Archivi tag: cultural heritage

Living Communities a Matera.

Living Buildings & Living Communities: la sfida della rigenerazione.

Quando: martedì 6 febbraio 2018, ore 15:30-19:00
Dove: Casa Cava
Indirizzo: Via S. Pietro Barisano, Matera
L’evento è gratuito, previa registrazione qui. Posti limitati.

Living Building Challenge

Il Living Building Challenge (LBC) è il più rigoroso standard prestazionale dell’ambiente costruito. Prevede la progettazione e realizzazione di edifici funzionanti in modo pulito, bello ed efficiente così come lo richiede un’architettura ispirata alla natura. Questi sono i “Petali” LBC (le categorie prestazionali di sostenibilità Living Building Challenge): PLACE (Luogo), WATER (Acqua), ENERGY (Energia), HEALTH & HAPPINESS (Salute e felicità), MATERIALS (Materiali), EQUITY (Equità), BEAUTY (Bellezza).

Maggiori informazioni: http://living-future.org/lbc

Obiettivi

I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base del Living Building Challenge – una filosofia, uno strumento di patrocinio ambientale e un programma di certificazione che affrontano lo sviluppo sostenibile a tutti i livelli. Per essere certificati secondo LBC, i progetti devono soddisfare una serie di requisiti prestazionali ambiziosi misurati per un minimo di 12 mesi di occupazione continua.

Come possiamo estendere questi concetti a livello di comunità? Con la guida di Alicia Daniels Uhlig dell’International Living Future Institute di Seattle (WA, USA) scopriremo il Living Community Challenge, uno strumento di pianificazione urbana, progettazione e costruzione per creare una relazione simbiotica tra le persone e tutti gli aspetti dell’ambiente costruito.

Con la partecipazione di:

Living Building Challenge Collaborative: Italy, un gruppo di professionisti volontari impegnati per la sostenibilità, la formazione e l’attuazione del Living Building Challenge, lo standard di sostenibilità dell’ambiente costruito più avanzato al mondo.
Naturalia-BAU, l’azienda altoatesina che da 25 anni propone prodotti e sistemi naturali di alta qualità per una casa sana e rappresenta in Italia un importante punto di riferimento del settore bio-edile.
DICATECh, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico di Bari.

Programma

Alicia Daniels Uhlig è un architetto e appassionato sostenitore della bioedilizia, con 20 anni di esperienza nella progettazione sostenibile. Alicia è direttore per l’International Living Future Institute del protocollo Living Community Challenge e responsabile per le policies, è impegnata ad accelerare la creazione di comunità vivaci, sane e sostenibili. Prima di unirsi a ILFI, ha praticato la libera professione di architetto a Seattle (Washington, USA) con GGLO, in California con Van der Ryn Architects e nelle Isole Vergini americane. Il focus di Alicia sulla sostenibilità l’ha portata anche a lavorare su progetti di architettura locale in Italia (segue).

Informazioni e registrazione

Dove: Casa Cava, via San Pietro Barisano 47, Matera
Parcheggi: consigliato Via Roma/Piazza Matteotti.  Tuteliamo l’ambiente, prediligiamo mezzi pubblici o mezzi in condivisione.
Informazioni:  +39 340 8003909
Registrazione: Partecipazione gratuita, posti limitati. Iscrizione tramite Eventbrite qui.
Scadenza per la registrazione: lunedì 05.02.2018.
Crediti formativi professionali: verranno riconosciuti 3 CFP per gli ingegneri, in accordo con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Matera.

Vi aspettiamo 🙂

Casa Cava, Matera

Green historical renovations in Zagreb.

Here is my interview on January 23rd on Zelena Zona, the page about sustainability of the Croatian Bank  Zagrebačka website, about

Historical Renovation using Green Principles

2015_01_27 immagine 01As an Engineer and certified Project Manager IPMA Carlo Battisti has acquired a 20 years long experience in the construction sector. He has coordinated energy audit activities on forty public buildings in the South of Italy (mostly historic ones), on behalf of the Ministry of the Environment (‘Green Communities’ Project). He has LEED AP BD+C, ID+C and LFA (Living Future Accredited) and actually works as sustainable innovation consultant. As a member of the Standard Committee ‘GBC Historic Building’ of the Green Building Council Italy, is involved in implementing a certification protocol focused on historic buildings. His lecture within the fifth module of Green building professional education (GBPro) 2014/2015 in Zagreb is about historical renovations using sustainable principles. It was an opportunity to ask him some questions.

Are the sustainable principles incorporated in European and worldwide regulatory framework for renovation of historical buildings?

2015_01_27 immagine 03Not really, if we think first of all that according to the 2012/27/EU Directive member states may decide not to set or apply the requirements to buildings officially protected or with special architectural or historical merit, in so far as compliance with certain minimum energy performance requirements would unacceptably alter their character or appearance. But if we consider that approximately one third of the building stock in Europe has been built before 1960, thus in many cases with an “architectural merit” but poor energy performances and we want to reach Europe 20-20-20 goals we cannot ignore this type of buildings.

According to your experience, what is the biggest obstacle in historical renovations using sustainable principles? Are that conservators, a lack of financial resources, ownership or local and national lack of knowledge and information or something else?

All the factors you mentioned are present and relevant. In my experience technical problems generally can be solved, also because innovation in constructions’ sector has provided new solutions so far. Obviously lack of financial resources is generally considered by stakeholders the main bottleneck. In the case of buildings with historic importance, however, it’s not only a matter of business opportunity; there is also a social mission to be considered: the conservation of our cultural heritage for the future generations.

2015_01_27 immagine 06

Ca’ Foscari – Venice (image Ca’ Foscari University)

Investors who are focused to achieve greater savings with the least possible investment are usually on the opposite side of the conservator – who has a basic interest in preserving the building in its original state. How to bridge this gap, what you usually say to conservationists?

The final function and intended use we want to give to a historic building have a great importance and could act as a business driver capable to attract private and public funds. If we expect large energy savings in a historic building, we pursue a wrong strategy. The key point is that the importance of the building lies in its own historical value; this increases its prestige and value on the real estate market. From this perspective, developers and conservators should be on the same side. If the goal is the same, a transparent and technically correct dialogue between conservators and designers/owners can lead to acceptable solutions, there are many examples in this sense.

2015_01_27 immagine 07One of the common problems in practice that highlight our experts is the inability to put the thermal insulation from the outside of the building due to the retention of architectural interest, so they put the thermal insulation of the inner side. Some of them say that there are a number of suitable materials on the market now which can be to supplant the such and similar problems. What is your experience?

Aerogel, for its nano-porous structure, is for instance an excellent thermal insulator and a good inhibitor convective because the air can not circulate inside, opposing an extraordinary resistance to the passage of heat flow. 30 mm of an aerogel based insulation panel has a thermal resistance equivalent to about 85-90 mm of wood fibre or rock wool panel. So we can obtain a good insulation with minimum thickness, without reducing excessively the commercial space inside. For buildings whose façade is under protection (I’m thinking for example to the buildings of the XIX° century in Zagreb) this is a very interesting solution.

Does the EU Energy Efficiency Directive contain some controversial place in terms of historic buildings? Some people argue that there are some of them.

2015_01_27 immagine 05

Weigh House, Bolzano (3encult Project)

As I mentioned before European Directive (EPBD) allows member states to be free with regard to the historic buildings, in the sense that they are exempt from the energy efficiency improvement requirements. But we know that this does not help us to reach the 2020 targets. Anyway, at the European level, the standard committees (CEN) working on conservation of cultural heritage and the ones dealing with EPBD are effectively cooperating, so the issue on how to find a good compromise between energy efficiency and historic buildings conservation is on the agenda, and there are some interesting R&D projects working in this direction.

Can you point out 2-3 examples of the world’s best historic buildings reconstruction.

There is a project that I like very much, because it is an example of a renovation process on historic buildings minimal, able to be distinguished, reversible and compatible, all characteristics that I think this type of projects should have. It’s the conversion of the Broerenherk Church  (15th century) in Zwolle (NL) into a bookstore

Another interesting case is Ca’ Foscari, the University of Venice headquarter, a Venetian Gothic palazzo built in 1453 and overlooking the Grand Canal. Now it’s the oldest LEED certified building in the world, thus overtaking the Empire State Building.

2015_01_27 immagine 04

Broerenherk Church – Zwolle NL (image BK Architecten)

What will certificate “GBC Historic Building” mean to his owners? Can we expect a similar certificate in the global or European level in the near future?

“GBC Historic Building” is born in June 2012 from an agreement between the U.S. Green Building Council and GBC Italia. To summarize, USGBC has recognized the Italian competence and knowledge about heritage conservation, while Italy already in 2009 had implemented LEED in the national market. After a two years’ work, the standard committee, of which I was a member, has come to a public “short” version of the handbook, while a “long” version is actually under evaluation. We are now in a pilot phase, with some case studies just started, and the whole certification system is to be implemented. There have been some requests from foreign countries about it, the hope of course is to export the methodological Italian experience at the European level.

2015_01_27 immagine 08

Sant’Agostino – Modena (image Progettare)

In Croatia, the owner of cultural property shall be entitled to apply for reimbursement of additional costs to be paid from the budget of the institution under whose protection the building is located (municipality, city, state). The budget is collected from monument rent that is paid by taxpayers. Do you have the same principle in Italy?

We have a similar situation in Italy. The Ministry of Heritage and Cultural Activities may require the owner to implement the necessary actions to ensure the preservation of the cultural heritage or carry out them directly. The costs are charged to the owner. However, if the measures are particularly important or are run on assets in public use, the Ministry can contribute entirely or in part to the expenses. Given that we talk about a building of public interest, I believe that this can be considered a correct approach.

What would be your recommendation to Croatian conservators and architects – how to move in a more agile application of green building principles without major (negative) impact of investors?

I think they are two important points:
– to create and consolidate a basic culture of conservation of buildings with an architectural and historic value, starting from education in the schools, in order to build a common national heritage;
– to develop a methodological approach to the problem; other countries in Europe, (e.g. Austria, Scotland) have drawn up specific guidelines, in Italy with GBC Historic Building we tried to go further by launching a certification system.
The important thing is that the architect shouldn’t decide by himself case-by-case, even arguing with the conservators, but benefit of a common platform established in cooperation among all the stakeholders.

Intervista alla rivista di architettura romena “Igloo”, febbraio 2015

2015_01_27 immagine 02

There’s only about ten days to the deadline for applications on 64-hour European competition REGENERATION organized by your company Macro Design Studio Srl and ILFI (International Living Future Institute). What kind of competition is it and to whom is intended? Is there any application from Croatia?

REGENERATION_BANNERThanks a lot for the opportunity to talk about it and I want also to thank Croatia GBC that promptly (first in Europe) helped us to spread the word. REGENERATION is the first design competition in Europe entirely based on the Living Building Challenge protocol. REGENERATION is a design workshop in which teams composed of young professionals (under 35 years) are called to develop a project of sustainable requalification of an existing public building for the local community. The purpose of the competition is to show the best sustainable regeneration project for the existing building in terms of architecture, energy efficiency, liveability and relationship with social, urban and natural context. REGENERATION is the first “generation” of young professionals (architects, engineers) that can “regenerate” with their own ideas the built environment, getting the best possible performances for the building. The competition will take place at Centrale Fies, Dro (Trento – Italy), on April 15th to 18th, 2015. We haven’t received yet applications from Croatia, so my message to young Croatian architects and engineers is “do you want to regenerate? come forward ! and remember, the deadline for applications is January 30”.

Finally, here is my interview in the TV report by Hrvatska radiotelevizija (national Croatian television). Enjoy 🙂

2015_01_27 immagine 09

Anime baltiche.

Attraverso i Baltici parlando di green building.

Cosa strana: la nostra è un’epoca in cui si parla tanto di storia. Ma se non fossimo capaci di ravvivarla con qualcosa di personale, la storia rimarrebbe sempre più o meno astratta, piena di scontri di forze anonime e di schemi. La generalizzazione, indispensabile per una visione d’insieme di un materiale immenso e caotico, uccide però i particolari, che sfuggono per definizione alle semplificazioni schematiche”. – Czeslaw Milosz, La mia Europa.

Questa è l’azzeccata introduzione a un libro bellissimo – Anime Baltiche di Jan Brokken – che mi ha accompagnato in una settimana di formazione sulla sostenibilità, a confronto con l’eredità storica e architettonica dei tre gioielli del Baltico: Riga, Vilnius e Tallinn.

2014_12_19 immagine 02

I baroni tedeschi della Lettonia

Cercare di capire in così poco tempo le stratificazioni che hanno formato l’architettura, la lingua, la cultura, la vita quotidiana di questi ancora giovani paesi europei era obiettivamente impossibile. E ho proceduto cercando di unire i puntini che ho trovato strada facendo, anche parlando con i colleghi così aperti che mi hanno accolto e guidato. È comune un senso orgoglioso di libertà acquisita, dove forse l’ingresso nella famiglia europea (cominceremo anche noi a presentarci dicendo «Sono europeo, di nazionalità italiana» come scrive Samantha Cristoforetti sul suo profilo Twitter? … ) è meno importante del fatto di essersi finalmente scrollata dalle spalle la pelliccia opprimente dell’orso sovietico.

2014_12_19 immagine 09

Riga (LV)

A Riga è ancora palpabile la discendenza da un passato tedesco (i baroni della Livonia) mentre l’Art Nouveau, parente dello Jugendstil tedesco (con qualche variante, come quella “verticale”) è testimoniato da circa 800 (!) edifici, circa un quarto dei quali attribuibili a Konstantīns Pēkšēns, oltre a quelli dell’architetto Michail Osipovič Ėjzenštejn (sì, il padre del Sergej Michajlovič regista di La corazzata Potëmkin e Alexander Nevskij).

???????????????????????????????

Art Nouveau Museum, Riga (LV)

Proprio Pēkšēns è stato il progettista e il primo inquilino dell’edificio su Alberta iela 12 che ospita l’Art Nouveau Museum, un autentico appartamento intatto nello stile dei primi anni del ‘900, ricco di mobili e suppellettili dell’epoca. Un vero e proprio viaggio con la macchina del tempo, accompagnato da guide che indossano gli abiti del periodo. Ultimato nel 1903, il palazzo era particolarmente innovativo e moderno, con il primo impianto di riscaldamento centralizzato (i radiatori sono originali) e il primo impianto elettrico, che funzionava solo per alcune ore al giorno, per motivi legati al carico di potenza. E poi le scelte architettoniche attente al comfort, come i primi bow-window a catturare la maggior illuminazione naturale possibile; era un’architettura soprattutto al servizio della funzione, più che della forma, anche se le decorazioni a foglia e i lampadari eleganti farebbero pensare diversamente.

Sulla soglia dell’euro. Il futuro prossimo della Lituania.

Pochi giorni mancano al 1° gennaio 2015, quando anche la Lituania, seguendo Estonia (2011) e Lettonia (2014) adotterà definitivamente la moneta comune, dopo un periodo di coesistenza con il litas locale, scambiato al tasso fisso di 3,45 litai per un euro. Gli uffici postali espongono cartelli informativi e un’apposita commissione nazionale è pronta a stroncare sul nascere possibili speculazioni (ma questa commssione ce l’avevamo anche noi nel 1999?) anche se c’è già qualcuno pronto ad arrotondare in eccesso.

???????????????????????????????

L’ufficio delle Poste a Vilnius (LT)

Circola ottimismo, alimentato dai fondi europei che stanno irrobustendo una lenta crescita economica dopo l’ingresso nell’UE di dieci anni fa. Anche se il sistema sanitario passa per essere il più inefficiente di Europa, la tassazione per le start-up è al 5% il primo anno e il 15% dal secondo. Si respira un’aria di opportunità che pare contrastare con il retaggio di quarantasei anni di dominio sovietico, che mi sembra di cogliere nelle espressioni di alcuni anziani mentre attendo il pullman che mi porterà da Vilnius a Tallinn.

2014_12_19 immagine 08

Il workshop è all’interno della facoltà di architettura di Vilnius (l’università è una delle più antiche d’Europa, risale al 1579). Vilnius ha un centro storico barocco tra i più estesi e meglio conservati d’Europa, ma anche qui sono visibili i disastri del periodo sovietico. Il professore di urbanistica dell’università mi mostra una chiesa barocca completamente spogliata al suo interno di ogni tipo di ornamento e dipinto, prima di essere trasformata nel periodo comunista in un magazzino. È buia, spettrale e alcune parti sono pericolanti, ma i fedeli entrano ed escono numerosi.

???????????????????????????????

Museo delle Vittime del Genocidio, Vilnius (LT)

Scelgo Vilnius come luogo dove immergermi nell’atroce passato che ha accomunato la sorte delle tre repubbliche baltiche, veri e propri campi di battaglia della storia e tormentate da continue oppressioni . Dopo il patto Molotov-Ribbentrop del 1939, prima l’invasione dell’Unione Sovietica e poi i nazisti nel 1941 e quindi dal 1945 di nuovo l’URSS, fino al 1991; i gulag dopo i lager. In ognuna delle tre capitali esiste un Museo dell’occupazione, ma quello di Vilnius, il Museo delle Vittime del Genocidio , all’interno del palazzo del 1899 che diventò la sede del KGB in Lituania dopo essere stato il quartiere generale della Gestapo, è particolarmente spettrale.

Dal medioevo alla modernità il passo è breve, a Tallinn.

Tallinn è la più antica e medievale (la città vecchia e Toompea, la collina della cattedrale, risalgono al XV secolo) ma appare anche la più moderna delle tre, con un grande movimento di persone tra i palazzi per uffici e i centri commerciali a ridosso delle mura. E anche innovativa: Skype, inventato da un danese e da uno svedese, è stato sviluppato qui, ed è vero, c’è il Wi-Fi gratis dappertutto, non è così che dovrebbe essere nelle nostre città? Helsinki è di fronte, divisa da uno stretto braccio del Mar Baltico e gli estoni fanno affari proficui sia con i finlandesi che con gli svedesi.

Anche qui le condizioni al contorno fanno impallidire pensando al nostro carico fiscale; oneri previdenziali e assicurativi intorno al 33% sulle sole spese di personale, tassa fissa del 21% sugli utili, solo se questi vengono distribuiti agli azionisti – è un incentivo di fatto a reinvestire  nell’azienda e nell’innovazione. Parlare di sostenibilità nella riqualificazione di edifici storici sembra poco urgente qui (l’Estonia ha il patrimonio edilizio più giovane d’Europa, meno del 10% degli edifici risale a prima del 1960) ma il confronto con architetti e project manager è particolarmente vivace e stimolante.

2014_12_19 immagine 06

Tallinn (EE) tra tradizione e modernità

L’ultimo giorno a Tallinn è dedicato ai vicoli di Toompea e alla cattedrale ortodossa di Aleksandr Nevskij (un eroe della storia russa, per questo gli estoni hanno sempre mal visto questa “bomboniera”) ma soprattutto a Kadriorg, il gioiello barocco petrino poco fuori Tallinn, costruito per Caterina I di Russia da Gaetano Chiaveri, su progetto dell’architetto veneziano Nicola Michetti. Lo raggiungo a piedi dopo una poderosa camminata sotto una pioggia fredda (la notte ha nevischiato). Dentro, è soprattutto un omaggio all’arte e alla pittura italiana. Per l’ennesima volta, lontano da casa, è evidente quanta ammirazione c’è per la nostra cultura (copie realizzate da artisti nordici di quadri di Raffaelo, Tiziano, ecc.). All’inizio della mostra leggo «Based on antique traditions that were cemented in Renaissance art, Italy was the place where the ideals of beauty and rules of composition developed that reigned throughout Europe until the end of the 19th century».

???????????????????????????????

Kadriorg, Tallinn (EE)

Nel caldo e confortevole piccolo aeroporto di Tallinn, illuminato nella notte di Santa Lucia, la quiete è infranta da una chiassosa famiglia italiana (settentrionale) madre, nonna e due bambini. Mentre alcune ragazze estoni chiacchierano sui divanetti davanti ad una tazza di the caldo, si sentono solo i loro schiamazzi. Sento già aria di casa …

«Vivere un’epoca interessante è una maledizione». –antico detto cinese, citato da Hannah Arendt.

2014_12_19 immagine 01Anime BalticheMark Rothko, Hannah Arendt, Romain Gary, Gidon Kremer. C’è un legame sotterraneo tra alcuni grandi nomi della cultura mondiale: i paesi baltici dove sono nati e la cui anima li ha accompagnati nella fuga oltre confine. È sulle tracce di quest’anima che Jan Brokken attraversa Lettonia, Lituania ed Estonia ricostruendo le vite straordinarie di personaggi celebri e persone comuni, per riscoprire la vitalità di una terra da sempre invasa e contesa, dove la violenza della Storia è stata combattuta con l’arte, la poesia e la musica.