDING.

GREEN team: Nicolò Santon (leader, Italy), Marta Frolova (Latvia), Federica Grott (Italy), Isabela Manu (Romania), Marian Ontkoc (Slovakia). Project: L’INFINITO.

REGENERATION è il primo concorso di progettazione per giovani (meno di 35 anni) architetti e ingegneri europei interamente basato sul protocollo di sostenibilità dell’ambiente costruito Living Building Challenge, il più rigoroso al mondo. Giunto alla terza edizione, è organizzato da Carlo Battisti con Macro Design Studio e il Living Building Challenge Collaborative: Italy e con il supporto dell’International Living Future Institute di Seattle (WA, USA), l’ente che ha sviluppato e promuove lo standard LBC.

The future of LBC Collaboratives in Europe.

Join us for the next Living Building Challenge Collaborative: Italy meeting on April 28th, at Centrale Fies, Dro (Trento, Italy) during REGENERATION 2017.

Talk with Amanda Sturgeon (International Living Future Institute, CEO), Martin Brown (LBC Collaborative: UK, facilitator), Emmanuel Pauwels (LBC Collaborative: Spain, facilitator). Carlo Battisti and Paola Moschini (LBC Collaborative: Italy, facilitators) will moderate the meeting,

A presentation by Maria Giovanna Sandrini, Brand & Corporate Communication Manager of Aquafil group, will open the meeting. Since 50 years, Aquafil has been one of the leading players, both in Italy and globally, in the production of Polyamide 6: a landmark in terms of quality and product innovation. Additionally, the group is a leader in the research of new production models for sustainable development.

Participation is free and reserved to LBC Collaborative: Italy affiliates, registration here is required. Seats are limited (20). Language: English, without somultaneous translation.

Program

14:00 – 15:00
Aquafil’s path toward full sustainability. With Maria Giovanna Sandrini, Aquafil group.
15.00 – 16:00
The future of LBC Collaboratives in Europe. Talk with Amanda Sturgeon, Martin Brown, Emmanuel Pauwels.


Il futuro dei Collaborative LBC in Europa.

Meeting del Living Building Challenge Collaborative: Italy, 28 aprile 2017, presso Centrale Fies, Dro (Trento).

Conversazione con Amanda Sturgeon (presidente dell’International Living Future Institute), Martin Brown (Facilitatore del LBC Collaborative UK), Emmanuel Pauwels (Facilitatore del LBC Collaborative: Spain).
Moderano Carlo Battisti e Paola Moschini (Facilitatori del LBC Collaborative: Italy).

Apre la presentazione di Maria Giovanna Sandrini, Brand & Corporate Communication Manager del gruppo Aquafil, della strategia di sostenibilità rigenerativa di Aquafil, da 50 anni uno dei principali attori, in Italia e nel mondo, nella produzione di fibre sintetiche, in special modo di quelle in poliammide 6. Il gruppo è punto di riferimento per qualità, innovazione e nuovi modelli di sviluppo sostenibile.

La partecipazione è gratuita e riservata agli affiliati del LBC Collaborative: Italy, previa iscrizione qui. Posti limitati (20). La lingua dell’evento è l’inglese (senza traduzione simultanea).

Programma:

14:00 – 15:00
Il cammino di Aquafil verso la sostenibilità. Con Maria Giovanna Sandrini, gruppo Aquafil.
15:00 – 16:00
Il futuro dei Collaborative in Europa. Conversazione con Amanda Sturgeon, Martin Brown, Emmanuel Pauwels.

(Sognando un) Living Future.

L’intervista di Franz Magazine del 03.03.2015 a cura di Mauro Sperandio, su ReGeneration, Living Building Challenge e Macro Design Studio.

Regeneration è il primo concorso di progettazione interamente basato sul protocollo Living Building Challenge™, un modo di pensare e costruire orientato alla sostenibilità, l’unico criterio intelligente per abitare il futuro. REGENERATION si svolgerà dal 15 al 18 Aprile 2015 presso l’ art work space Centrale Fies, a Dro. Un “conclave” di 64 ore non-stop in cui giovani professionisti, ingegneri ed architetti si sfideranno nell’ideare il migliore progetto di riqualificazione di un vecchio edificio pubblico.

Il tempo passa in fretta e da quando Franz si è occupato di ReGeneration sono successe un sacco di cose. Si sono chiuse le iscrizioni, è stata fatta la selezione dei partecipanti e -a poche ore dalla pubblicazione dei loro nomi- abbiamo incontrato l’ing. Carlo Battisti di Macro Design Studio organizzatore del contest.

Macro Design Studio porta in Italia LBC, un nuovo protocollo di edilizia sostenibile, quali le novità rispetto alle certificazioni già in uso?

2015_03_04-04 LBC

Living Building Challenge è il sistema di misurazione e certificazione della sostenibilità del mondo costruito più avanzata al mondo. Sappiamo ormai tutti che gli edifici sono i principali responsabili dell’impatto ambientale e del cambiamento climatico, più dei trasporti, delle fabbriche, ecc. Il movimento dei “green building” sta facendo molto ma non basta.
Secondo l’International Living Future Institute (Seattle, USA), l’organizzazione che promuove LBC, il tempo di “fare meno danni” è finito;  è necessario un approccio più radicale ed efficace, che riduca velocemente il divario tra le soluzioni costruttive applicate oggi e l’obiettivo finale che vogliamo conseguire. Per questo LBC è particolarmente esigente e richiede non solo che l’edificio abbia un bilancio energetico nullo (produco autonomamente tanta energia quanto consumo) ma che lo stesso principio valga per le altre risorse: acqua, rifiuti (riciclo il 100% dei rifiuti prodotti).
LBC non è solo l’ennesima nuova certificazione, è in primo luogo una filosofia (di vita) e uno strumento di tutela dell’ambiente. Altra novità “dirompente” è che LBC affronta per la prima volta in modo convinto anche altri aspetti che possono sembrare “soft” ma che in realtà evidenziano l’aspetto “sociale” della sostenibilità, che è il vero motore di cambiamento culturale: salute, felicità, equità, bellezza, educazione ora vengono espressamente considerati, facendo di LBC una metodologia davvero olistica.

Per il debutto di questa certificazione nel nostro paese il vostro studio ha indetto un concorso di progettazione rivolto a giovani professionisti. Una scelta “dal basso” non scontata…

Si tratta per noi di una decisione strategica. Sono stati già fatti alcuni tentativi per importare in Europa l’approccio “Living Building Challenge”, avviando alcuni progetti di edifici pilota. Scelta del tutto condivisibile dal punto di vista metodologico, ma che rischia di conseguire l’effetto “atterraggio di un’astronave aliena”. È difficile radicare l’uso di uno strumento, anche tecnicamente validissimo come LBC, senza prima stimolare una domanda convinta a livello locale e promuovere un cambiamento culturale. Dobbiamo poi considerare che in Europa esistono già moltissime certificazioni di sostenibilità e la diffidenza verso l’ennesimo nuovo esempio è senz’altro giustificata. Abbiamo quindi pensato di ribaltare l’approccio, partendo dalle risorse più vivaci e intelligenti che le nostre nazioni europee hanno a disposizione: i giovani architetti e ingegneri, che già “masticano” sostenibilità e che forse hanno meno vincoli rispetto ad un passato fatto di sfruttamento massiccio del territorio.

2015_03_04-02 Fies

Centrale Fies (Dro)

Il concorso di progettazione che abbiamo organizzato si chiama REGENERATION. È riservato a professionisti europei under 35 e interamente basato sull’ultima versione del protocollo LBC. REGENERATION come la prima “generazione” di giovani professionisti (architetti, ingegneri) che con le proprie idee può iniziare a “ri-generare” l’ambiente costruito, ottenendo le migliori prestazioni possibili per il singolo edificio. La manifestazione si svolgerà tra il 15 e il 18 aprile 2015 a Dro (Trento), dove i quindici partecipanti si cimenteranno con un progetto di riqualificazione di un edificio pubblico locale – messo a disposizione dal Comune di Dro – lavorando per 64 ore consecutive all’interno degli spazi “creativi” di Centrale Fies. Sono queste tutte scelte ragionate: l’uso degli spazi di un incubatore di creatività, all’interno di un edificio di archeologia industriale già riqualificato, il coinvolgimento di un’amministrazione pubblica (è il pubblico che può e deve dare l’esempio), un edificio destinato alla comunità, da risanare (la sfida dei prossimi anni) non da costruire ex-novo, nel contesto della regione – il Trentino Alto Adige – più “green” d’Italia, dove sappiamo che esiste già un terreno fertile per l’innovazione sostenibile come quella portata da LBC.

2015_03_04-03 Dro

Comune di Dro

Il concorso prevede anche degli eventi collaterali, il più importante dei quali è la conferenza finale di sabato 18 aprile mattina, dalle 10 alle 13, sempre presso Centrale Fies, aperta al pubblico e gratuita previa registrazione a questo link.
Sarà l’occasione per parlare, prima della presentazione dei tre progetti nel pomeriggio, del mondo “Living Building Challenge”, i principi generali, alcuni casi realizzati (ci sono già 200 progetti in corso di certificazione nel mondo), la visione delle comunità “viventi” del futuro.

Avete lanciato una sfida di certo stimolo per molti giovani ingegneri ed architetti, quale è stata la risposta?

Lasciaci spendere un commento entusiastico su questi quindici “REGENERATORS” che si confronteranno a Dro, suddivisi in tre team concorrenti. Si tratta di architetti e ingegneri di varia estrazione (dall’urbanista all’esperto di efficienza energetica) provenienti da diverse nazioni europee (Italia, Croazia, Lettonia, Romania e Spagna) che hanno in comune una forte motivazione a cambiare il corso delle cose (la loro motivazione è stato uno dei principali criteri di selezione). Il lavoro di progettazione sarà facilitato sul posto dall’assistenza di tre tutor provenienti da Danimarca, Regno Unito e Svezia, esperti di LBC e verrà valutato sabato 18 aprile da una giuria presieduta dalla direttrice dell’International Living Future Institute.

Quali competenze e quali sensibilità entreranno nel bagaglio tecnico di queste nuove generazioni di professionisti?

Le competenze eterogenee, complementari e integrate che questi professionisti porteranno a Dro rappresentano già il successo dell’iniziativa, ma confidiamo che queste verranno arricchite dall’esperienza interdisciplinare e fortemente creativa che vivranno a Dro. Crediamo che uno dei risultati della quattro giorni presso Centrale Fies sarà la nascita di una giovane e motivata comunità europea che dal termine del workshop comincerà ad affrontare le sfide della riqualificazione dell’ambiente costruito con una visione rinnovata, libera, davvero rigenerata e rigenerativa. Non importa chi vincerà; mai come in questo caso “l’importante è partecipare”.
Questa nuova “edilizia consapevole” si mostra orientata alla creazione di edifici efficienti in termini energetici, rispettosi dell’ambiente e del paesaggio.

Come dobbiamo immaginare le città del futuro?

Per rispondere a questa domanda Vi invitiamo e invitiamo tutti a partecipare a “REGENERATION – The Conference”, l’opportunità aperta al pubblico, sabato 18 aprile mattina, prima della discussione finale dei tre progetti partecipanti. L’International Living Future Institute ha già cominciato a “scalare” i principi applicati sull’edificio, a livello di comunità. Il limite – a nostro avviso – degli attuali sistemi di certificazione di sostenibilità è che si sono concentrati (ed era giusto così all’inizio) quasi esclusivamente sulle prestazioni dell’edificio stesso, curando poco la relazione tra un edificio e l’altro, tra edificio e spazio urbano. Si rischia così di avere edifici “sostenibili” all’interno di città “insostenibili”. Si parla tanto di “smart city” ma cosa vuol dire davvero questo concetto? Non parliamo solo di traffico regolato con applicazioni per smart-phone o di banda larga accessibile per tutti.

2015_03_04-01 CollaborativeCi sono per forza alcune tematiche ambientali che non possono essere affrontate solo a livello di singolo edificio, ma necessariamente su scala urbana, Le città – o meglio le comunità – del futuro che ci immaginiamo, sono ad esempio insiemi urbani che scambiano risorse da un edificio all’altro, libere da automobili private, completamente autonome nell’uso di risorse (energia, acqua), che riciclano tutti i rifiuti che producono, che si integrano in modo armonioso con la Natura, che vivono del lavoro di aziende responsabili e di investimenti eticamente accettabili. E’ una visione utopistica lo sappiamo, ma non utopica. “Nel nostro piccolo” stiamo lavorando per andare in quella direzione, sperando di coagulare un sufficiente consenso intorno a noi. Uno dei passaggi su questi percorsi è ad esempio la creazione da parte di Macro Design Studio della rappresentanza italiana di Living Building Challenge – l’evento del 18 aprile ne sarà il lancio ufficiale – chiamata “LBC Collaborative Italy” con sede presso i nostri uffici a Rovereto, una rete di innovatori che si incontrerà e confronterà periodicamente, per condividere la conoscenza e creare le condizioni locali in grado di facilitare lo sviluppo di edifici, quartieri, città, in una parola – comunità – “viventi”.

2015_03_04-05 franzWas ist franz? franz (“more than apple and cows”) ist ein kreatives, freches Unternehmen, das ein zeitgenössisches und innovatives, mehrsprachiges und inklusives, kreatives und visionäres Südtirol, Trentino und Tirol stimuliert und fördert. | Ma cos’è questo Franz? Franz è un’impresa creativa (e un po’ indisciplinata), che stimola e promuove un territorio – Alto Adige, Trentino e Tirolo – contemporaneo, innovativo, multilingue, inclusivo, creativo, e visionario.

ReGeneration

MDS-01Macro Design Studio in collaboration with The International Living Future Institute (ILFI) is proud to organize REGENERATION, the first design competition in Europe entirely based on the LBC protocol.

REGENERATION_BANNER

REGENERATION as the first “generation” of young professionals (architects, engineers) that can “regenerate” with their own ideas the built environment, getting the best possible performances for the building.

REGENERATION is the first design competition in Europe entirely based on the Living Building Challenge protocol.

living_building_challenge_logoThe Living Building Challenge™ (LBC) is a building certification program, advocacy tool and philosophy that defines the most advanced measure of sustainability in the built environment possible today and acts to rapidly diminish the gap between current limits and the end-game positive solutions we seek. LBC is a Visionary Path to a Regenerative Future.

REGENERATION is a design workshop in which teams composed of young professionals are called to develop a project of sustainable requalification of an existing public building for the local community.

???????????????????????????????

Every team should respond to specific requirements defined in the announcement: integrative design, synergistic development of the project and sharing of expertise are necessary prerogatives to tackle this challenge.

The purpose of the competition is to show the best sustainable regeneration project for an existing public building in terms of architecture, energy efficiency, livability and relationship with social, urban and natural context.

Centrale Fies

Centrale Fies, Dro (Trento) – Italy

REGENERATION will take place at Centrale Fies, Dro (Trento – Italy), on April 15th to 18th, 2015.

Selection of 15 young participants is open! See the Application Form as attachment.

The deadline is January 30th 2015.

Official language: English.

For more information on the purpose and how to participate, we invite you to consult

Web sites and socials:

Do you want to regenerate with us? Help us spread the word! 🙂

?????????????????