Archivi tag: office

Office, Health and Change.

L’effetto dello spazio ufficio e delle attrezzature sulla salute fisica e psicosociale.

L’aumento della produttività e la riduzione dei costi hanno portato una intensificazione dei ritmi di lavoro, spesso in ambienti non ottimali per ottenere il miglior rendimento.

Soluzioni come Job and Desk Sharing, Multi Space, Coworking Spaces o Flexible Offices offrono opportunità per processi di lavoro più efficienti, ma richiedono soluzioni progettuali specifiche, per garantire il comfort e l’ergonomia necessari.

Durante l’evento verranno fornite informazioni per ottenere ambienti lavorativi confortevoli e salubri, ottimizzando i fattori che influiscono sul benessere fisico e mentale. Verranno inoltre mostrati esempi concreti di progettazione partecipativa, misura del comfort e soluzioni di arredo per garantire il «benessere» nel proprio ambiente lavorativo.

Quando: gio 7 febbraio 2019, 16:30 – 19:00 CET
Dove: NOI Techpark, Via Alessandro Volta 13, 39100 Bolzano
Partecipazione gratuita, posti limitati
Registrazione qui
La partecipazione all’evento dà diritto a 2 crediti formativi professionali (CFP) per architetti e 2 crediti LFA (Living Future Accredited professional).

PROGRAMMA

16:00  Registrazione

16:15  Saluti introduttivi

16.30  Progettare e verificare il comfort
Francesco Babich – Eurac Research

17:00  Living office. Progettazione biofilica per gli spazi di lavoro.  Carlo Battisti – International Living Future Institute

17:30    Nuovi spazi per nuove realtà lavorative.
Manfred Andergassen, vival.institute, esperto di management della   salute, supervisore e coach.

18:15   Attento a come ti siedi. Nuovi modi di lavorare, vecchi   problemi?
Michael Kläsener, Sedus Stoll, esperto ergonomico

19:00   Chiusura lavori ed aperitivo

Chesapeake Bay Foundation’s (CBF) Brock Environmental Center, Virginia Beach, Virginia (USA)

Die Auswirkungen von Büroräumen und Geräten auf die körperliche und psychosoziale Gesundheit.

Produktivitätssteigerungen und Kostensenkungen führen zu einer Steigerung des Arbeitstempos, oft in nicht optimalen Umgebungen, um die beste Effizienz zu erreichen.

Lösungen wie Job- und Desk Sharing, Multi Space, Coworking Spaces oder Flexible Offices bieten Möglichkeiten für effizientere Arbeitsprozesse, erfordern jedoch spezielle Designlösungen, um den erforderlichen Komfort und die Ergonomie zu gewährleisten.

Während der Veranstaltung werden Informationen gegeben, um ein komfortables und gesundes Arbeitsumfeld zu schaffen und die Faktoren zu optimieren, die das körperliche und geistige Wohlbefinden beeinflussen. Darüber hinaus werden konkrete Beispiele für partizipatives Design, Komfortmessung und Einrichtungslösungen gezeigt, um “Wohlbefinden” im Arbeitsumfeld zu gewährleisten.

PROGRAMM

16:00  Registrierung

16:15  Begrüßung

16.30  Comfort planen und überprüfen
Francesco Babich – EURAC Institut für erneuerbare Energien

17:00  Living Office. Biophile Planung für Arbeitsräume.
Carlo Battisti – International Living Future Institute

17:30    Neue Arbeitswelten brauchen neue Räume!
Manfred Andergassen, vival.institute, Experte für Betriebliches   Gesundheitsmanagement

18:15   „Sitz Dich nicht krank“; neue Arbeitsweisen – alte Probleme?
Michael Kläsener, Sedus Stoll, Ergonomiexperte

19:00   Abschluss & Networking (inklusive Aperitif)

Wenn: Donnerstag 7.Februar 2019, 16:30 – 19:00 CET Uhr
Wo: NOI Techpark, Alessandro Volta Straße 13, 39100 Bozen
Kostenloser Event. Beschränkte Teilnehmerzahl.
Registrierung hier
Für die erfolgreiche Teilnahme erhalten Architekten zwei Credits. Dieser Workshop wurde auch für 2 LFA (Living Future Accredited professional) CEU-Stunden genehmigt.

Il piccolo mondo di MUJI.

Fai un prodotto piccolo e attraente, mettici un buon ricarico di prezzo e vendine tantissimi. Non so se questa sia una ricetta garantita per fare un buon business (a dire il vero mi vengono in mente molti esempi) ma è quanto si adatta al successo di MUJI.

2015_09_16-01 MujiMuji è una multinazionale giapponese che produce dal 1980 complementi di arredo, capi di abbigliamento, accessori da viaggio e prodotti da ufficio ed è nota per il suo stile essenziale e privo di loghi e simboli. Investe molto nel riciclo dei materiali e nell’assenza di imballaggi e packaging. Il nome, usato dal 1999, deriva dalla frase “Mujirushi Ryōhin“, che in giapponese significa “buoni prodotti senza marchio“. Tutte cose piccole piccole e adorabili.

Confesso che quando entro in un negozio Muji resto come intrappolato in un campo magnetico e faccio una fatica terribile a schiodarmi. Notare che sono più o meno sempre gli stessi conosciutissimi prodotti, gli stessi in tutti i negozi. E quando entro so già cosa troverò e dove sono esposti gli articoli (i negozi o corner sono tutti simili) e che acquisterò l’ennesimo gel ink pen set (confezione cilindrica da 12 o a parallelepipedo da 15?). Insomma, qualcosa di molto rassicurante, come i biscotti al cioccolato nella tazza di latte fresco la mattina a colazione.

2015_09_16-02 Muji NYC

MUJI a Manhattan, NYC

Gli oggetti di Muji sono belli, sono funzionali e soprattutto sono piccoli. Insomma, ti danno l’idea di Giappone al 100%, fatta di cose semplici, di un’intrinseca bellezza fatta di essenza e sottrazioni, nella cura della dimensione e degli spazi. Non dimentichiamo che il Giappone è grande circa un 20% più dell’Italia ma ha il doppio degli abitanti…

Credo che dietro quest’apparente semplicità industriale ci sia in realtà una strategia di business ben marcata. Muji è lean, non c’è dubbio. Prodotti piccoli, leggeri, senza imballaggi, facili ed economici da trasportare in giro per il mondo (“compact life” è uno degli slogan). Negozi piccoli (perché i prodotti sono piccoli) e quindi possibilità di sostenere affitti anche in zone prestigiose (l’ultimo che ho visitato è all’interno di Rinascente in Piazza Duomo a Milano). I materiali sono legno, alluminio, plastica. Qualità buona e prezzi tutto sommato bassi rispetto a prodotti analoghi (ma, ripeto, è il ricarico sul costo industriale che conta …). E un design minimalista, quasi “Bauhaus”. Insomma, quel che si dice (anche se non si dovrebbe mai dire perché la realtà non è mai così facile) “un prodotto che si vende da solo”.

2015_09_16-05 Muji

2015_09_16-06 Muji

Dai 40 prodotti iniziali negli anni ’80 ora il catalogo comprende 7.000 articoli, anche se la diversificazione delle linee di business – ci sono anche i ristoranti Muji – riguarda più che altro il Giappone, mentre nel resto del mondo i prodotti venduti sono quelli citati all’inizio. Oltre a più di 260 negozi e 120 outlet in Giappone, la presenza nel mondo è in 22 paesi con oltre 250 negozi (10 in Italia). Tranne alcune eccezioni, il nome dei designer non viene mai esplicitato, così come quello delle aziende produttrici (a parte una collaborazione con Tonet).

La check-list (lo strumento di PM per eccellenza ...)

La check-list (lo strumento di PM per eccellenza …)

The human is not the centre of everything, but on the same level of everything.” dice Sam Hecht, direttore creative di Muji Europe. Molto … giapponese. Secondo Key Suzuki, direttore della divisione prodotti domestici (“Muji Executive Kei Suzuki On Future Growth Of Japan’s ‘No Brand’ Retailer” su Forbes), i quattro principi chiave che Muji rappresenta sono:

  1. An antithesis to the consumption society
  2. We leave room for the individuality of the customers
  3. No name, anonymous
  4. We try to take the viewpoint of the purchasers, consumers

È tempo per IKEA (29 miliardi € fatturato 2014) circa 18 volte Muji, di iniziare a guardarsi le spalle?